Nuovo Masada

giugno 9, 2012

MASASA n° 1392 8/6/2012 PARTITI DA BUTTARE –CHIESA PURE

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 6:00 pm

L’immonda lottizzazione dell’Agcom – I partiti salvano Formigoni come salvano De Gregorio in attesa del salvataggio di Lusi, e in ricordo del salvataggio di Cosentino e Tedesco; l’omertà segna sovrana e il numero degli onorevoli pregiudicati aumenta – Disastro nella Chiesa – Attacchi di hacker al blog di Grillo – E il decreto anticorruzione non procede…- Lo scandalo della depenalizzazione della concussione per depenalizzare B e le mazzette – Le tangenti diventano ‘donazioni’ e sono pure defiscalizzate- La caduta delle ideologie – L’orrido Giovanardi- Continuano le scosse- Fracking- Si nega che in Emilia-Romagna siano stati scavati pozzi: sono 1697 – Il decreto infame che esenta le assicurazioni dai danni da terremoto

Anais Nin
Noi non vediamo le cose come sono.
Noi vediamo le cose come siamo.

..
Viviana
B dà una rinfrescatina al suo partito
e lo chiama “Italia pulita”
Tanto valeva che lo chiamasse “Mafia pulita”!
.
Preso il mostro di Brindisi
La mafia chiede i danni di immagine
.
Manca il movente
In politica è lo stesso.
.
Il trio ABC
Non vedo, non parlo, non sento
Ma soprattutto non voglio andare al voto.
.
B chiama quel che resta del partito “Italia pulita”
E io che credevo lo chiamasse ‘Burlesque’!
Aspettiamo con gioia il prossimo nome “Italia sparita”!

Mirko
“Il vento scuote la casa di Dio, ma essa non cade”.
Barcollo ma non mollo.
..
Crunfa
Non si muove faglia
che Dio non vaglia!
..
Luca B
Terremoto, Monti orgoglioso:
“L’Italia torna a muoversi”
..
Spinoza
“Oggi si conclude la nostra traversata nel deserto” ha detto Maroni, capo del popolo non eletto.
..
Prandelli: “Se serve, niente Europeo”. A evitare figure di merda di sicuro.
.
PRIMA E DOPO
da Emilia-Romagna
a Emilia_Romagna
.
REfuso
Cazzo, voglio vedere chi si azzarda a dire ancora che serve una scossa all’economia!
..
Aquilano trasferito ritrova terremoto a Modena. A questo punto lo si candidi in Parlamento!
.
Podista
B fonda Italia Pulita. Sempre con questa fissa di scopare ovunque.

Il Pd vota tutto quello che passa il convento Monti senza fare un piega e quelli del Pd ZITTI !
Il Pd vota leggi che mandano in malora pensionati, lavoratori e famiglie e quelli del Pd ZITTI !
Il Pd manda un suo rappresentante, addirittura il suo vicepresidente, al convegno Bilberberg a prendere ordini dalla Massoneria internazionale e quelli del Pd ZITTI !
Il Pd cerca di non andare mai a nuove elezioni e vorrebbe mantenere in vita Monti e quelli del Pd ZITTI !
Il Pd non riesce a far votare la sfiducia a Formigoni o le autorizzazioni a procedere contro De Gregorio, Cosentino, Todesco o Milanese, e quelli del Pd ZITTI !
Il Pd partecipa alla indegna lottizzazione dell’AGCOM e quelli del Pd ZITTI !
Il Pd mette come vicepresidente del CSM quel Vietti che ha fatto le leggi ad personam a B e quelli del Pd ZITTI !
Il Pd non ha uno straccio di programma e prende il 25% solo per forza d’inerzia e quelli del Pd ZITTI !
Il Pd vota per lo spacchettamento della concussione così da legalizzare le tangenti e anzi vota per defiscalizzarle e quelli del Pd ZITTI !
Il Pd non si vota nemmeno il taglio di un euro anche se solo in rimborsi triplicati ha preso 200 milioni di euro più tutti i versamenti degli iscritti, delle fondazioni e delle Coop, più i milioni di euro delle donazioni, e ha anche la faccia di dire che non può rinunciare all’ultima tranche di 40 milioni “perché l’ha già spesa” e quelli del Pd ZITTI!
Quante sono le cose su cui quelli del Pd tacciono, mentre sono totalmente impegnati ad attaccare Beppe Grillo?????
Non sarà che tutti questi attacchi sconclusionati a Grillo servono solo a decentrare l’attenzione da tutte le miserie del Pd?

L’AGCOM
L’Agcom è l’autorità di garanzia sulla Rai, che decide i programmai, le frequenze televisive e vigila su internet. Deciderà il bando di gara per l’assegnazione delle frequenze. Il suo potere è enorme. Essendo un organo di controllo, dovrebbe essere formato da persone indipendenti dai partiti e in grado di controllare la RAI, di impedire che i partiti ci mettano le mani e in particolare a impedire che la Rai sia dominata da B che finora l’ha semidistrutta per fare gli interessi di Mediaset. Così l’Agcom non è mai servita a nulla perché i partiti hanno lottizzato le sue cariche, mettendo al controllo di loro stessi amici e parenti. Ora l’Agcom doveva essere rinnovato e tutti speravano che finalmente questo organi diventasse pulito, indipendente e apartitico e invece i partiti si sono buttati a pesce col Manuale Cencelli a dividersi i posti assegnandoli ad amici o parenti, tutti assolutamente estranei alla Rai, tutti privi di merito o di competenza, riproponendo la soluta bieca lottizzazione. C’è stata anche la beffa della presentazione di 90 curriculum che non sono nemmeno stati guardati. In questo Paese i partiti non produrranno mai nessun cambiamento. Il Pd poteva scegliere due consiglieri, addirittura ne ha ceduto uno a Casini. Ma Monti non parlava del merito?

Senti quello che ne dice Milena Gabanelli

Ma davvero possiamo ancora tollerare questi partiti e andare a votare ancora per loro?
Viviana Vivarelli

Ormai non hanno remora alcuna a mostrare che il loro peggio è senza fondo e che della crisi del Paese proprio se ne sbattono.
In 7 mesi non si sono tagliati un euro contro la miseria crescente degli Italiani, non hanno ceduto un solo ricevimento, una sola festa, un solo abuso, un solo privilegio; non sono stati capaci di uniformarsi alla media dei trattamenti dei parlamentari europei; non hanno dimezzato i numeri nelle istituzioni, eliminato cariche inutili, frenato i falsi rimborsi elettorali, tassato le fondazioni, tagliato ingiusti privilegi, bloccato gli aumenti degli altissimi stipendi, tagliato i vitalizi, messo un tetto agli aumenti per le categorie alte, o le pensioni alte o le liquidazioni altissime.. La classe politica più corrotta d’Europa continua nei suoi vizi peggio di prima con una arroganza letale, senza scrupoli, senza pudicizia, senza onore.. L’unico taglio che si sono fatti in 7 mesi è sul caviale e il Ferrari il 2 giugno! Per il resto l’abb7uffata continua! A B C e la Lega finiscono sempre per mettersi d’accordo sulla spartizione del paese e certe ghenghe sono ancora qui a sparlare della ‘dittatura’ di Grillo per decentrare l’attenzione e confondere le acque. Ma cosa hanno sugli occhi? Le fette di zampone? A,B, C e la Lega si sono sempre pappati e divisi tutto in buon accordo, e quando qualche ladro viene beccato con le mani nella marmellata si affrettano a salvarlo, confermando la corruzione comune. In fondo il nemico pubblico n° 1 non è la crisi, non è la comune corruzione, non è la loro spudorata incapacità a governare il Paese, non è la violenza cinica della banche o della Bce ma è Beppe Grillo, il castigamatti che potrebbe far finire la pacchia e che è accusato di ogni cosa, persino di essere pappa e ciccia con la Massoneria (guarda caso con un programma ad essa divergente che la democrazia la aumenta e non la accentra nel presidenzialismo forte e iniquo.

E così in un Parlamento posticcio e artificiale, i cui numeri ormai stridono con la volontà popolare e dove il Pd è sempre più simile al Pdl e cerca di superarlo in inettitudine e iniquità, avviene ogni sorta di nefandezze. Invece di ripulirsi, il Parlamento aumenta il numero dei suoi pregiudicati bipartisan protetti, i ladri sono onorati, i truffatori ricandidati, la giustizia è materia di scambio: oggi io salvo De Gregorio a te, domani tu salvi Lusi a me. Questi malnati non si emenderanno mai, possono solo sparire. Oggi hanno avuto la spudoratezza di negare le autorizzazioni a procedere per un brutto ceffo come De Gregorio, un avido delinquente accusato di una truffa da 23 milioni in combutta con Lavitola, e lo hanno fatto in cambio, domani, della salvezza del Pd Lusi, tesoriere della Margherita, accusato di associazione a delinquere finalizzata ad appropriazione indebita per almeno 25 o forse 50 milioni dalle casse del partito. Dopo tante dichiarazioni di pulizia dentro i partiti e di reset del Parlamento, si sono coperti come sempre con quella sporcizia che il voto segreto consente e hanno negato l’arresto di De Gregorio non solo i soliti 127 senatori del Pdl e i soliti 22 della Lega, ma altri 40 franchi tiratori che sono fortemente sospettati di essere del Pd per uno scambio omertoso con la salvezza di Lusi, e abbiamo di nuovo dovuto assistere alla vergognosa ondata di gaudio degli “onorevoli” che circondavano De Gregorio festanti come fosse un eroe che riceveva una medaglia al merito. E questo come se non bastassero i salvataggi del camorrista Pdl Cosentino (salvato ben due volte), del Pdl Milanese vice di Tremonti accusato di associazione a delinquere, corruzione e rivelazione di segreto d’ufficio (anche lui salvato due volte), del Pd Tedesco ladro della sanità pugliese…Non si capisce come abbia fatto Papa a finire in carcere, qualcosa nel meccanismo ben oliato dei patti di scambio Pd Pdl non deve avere funzionato, ma si sa: nessuno è perfetto. I partiti ormai sanno fare benissimo queste ammucchiate per salvarsi la pelle, per salvarsi esosità e privilegi, per garantire l’omertà ai reciproci ladri. Meglio fingere ciò che non si è, straparlare di partiti puliti, di liste civiche e primarie, di falsa democrazia o di ipocrita etica, o attaccare Grillo che di fronte a costoro è una mammoletta ma che non fa parte della banda comune. Casta ladrona, la peggio Italia la perdona! E ora chi ripulirà il Parlamento? Lusi? Penati? Cosentino? De Gregorio? Tedesco? Dispiace per Belsito: Bossi poteva fare onorevole anche lui!
Qualcuno ha sentito qualche severo monito di Napolitano sui delinquenti in Parlamento? Li aveva finiti tutti? Era d’accordo anche lui? Come disse la Chiaromonte di Rifondazione Comunista: “Non permetteremo che nessun membro del parlamenti riceva il permesso per una autorizzazione a procedere!”

Ma la serie delle sconcezze continua: alla sede della Regione si vota No alla sfiducia dello scandaloso e protervo Formigoni con altra iniqua allegrezza; anche qui la Lega sta sempre dalla parte di chi salva il potere corrotto. Da Bossi a Maroni la solfa non cambia. La Lega sostiene i corrotti del Pdl, il Pdl sosterrà Cota e Zaria ed eviterà grane a Bossi e famiglia. Ma come si intendo bene! Al di là delle effimere dichiarazioni l’omertà è assoluta e B potrà sempre contare su una Lega amica che non farà passare nulla contro quelle leggi ad persona che ha sempre votato con entusiasmo. Sostegno incondizionato reciproco. E sarebbe questa “l’Italia pulita”!?? La Lega è bella, ma la seggiolina di più.
In Regione Lombardia hanno negato la sfiducia a Formigoni 49 contro 28. Grazie Lega! Come li sostieni tu i corrotti non c’è nessuno! Salvini ha superato brillantemente la sua prima prova di scuderia da segretario lombardo: Salviamoli tutti e ci salveranno il culo a noi! Possiamo immaginarci il seguito delle scope verdi! Gasparri urla: “Trasparenza!”.. e infatti!

Ma in questo porcaio i soliti ignoti “attaccano Grillo”! Rispolverano mille volte la faccenda Tavolazzi! Insinuano nuovi patti occulti con la Massoneria o la Aspen! Ignorano Penati, Tedesco, Lusi, De Gregorio, Cosentino o gli infiniti inciuci di Napolitano o di D’Alema o il chiaro tradimento di Bersani. L’unico scandalo che vedono, l’unica “dittatura” che esecrano è Beppe Grillo! Abbiamo il peggio del peggio nella politi ufficiali: affari in cambio di mazzette, appalti contro milioni, inciuci ignobili in parlamento, partiti che evitano con cura di andare alle elezioni o di fare una legge elettorale decente, che votano qualsiasi taglio di Monti, qualunque legge iniqua sui disoccupati, sui giovani, sui terremotati, sui pensionati.. purché siano salvi i loro sporchi interessi, patti indecenti per salvare i corrotti per lottizzare tutto il lottizzabile, per dare altri vergognosi incarichi a incompetenti e nominati, ma le piccole bande non li vedono, li ignorano, vivono solo per attaccare Grillo che fino prova contraria potere istituzionale non ne ha, non si candiderà mai, non ha mai rubato, non ha mai inciuciato, non ha mai fatto carte false per salvare delinquenti, ma è per tutti costoro l’unico vero pericolo esistente in Italia, un uomo solo contro tutti, che ha dietro una enorme furia popolare, la furia di un intero popolo schernito, truffato, deriso, che dice solo: BASTA, BASTA, BASTA!!!

E non va avanti la legge anti corruzione ordinata dall’Europa, che in 7 mesi non è riuscita a fare un passo e su cui Monti non vuole mettere la fiducia, come se la classe politica più corrotta d’Europa potesse mai votare contro la propria corruzione! Come Monti non riesce o non vuole trovare quei soldi per far crescere lo sviluppo, per cui la riforma di Passera o di Profumo non passa per mancanza di fondi, in quanto il commissario capo evita con cura di fare quello che altri governi più virtuosi hanno fatto: stanare e legnare gli evasori, tassare gli esportatori di soldi neri in Svizzera, tagliare la spesa in armi (10 miliardi la Germania), chiudere l’orrenda guerra in Afghanistan, tagliare le razzie dei politici, eliminare gli enti inutili, mettere finalmente un ordine negli abusi della Casta più iniqua d’Europa…

Un cenno di soprassalto Monti l’ha avuto quando la protervia di costoro ha deciso i nomi dell’Agcom della Rai, e i controllati si sono scelti da sé i controllori in base alla solita sporca lottizzazione per cui, ignorato il merito, A, B, C + Maroni hanno presentato i propri nominati. Ci hanno fatto fessi con la meritocrazia, i curriculum, il riordino della RAI, la maggiore equità…poi avanti tutta con la solita pacchia dei controllati che si scelgono i controllori, come hanno fatto coi conti sui partiti, che dovrebbero essere controllati da gente nominata dai partiti! E sono ripartiti con gente che con la RAI non c’entra nulla e che non ha competenza di nulla. La Lega ha riproposto la sua imputata Giovanna Bianchi Clerici, il Pd ha nominato un ingegnere amico di D’Alema e un dermatologo capogruppo del Pd; il Pdl ha scelto la moglie di Vespa, già funzionario al ministero della Giustizia che dovrebbe ‘controllare’ il marito (!), poi il capogabinetto di Tajani e il figlio di un ministro, Casini ha chiesto un funzionario della Camera noto solo a lui.. E il merito? E la competenza? E le esperienze in RAI? Ma chi se ne fotte!
Scrive Colombo: ”L’apparenza era di ‘concordia’, ma sarà stata come quella affondata all’isola del Giglio. I curricula non li hanno nemmeno guardati. Si erano messi d’accordo prima tra loro, hanno detto. Al momento del voto, i cittadini domanderanno: “Loro chi?”. La risposta sarà: gente molto vicina al comandante Schettino!”

Come minimo, nell’Italia che sogniamo basta manuale Cencelli! Basta voto segreto! Basta inciuci pro ladri! Le accuse contro De Gregorio erano così pesanti, così turpi che dovrebbe essere messo in galera lui più tutto il Parlamento che lo ha salvato! Ogni volta i partiti fanno grandi dichiarazioni di pulizia morale, poi la solita manfrina: 20 “onorevoli” chiedono il voto segreto e, all’ombra di quello, consumano la solita vergogna. Nemmeno la Lega con tutto il suo sventolare in piazza di scope verdi e di slogan contro Roma ladrona trasgredisce mai, anzi è la prima a fornire il 100% di aiuti sciagurati, secondo il precetto evangelico: “Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te!”
Ma almeno il trionfo di De Gregorio ce lo potevano risparmiare! La lezione che questi farabutti continuano a dare al paese è una sola: siate delinquenti ma in alto come lo siamo noi e l’immunità non vi mancherà mai! Complimenti soprattutto alle scope verdi che si vede sono finite in cantina. Se tutti gli Italiani si rendessero conto di questo, come ha detto Parisi, il M5S prenderebbe non il 20% ma il 50%! Altro che accuse citrulle di Aspen o Massoneria! Chiunque si inventi delle storie per attaccare il M5S ha solo la coscienza sporca di sostenere ancora e ancora della gentaglia che dovrebbe essere sparita de tempo e espande sui blog i suoi galoppini per una immonda battaglia a Grillo, per decentrare l’attenzione dai veri nemici del potere, galoppini a servizio del regime che manipolano i loro groppuscoli e li infiltrano nei blog, ben attenti a non criticare mai nessuno dei loro padroni.

E quando nessuno se lo aspettava, Monti ha avuto un sussulto di dignità e ha sospeso le nomine dell’Agcom, l’ultima pagina delle vergogne italiane, dove Bersani ha fatto, come il solito, la sua pessima figura. A,B,C e Maroni aveva lottizzato tranquillamente tutto, 4 soggetti da cui dipende ogni esistente in Italia, il quadrumvirato, e poi i loro cloni ci vengono a dire che il ‘dittatore’ è Grillo!! Gli ‘amiconi’ avevano già nominato l’amico Martusciello, già promotore di FI, ex sottosegretario di B ed ex agente di Publitalia, poi l’amico di Tajani e di Brunetta Antonio Preto, la moglie di Vespa Augusta Iannini, una leghista di lungo corso Giovanna Bianchi Clerici, poi un chirurgo guida dei deputati Pd, un amico di D’Alema, un allieva del Pd Barbera.. non uno che di RAI ne sapesse qualcosa!
Ha ragione Grillo: “l’Agcom non è un organo di controllo. E’ una presa per i fondelli e va chiusa!” Ora interviene Monti e sceglierà un altro bocconiano e un altro della Cattolica. Ognuno tira acqua al suo mulino e se i nuovi prescelti sono come i commissari vecchi, potremo sta sicuri che la RAI riuscirà a peggiorare ancora!
E i 90 curriculum inviati dai veri esperti? Ha ragione Di Pietro: sono finito come carta da cesso.
Ogni giorno di più Di Pietro e Vendola accusano il Pd di attuare passivamente il programma neoliberista estremo di Monti senza nemmeno tentare quella opposizione che è riuscita benissimo ai tassisti,alle farmacie,agli esportatori di capitali sporchi,agli evasori,ai gestori delle lotterie,alla Chiesa,agli onorevoli,ai corrotti,ai detentori di patrimoni e a B per le sue leggi ad personam.
Il Pd è ormai servo di quel programma di distruzione sistematica del nostro paese che lui stesso ha evocato per la viltà di non voler governare e che spargerà sempre più miseria e disoccupazione nel nostro Paese in cui non si troveranno mai i soldi per lo sviluppo per non colpire i privilegiati protetti e non farli partecipare alla lotta contro la crisi.
In questa contraddizione plateale sta tutto il fallimento e l’iniquità di un Monti che aspetta solo di tornarsene in Europa dopo aver prodotto il massimo danno senza avere mai iniziato una svolta favorevole.
Ogni giorno di più il Pd perde credibilità e dignità. Pur avendo più voti di B non riesce a sfondare in nessuna delle battaglie parlamentari,non riesce o non vuole aiutare le classi oppresse, si è allontanato a dismisura dai pensionati e dai lavoratori e, malgrado i suoi fallimenti annunciati,insiste a delirare su alleanze con fantomatici ‘moderati’ che esistono solo nella sua immaginazione.
Intanto il popolo è sempre meno moderato e sempre più infuriato e non giova al Pd né la protezione dei tangentari, né la depenalizzazione della concussione con premio fiscale alle mazzette travestite da ‘donazioni’, né le trame lucrose alla Penati, né l’ennesima e volgare lottizzazione sui controllori della RAI.
Il Pd va giù, sempre più giù, in una pappa conforme dove ha perso ogni identità. Il salvataggio dell’ennesimo onorevole delinquente non gli porterà certo fortuna.
Davvero un perdente più perdente di Bersani e più colluso di lui con la dx criminale che avrebbe dovuto combattere sarebbe stato difficile trovarlo!
.
Viviana
Saremo anche in crisi ma i ricevimenti sontuosi non cessano mai.
Cena di gala a Venezia per super Mario.
Sponsor Costa Crociere, quella dell’affondamento al Giglio.
Sarà una premonizione?
.
RAUL
A Roma hanno bisogno di nuove discariche.
E sennò dove li mettiamo tutti i curricula Agcom?
..
DI PIETRO denuncia come indecente il patto scellerato con cui alla Camera, i partiti della cosiddetta maggioranza si sono spartendo i posti all’interno dell’Agcom, l’agenzia che dovrebbe controllare le comunicazioni. Unico sa in Europa che in Italia sta diventando la norma: i controllati si sono scelti i controllori.
E’ uno scempio che non si verifica in nessun altro Stato di diritto. Al danno si è aggiunta anche la beffa dei curriculum, quando i nomi erano già stati scelti prima ancora di leggerli, secondo la solita logica spartitoria e lottizzatoria.
“La cosa che ci fa più male è la condiscendenza o connivenza del Pd. Accettando questo metodo e partecipando alla spartizione, sia pure con nomi di valore, il Pd ha legittimato anche le scelte del Pdl.Eccome come sono arrivati Martusciello, collaboratore di Tajani, e la moglie di Vespa.”
Si sono opposti Di Pietro, Parisi, Vendola, il radicale Marco Beltrandi, il portavoce di Art. 21 Beppe Giulietti. Impugneranno le nomine di fronte al Tribunale amministrativo per farle sospendere e invalidare.
..
Il nuovo Pdl ha il nuovo motto: “Italia pulita”
Tolto Alfano, dovrebbe essere “rinfrescato” da due frescone: la Brambilla e la Santanchè.
La Brambilla ha fallito tutto quello che ha toccato.
La Santanchè porterà quel tocco di classe in più che te lo raccomando!
Interrogata sulla crisi del partito ha dichiarato:
“Non è tempo di melina! E’ tempo di tirar fuori i meloni!”
Con lei non avremo solo “Italia pulita” ma anche “Italia sobria ed elegante”!
“Che cosa voterà?” le hanno chiesto.
“Ma il Pdl, naturalmente!”
“Tappandosi il naso??”
“Ma no, aprendo bene tutta la bocca!”
(Quando la classe non è acqua….)
..
Alla faccia della sobrietà…!
Viviana Vivarelli

“Spending review” sono due brutte parole inglesi che stanno al posto delle più comprensibili “revisione delle spese”.
Il primo punto della revisione delle spese di Monti è stata la nomina di un commissario che costerà 170.000 euro l’anno! Speravamo che Monti questi scempi li facesse sparire, non che li moltiplicasse!
Sola soletta la Poli Bertone propone di tagliare le spese degli organi costituzionali. E’ andata subito sotto. E ti pareva!
.
Maurizio
Penati (scandalo provincia Milano), Tedesco (scandalo sanità Puglia), Bassolino (scandalo rifiuti camorra Pd Campania ), Consorte (condannato scalata BNL) Chiamparino ( maxi debito 3 mld Torino ) …
Ma solo per citare i più clamorosi. On. Serracchiani pensi all’erba di casa sua e poi a quella del vicino.
..
IvD
Oggi è andata in scena anche la sceneggiata sul caso De Gregorio, salvato dall’arresto da una casta che si autoassolve. “Il Parlamento ormai non sa più in che Paese vive – ha dichiarato Di Pietro -, è totalmente scollato dalla realtà. Se il popolo italiano sapesse tutto quello che accade nei palazzi davvero correrebbe a prendere i forconi. Siamo al limite dell’assurdo, tra spartizioni per le autorità indipendenti, norme burletta sulla corruzione e dulcis in fundo: il diniego all’arresto del senatore De Gregorio”.
“Infatti – ha spiegato l’ex pm -, la richiesta di arresto per il senatore De Gregorio per reati gravissimi è stata negata da una maggioranza trasversale al Senato che sulla carta non doveva esserci, stando alle dichiarazioni dei capigruppo. Però hanno chiesto il voto segreto e ci hanno fregato. Questa non è una democrazia, è una giungla. E’ la legge del marchese Del Grillo: ‘Io me ne frego di voi e faccio come mi pare’. E’ la casta che si autoconserva e calpesta le regole basilari della democrazia a danno dei cittadini e delle istituzioni. L’IdV – ha assicurato Di Pietro – continuerà, in perfetta solitudine, la propria battaglia a difesa della Costituzione”.

ATTACCO AL PD

Un partito che si rispetti, che abbia un briciolo di dignità e di onore, non passa 20 anni a inciuciare con B, non gli regala opportune assenze per fare passar leggi o emendamenti vergognosi ben 5.700 volte, restando assente addirittura sullo scudo fiscale ai fondi neri di evasori e mafiosi! Non nomina vicepresidente del CSM proprio quel Vietti che ha collaborato alle leggi ad personam! Non va contro i referendum e cerca di dribblarli subito dopo riproponendo le società private nella gestione dell’acqua! Non evita con cura di parlare di conflitto di interessi! Non regala le frequenze televisive! Non fa la vergognosa bicamerale! Non fa gli innumerevoli misfatti di cui si è reso colpevole il Pd in questi 20 anni! Ma soprattutto un partito che abbia un briciolo di dignità e di onore, non cede il governo del Paese appena gli arriva l’occasione di prendersi la sua responsabilità di governare a un emissario della Goldman Sachs! Perché se tutto questo orrore è stato fatto, è inutile che vi sbracciate ad attaccare Grillo! Sarà meglio che cominciate a guardarvi in casa, se ci avete messo un inetto vigliacco che sa solo portarvi alla rovina!

DISASTRO NELLA CHIESA
Viviana Vivarelli

I cosiddetti commissari tecnici peggio non potevano fare, stanno praticamente distruggendo l’Italia e l’hanno portata ad essere il fanalino di coda dell’Europa.
La partitocrazia non se la passa affatto bene. I grandi partiti si sono dimezzati e il Pd barcolla senza una meta e sul punto di spaccarsi mentre i politici si accordano su spartizioni meschine attaccati ai loro feudi col consenso crollato a un 4% di minimo storico. Va malissimo l’alta finanza, tra Profumo, Gotti Tedeschi, Pansellini, Palenzona… con frodi fiscali, truffe, riciclaggio di denaro sporco e tangenti.
Quando poi si passa alla Chiesa, si va di male in peggio e gli scandali stanno ormai scoppiando col rischio di una deflagrazione a catena. La Chiesa è ormai in piena guerra di successione per il dopo Ratzinger. Si è sorretta finché la delega di tutto è stata nelle mani dispotiche di Ruini e le sue finanze sono state organizzate dal cinismo di Marcinkus, ma ora tutto sta precipitando mentre il vecchio Papa teologo assiste sbigottito alla serie di scandali. Dopo Ruini la dirigenza si è spaccata in due tra Bertone, che ha retto gli interessi politici, e Bagnasco, che si è preso cura della parte pastorale, con grave urto tra la CEI e i suoi nemici ed esplosione del caso Boffo. Dal 2006 si sono accese all’interno della Chiesa violente faide interne, causa una carenza di governance e una sostanziale inadeguatezza di Bertone e un Papa che regna ma non governa. Un tempo il Vaticano era il primo nemico della Massoneria, oggi è diviso tra un filone massonico e uno antimassonico e già questo è paradossale, perché la Massoneria ha una propria religione che niente ha a che vedere col cattolicesimo.
Il Papa attuale ha 85 anni e i cardinali si preparano alla successione. Il Concilio sarà formato da quei cardinali che non hanno più di 80 anni, e sono 120; tra questi 30 sono italiani e finora hanno avuto la meglio nella scelta di un Papa italiano di loro gusto, ma ora essi sono spaccati in due correnti e sono stati scossi dai grandi scandali, dalla pedofilia allo IOR, mettendoci dentro anche la banda della Magliana, la scomparsa di Manuela Orlandi, la tomba di de Pedis, l’appoggio al Governo B, più l’attuale lotta tra sodaniani e bertoniani. Tutto questo ha fruttato debolezza e discredito che potrebbero portare alla prossima nomina di un Papa non italiano, statunitense o americano. I cardinali di Boston o di New York sono molto forti e c’è un sollevamento della Chiesa sudamericana che prepara lavori proprio in autunno per un’azione comune.
La pedofilia e l’uso corrotto del denaro dello IOR hanno sporcato molto l’immagine della Chiesa italiana. Voitila sapeva eleggere uomini forti ma accentrava anche il potere su se stesso e non ha saputo creare una forte successione al suo gigantismo, così che gli analisti del Vaticano prevedono, dopo un Papa tedesco, un successore americano, degli USA o del Sudamerica.
Ora il licenziamento del banchiere dello Ior Gotti Tedesco e la pubblicazione dolosa di documenti privati del Papa aprono nuove ferite. Gotti Tedesco ha dichiarato che nei tre anni alla guida della banca vaticana si è imbattuto in orrori allucinanti e la Chiesa teme che essi siano rivelati alla Magistratura e ai fedeli. Oggi, dopo il suo licenziamento, il banchiere vaticano ha paura di essere assassinato come successe a Calvi, magari con un omicidio travestito da suicidio. Anche nella morte di Calvi si sentì fortissimo il peso della Massoneria. Così Gotti Tedesco ha passato un fine settimana a preparare un dossier di denunce delle porcherie della Chiesa e nel pomeriggio doveva prendere un treno per consegnarlo nelle mani del Papa, quando una irruzione della polizia ha trovato questo dossier nella sua borsa, mentre aveva minacciato di far avere ai media altre due copie consegnate ai suoi amici se gli fosse successo qualcosa. La polizia stava indagando sugli scandali di Finmeccanica e sui rapporti tra Gotti Tedesco e il suo amico e presidente Giuseppe Orsi e ha scoperto il dossier scoperchiando il tetto agli orrori vaticani. Non per nulla Padre Amorth, il più grande esorcista cattolico, ha dichiarato che il diavolo da esorcizzare è ben insediato in Vaticano (e poi qualcuno accusa Grillo di essere massone!!!).
Ci sono sempre state due chiese: una è quella dei fedeli, dei volontari, dei santi e dei martiri, e questa ci sarà sempre perché è la Chiesa spirituale, l’alta è la Chiesa delle alte gerarchie vaticane, sentina di vizi e di orrori, e questa Chiesa del potere materiale dovrà finire e finirà nella vergogna e del disonore.
..
Ma la cosa più divertente è che l’avvocato difensore di Gotti Tedeschi è il ministro Severino e siccome il Gotti Tedeschi ha ricevuto una perquisizione domiciliare quando era ancora presidente dello IOR, cioè di uno Stato estero legato all’Italia dai Patti Lateranensi, si sarebbe dovuta sollevare una eccezione di illegittimità internazionale, ma chi la sollevava? La Severino? Davvero una questione imbarazzante. Appena il conflitto di interessi è venuto fuori (ma Monti non si era vantato di non averne?) la Severino si è sospesa dall’incarico che è passato comunque a un altro avvocato del suo studio legale, ma questa protervia dei troppi avvocati onorevoli o ministri non finisce mai!!??

Per un giorno e mezzo il blog di Grillo è stato interrotto da attacchi di hacker

Corrado
Mi domando : perché questi hacker, non cercano di “scardinare” le banche di Svizzera per sapere i “nomi dei correntisti italiani ? Ed aggiungo anche lo IOR e SanMarino.

Locomotiva
Sicuramente infiltrati e a pagamento.
Le multinazionali del farmaco stanno utilizzando killer mediatici prezzolati contro la Nuova Medicina.
Questa sta facendo veramente tremare dal basso il market ed il business che produce miliardi di fatturato senza alcuna garanzia di sopravvivenza, anzi.
.
Una delle accuse è di aver favorito la medicina alternativa basandosi su una singola e rara frase di Grillo di molto tempo fa

Blogger
Non voglio entrare in merito a questa disputa, ci vorrebbero a disposizione miliardi di caratteri; ma almeno riportare alcune cifre sì.
Persone decedute nel mondo per cancro nel 2008 curate con medicina tradizionale: 7.600.000 circa (dati ufficiali).
Persone decedute nel modo fino al 2010 curate con la Nuova Medicina: 150 circa (non completamente dimostrate).
Persone decedute all’anno per malasanità in Italia: tra le 14.000 e le 32.000.
Questo preambolo non voleva parlare di medicina ma permettere di porre sotto la lente di ingrandimento la sommersa attività di ingaggio da parte delle lobby farmaceutiche di blogger, giornalisti ed opinionisti, finalizzata al discredito del “nemico/competitor”.
Diversi sono gli argomenti che meritano attenzione, momenti di critica o disaccordo, nelle affermazioni di Grillo ma un’uscita stringata e così misera nei contenuti riguardo alla Nuova Medicina ha il solo potere di svelare che dietro l’attacco ci sono altri interessi.
Del resto questa uscita non poteva e non voleva essere maggiormente dettagliata onde evitare di certificarne chiaramente la provenienza. Per loro è già importante che sul più frequentato Blog italiano cominci a serpeggiare subliminalmente una diffidenza nei confronti della Nuova Medicina.
In questo momento questi poveri pseudo Anonymous stanno bevendo birra con i quattro soldi raccattati.
..
Viviana
Certo ce ne vuole di faccia per attaccare il bicarbonato quando non c’è stato un giorno degli ultimi due anni e mezzo che non conti un caso di malasanità. La commissione d’inchiesta sugli errori sanitari in 29 mesi ha individuato 470 casi di malasanità segnalati, di cui 329 conclusisi con la morte del paziente. Vale a dire quasi 2,6 morti al giorno. Un bilancio in nero, dove a primeggiare sono tre regioni, Calabria, Sicilia e Lazio, che insieme totalizzano oltre la metà dei casi. Qui i presunti errori sanitari sono stati 326 (di cui 223 terminati con il decesso del paziente) e 144 le altre criticità (di cui 106 con morti). Più della metà, cioé 239, spettano a Lazio, Calabria e Sicilia dove la media complessiva è di 3,6 casi al giorno.
..
Grillo è accusato di avere distrutto la barriera corallina col suo yacht

Grillo non gira in Ferrari, ma con una Toyota prius ibrida, benzina ed elettrica.
E non ha nessuno yacht, aveva una barca a motore ma non ce l’ha più.
.
Camillo Amsterdam

Questo sito ‘Anonymous Italia’ non ha nulla a che vedere con l’Anonymous che ha oscurato siti come Vaticano, Pentagono, Wall Street, Enel, Equitalia…o aver fatto chiudere il sito della strage del Vajont o aver fatto l’intercettazione della Conferenza dell’ FBI, in quanto gli attacchi sono tecnicamente, politicamente e socialmente diversi .
Quali sono le accuse che si muovono a Beppe Grillo??? Da quello che leggo totalmente inesistenti e senza senso! Se anche fosse che Anonymous ha eseguito questo attacco voglio ricordare ai lor Signori che Beppe Grillo sta giocando in prima persona e visibile a tutti e sinceramente porta speranza. Non so se per voi significa qualcosa avere speranza nella vita! Chiedetelo ai morti suicidi in quanto senza speranza, magari potreste intercettarli nell’ aldila’!
Invece di attaccare tanto per farsi notare sarebbe utile a tutti che iniziaste ad attaccare siti tipo: Parlamento Italiano, Equitalia, Mediaset, Regione Lombardia, FMI. E visto che siete gente in gamba in materia di acker magari attaccare il sito di Goldman Sacks, Banca mondiale. Li si’ che ci sono argomentazione serie su cui confrontarsi e giusta causa!

Baruffe nei partiti e Monti più isolato
Pietro Visconti

Partiti sempre più ripiegati su stessi, Monti sempre più solo nella fatica immane di salvare e rilanciare il Paese. Il mercoledì nero delle nomine lottizzate alle Authority e dello scudo parlamentare opposto all’arresto di De Gregorio ha sottolineato la distanza del ceto politico dagli umori del Paese, dalla sua voglia di scelte improntate a criteri di autonomia e di uguaglianza. Trascorrono poche ore ed ecco all’orizzonte un altro segnale di arroccamento. Il ddl anticorruzione procede di un centimetro al giorno, per dargli una spinta il ministro Severino mette sul tavolo il ricorso alla fiducia, subito il Pdl la avverte che non ci si provi. È un potenziale cortocircuito sulla strada della maggioranza, su una materia che com’è noto B mettete da sempre in cima alla piramide dei suoi interessi. La sfida si gioca martedì alla Camera.
Il Pdl sembra finito in un labirinto autodistruttivo. Si sommano gli allarmi sul rischio di disgregazione. L’ultimo è di Schifani. A parole tutti d’accordo con il suo appello sull’operazione-verità e sulla necessità di tenersi lontano dal grillismo di dx. Domani vertice con B, che insiste sulla necessità di smontare il partito o quantomeno di puntellarlo con una lista civica in grado di riaccendere il feeling con gli elettori.
Grane, di altro tipo, anche nel csx. Mentre Bersani prepara l’annuncio ufficiale delle primarie, ergo della sua candidatura a premier del 2013, Di Pietro mette in discussione l’alleanza con lui. E ripete un ritornello che gli è caro: sulla giustizia il Pd assomiglia troppo al Pdl. Accusa sanguinosa, irricevibile per i democratici. E infatti c’è subito chi gli risponde: di questo passo, meglio dirsi addio.
Solitario, Monti ricorda a chi lo vuol ascoltare che ci sarebbe appunto un Paese al quale dedicare ogni sforzo, perché “i momenti difficili purtroppo non sono alle spalle”. In troppi invece sembrano illudersi del contrario.

Su quel testo, riveduto e corretto dal ministro Severino rispetto al ddl varato dal suo predecessore Angelino Alfano, va in onda da giorni una strana manfrina. Alla Camera, prima in Commissione e poi in aula, i partiti della “strana maggioranza” discutono e si accapigliano sulle questioni più diverse. Alcune anche interessanti (l’incandidabilità dei condannati per delitti non colposi) altre quasi irrilevanti (la white list delle imprese virtuose depositate presso le Prefetture). Ma al di là delle schermaglie di superficie, su un tema di fondo tutti sembrano d’accordo: la riforma del reato di concussione, che anche nel testo corretto dalla mediazione del Guardasigilli, di fatto esce dal nostro ordinamento.

LO SCANDALO DELLO SPACCHETTAMENTO DELLA CONCUSSIONE PER DEPENALIZZARE B E LE MAZZETTE
LE TANGENTI DIVENTANO ‘DONAZIONI’ E SONO PURE DEFISCALIZZATE

Massimo Giannini

L’articolo 317 del codice penale viene riscritto, per volontà condivisa del cdx e del csx, che si appellano a una bugia: “Ce lo chiedono l’Ocse e l’Europa”. La verità, come ha spiegato più volte il direttore del Servizio studi Davide Bonucci, è che “l’Ocse non ha mai chiesto all’Italia di eliminare la concussione”. Poco importa. La “riforma” va fatta. Il Pdl lo esige, il Pd lo tollera. Il testo attuale prevede una pena fino a 12 anni per chiunque, abusando della propria posizione di pubblico ufficiale, induce o costringe un altro soggetto a fornire denaro o altri vantaggi per sé o per un terzo. Il nuovo testo spacchetta questo reato, e lo riconfigura in due reati diversi: la concussione “per costrizione” (per la quale la pena massima resta di 12 anni ma la minima sale da 4 a 6) e la “indebita induzione” (per la quale la pena si riduce da un minimo di 3 a un massimo di 8 anni).
L’impatto di questa modifica è devastante. Riduce ulteriormente i tempi della prescrizione, già pesantemente abbattuti dalle leggi ad personam (come la ex Cirielli) imposte al Parlamento da B per fuggire dai suoi processi. Questa sì, una prassi per la quale l’Europa ci ha più volte accusato. Di Pietro, con una forzatura storica, parla di “un colpo di spugna” simile a quello tentato dal Cavaliere nel ’94. L’ex pm esagera. Ma l’effetto di questa riforma, sui procedimenti in corso, rischia comunque di essere pesantissimo. Sul “padre di tutti i processi”, innanzitutto: il Ruby-gate, che a Milano vede coinvolto proprio B. Reato di prostituzione minorile. E reato di concussione per induzione, per la famosa telefonata alla Questura, in cui l’allora premier chiese il rilascio della ragazza perché “nipote di Mubarak”. Con la riforma che potrebbe passare entro l’estate, questo processo rischierebbe di saltare: lo paventano gli stessi Pm di Milano.
Ma c’è un altro processo che, con questa legge, finirebbe al macero: quello che riguarda Filippo Penati, accusato di concussione per le aree ex Falck. Con la riformulazione del reato, anche l’ex coordinatore della segreteria di Bersani sarebbe salvo: l’ha detto ieri al “Sole 24 Ore” il pm di Monza, subito dopo aver emesso il provvedimento di chiusura indagini nei confronti dell’ex presidente della provincia di Milano. Se arriva la riforma, il reato addebitato a Penati risulterà estinto a fine 2012: “E io chiudo la baracca”, è la conclusione di Walter Mapelli. Ma questo allarme non fa notizia. Nessuno si scandalizza. Nessuno, in Parlamento, si interroga sugli effetti pratici di questa riscrittura del codice. Alla vigilia della probabile fiducia che il governo porrà la settimana prossima, Pdl e Pd litigano su tutto, ma concordano sul via libera al testo votato in Commissione (quello che elimina, appunto, l’attuale concussione per induzione).
Due indizi non fanno una prova. Ma ce n’è abbastanza per chiedersi se questa riforma, per com’è formulata, sia davvero giusta e opportuna. Solo in quest’ultima legislatura, i parlamentari indagati e/o condannati per corruzione, concussione, truffa e abusi d’ufficio sono stati 90, di cui 59 del Pdl, 13 del Pd e 8 dell’Udc. Nello stesso periodo, gli amministratori locali coinvolti in inchieste giudiziarie per gli stessi reati sono stati circa 400, di cui 110 del Pd e quasi il triplo del Pdl. La nuova norma impatta su tutti i processi in corso per concussione, che sono quasi un terzo dei 90 nei quali sono coinvolti politici nazionali e più della metà degli oltre 400 in cui sono imputati i politici locali. Se questa è la realtà dei fatti, si giustifica una riserva mentale: evidentemente forse questa riforma conviene a molti.

Ma proprio questo è il punto. La stagione delle “guarentigie” improprie, a vantaggio di questo o quel potente, è finita per sempre. Se ci sono accordi da fare, avvengano almeno alla luce del sole, perché i cittadini-elettori li possano conoscere e valutare. La giustizia è un nervo scoperto della nostra democrazia. Non può più essere merce di scambio. Qualunque “patto segreto”, su questo terreno, sarebbe scellerato.

LA CADUTA DELLE IDEOLOGIE
Viviana Vivarelli

Dovreste mettervi tutti in ginocchio e ringraziare il cielo che vi ha mandato Grillo con i suoi improperi e le sue battute e non vi ha mandato un vendicatore che sollevava un partito nazista o dava il via a una stagione di bombe e di attentati! Voi non vi rendete nemmeno conto di quale parafulmine sia Grillo e di come stia salvando l’Italia dirottando la furia e la rabbia popolare non in un massacro ma nella progettazione positiva e costruttiva della nuova Italia. Contro questa costruzione che decentra la rabbia e la fa diventare utopia, speranza e progetto, possiamo temere non Grillo e nemmeno le br che sembrano tutti diventate piddine ma che le ombre oscure della P2, della Cia o del peggio che c’è che potrebbero dare inizio a un nuovo tetro programmi di stragi di Stato.
Insensato negare il fortissimo input democratico del web. Ridicolo e da dinosauri. Il web è dialettica e multiforme, ha memoria storica contro le balle della disinformazione, svela complotti e complottardi, menzogne e menzogneri, contraddizioni e complicazioni, informa e fa crescere, obbliga a un confronto continuo che è la base fondante della conoscenza, fa uscire all’ombra ciò che si nasconde, rivela ciò che il potere non vuole manifestare. Se democrazia è trasparenza e luce, il web è il sole che permette una conoscenza più chiara, un giudizio più obiettivo, una scelta migliore, contro tutte le oscurità volte e imposte da qualunque potere dittatoriale.
Il web è talmente legato al concetto e alla pratica della democrazia che quando sono state afferrate le sue profonde possibilità, ci siamo illusi, assurdamente, in nome di velleità giovanili, che i comunisti e gli anarchici fossero i primi a capirne le incredibili implicazioni, per accorgermi immediatamente dopo che essi erano, al contrario, i più fieri nemici di questo strumento e che, invece di usarlo per diffondere le loro idee per un mondo migliore contro un potere neoliberista perverso, si affannavano solo a farne un uso distruttivo per sabotare o demonizzare idee altrui, spregiando e diffamando quello stesso strumento di internet che stavano usando, perché esso permetteva l’avanzare di idee migliori delle loro, riducendosi così a livello di piccoli difensori di piccole botteghe.
B rifonda il partito
Sì, “direttamente dal mausoleo”
Toccò il suo massimo col 38,5%
oggi i sondaggi lo danno al 17%. Porta pure sfiga.
La Lega toccò il suo massimo storico a Cuneo nel 1996 col 32,53%
Oggi è crollata al 4,6%
Monti non vediamo l’ora che se ne vada. Non ha sortito un solo risultato positivo che sia uno e ha portato alla rovina totale il paese.
La Margherita è sparita
La Federazione delle Sinistre non decolla
Fini pensa di attaccarsi a qualche partito perché da solo non fa niente
I radicali non contano
I moderati sono inesistenti
L’UdC si è sciolta
Di Pietro è bloccato al 7,8% e di lì non si muove
Cresce pianissimo Vendola tra molti se e molti ma
Il nuovo che avanza Civati e Mattei non convince

Se non ci fosse il M5S che apre qualche speranza, la situazione politica italiana sarebbe tragica. Si ha una bella voglia ad attaccarlo! Alla fine è da criminali, visto il disastro completo del Paese.

L’ORRIDO GIOVANARDI

Carlo Giovanardi, detto “acuzia”, è il paladino del deposito di stoccaggio del gas di Rivara. Con 20 morti, 54 Comuni lesionati e 77.000 imprese in ginocchio, ha detto che le scosse sono state “irrilevanti”.Le stesse parole della ERS. Evidentemente,in questo mondo di ladri, solo il lucro è “rilevante”.
A marzo, in preda all’entusiasmo aveva detto: “Dopo anni di istruttoria e di approfondimenti la valutazione di impatto ambientale del Ministero dell’ambiente… con un poderoso ed articolato documento ha autorizzato la società a investire 20 milioni di € per una fase di accertamento preliminare della assoluta sicurezza dello stoccaggio in acquifero a 3 km di profondità. La Regione Emilia-Romagna ha già rifiutato l’intesa a fare la ricerca sostenendo che i tecnici regionali paventano rischi di terremoto. A questo punto il ruolo degli organismi tecnici nazionali viene svuotato di ogni funzione se persino la ricerca scientifica può essere preclusa dalle autonomie locali con una visione a giudizio degli interroganti ‘oscurantista’”
E ancora: “Voglio sapere quali iniziative il Governo intenda intraprendere per sbloccare la situazione e non dimostrare davanti al mondo che in Italia si ostacola persino la ricerca scientifica”.
Giovanardi è quello che voleva chiudere le discoteche contro le stragi del sabato sera, che ha combattuto l’omosessualità dicendo che un bacio tra donne in pubblico è come fare la pipì per strada, è l’idiota patentato che ha dichiarato che Cucchi è morto perché anoressico e che in ogni caso meritava la morte perché si drogava. Che ha detto che è obbligatorio usare gli animali come cavia per la ricerca. E sulla crisi economica che la colpa è dei froci. Ora ha proposto di aiutare i terremotati con una tassa sugli sms.
“L’esistenza di Giovanardi è una vergogna per me. È un pericolo per la credibilità della mia Chiesa”(Dio su Giovanardi)
Ci sono persone per cui il carcere sarebbe poco. Ci vorrebbe la scomunica. O almeno l’interdizione a vita.
.
LE SCOSSE CONTINUANO

Le scosse continue (638 dal 29 maggio, 7 oltre magnitudo 5) costringono a ripetere i censimenti per verificare i danni
– in un’area con quasi un milione di abitanti,
– dove lavorano 343.000 persone
– in 77.000 imprese e
– dove studiano 50.000 ragazzi
– quasi 270 le scuole lesionate.
– I comuni interessati dal sisma sono 54.
Dalla prima scossa del 20 maggio sono state compiute già 19.890 ‘verifiche speditive’ sugli edifici colpiti: entro una settimana – annuncia in Aula l’assessore alla Protezione civile, Paola Gazzolo – si prevede di terminare le restanti 13.976 prime verifiche, anche se il secondo terremoto ha reso indispensabile ripeterne molte già fatte dopo il primo sisma. Il ritmo è stato di 1.500 al giorno e aumenterà, grazie ai Vigili del fuoco (fino a ieri 1.150 e da oggi 100 in più), ai tecnici regionali e delle Università, in crescita anche loro. Così come aumenta il lavoro dei 1.500 volontari di Protezione civile, più altri contributi (Vigili del fuoco, Enti locali, Forze armate e dell’ordine): sono oltre 4.500 le persone impegnate. Difficile calcolare tutti gli sfollati, con tanti centri storici evacuati, chiusi in ‘zona rossa’, ma la Protezione civile ha posto per 15.754 persone e ora ne assiste 12.180: oltre novemila in 35 campi, quasi tremila in scuole o palestre, il resto in albergo (diecimila posti usati in parte).
.
FRACKING Wikipedia

La fratturazione idraulica, spesso denominata con i termini inglesi fracking o hydrofracking, è lo sfruttamento della pressione di un fluido, in genere acqua, per creare e poi propagare una frattura in uno strato roccioso. La fratturazione, detta in inglese frack job (o frac job), viene iniziata da una trivellazione eseguita in una formazione di rocce petrolifere, per aumentare l’estrazione e il tasso di recupero del petrolio e del gas naturale contenuti nel giacimento.
Le fratture idrauliche possono essere sia naturali che create dall’uomo; esse vengono create e allargate dalla pressione del fluido contenuto nella frattura. Le fratture idrauliche naturali più comuni sono i dicchi e i filoni-strato, oltre alle fessurazioni causate dal ghiaccio nei climi freddi. Quelle create dall’uomo vengono indotte in profondità in ben precisi strati di roccia all’interno dei giacimenti di petrolio e gas, estese pompando fluido sotto pressione e poi mantenute aperte introducendo sabbia, ghiaia, granuli di ceramica come riempitivo permeabile; in questo modo le rocce non possono richiudersi quando la pressione dell’acqua viene meno.
Le tecniche di microfratturazione idraulica del sedimento possono, in taluni casi, generare una micro-sismicità indotta e molto localizzata. L’intensità di questi micro-terremoti è di solito piuttosto limitata, ma ci possono essere problemi locali di stabilità del terreno proprio perché i sedimenti sono superficiali. Sono stati comunque registrati alcuni terremoti indotti superiori al 5° grado della Scala Richter, ad esempio nel Rocky Mountain Arsenal, vicino a Denver in Colorado, nel 1967 fu registrato un terremoto indotto di magnitudo 5.5.
Alle ore 6,40 di mercoledì 6 giugno nuova scossa di terremoto di 4,5 gradi con epicentro vicino a Ravenna.
E’ tragico. Questo vuol dire che l’economia non si riprenderà più.

http://www.savonanews.it/2012/06/05/leggi-notizia/argomenti/attualit/articolo/terremoto-quanti-pozzi-di-petrolio-e-gas-ci-sono-in-emilia-romagna-concorso-senza-premi.html

Quanti pozzi di petrolio e gas ci sono in Emilia Romagna? Lo sconcertante risultato: 1697

Contro le negazioni aberranti di ministri e società petrolifere è possibile veder i dati ‘ministeriali’ dei pozzi esistenti e di quegli stoccaggi di gas che con il loro gonfiarsi e sgonfiarsi stagionale tanto bene fanno alla superficie padana (abitata) e all’attività sismica. Purtroppo mentire sembra non sia un reato e se a farlo sono ricche società petrolifere o governi i giornali devono adeguarsi e diffondere le loro menzogne. Del resto gli Sati uniti sono ben presenti a ricordare come si ingannano i popoli e come i Governi facciano anche le guerre con cause fittizie per arricchire le lobbie.

E dove sono? Proprio in Emilia Romagna.
E questo è il grafico ministeriale degli stoccaggi

in cui l’Emilia Romagna è sempre al primo posto. Vedi dichiarazioni di negazione dei ministri Clini, Cancellieri e Passera. Vedi anche la pronta cancellazione ‘dall’alto’ della pagina che vorremmo leggere. Le notizie sono top secret. Chi le diffonde viene minacciato. La tv tace e i giornali si defilano. Non esiste un solo programma di ‘informazione’ tv, o talk show, che parli di questo argomento. Si deve parlare di Pizzarotti o Tavolazzi o Chi o Sausson, in un’opera di decentramento collettivo. Sono questi i temi obbligati a cui una massa di troll dà il suo contributo solerte, perché se fosse provato che da 10 anni i governi hanno venduto l’Italia alle società petrolifere americane a costo di distruggere territorio e popolazione che Monti si era accodato rapidissimo a questo proposito criminale sarebbe la rivoluzione civile.
Supponiamo che dagli anni ’50 ma anche prima la pianura padana sia stata pesantemente sfruttata dall’AGIP per i giacimenti di metano. Un sacco di metano. Sottoterra di un bel paio di km e ad altissima pressione. Immaginiamo che i pozzi di trivellazione, che non noti rasoterra, siano molti, molti di più di quelli che stiamo immaginando. Centinaia…Pensiamo a una terra prima svuotata nelle sue viscere come in palloncino sgonfiato, con numerose faglie. Faglie note dai tempi del duce, o da quando l’AGIP ha iniziato a cercare forsennatamente. Mattei è stato ucciso perché voleva che il gas italiano restasse italiano e non fosse venduto per un pugno di niente alle 7 sorelle. Ipotizziamo adesso che accanto a giacimenti svuotati, sgonfi, qualcuno decida di usarne altri come serbatoio sotterraneo per il metano che ormai arriva dall’Africa e dall’ex URSS. Dove metterlo, quando non ne serve tanto? Sottoterra, la dove ce n’era. Depositi che d’inverno si svuotano perché c’è bisogno di gas per il riscaldamento e d’estate si riempiono, su e giù. Cosa potrebbe succedere in superficie? Spaccature, sprofondamenti, terremoti?E non se ne accorgerebbe nessuno? No, se i controlli fossero fatti dagli stessi che ci guadagnano. E’ una cosa tipicamente italiana questa, che controllore e controllato coincidano. Che si fa? Si dichiara zona sismica? Sei matto? Come dice Buttiglione: “Il progresso non deve fermarsi, il paese ha bisogno di energia!” Magari il paese ha bisogno di verità, di sicurezza, di vita e di futuro. Ma chi gestisce il gas pensa solo al lucro e dopotutto siamo sempre rimasti sudditi dell’America. Si è liberata la Germania, si è liberato il Giappone, ma è rimasta schiava l’Italia, con le sue 113 basi militari americane, le sue 90 bombe atomiche americane e ora un Monti, esecutore della Goldman Sachs che è tonato da Camp David vantando che l’Italia è la chiave di volta dello scudo atomico americano sull’Europa che con rapida prontezza ha firmato. E coi terremoti cosa si fa? Basta negare. Questo è un popolo che ha creduto per 20 anni alle balle di B e a quelle del Pd. Figuriamoci se non crede che non esistono pozzi! Gli americani fanno scuola. Hanno creduto da due secoli alle più grandi balle governative! Basta avere dalla propria parte giornali e televisione ed è un giochetto da bambini.
In questa vecchia cartina dell’ISPRA i giacimenti sono indicati

Una faglia è un crepa che si apre dal sottosuolo tra due strati della torta geologica. Vi pare possibile che si trivelli proprio vicino a una faglia?Eppure è che quello che ha fatto Agip anche se la conosceva dal 1960. Sapete dov’è questa faglia? A Novi Modena. Il governo giura che non ci sono pozzi. FALSO! Già al tempo di Mattei ce n’erano 4, sempre visibili su una cartina dell’Ispra fino a 1940 m di profondità. Altri pozzi, guarda caso, sono presso Medolla.

Qui troviamo il pozzo di Camurana.
Se almeno questo gas fosse venduto alle multinazionali americane per un prezzo decente saremmo ricchi, invece questi traffici sono fatto per due soldi e a maggior beffa il governo che fa per trovare i soldi per il terremoto? AUMENTA LA BENZINA!!!??
Certo i capannoni sono crollati perché i tetti erano appoggiati sui pilastri senza giunti meccanici, ma perché la zona colpita fino al 2003 era considerata non sismica? Quando tutto il territorio italiano è sismico ma un governo dopo l’altro se ne fregano, facendo il contrario di quanto si fa da sempre in Giappone? Anzi si premia l’abusivismo edilizio con progressivi e allegri condoni, e si perpetua il dissesto dei fiumi, le frane delle montagne, l’inquinamento più totale… nel totale e spensierato abbandono del territorio, con un governo che invece di investire sulla sicurezza idrogeologica del paese anche ora pensa solo alle grandi opere come i 25 miliardi per 3 inutili autostrade fortemente volute da Pdl e Pd, o la Tav in Valsusa fortemente voluta da tutti i partiti e per 1° il Pd, o il ponte di Messina mai cancellato e riconfermato dal governo Monti che in Puglia forza Vendola alla privatizzazione dell’acquedotto calpestando il referendum, e nel Lazio ordina assurde discariche o incineritori assassini.
Siamo un paese in ritardo sulle più elementari norme di sicurezza e quelli come Buttiglione cianciano di ‘progresso’! Progresso è arricchire le sette sorelle ma far morire i cittadini sotto le macerie! Che senso ha costruire pure edifici antisismici, se poi il terreno collassa per svuotamento sotterranei e le esplosioni occulte fanno risalire geiser di acqua bollente e fango a inondare i paesi per liquefazione del terreno spaccando pavimenti e strade? Perché un mese prima del sisma dai pozzi usciva acqua bollente? Cos’era accaduto in profondità?
“La sabbia che diventa fango e si mangia un intero paese: case che sprofondano in modo irreversibile senza che nessun intervento umano possa fermare o almeno rallentare il fenomeno. E’ la liquefazione del suolo, uno degli effetti del terremoto che ha colpito l’Emilia Romagna, effetto che sa di sentenza di morte per San Carlo di Sant’Agostino, paese in provincia di Ferrara. Paese condannato a sprofondare.
Il ministero dello Sviluppo economico ha avviato le procedure di rigetto del progetto di stoccaggio del gas presentato dalla Erg a Rivara in provincia di Modena. Con questa dichiarazione il Governo Monti pensa di decentrare l’attenzione. Il problema gravissimo è che queste decisioni che costano la distruzione di intere zone del paese sono prese in una totale omertà di partiti e governi “senza fare sapere mai nulla alla popolazione”. Avete voi sentito il Pd o il Pdl o qualunque altro partito. anche durante questo terremoto fare qualche domanda, presentare qualche interpellazione, chiedere qualche commissione di indagine che spieghi a questo paese che cosa sta succedendo? Il silenzio è totale. Ad aprire i giornali o i loro blog sembra che l’unico grave problema del paese sia che Pizzarotti abbia concesso una intervista a Chi o se i detenuti potranno lavorare alla ricostruzione. Una omertà spavento unisce in un complotto comune governo, partiti e giornali, con la tv in testa a tacere sulle domande che invece riempiono i web e a cui nessuno dà assolutamente risposta.

Ora voi guardate le date. La Ers presenta pure con scarse garanzie e col veto di Errani il progetto di questo enorme deposito sotterraneo di gas. La Regione ha già posto il veto perché nel progetto non ci sono le garanzie minime di sicurezza a causa di rischio sismico (non di blocco delle falde acquifere come erroneamente qualcuno ha scritto)
Il 28 febbraio il Ministro dell’Ambiente Clini fa un decreto per dare il via libera con la sua approvazione alle attività di ricerca che serviranno a verificare la sicurezza
Clini riconferma il 28 maggio. Alcuni responsabili di Ers dichiarano che stanno facendo test di ricerca da “un anno”! Alla fine anche il ministro Clini dice no al deposito gas di Rivara. Chiaramente mettersi a fare altri test proprio in mezzo alla zona terremotata non sta molto bene. Ma i cittadini ne hanno mai saputo qualcosa? I partiti li hanno avvertiti di qualcosa? Bersani che è di Bettola, pr. di Piacenza si è degnato di dircene qualcosa? Il 1° giugno Erg Rivara Storage (Ers) ribadisce che nonostante il sisma di 5.9 della scala Richter porterà comunque avanti il progetto del deposito di gas!!?E’ questo il “progresso” decantato da Buttiglione?Sono queste le intenzioni di questo governo guidato dal “tanto cattolico” Monti?!
Nella foto il fenomeno della liquefazione con subsidenza, cioè abbassamento del terreno a cui gli edifici sismici migliori del mondo gli fanno un baffo!

Alla fine di maggio nelle campagne attorno a Ferrara ci sono state le ricerche di metano da parte di una società statunitense, la Aleanna Resources (Ferrara, Copparo, Formignana, Masi Torello, Voghiera e Ostellato). In questa prima fase la società ha costruito una cartina mineraria del sottosuolo creando dei micro terremoti con particolari camion. Tutto con l’autorizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico e dalla Regione. L’Aleanna Resources è una multisocietà americana con sede in Texas. Si prevede che le ricerche della Aleanna Resources provocheranno danni alle tubazioni e alle strade, tanto che la società stessa promette già il risarcimento. Nasce un comitato contro le trivelle per uno sviluppo sostenibile del territorio. Ma se la società trovasse metano, scatterebbe la fase 2 della trivellazione del suolo fino a 3 chilometri e mezzo e si partirebbe coi pozzi di estrazione. Per la cessione del gas italiano alla società del Texas lo Stato prenderà una cifra miserevole, il 10% sulla cifra eccedente i 25 milioni di m3 annui, gli enti locali pressoché niente; alcuni cittadini saranno espropriati dei propri terreni; chi avrà i terreni confinanti con i pozzi probabilmente non potrà continuare nella produzione agricola di qualità che caratterizza il territorio.. e avremo il magnifico fenomeno della subsidenza, ovvero abbassamento della superficie terrestre causato da cambiamenti che avvengono nel sottosuolo. con gli effetti che immaginiamo sulle costruzioni sovrastanti, sia che esse siano costruite con perfetti criteri antisimici oppure no.
E ora la balla del secolo: “I giacimenti esauriti e lo stoccaggio di gas sotterraneo non c’entrano niente con i terremoti. Garantisce Federpetroli” !
Negli Stati Uniti la correlazione tra ricerche con frantumazione delle rocce del sottosuolo e stoccaggio sotterraneo di Gas è ormai conclamata. Solo che se sopra ci son case che crollano e gente che muore come qui, è un po’ diverso…
Per l’ennesima volta, di fronte ad un terremoto i capannoni crollano e gli operai muoiono. Di fronte alle alluvioni i fiumi straripano e i bambini muoiono. Di fronte al profitto gli squali speculano e le persone muoiono.
“E’ il progresso, bellezza!” NO, non è il progresso che avanza, è la barbarie!
Criminali è l’unica parola che può venire in mente.
Operai sono morti, e i cantieri riaprono senza controlli, analisi, e senza identificare i responsabili. Produrre produrre produrre…
E’ chiaro che anche al lavoratore conviene la riapertura il prima possibile, altrimenti non mangia. Ma il prima possibile non significa senza criterio.
Perché, invece di fare controlli accurati sulle strutture e rimettere tutto a norma, investendo quei soldi che dovrebbero essere destinati ai lavoratori e non a finanziare 4 guerre, o a ingrassare i nostri politici, si preferisce riprendere a produrre ad occhi chiusi? La risposta è una sola: il profitto dei pochi sulla salute dei molti”
Siamo arrivati al punto da obbligare i lavoratori a tornare a lavorare sotto i capannoni a rischio pena il licenziamento e, se torneranno, dovranno firmare che se ci creperanno sotto “la colpa è loro”! I morituri del Colosseo se la passavano meglio!
..
IL DECRETO INFAME CHE ESENTA LE ASSICURAZIONI DAI DANNI DEL TERREMOTO

Il 15 maggio,proprio mentre Monti visita l’Aquila accolto dagli applausi della folla (ma che applaudono a fare!?),il suo Governo decide a tavolino di approvare il decreto legge n° 59 (e dov’era la necessità ed urgenza?), entrato in vigore il 17, che prevede che lo stato di emergenza per calamità naturali non duri più di 60 giorni e che sia prorogabile per altri 40 al massimo. 100 giorni di assistenza, il tempo necessario per fornire il primo soccorso, montare le tende,recuperare i cadaveri, assistere i feriti. Ad occuparsi della ricostruzione chiaramente non sarà nessuno o perlomeno non sarà lo Stato, nemmeno indirettamente. Il suddetto decreto infatti prevede la copertura assicurativa obbligatoria del rischio di calamità naturali dei fabbricati privati,svincolando lo Stato dall’obbligo formale e sostanziale di aiutare i cittadini colpiti.
Il problema è che i premi che garantiscono alle assicurazioni il tot finanziario per poter risarcire gli assicurati da certi danni non solo non sono equi,ma sono fraudolenti quanto gli interessi bancari. L’assicurazione stipula i contratti solo se le conviene e questi sono aleatori solo per gli assicurati,che hanno la certezza solo di quello che devono pagare.E i loro soldi poi saranno investiti proprio nelle stesse operazioni speculative che hanno costretto l’Italia ad accettare un governo di tecnici, quello che finora ha favorito solo banchieri,assicurazioni, fondazioni,magnati, corrotti ed evasori.

Quanto lo dovremo sopportare ancora un governo simile? Non bastano i danni che ha già fatto? Dobbiamo continuare con dichiarazioni menzognere e ricette suicide finché non saremo morti tutti? Per quanto tempo il pavido Bersani proverà a evitare le elezioni perché ha il terrore di governare e continuerà a venderci alla Bce o agli USA o al FM o alla Goldman Sachs?
Davanti al terremoto Monti ha detto: “Faremo tempestivamente quanto è necessario”. Con che faccia dichiara questo,quando ha appena fatto un decreto che dice esattamente il contrario?
.
Dominijanni
Dalle mie parti un ingegnere è morto in seguito ad una alluvione. Il commento di chi lo conosceva personalmente e professionalmente: è stata vittima delle sue “stesse” cazzate.
..
RIDICOLE ARMI DI DISINFORMAZIONE DI MASSA

Ma vi rendete conto che mentre una sola domanda attraversa il web fatta dai cittadini italiani, ed è se il terremoto che continua a imperversare in Emilia ha tra le sue concause le trivellazioni fatte da multinazionali americane…
e governo, partiti, giornali, televisione e vari servi del regime disseminati nei blog a scopi disinformativi non fanno che decentrare l’attenzione su due domande micidiali:
-come mai Pizzarotti ha fatto una intervista con Chi
-e se i detenuti debbano lavorare alla ricostruzione!!????????

RIDIAMARO :- )

Viviana
B è morto ma ancora dice delle stronzate
E’ lo sciame sismico
..
Bersani: “A Parma abbiamo non vinto”
Ora andranno alle non elezioni.
..
Spinoza

Formigoni dice di avere un coinquilino da 20 anni
Dobbiamo considerarla una coppia di fatto?
Nel dubbio chiedere a Buttiglione

http://masadaweb.org

4 commenti »

  1. Sarò brutale ed apparentemente riduttivo e cinico, ma dal punto di vista storico culturale, se ci troviamo in questa situazione tragica e paradossale (unica nel suo genere seppur in una crisi mondiale) lo dobbiamo a due grandi puttanieri, uno vissuto un secolo e mezzo fa, talmente rozzo che si dubitava persino fosse figlio autentico della dinastia, in quanto frequentatore di stamberghe, prostitute e cacciatore ossessivo (erano le sue principali occupazioni, e nonostante questo la retorica risorgimentale di stato lo ha definito Re Gentiluomo e Padre della Patria), l’altro puttaniere, molto più recente e con nulla di storico e dinastico, era un piazzista e pianista che ha fatto i soldi in modo molto dubbio ed è riuscito a realizzare il suo sogno (parandosi anche il posteriore da rischi legali, penali e finanziari che incombevano su di lui) di diventare responsabile della politica italiana (una specie di reucolo), il quale avendo concentrati i pochi neuroni nel prepuzio ed essendo privo di autorevolezza e competenza, poteva solo dispensare sorrisi artificiali e rassicurazioni di prammatica, negando l’evidenza della grave crisi incombente, portando la società italiana allo sfascio sia per immoralità che per incompetenza …

    Ringraziate quindi i due puttanieri, i quali per la loro indole ed i loro limiti non potevano che:

    – il primo porre le premesse per portare il paese a puttane;

    – il secondo farlo materialmente e con risultati al di sopra di qualsiasi immaginazione …

    claudio martinotti doria

    Commento di MasadaAdmin — giugno 10, 2012 @ 12:13 pm | Rispondi

  2. Piero Lisadri manda:
    REUTERS/NASA Goddard Space Flight Center

    Il tempo adesso è davvero poco: o smettiamo di maltrattare il nostro pianeta o questo si ribellerà, con conseguenze che potrebbero essere catastrofiche. E’ la sintesi di uno studio pubblicato su Nature da Anthony Barnosky, un biologo dell’ Università della California.

    Secondo Barnosky la Terra è vicino al punto di non ritorno e si sta preparando ad affrontare i cambiamenti più drammatici e radicali da 12.000 anni a questa parte, da quando cioè i ghiacci hanno inziato a ritirarsi alla fine dell’ultima glaciazione.
    Secondo Barnosky e i suoi colleghi il problema è causato dall’eccesiva pressione alla quale stiamo sottoponendo il pianeta: a un certo punto, impossibile da prevedere, qualcosa si rompe scatenando una serie di reazioni a catena i cui effetti devastanti si amplificano un passaggio dopo l’altro. (Tutti pazzi per la Terra: le più folli proteste a favore dell’ambiente)

    L’esempio più eclatante di queste trasformazioni è il quasi totale azzeramento delle superfici ghiacciate: poco meno di 3000 anni fa la Terra era coperta per il 30% da una coltre di nevi perenni. Oggi queste sono quasi del tutto scomparse.
    E il maggior numero di estinzioni nella storia del pianeta si è consumato negli ultimi 1600 anni. Tutta colpa dell’uomo? Secondo Barnosky, sì. La razza umana ha causato, ed è tutt’ora la causa, di mutamenti climatici e ambientali rapidissimi: la CO2 nell’atmosera è aumentata del 35% negli ultimi 250 anni, le superfici coltivate o cementificate sono ormai il 43% del totale delle terre emerse e la popolazione ha sfondato il tetto dei 7 miliardi di individui.
    Negli ultimi 200 anni insomma, abbiamo sottoposto la Terra a uno stress molto più elevato di quello che ha scatenato gli ultimi grandi cataclismi. (Guarda in questo multimedia l’impatto dell’uomo sul pianeta)
    Ma quali potrebbero essere le conseguenze di tutto questo? Difficile dirlo. I ricercatori ipotizzano estizioni di massa, radicali cambiamenti nelle specie che sopravviveranno per adattarsi alle nuove condizioni e massicce migrazioni. Insomma, uno scenario da “alba del giorno dopo”. (Ecco gli impianti energetici più inquinanti del mondo)

    Fino ad oggi tutti gli appelli all’adozione di uno stile di vita a minor impatto ambientale sono rimasti inascoltati: secondo gli scienziati entro il 2025 circa il 50% delle terre emerse sarà colonizzato in qualche forma dall’uomo e per il 2050 la popolazione avrà raggiunto i 9 miliardi di individui. (Scopri come vivere più green scegliendo i prodotti giusti)
    “Vorrei che tra 50 o 100 anni il mondo fosse ancora come oggi, se non un po’ migliore” spiega lo scienziato ai media. “Siamo a un crocevia, e se non cambiamo qualcosa, adesso, lasceremo un pessimo futuro alle prossime generazioni”

    Commento di MasadaAdmin — giugno 10, 2012 @ 12:14 pm | Rispondi

  3. Provo tenerezza ed ammirazione per te. Però attenta a dare il vino a chi ha difficoltà a digerire il latte.
    In tanti, adesso, sono sintonizzati sulle dieci antenne.
    I dormienti si sono svegliati.
    Ricorda sii modello
    Paolo

    Commento di MasadaAdmin — giugno 10, 2012 @ 2:54 pm | Rispondi

  4. Caro Paolo
    ho troppi difetti per fare da modello, vedrò quel che potrò
    viviana

    Commento di MasadaAdmin — giugno 10, 2012 @ 2:54 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: