Nuovo Masada

giugno 23, 2016

MASADA n° 1773 23-6-2016 BALLOTTAGGI E BREXIT

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 5:37 pm

MASADA n° 1773 23-6-2016 BALLOTTAGGI E BREXIT
Blog di Viviana Vivarelli

Parafrasando Gaber
giancarlo4601

LA STRANA GIORNATA DI RENZI ( GIA’ DI GABER)
Oggi niente niente twitta-twitta
c’ho da digerire la sconfitta.
Una strana giornata,
non si muove una foglia,
ho la testa ovattata,
non ho manco una voglia,
non c’è via di scampo,
quasi quasi mi faccio uno shampoo.


IFQ:Virginia Raggi è la prima donna sindaco a Roma con più del doppio delle preferenze (67,15%) di Giachetti(32,85%), mentre Chiara Appendino (54,56%) ribalta il risultato del primo turno e batte Fassino(45,44%). Il Pd si consola solo a Milano con la vittoria di Sala (51,70% contro il 48,30% di Parisi) e a Bologna con quella di Merola (54,46% contro il 45,36% della leghista Borgonzoni). Chi festeggia stasera però è il M5s che strappa 19 ballottaggi su 20 e ancora una volta rovescia il tavolo. Le sconfitte ci sono,ma Renzi fa capire che non ha nessuna intenzione di dimettersi. I giornali di tutto il mondo commentano la vittoria della Raggi, prima sindaca donna della Capitale.I 5 stelle si confermano una macchina da ballottaggio: festeggiano la vittoria in 19 su 20 dei comuni in cui erano arrivati al 2° turno:Cattolica, Chioggia, Genzano di Roma, Marino, Nettuno, Castelfidardo, Pinerolo, San Mauro Torinese, Ginosa di Puglia, Noicattaro, Carbonia, Anguillara, Pisticci e Vimercate.In Sicilia ottengono la poltrona da sindaco ad Alcamo, Favara e Porto Empedocle. Perdono solo ad Alpignano (Torino) nella sfida contro una lista civica.C’è la vittoria al fotofinish di Sala a Milano a consolare Renzi.L’ex commissario Expo morattiano!)tanto criticato persino da una parte del Pd, è riuscito dopo una sfida testa a testa a confermare il governo del csx.Ma la vittoria del più Renziano dei candidati non basta a far stare tranquillo il premier:proprio Sala sul finire della campagna ha dovuto fare leva sul suo essere legato alla giunta dell’uscente Pisapia e a una cultura più di sx e meno da manager.Insomma un passo indietro notevole per chi sognava il partito della nazione. Tracollo a Napoli dove il Pd non arriva neppure al 2° turno. Nella Toscana di Renzi i dem perdono 5 Comuni su 6, compresa la rossa Grosseto.
Male, molto male!

Il vento è decisamente girato. Ed è per Renzi è un vento di tempesta.
.
robertino rex
Renzi è finito. Presto bisognerà ripulire questo Paese dall’orrore PD-PDL che lo ha sfracellato negli ultimi 30 anni. Per far questo bisognerà fare una commissione di inchiesta che vada dalle privatizzazioni alla trattativa Stato Mafia, fino al sistema bancario. In sostanza bisognerà processare il patto eversivo che ci ha ridotti ad un Paese del terzo mondo, governato da Buzzi, Carminati e Goldman Sachs, con tasse da Nord Europa e servizi da Burundi e che ha sterminato 4000 persone l’anno (dal 2011 non le contano nemmeno più), suicide per motivi economici. Pensare che solo la politica sia colpevole è un errore. Migliaia di professionisti, burocrati, giornalisti, sindacalisti, imprenditori hanno partecipato a questo scempio. Andrebbero processati tutti e condannati, senza prescrizioni, condoni, grazie o altro. Non sarà una rivoluzione gentile, sarà una guerra.
Questo sistema o si abbatte o si rivolterà contro con una ferocia inaudita e addosserà ai 5 stelle le colpe del loro disastro. Lo stanno già facendo con Renzie (non bastassero le sue di colpe!!!). Servirà Robespierre più che Rousseau.
.
viviana
A questo punto il M5S dovrebbe avere un proprio giornale e pretendere un proprio spazio sulla Rai, essendosi dimostrato perfino Il Fatto Quotidiano in più occasioni (vedi l’ultimo attacco alla Raggi o il suo eterno silenzio sull’Ue e sull’economia italiana) un giornale poco serio e di scarsa qualità. Sugli altri non sarebbe da stendere un velo pietoso quanto far denunce legali per la voluta disinformazione perpetrata sui lettori.
.
ottotto
Vi ricordate Re Giorgio cosa disse alla notizia che M5s aveva ottenuto il 25% alle politiche? “Non ho sentito nessun boom”. È adesso lo senti, Giorgetto, il terremoto sotto i tuoi piedi?

filiberto.faedo
Ora il voto attende i fatti, come già a Livorno o a Parma. Nettamente sconfitto esce il Renzismo fondato sul duo Napolitano/Renzi e Salvini perde addirittura Varese e Milano, città in cui il voto del M5S non confluisce verso il candidato di ‘destra’, il che la dice lunga sulla differenza tra i due elettorati. Quello salviniano, pronto a votare anche Lucifero, i 5stelle più attento alla qualità.
.
Alessandro
La Raggi è stata votata da 770.564 voti, pari al 67,15%, da sola, senza apparentamenti.
Giacchetti (Pd) è stato votato da 376.935 voti, pari al 32,85%,comprese tutte le sue 7 liste.
La Raggi ha preso 110.000 voti più dell’ex sindaco Marino che era sostenuto da tutto il Pd.
Forse è finita l’era Renzi e il suo 40,8% alle europee.
Il PD perde anche a Montevarchi (Arezzo), patria della Boschi e di Banca Etruria.
Molti non sanno che Renzi è diventato presidente del Consiglio con solo 136 voti della direzione del Pd…tempestati dalla sua parlantina sciolta (e forzati da Napolitano).
A Napoli vince la gestione PUBBLICA dell’acqua 5 anni fa, il 12 giugno 2011 c’è stato il referendum sull’acqua e 27 milioni di persone, cioè il 97% dei votanti, ha deciso per la gestione dell’acqua PUBBLICA e NON privata!
Con la legge di stabilità e il decreto legge “sblocca Italia”, Renzi PRIVATIZZA la gestione dell’acqua. Questa è la sua democrazia! E’ inaccettabile che i referendum dei cittadini non vengano rispettati!
Solo a Napoli la gestione dell’acqua è stata ripubblicizzata con la ABC (Acqua Bene Comune), con la gestione pubblica e partecipata dell’acqua, fuori dalle logiche del profitto.
Il Governo ha deciso di muoversi in direzione contraria, SOPRATTUTTO con i decreti attuativi della legge Madia, i cui obiettivi espliciti, sono:
-“la riduzione della gestione pubblica ai soli casi di stretta necessità”
-e il “rafforzamento del ruolo dei soggetti privati”
E’ significativo che mentre milioni di italiani sono chiamati a votare le future amministrazioni delle città, il Governo discuta un decreto che, di fatto, sposta la gestione dei servizi pubblici dai consigli comunali ai consigli di amministrazione.
.
traurig
Il PD sconta (giustamente) il killeraggio di Giachetti-Sabella e la impunita pervicacia nel riproporre opere pubbliche costosissime come le Olimpiadi ad esclusivo vantaggio della cricca infame dei costruttorelli de noantri.
Il popolo di sx ha voltato le spalle a questi inciucioni impenitenti e non è andato nemmeno a votare.
.
Alessandro A R
A Roma, Caltagirone (palazzinaro sponsor di Giachetti e proprietario del Messaggero) sta avendo un coccolone.

Alieno Giallorosso
Correva l’anno 2009…. Fassino declamava stupidamente: “Questo Grillo qui se vuole far politica…..fondi un partito, metta su un’organizzazione, si presenti alle elezioni e vediamo quanti voti prende”. Nehhhhhhhhhh …! Allora compagno Piero…. corri in farmacia e ordina parecchie compresse di Malox. Per te, per Matteuccio, per Calabresi direttore di Repubblica e, giacché ti trovi lì, pure per Orfini.
.
Viviana
A Bologna il sindaco ubriacone e inetto Merola ha vinto solo grazie alla stupidità dei vecchi bolognesi bolsi e rimbambiti, non certo per meriti personali perché raramente si è vista una tale inettitudine. Al ballottaggio Merola vince di stretta misura e contro di lui più del 45% dei voti e non si può certo dire che siano tutti leghisti, visto anche il basso profilo della Bergonzoni, candidata a rischio, e questo dice che anche Bologna è a rischio. Notevole il fatto che nessun media intervista il sindaco di Bologna. La vittoria qui era data per scontata per alto numero di anziani poco critici e disinformati e abituati a votare Pd in qualunque situazione di incuria da parte della squadra che amministra la città.
‘Tavernello’ avrà festeggiato con una nuova sbornia.
Ma il fatto che tanti bolognesi pur di non vederselo più tra i piedi abbiano votato Lega per il 45% pur essendo questa la città meno leghista d’Italia non dovrebbe essere una tale provocazione al Pd da essere gridata dai tetti?
E’ una vittoria che vale più di una sconfitta.

Ma come? Neanche con le concentrazioni delle testate sotto i ricchi difensori del capitale che hanno sostenuto Renzi spargendo diffamazioni a raffica, bugie e fiele sui lettori disinformati, neanche con le primarie dei cinesi e le tessere false, neanche col bombardamento di una televisione ridotta a rango di bordello, neanche con quelle vipere dei giornalisti subalterni e micidiali come Rondolino, neanche con Giuda traditori come Esposito onnipresenti in televisione e la vista macabra del vecchio Zanna diventato servo di regime lui che era fieramente del Pc,neanche con tutte le balle di Renzi, Boschi, Poletti, col seguito di pseudo giornalisti come la Berlinguer, neanche con le turbe di troll a libro paga imperversanti sui blog e che gli hacker che guastano le connessioni degli avversari, neanche con i vecchi rimbambiti che votano per abitudine, sono riusciti a stravincere?
La cosa più incredibile è che hanno perso là dove in qualche modo l’economia teneva, pur alleandosi con ogni sorta di lista civica e aprendosi ad Ala e ai berlusconiani e hanno perso dove le cose andavano peggio come tutto il sud. Che si sia rotto il meccanismo della pubblicità ingannevole e meschina?
.
Caterina 2011
La cosa che più mi colpisce è constatare fino a che punto la Propaganda Unica del Regime che dal 2011 ci martella a reti, giornali, intellettuali unificati, dal “non ci sono alternative” ai “cosacchi alle fontane”, dal “siamo nel migliore dei regimi possibili, e il rancio è ottimo e abbondante” al “àpres moi le deluge”, con gli opinionisti a libro paga che ci spiegano cosa vediamo, non ha funzionato.
Vedremo cosa saranno costretti ad inventarsi ora.
.
Schiavidellelobby
Il mio rispetto ai cittadini che desiderano giustizia ed equità che siano ex votanti della dx o della sx.
A tutti coloro che non hanno votato per il proprio personale tornaconto, ma contro abbuffoni, arraffatori, corrotti, corruttori, compagni di merende, affamatori del popolo, truffatori, banchieri, assicuratori, armaioli, petrolieri, acquaioli e lobby in genere.
Il mio rispetto e la mia solidarietà agli ex destri ed ex sinistri abbandonati dai loro partiti e che li hanno disconosciuti come indegni.
Perché il riuscire a migliorare l’Italia non è garantito ma lo sperarci, il crederci, il provarci vi fa onore.
Qualcuno ha detto che Renzi è “l’ultima difesa del ceto medio che ancora mantiene una relativa condizione di benessere..” Assurdità! Se per quello il ceto medio è rappresentato da banchieri, truffatori, evasori, corrotti e corruttori, assicuratori, (im)preditori sfruttatori, truffatori, incapaci e corruttori, marchionni, Pduisti, petrolieri, armailoi, acquaioli, concessionari, biscazzieri, avvocati, notai, farmacisti, prof. universitari, giornalisti pennivendoli, editori a carico dei cittadini, speculatori, poteri forti, multinazionali, lobby ecc….allora ha proprio ragione, Renzi è il loro ultimo paladino, messo li da loro, con un golpe destro per tutelarli (unica attività del suo governo), cosa che fa con molto zelo a danno di tutti gli altri, la maggioranza degli italiani.
.
Anche il New York Times celebra la vittoria di Virginia Raggi.
Italy’s Five Star Movement Candidate Wins Rome’s Mayoral Race
By THE ASSOCIATED PRESS
Virginia Raggi, an anti-establishment newcomer who will be the city’s first female mayor, easily claimed a runoff victory amid anger about corruption and deteriorating city services.
“Virginia Raggi, un nuovo arrivato anti-establishment, che sarà il primo sindaco donna della città, facilmente ha sostenuto una vittoria ballottaggio tra rabbia per la corruzione e il deterioramento servizi della città”
.
Giuseppe
Finalmente ha vinto la democrazia.
Il MoVimento ha vinto perché non fa alleanze con nessuno, non vuole le poltrone di nessuno e adesso è ora di fare pulizia.
.
Harry Haller
Poraccio, quanno l’ha detto, nun ‘o immagginava manco lontanamente, che razza de tranvata je sarebbe arivata…..
.
BBC
Italy elections: Big wins for Five Star protest party
The anti-establishment Five Star Movement has made big gains in Italy, winning mayoral races in Rome and Turin, early results show.
Virginia Raggi will become Rome’s first female leader, in a victory seen as a blow to Prime Minister Matteo Renzi and his centre-left Democratic Party (PD).

In Turin, another Five Star woman, Chiara Appendino, inflicted an additional blow on the Democratic Party, whose candidate had come out on top in the first round of voting two weeks ago.
Founded by comedian Beppe Grillo in 2009, Five Star has been campaigning against the corruption that ha Italia: elezioni Grandi vittorie per Five Star partito di protesta

(Il Movimento anti-establishment 5 stelle ha fatto grandi guadagni in Italia, vincendo le gare a sindaco di Roma e Torino, come i primi risultati mostrano. Virginia Raggi diventerà il primo leader donna di Roma, in una vittoria visto come un colpo al premier Matteo Renzi e il suo Partito Democratico di centro-sinistra (PD). A Torino, un’altra donna 5stelle, Chiara Appendino, ha inflitto un colpo supplementare al Pd, il cui candidato era uscito in cima al primo turno di votazione di due settimane fa. Fondata dal comico Beppe Grillo nel 2009, il M5S ha condotto una campagna contro la corruzione che ha afflitto la politica italiana per anni).
.
Davide Lak
La prima profezia di Fassino incitava il m5S a farsi il suo partito e poi si sarebbe visto che vinceva, e infatti…
La seconda profezia di Fassino ha sfidato l’Appendino a sedersi al suo posto.. e si è visto.
La prossima profezia di Fassino al PD faranno in modo di tenerla segreta almeno quanto il terzo segreto di Fatima.
.
Ciro
C’è un grande sconfitto di cui nessuno parla, almeno sui giornali e nelle TV. E te credo! Sono proprio loro, l’informazione più corrotta d’Europa, 77° al mondo dopo numerosi paesi del terzo mondo. Sono ormai tre anni che assistiamo al linciaggio mediatico sistematico a cui sono stati sottoposti i 5S. Questo spettacolo indegno, ripetuto quotidianamente 24 ore al giorno alla fine è diventato un boomerang. Ieri gli italiani hanno dimostrato di non credere più ai Vespa, Greco, Sciaquette LA7,Grubber ,Formigli, TG RAI, TG mediaset, TG LA7, etc.etc. . Hanno perso credibilità ! Gli italiani hanno dimostrato che stanno diventando immuni alla disinformazione sistematica dei lacchè del potere di turno.
Grazie all’informazione sulla rete, non è più possibile controllare i popoli con giornali e TV .
La vittoria del M5S è stata possibile solo grazie alla libera informazione della rete contro il bavaglio di un’ informazione asservita che ha perso il monopolio e credibilità . E questo è un fatto epocale, per la prima volta l’informazione asservita prende un KO, ed è solo l’inizio.
.
Francesco
Fino all’ultimo hanno buttato fango addosso alla Raggi nel vano tentativo di far cambiare idea ai Romani presentando la stessa come tanti/e altri, coi vizi e le furberie degli altri. Hanno giocato molto sporco, con complicità giornalistiche in cui s’è distinto il quotidiano La Repubblica. Ma non gli è bastata: gli è andata male lo stesso.
D’altronde era una “mission impossible” per il PD e soci dopo i misfatti di mafia-capitale.
Qualunque cosa farà la Raggi, e sono sicuro che farà bene, è tutto di guadagnato.
Facce nuove, giovani, non impelagate col potere non possono che migliorare Roma che da tempo aspettava un simile cambio di rotta ed uno scrostamento della classe dirigente.
Niente sarà come prima.
Alea iacta est! Così i romani hanno risposto.
.
Al-Arabiya (Sud Arabia)
Virginia Raggi becomes Rome’s first female mayor
Virginia Raggi was elected on Sunday as Rome’s first female mayor in a triumph for the populist Five Star Movement (M5S) that represents a stinging setback for Italian Prime Minister Matteo Renzi.
Raggi swept into City Hall with two thirds of the votes cast in a run-off contest with Roberto Giachetti of Renzi’s centre-left Democratic Party (PD).
The anti-establishment M5S also claimed control of the northern city of Turin, where another woman, Chiara Appendino, 31, ousted the sitting PD mayor with the help of backing from the far-right Northern League.
http://english.alarabiya.net/en/News/world/2016/06/20/Virginia-Raggi-becomes-Rome-s-first-female-mayor.html
.
Stuff.co.nz (Nuova Zelanda)
..dopo 3000 anni…
Rome elects Virginia Raggi as first female mayor in 3000-year history
Lawyer Virginia Raggi of the anti-establishment 5-Star Movement makes history as the first female mayor of Rome.
… but the biggest shock came in Turin, the home of carmaker Fiat.
In the traditional centre-left stronghold, the incumbent Piero Fassino was trailing the 5-Star’s candidate Chiara Appendino, who overturned an 11-point gap after the first round ballot on June 5.
http://www.stuff.co.nz/world/europe/81267317/rome-elects-virginia-raggi-as-first-female-mayor-in-3000year-history
.
Presstv Iran
Italy’s Five Star protest party wins Rome mayoral polls
Italy’s anti-establishment candidate, Virginia Raggi, has won the mayoral election in Rome and become the first woman to lead the capital.
Raggi, a 37-year-old lawyer from the Five Star Movement, swept two-thirds of the votes cast in a run-off contest with her rival, Roberto Giachetti.
http://www.presstv.ir/Detail/2016/06/20/471237/Italy-Rome-politics-mayoral-elections-Virginia-Raggi-Roberto-Giachetti
.
Vietnam-News
Women take charge as populist surge sweeps Italy
Viet Nam News
ROME — Virginia Raggi has been elected as Rome’s first female mayor in a triumph for the populist Five Star Movement (M5S) that represents a stinging setback for Italian Prime Minister Matteo Renzi.
Raggi on Sunday swept into City Hall with two thirds of the votes cast in a run-off contest with Roberto Giachetti of Renzi’s centre-left Democratic Party (PD).
The anti-establishment M5S also claimed control of the northern city of Turin, where another woman, Chiara Appendino, 31, ousted the sitting PD mayor with the help of backing from the far-right Northern League.
http://vietnamnews.vn/world/298375/women-take-charge-as-populist-surge-sweeps-italy.html
.
The IndianExpress
Italy’s Renzi suffers vote setback as 5-Star makes big breakthrough
The result represented a major breakthrough for 5-Star with the party’s Virginia Raggi making history by becoming the first woman mayor in the Italian capital.
http://indianexpress.com/article/world/world-news/italys-Renzi-suffers-vote-setback-as-5-star-makes-big-breakthrough-2863757/
.
BuenosAiresHerald
Italy’s Renzi suffers setback as Rome elects first female mayor
ROME — Italian Prime Minister Matteo Renzi was trounced by the anti-establishment Five-Star Movement in local elections in Rome and Turin yesterday, clouding his chances of winning a do-or-die referendum in October.
The result represented a major breakthrough for Five-Star, which feeds off popular anger over widespread corruption, with the party’s Virginia Raggi making history by becoming the first woman mayor of the Italian capital, defeating Renzi’s candidate Roberto Giachetti.
“A new era is beginning with us,” said Raggi, who won 67 percent of the vote in the run-off ballot. “We’ll work to bring back legality and transparency to the city’s institutions.
http://www.buenosairesherald.com/article/216487/italy%E2%80%99s-Renzi-suffers-setback-as-rome-elects-first-female-mayor
.
RT
(Russia today)
Italy’s eurosceptic party scoring big win in Rome mayoral election – polls
Italy’s eurosceptic anti-establishment 5-Star Movement (M5S) is leading in mayoral elections in Rome and Turin, exit polls showed on Sunday. A win would be a massive blow to Prime Minister Matteo Renzi’s center-left Democratic Party (PD).
M5S candidate Virginia Raggi, a popular 37-year-old lawyer, looks likely to win Rome’s run-off round, taking around 62-66 percent of the vote, according to pollster EMG. Meanwhile, her opponent, the center-left’s Roberto Giachetti, is projected to receive only 34-38 percent of the vote.
Raggi ran on a platform focused on fighting corruption and cronyism.
However, the biggest impact to PM Renzi’s standing
may be a shocking defeat in his stronghold,
Turin, where incumbent Piero Fassino is facing M5S
candidate Chiara Appendino.
https://www.rt.com/news/347400-italy-rome-mayoral-election-m5s/
.
DW Germany
Italy’s populist 5-Star Movement shakes up politics with election win in Rome
Italy’s anti-establishment 5-Star Movement has secured Rome’s mayoral seat in local elections, in a win viewed as a blow for Prime Minister Matteo Renzi. Virginia Raggi is set to become Rome’s first female mayor.
Rome elected its first female mayor in local elections on Sunday, a victory that will provide the anti-establishment 5-Star Movement with a platform to pursue its policies and momentum its leaders believe will turn it into Italy’s main opposition force.
Virginia Raggi, a 37-year-old lawyer and local councilor, was widely expected to win in the capital, but the 62 to 66 percent support predicted by exit polls signaled a squashing defeat for Prime Minister Matteo Renzi’s Democratic Party (PD).
http://www.dw.com/en/italys-populist-5-star-movement-shakes-up-politics-with-election-win-in-rome/a-19341841
.
Thetimes uk
Renzi given bloody nose by populists’ crushing victory
The anti-establishment Five Star Movement won the election for mayor of Rome yesterday in a crushing victory as well as scoring a surprise triumph in Turin.
The results came as a heavy defeat for Matteo Renzi, the prime minister. In a series of mayoral run-off contests held up and down Italy, his ruling Democratic Party looked set to hold on to Milan, providing some consolation for a leader whose popularity has waned as voters tire of Italy’s traditional parties.
In Rome, the Five Star candidate Virginia Raggi, a 37-year-old lawyer, won 67 per cent of the vote according to early
http://www.thetimes.co.uk/article/Renzi-facing-bloody-nose-from-populist-backlash-7fmntjcjd
.
Voice of America (VOA)
June 19, 2016 8:53 PM
VOA News
Rome Elects First Woman Mayor !
An anti-establishment candidate has been elected Rome’s first female mayor after Sunday’s runoff elections in Italy.
Thirty-seven-year-old lawyer Virginia Raggi led by a 2-1 margin over Premier Matteo Renzi’s chosen candidate, Roberto Giachetti, who conceded defeat less than an hour after polls closed.
Raggi represents the populist Five Star Movement (M5S) founded just seven years ago by comedian Beppe Grillo.
Raggi had campaigned on ending corruption in the Italian capital and reversing the trend of severely failing public services across Rome.
“I will work to bring legality and transparency” to Rome’s administration, Raggi told supporters early Monday. “The citizens of Rome have won,” she declared before pledging that “with us a new era begins.”
M5S had become the leading opposition party against the ruling coalition of Renzi and his center-left Democratic Party.
Rome was one of more than 100 cities and towns across Italy that held local runoff elections Sunday, representing more than a quarter of the country’s population.
http://www.voanews.com/content/rome-may-elect-first-woman-mayor/3382543.html
.
Telegraph.co.uk
19 JUNE 2016 • 10:24PM
Rome was poised for government by its first woman
mayor last night as exit polls showed Virginia
Raggi, of the Five Star Movement (M5S), scoring a
dazzling electoral victory with as much as 66 per
cent of the vote.
Rome elects Virginia Raggi as first female mayor, according to exit polls
It marks a bitter blow for the Italian prime
minister, Matteo Renzi, and his embattled
Democratic Party, whose candidate could manage
only about 34 per cent.
http://www.telegraph.co.uk/news/2016/06/19/rome-elects-populist-virginia-raggi-as-first-female-mayor-accord/
.
bruno p.
NON E’ MAI TROPPO TARDI PER CAMBIARE
A quanti dicevano che la politica è sempre la stessa e che una volta al potere si diventa potenti, io dico che c’è sempre la speranza di cambiare se davvero ci si impegna per farlo.
Il M5S ha dimostrato che si possono eleggere persone comuni senza fare accordi sotto banco e senza finanziamenti ai partiti. Si presenta da solo e vince da solo, con la spontaneità dei suoi candidati nonostante una valanga di cattiverie e falsità costruite dagli avversari con la complicità di una oligarchia governativa e dai media ad essa asserviti.
Non manderò un ciaone a Renzi & Co non è nello stile del M5S. La demagogia non è nel suo programma e l’unico scopo per cui è nato ed è cresciuto è servire il cittadino e costruire quella catena di persone il cui motto “uno vale uno” è stato tanto denigrato dalla partitocrazia.
Ora tocca a noi, tocca a tutti, ricchi e poveri, lavoratori e disoccupati, vecchi e giovani, padri e figli, tutti abbiamo il dovere di costruire una nuova Italia, dove il voto di scambio sia una storia del passato, dove il merito detti le scelte lavorative ma sopratutto dove ad ognuno sia assicurata la dignità della sua esistenza, dove ai giovani sia data l’opportunità di restare e non di scappare, dove alle coppie sia data l’opportunità di edificare e non di demolire.
Non sarà facile ma ne vale sempre la pena se si costruisce per il bene comune.
.
Fassino più che un oracolo è uno che porta sfiga a se stesso Come avrebbe detto Totò: “C’è solo un modo per far morire i sogni. E solo la morte può riuscirci.”

Mauro2067
Oggi al Pd sono tutti un po’ verdini

Riccardo Roma
Per tutti quelli che continuano a dire che il movimento “vince con i voti della destra” vi ricordo che Virginia Raggi al primo turno ha preso 453.000 voti e Giachetti al 2° turno ne ha presi 377.000. Quindi sarebbero bastati e avanzati i soli voti degli elettori del movimento comunque.
Il movimento sostiene l’acqua pubblica, la gestione virtuosa dei rifiuti e una visione urbanistica della città contro le speculazioni del cemento. Per questo sia l’assessore all’urbanistica (Paolo Berdini) che quello alla Cultura (Luca Bergamo) sono evidentemente provenienti dall’area di sinistra o comunque vicini a Civati. Al contrario il PD sostiene Caltagirone.
Infine i 770.000 voti di Virginia al 2° turno sono molti di più dei 600 e passa mila che aveva preso Ignazio Marino.
.
Viviana
Sulla perfetta interscambiabilità tra Parisi e Sala si è sparso anche troppo sarcasmo e sulla caduta di ogni differenza ideologica nella melassa identica milanese non ci sono dubbi
Ma se il Pd ha vinto a Milano è stato solo perché qua si è presentato per una volta con tutto la sinistra-sinistra Sel, e persino il Pci e non mettendo insieme rimasugli della destra
Il che dice due cose:
-che Renzi con la destra berlusconiana cade solo in discredito
-e che Sel se sostiene Renzi ha perso ogni attendibilità sia come partito di sinistra che come forza di opposizione.
.
Alessandro
“Amministrative 2016, Virginia Raggi superstar sulla stampa estera.”
“La stampa estera le ha dedicato ampie ed entusiaste pagine definendola “la candidata anti-establishment”.
– Financial Times: “Rimprovero populista a Renzi”
– Per l’Economist lo stile della Raggi potrebbe ricordare «un’aspirante parlamentare democratica in America o un politico tory in Gran Bretagna»
– Per il tedesco Focus, pur minuta di statura la Raggi «si impone nei talkshow, con determinazione eloquenza e competenza»
– Reuters: «Il successo nel governo della Città Eterna potrebbe rivelarsi un trampolino per vincere le elezioni generali del 2018».
Dal Guardian al Times, da El Pais a Le Figaro, la stampa estera celebra il traguardo della grillina che potrebbe diventare “il primo sindaco donna della Capitale italiana”. “Per molti il risultato di Virginia Raggi equivale ad una sconfitta per Renzi e Berlusconi.”
.
La sinistra governa Torino da 41 anni.
Per cui la vittoria dell’Appendino ha del miracoloso.
.
Beppe A.
…..e sono stati serviti anche quelli che dicevano che gli elettori stellati avrebbero appoggiato La Lega (vedi Milano e Bologna, dove se i candidati di dx avessero ricevuto i voti del 5S, avrebbero vinto a mani basse).
.
Mariano Coppola
Un “GRAZIE DI CUORE” ai ROMANI ed ai TORINESI, che hanno ridisegnato la storia. Spetta a noi dimostrare fino in fondo, che la politica riprenda il suo corso naturale, cominciando dalla abolizione degli stipendi ai parlamentari, assieme ai loro vitalizi. La politica deve essere un volontariato,perché si deve vivere del proprio lavoro e non farsi mantenere a vita senza lavorare. La politica deve essere un servizio, che semmai deve essere speso a discapito del proprio lavoro. Solo così i cittadini potranno riacquistare la fiducia persa verso i partiti, che hanno finito per screditare le istituzioni. I referendum per l’acqua pubblica e l’abolizione del finanziamento ai partiti sono stati disattesi, nonostante la volontà popolare si sia espressa a suffragio universale. Ma che razza di politici abbiamo in Italia, solo” azzeccacarbugli”.
Se fossero uomini veri, dovrebbero fare le valigie ed andarsene a casa, come farebbero i politici seri. Quando si perde in questo modo, non c’è ragione che tenga. Questo sia che si tratti del M5S che di qualunque altro. Bisogna essere responsabili delle proprie azioni e prendere atto, che quando il popolo non ti vuole, occorre farsi da parte. Il “NUOVO” è davanti agli occhi di tutti. Se alle parole non corrisponderanno i fatti, il M5S sarà giudicato alla stregua degli altri. Non si possono aspettare anni, per vedere il rinnovamento. Questo dobbiamo insegnare a chi ci ha votato, innanzitutto l’onestà deve essere il cavallo di battaglia e la coerenza sul ridare al controllo dello stato i servizi essenziali, come acqua e luce e le banche pubbliche. Se su questo faremo dei passi indietro, ciascuno sarà libero di riprendere una nuova strada per fondare un nuovo movimento, che sia in grado di soddisfare i bisogni della gente,primi fra tutti la piena occupazione. Se un ragazzo ti chiede di lavorare, ti devi fare a pezzi, per aiutarlo. Ognuno si dovrà togliere parte del proprio stipendio per darlo a chi non riesce a trovare un lavoro. Questa è politica vera e non parole.
.
Lucagian
Ballottaggio Sala-Parisi. Elettori che sono entrati in cabina con le foto dei candidati per non confondersi. E hanno sbagliato lo stesso. :- )
..
Viviana
….e ora che a Salvini non venga la tentazione di pensare che il 45% dei bolognesi sono leghisti! Hanno votato CONTRO Merola, non a favore di Salvini.
.
saxolino
Fassino: se questo Dante Alighieri è convinto di saper scrivere un libro, prenda carta e penna e ce lo dimostri…
.
batduccio
Piddini asfaltati Speriamo almeno che la Raggi conservi un po’ di asfalto per le buche.
..
A Sesto Fiorentino ballottaggio tra Pd e Sel. Da non credere!
.
Grillo non parla, per la serie: “Mi si nota di più se parlo o se non parlo?”
Ma dice di più Grillo che non parla di Renzi che non parla uguale.
.
Pirata 21
Il Pd ha fatto gli auguri ai suoi nuovi sindaci. “Cercate di non farvi arrestare”.
..
I giornali stranieri parlano di “Batosta per Renzi”. I soliti gufi.
.
Merola a Renzi: “Il partito non è radicato tra i ceti popolari”. Dopo tutto quello che hanno fatto per i risparmiatori!
.
Dopo aver sfidato Grillo a farsi un partito…
Le ultime parole di Fassino alla Appendino:
“Provi lei a sedersi al mio posto!”
Per la serie ‘un bel tacer non fu mai scritto’.
.
Povero Fassino, che figura! Oggi poi è pure la giornata del rifugiato!
.
Chi ha vinto
Hanno vinto i cittadini che vogliono cambiare questo Paese a partire dalla priorità assoluta: un Reddito di Cittadinanza che restituisca dignità a 10 milioni di italiani.
Ha vinto il M5S perché si è presentato dappertutto come un’unica forza solida, compatta e coerente e nonostante una campagna denigratoria orchestrata dal Pd ed eseguita dai media.
Ha vinto chi è sempre stato coerente, si è tagliato lo stipendio e non ha abbandonato la carica per cui è stato eletto.
Hanno vinto candidati incensurati, competenti e non compromessi con il Sistema.
Ha vinto l’acqua pubblica e rifiuti zero.
Ha vinto la Rete che si è mobilitata per sostenere i candidati 5 Stelle, rilanciarne le proposte e disinnescare le balle di regime (e non ha vinto la stampa becera e diffamante).
Hanno vinto le persone scese in piazza.
Hanno vinto gli attivisti 5 Stelle che hanno offerto il loro tempo e il loro lavoro.
Ha vinto chi si sostiene con piccole donazioni volontarie e rifiuta i finanziamenti pubblici.
Ha vinto un metodo che è quello di presentare le persone che crescono nel M5S e che possono vincere per le proposte che fanno, non per la loro popolarità pregressa (o per gli appoggi finanziaria e bancari).
Ha vinto una comunità che cresce ogni giorno di più e che ha un cuore pulsante che batte sempre più forte.
Hanno vinto le proposte concrete.

Chi ha perso
Hanno perso i partiti, le alleanze e le accozzaglie di liste civiche.
Ha perso chi si nasconde dietro l’etichetta “destra” o “sinistra” solo per mascherare il vuoto di valori, di idee e di proposte.
Hanno perso i media tradizionali di regime: le tv e i giornali. La macchina di propaganda piddina si è inceppata. Ormai avete perso qualsiasi credibilità, se ne facciano una ragione.
Hanno perso le privatizzazioni a tutti i costi.
Ha perso un Sistema morente che ormai mostra tutta la sua vulnerabilità.
Hanno perso le Grandi opere.
Hanno perso le lobby.
Hanno perso i bonus e la narrazione di una realtà che non esiste.
Ha perso chi diffama e chi denigra.
Ha perso chi usa milioni di euro di soldi pubblici per fare propaganda spicciola.
Ha perso chi non conosce il Paese e vive solo nel palazzo.
.
Schiavidellelobby
Cari Renzioti, con le destre e per le destre ci state governando voi, negli enti, nelle amministrazioni e al governo, e che l’esclusiva del governissimo reale, del patto del nazareno e dell’appoggio esterno verdiniano reale e del partito della nazione reale, lo avete voi.
Non capite che è pura fantascienza il resto, raccontato da un dissociato sociopatico in preda a crisi psicotica, il quale crede di volare sotto l’effetto di droga e che chi lo critica crede siano demoni e zombie venuti ad attaccarlo.
I renzioti hanno le loro fissazioni e continueranno a vedere per sinistra la destra, per verde il rosso, per nero il bianco a vedere gli asini volare o i demoni che gli vanno contro. E’ perfettamente inutile che tu spieghi loro il tuo pensiero, per questo sono soggetti ideali per le destre estreme e per i regimi assolutistici. Le loro sono fedi incrollabili, nelle loro fantasie, che i fatti reali e concreti non possono scalfire. Se io voto i grillini o il Pd, finché almeno dicono di pensarla come me, per poi misurare gli effetti della loro politica ed per poi abbandonarli se agiscono contrariamente, i Renzioti fissati invece seguono il grande pifferaio fino al precipizio come i lemming.
.
Viviana
La cosa importante era votare contro Renzi. La sua sconfitta significa moltissimo per questo Paese e potrebbe arrestare la profonda tendenza di caduta a degradazione che con lui ci porterà al completo fallimento nazionale.
Siamo stati la settima potenza industriale del mondo, ci hanno ridotti ad essere l’ultimo Paese europeo ad appena un passo dalla depredata Grecia, mentre il nostro capo di Governo non viene ormai nemmeno più invitato ai convegni europei, addirittura a quelli che ci riguardano in misura massima come quelli sui migranti, che fanno scalo da noi in misura maggiore che altrove.
Con questa clamorosa sconfitta del Pd in tutto il Paese, Renzi avrebbe l’imperativo morale di dare le dimissioni, essendo ormai chiaro il dissenso popolare nei suoi confronti che si presenta sia con una astensione al 50% che con il voto diretto contro di lui. Ormai siamo governati da un partito che non è al potere per voto popolare, che con Monti e Letta ha portato ignominiosamente avanti politiche da estrema dx che surclassavano Berlusconi, e che regge in Parlamento solo grazie al suo inciucio con Verdini e Alfano e la sua accoglienza spasmodica di chiunque venga da Forza Italia, fondendosi ormai, ora che l’ottantenne Berlusconi è alla frutta, con quello che doveva essere il suo nemico dichiarato di destra, Fi. Il Pd è ormai un partito ibrido che ha regge solo grazie allo spaccamento in tre della destra tradizionale, Meloni, Salvini, Berlusconi, che in due anni ha aiutato solo banche e finanza, che ha affossato i diritti dei cittadini e lavoratori e che ora ha tutte intenzioni di svendere il nostro stato sociale alle imprese americane e di permettere la loro razzia sulla nostra economia che farebbe fuori le piccole e medie imprese che sono il 99,99 % del tessuto economico del nostro Paese. Di queste piccole e medie imprese ricordiamo che il M5S è il sostenitore e non solo con la cessione dello stipendio dei suoi parlamentari per aiutarli in modo molto diretto, mentre il Pd è il loro affossatore sia con la mancanza di regole bancarie per sostenere il credito, che con gli aiuti persistenti in miliardi alle banche medesime malgrado i loro reati, sia con le regole che impediscono di fatto la loro responsabilità penale e anzi la soccorrono con leggi di protezione estrema, che, infine, con Equitalia che dà alle imprese la stangata finale.
La crisi che attanaglia l’Europa ma si è abbattuta soprattutto sui Paesi mediterranei e massimamente su Grecia e Italia è stata voluta a tavolino dai grandi magnati americani, come una vera guerra finanziaria di dominazione e distruzione. Questi signori nuovamente riuniti a Dresda con quel club di estrema dx denominato Bilderberg hanno impedito scientemente una vera formazione europea che fosse autonoma e indipendente, con una vera banca paragonabile alle Fed o alla Banca d’Inghilterra, agli ordini di organismi capitalisti che nessuno ha eletto come il Fondo Monetario o il WTO per il commercio, i quali hanno interessi che sono opposti a quelli dei popoli e delle democrazie. Questa deformazione finanziaria pro magnati USA ha creato un’Europa monca e zoppa che in luogo di contrapporsi agli interessi americani per fare quelli dei propri cittadini, si è messa al servizio dei potentati USA per estorcere ai propri popoli beni e diritti, strizzandoli e depredandoli come popoli vinti.
L’ultimo atto finale di questa depredazione di leggi e finanze sarà, se passa, il TTIP, il gigantesco patto commerciale creato dalle potenze economiche e finanziarie USA per asservire totalmente l’Europa.
Il Trattato significherà l’uccisione totale delle piccole e medie imprese e la scomparsa di qualsiasi welfare pubblico trasformato nella gestione privatistica delle maior americane con lo schiacciamento totale dei più poveri che in Italia hanno già cominciato a ridurre l’acquisto di medicine.
Se vincerà Renzi, ricordatevi che lui e il suo ministro dello sviluppo, lo yesman Vassalli, hanno intenzione di votare il TTIP, il perverso patto degli USA con l’Europa che dà ogni diritto al lucro e ogni potere alle imprese americane, dopo di che la crisi italiana diventerà micidiale. Avremo come inizio 300.000 disoccupati in più, il fallimento di tutte le piccole e medie imprese italiane e la scomparsa dello stato sociale inghiottito dalle imprese americane che gestiranno scuola, acqua, trasporti, rifiuti e sanità con la massima privatizzazione, aumento enorme di costi e qualità da buttare. Renzi e Vassalli il suo yes man allo Sviluppo hanno intenzione di firmare il TTIP e vanno fermati.
Ormai non si tratta più di votare per un sindaco ma di dare a Renzi un segnale di conferma o di addio nel suo programma sciagurato di distruzione della democrazia e questo sciagurato venduto alla finanza, alle banche e alle lobby di danni ormai ne ha fatti abbastanza.
Il primo segnale di rifiuto di Renzi il Paese lo ha dato. Ma Renzi finge di non accoglierne l’importanza e la gravità. Rimanda la sua uscita dal Governo a ottobre, quando ci sarà il referendum sui 50 articoli della Costituzione stuprati senza i due terzi del Parlamento ma con l’appoggio di un plurigiudicato come Verdini. Ha detto che se vincono i No, se ne va. Ma, considerando che è il maggior bugiardo d’Europa, possiamo ritenere che si arroccherà nella sua posizione di comando alleandosi a cani e porci e con un Mattarella succube che è stato scelto per non proteggere affatto la Costituzione ma chi la fa a pezzi, un yes man come tutti, nel degrado totale del valore delle istituzioni e nella distruzione dell’equilibrio dei poteri.

Ma oggi è il giorno in cui in Gran Bretagna si vota per la Brexit, uscire o no dall’Europa.
Se vincessero i ‘leave’, l’Unione europea già vacillante andrebbe in pezzi. Il Paese è spaccato. Fino a qualche giorno fa la Brexit era in lieve maggioranza. L’assassinio da parte di un folle della deputata Cox ha ribaltato i numeri e ora è davvero un enigma capire come andrà il voto.
Se la Gran Bretagna uscisse dall’Ue mostrerebbe agli altri Paesi che una uscita è possibile, sconfiggendo un tabù erroneo e spingendo i malcontenti europei a chiedere referendum simili. Per l’Ue sarebbe la fine. Un’Unione che finora è stata principalmente finanziaria e bancaria calpestando i diritti dei popoli e il loro futuro dovrebbe per forza cambiare qualcosa di fronte al rischio di una disintegrazione totale.
Noi Italiani non possiamo al momento fare alcun referendum analogo perché la Costituzione vieta che si possa votare su patti internazionali, ma se il M5S riuscisse ad avere buoni risultati a Roma e Torino potrebbe spingere altri elettori verso una democrazia allargata fino a fare almeno un referendum ‘consultivo’ sull’Ue come Grillo ha sempre auspicato chiedendo direttamente al popolo.
.
Viviana
Sono stata da poco a Londra dove vengo spesso perché qui da 10 anni vive mia figlia.
Sono molto curiosa dell’esito della Brexit ma al momento nemmeno qui si fanno previsioni. Certo è che gli inglesi sono sempre stati ospitali con gli stranieri, condannando ogni forma di razzismo, specie a Londra, ma da quando la Merkel ha fatto il grave errore di aprire le frontiere ai siriani e sono arrivati milioni di profughi, anche gli ospitali inglesi sono diventati di colpo molto aggressivi con gli stranieri e se la Brexit vincerà sarà principalmente per non soggiacere alla regola europea delle quote e non avere ondate di immigrati in più. La cosa che in Italia non capiscono è che sono favorevoli a restare in Europa tanto Cameron che è di dx quanto Corbyn che è di sx, per motivi molto diversi, il primo per favorire i finanzieri della City, il secondo per non perdere le 2400 regole sui prodotti a difesa del consumatore, del clima e dell’ambiente, perdita che permetterebbe ai britannici di passare al sistema americano che dà ogni diritto ai produttori e nessuna tutela ai consumatori.
I laburisti di Corbyn sono fortemente ecologici e ambientalisti (l’Inghilterra è anche fortemente vegetariana, vegana e animalista, e qui non si compra un alimento se non porta la scritta ‘bio’). La cosa ridicola è che quella che in Italia chiamiamo sx, e cioè il Pd di Renzi, se ne frega altamente della tutela dei consumatori, del clima e dell’ambiente e Renzi è pronto a firmare il TTIP, che ci metterebbe in balia dei grandi produttori americani che ci imporrebbero le regole di un Paese che non rispetta nulla, adora solo il lucro, ha solo 12 regole sui prodotti e non rispetta né clima né ambiente (gli USA si sono sempre opposti al protocollo di Kioto che vorrebbe diminuire le emissioni inquinanti che stanno stravolgendo il clima). Il TTIP, inoltre, imporrebbe all’Occidente un tribunale speciale che darebbe sempre ragione alle grandi imprese contro ogni danno ai consumatori, per la vittoria a prescindere del lucro. Per dare una idea di questa aberrazione, nel processo Stato contro Ilva darebbe ragione all’Ilva imponendo allo Stato di pagarle i danni!
E con il TTIP i gruppi maggiori americani potrebbero impossessarsi del nostro welfare con l’estinzione di uno stato sociale a spese pubbliche che oggi è di forte aiuto ai più poveri, tutto sarebbe privatizzato, scuola, sanità, trasporti, rifiuti… con aumento enorme delle spese dei cittadini e scadimento della qualità. Questo è lo scopo del TTIP che Obama vuole imporre all’Europa. Prima le banche d’affari americane hanno imposto all’Ue la cancellazione dei diritti dei cittadini e dei lavoratori e lo stravolgimento delle Costituzioni (vedi Jobs Act italiano o legge sul lavoro francese per cui tutta la Francia sciopera ma che noi abbiamo inghiottito senza nemmeno una protesta) poi hanno brigato per portare a fallimento le stesse banche europee (dopo la banca di Vicenza ora è la volta di Unicredit), da ultimo il TTIP assoggetterebbe alle major USA il welfare con privatizzazione totale di tutti i servizi. Sarebbe la morte di ogni democrazia e la totale subordinazione dei governi europei a Obama e alla Merkel che finora lo supporta (ma domani sarebbe in grado la Merkel di reggere un eventuale scontro Usa-Germania?). E’ la guerra combattuta in altro modo, senza le bombe ma con la distruzione dei diritti e delle libertà, con lo strapotere del sistema finanziario, l’avidità delle banche, la follia delle Borse. E a questo odioso piano di conquista Bersani, Monti, Letta e ora Renzi hanno dato il loro pieno appoggio di traditori di ogni loro valore o ideale, contro gli interessi e il futuro del popolo italiano. Ci hanno legati mani e piedi e ci hanno venduti come sacchi di patate e noi abbiamo dato il nostro assenso da rimbecilliti, grazie a media complici e assassini.
Per questo la Brexit, cioè i britannici che escono dall’Europa, è importante, perché potrebbe rompere lo splendido piano di conquista nazi-Usa (curioso vedere oggi i due nemici della seconda guerra mondiale uniti contro l’Europa!) e potrebbe riaccendere la fiamma antieuropeista semmai i popoli europei si sveglieranno da loro torpore e si accorgeranno finalmente di quanto male ha fatto a tutti questo strapotere del sistema finanziario che ha imposto l’austerity.
Staremo a vedere.
Qualche volta il peggio non è mai morto.
Qualche volta nella storia avvengono miracoli. Ma oggi, dopo l’assassinio della Cox, nutri molti timori che questo sistema Ue assassino e distruttore trovi nella Brexit la prima picconata che butti giù il suo perverso potere.
Confrontando con tutto questo la meschinità del voto alle comunali di domenica, prende lo sconforto come passare dai mostri alle formichine, che continuano a combattere tra loro le loro stupide battaglie per una mollica di pane mentre su di loro sta per scatenarsi il diluvio. Col che si prova una volta di più che il maggiore pericolo per i popoli e per la democrazia non è l’attacco di un esercito nemico o il cataclisma naturale ma la propria disinformazione, per cui chi voglia assoggettare un Paese non ha che occupare i mass media e diffondere merda, cosa che oggi in Italia con la Rai in mano totale a Renzi e le maggiori testate che si concentrano in poche mani di magnati della finanza sta avanzando a larghi passi, contrastata per ora solo dal web. E il web dunque è diventato oggi il nostro campo di battaglia, dove ognuno può partecipare a una lotta di libertà e di evoluzione per tutto quello che può.
Se con Gutenberg la stampa diventò la prima arma di manipolazione mondiale, il web le si contrappone oggi come il primo strumento di liberazione dei popoli.
.
Anche dalle cose più piccole dipendono quelle maggiori.
Così anche dal voto di domenica dei piccoli o grandi comuni dipendono le sorti di Renzi e con lui le sorti del nostro Paese, del pericolo che continui e seguire la linea perversa dell’austerity, della cancellazione dei diritti, dell’accentramento dei poteri, dei tagli alla democrazia, della privatizzazione dello stato sociale, dello stupro alla Costituzione democratica, della sudditanza al TTIP con successivo aumento di centinaia di migliaia di disoccupati in Italia e di fallimento delle piccole e medie imprese e dunque di tutta l’economia italiana.
Per quanto troppi italiani lo ignorino, anche da quel voto di domenica dipende tutto questo, per cui, per quanto ci possiamo considerare piccoli e impotenti, noi siamo il granellino che può far crollare la montagna.
E’ bene che lo ricordiamo.
E votare o non votare farà la differenza!
.
Qui Londra. Oggi si vota per la Brexit e, dopo il famoso invito della Merkel ai siriani e i milioni di profughi che hanno invaso l’Europa, si è scatenato in Inghilterra un razzismo peggio ancora di quello leghista italiano e alla BBC si sentono solo urla di scalmanati che manifestano il loro odio agli stranieri, non ne vogliono più, vogliono cacciare quelli che già ci sono, vogliono togliere loro l’accesso agli ospedali, le cure sanitarie e la scuola, sulla linea del peggior Borghezio, e anzi vogliono cacciare dall’Inghilterra tutti gli stranieri con un esodo mai visto. L’odio si è diffuso come una fiamma, e Farage va alla grande, tanto che c’è parecchio malessere e paura e mia figlia che pure ha sposato uno scozzese ed è qui da dieci anni, ha fatto un sacco di carte e ha speso 1500 sterline per ottenere dal Ministero degli Interni un passaporto inglese (mentre aspetta ancora per la richiesta di cittadinanza) ma ci vorranno 6 mesi prima che arrivi, nella speranza che con quello non le toglieranno certi diritti come le cure mediche o l’accesso agli ospedali. Insomma la situazione qui si è messa molto male. La paura che l’Europa assegni le quote anche all’Inghilterra ha scatenato il peggio. Londra è in genere una città aperta e cosmopolita ma le campagne e il nord sono fortemente xenofobi e per gli stranieri ha cominciato a girare un’aria molto brutta.
Francamente non so cosa pensare a questo punto. Il fatto è che qui sondaggi non ne fanno ma in tv non si vedono che persone urlanti contro gli stranieri, come nella Germania di Hitler contro gli ebrei, e a pelle sembra la Brexit è stata in maggioranza fino all’assassino della Cox che paradossalmente ha rovesciato i pronostici.
Questa Europa per un motivo o per un altro è una vera calamità e se non si dà una mossa e una diversa regolamentazione la vedo brutta.

Il fatto è che sia il Labour di Corbyn che mezzo partito conservatore di Cameron non lo volevano questo referendum né vogliono staccarsi dall’Europa le cui restrizioni sull’Inghilterra sono minime, tant’è che ha sempre la sua moneta e la sua brava Banca d’Inghilterra che compra il suo debito, come l’Italia non può fare e come la Bce non fa. Cameron è stato forzato a questo referendum quando la Merkel col suo improvvido invito ai siriani ha impestato l’Europa di milioni di profughi e l’Ue ha cominciato a parlare di quote. Di stranieri in UK ce ne sono fin troppi, sono ben visti a Londra, meno altrove, specie a nord e nelle campagne dove imperversa la disoccupazione e scoppia la battaglia tra poveri. Ma oggi è esplosa una vera furia xenofoba. Comunque vada, Cameron se la vedrà male, si trova con un Parlamento contro la Brexit e mezzo Labour a favore. La situazione è nera, perché, se vince la Brexit, Cameron dovrebbe applicarla ma mezzo partito e quasi tutto il Parlamento non ne vogliono sapere. Se l’UK resta in Europa, Cameron ha comunque mezzo partito contro e rischia una crisi di governo. Mettiamo in conto anche l’isolazionismo dell’UK che non ha mai visto di buon occhio nessuna limitazione alla sua sovranità e ieri persino la regina si è espressa a favore di una uscita dai legami europei.
Leggendo i fatti da Londra, noto molte divergenze tra media italiani e inglesi. Intanto in Italia non si dice che ognuno cura i propri interessi, i magnati della City li curano meglio attaccati al mercato europeo, il Labour di Corbyn teme che staccandosi dall’Ue, vinceranno i prodotti USA privi di regole a tutela della salute e dell’ambiente, i poveri vedono dei concorrenti insopportabili nei nuovi immigrati voluti dalla Merkel. Un altro fatto che mi ha colpito è che i media inglesi parlano continuamente delle restrizioni imposte dal WTO (Unione del commercio mondiale), organizzazione che nessuno ha eletto e che controlla il mercato, assolutamente non democratica e che tutela l’interesse del capitale; i media nostrani non citano mai il WTO come se non esistesse, parlano confusamente dei limiti imposti a noi dal Fondo monetario, altra associazione non democratica che nessuno ha eletto e che tutela ugualmente gli interessi del capitale ma nessuno si permette di contestarne l’esercizio e il potere, come se questo esistesse su un diritto divino. La Bce segue gli ordini di entrambi. E poi si viene a cianciare di Europa democratica. Ma dove?

Certo che vedere un evento dai media italiani e da quelli inglesi ti mostra una differenza grande come un abisso.
Intanto nei media inglesi l’assassinio della Cox è presentato solo come l’opera di un pazzo, mentre qua si starnazza di complotti anti Brexit e i blogger scrivono cavolate.
In UK la Cox era la signora nessuno, molto giovane, nessuno o quasi la conosceva, non era un personaggio di spicco, non si era battuta per nessuna causa in particolare, non era una estremista, non c’entra niente con la Brexit. I nostri media dicono che era stata minacciata, ma non esiste personaggio politico o di costume (cinema, tv ecc) che non sia minacciato almeno una volta (persino io che non sono nessuno ho ricevuto delle minacce di morte per il solo fatto di avere un blog). Poi, parlare di governo che doveva darle una scorta è assurdo perché in Inghilterra nessuno ha nessuna scorta, tranne la regina, e parlamentari e ministri camminano tra la gente o prendono l’autobus esattamente come tutti. Infine i pazzi esistono ed esisteranno sempre e non c’è scorta che li fermi (si pensi a Berlusconi!).
..
http://masadaweb.org

2 commenti »

  1. Le versioni ufficiali sono molto spesso false…

    Commento di max — giugno 25, 2016 @ 9:45 am | Rispondi

  2. hai ragione, ma più passano i giorni e più mi sto rendendo conto di una cosa. noi comuni mortali brancoliamo nel buio e nell’incertezza, in poco tempo abbiamo visto sgretolarsi sotto i nostri occhi il mondo che abbiamo conosciuto, però anche quelli che dovrebbero governarci mi pare che brancolino molto più di noi.
    mai come adesso non vorrei essere nei loro panni, il compito che hanno davanti è davvero da far tremare i polsi.
    mi è sembrato davvero ridicolo dopo appena un giorno reclamare un altro referendum, ma che stiamo giocando come i ragazzini? no, qui continuiamo finchè non vinco io! ma che fine ha fatto l’idea di democrazia? certo che comunque una decisione così importante avrebbe dovuto avere un quorum più alto, non è pensabile che quasi la metà dei cittadini decida per l’altra quasi metà.
    dopo la palude in cui eravamo impantanati in questi anni avevamo sperato in una scossa che ce ne portasse fuori. eppure invece di vedere la salvezza ci sembra di vedere un futuro ancora più fosco.
    oppure sarà l’establishment minacciato nei suoi privilegi che sta sventolando tutte queste bandiere nere, prospettando scenari apocalittici dove può succedere tutto e il contrario di tutto? mah, speriamo bene, più di questo non possiamo fare.
    forse la cosa più importante è che comincino finalmente a temere un pò i popoli, forse la smetteranno con questa dissennata politica globalizzata.
    Liliana

    Commento di MasadaAdmin — giugno 26, 2016 @ 7:48 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: