Nuovo Masada

maggio 17, 2011

MASADA n° 1293 . 16-5-2011. Colpo grosso a Gotham City!

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 7:14 am

Amministrative 2011: perde Berlusconi a Milano, Torino e Bologna- Grande successo del M5S – La Sardegna rifiuta il nucleare col 98%! – Strauss-Kahn direttore del Fondo Monetario internazionale arrestato per stupro- Arrestato parroco genovese per pedofilia e spaccio di cocaina – Le idiozie di Tremonti – Vinti dai debiti – Sondaggio sull’eutanasia in Svizzera

Espressione di un berlusconiano a Milano: “Che tramvata!”

Ippolita: “Ne danno il triste annuncio.
“Datemi 53mila preferenze oppure la sinistra mi farà il funerale. E’ inimmaginabile che una città come Milano vada alla sinistra … Vinceremo al primo turno”.
.
Titolo di Gad Lerner: “La breccia di Pisapia”. Dietro la grande foto della Moratti con un occhio nero.
..
Salvatore
Berlusconi sarà lì che dice: “Le toghe rosse sicuramente hanno fatto brogli con le schede elettorali a favore di Grillo e del centro sinistra”
..
Il centrodestra deflette. E’ l’inizio del crepuscolo.
..
Mentana:
Io Berlusconi a fare le valige non ce lo vedo
Sarebbe come vedere Gheddafi partire con un volo di linea

Il grillino Bugani a Bologna ha il 10%
ha fatto fuori anche Il candidato di Casini
Tanta fatica per ammanicarseli tutti e trescare con la Chiesa e con la mafia e poi arriva un grillino a ti fa fuori!
..
Mentana ha fatto sei ore di diretta e poi ancora è andato da Lerner.
..
Viviana 🙂
Quando abitavo a Milano, andavo a vedere Dario Fo o sotto il tendone o in un teatrino barocco tutto rosso, sempre, alla fine dello spettacolo, Dario faceva la questua per i soldi per i compagni che erano in carcere, e Pisapia era uno di quegli avvocati di estrema sx che li difendeva.
Noi pubblico avevamo l’impressione di partecipare a qualcosa di proibito, di sovversivo, di anti-Stato e ci aspettavamo quasi che da un momento all’altro arrivasse la Digos ad arrestarci tutti.
Chi l’avrebbe mai detto, allora, che uno di quegli avvocati sarebbe diventato sindaco di Milano!
Io, oggi, se davvero Pisapia si confermerà, vorrei sentire il commento del grandissimo Dario.
Vengono tutti i tempi. Vengono anche i tempi in cui si rovesciano le canaglie!
..
Minzolini era pallido pallido
Ha paura che Pisapia lo licenzi
Facevano bene i Visigoti quando moriva il re a seppellirlo con tutti i servi
..
Antonio
SILVIO MI VIEN DA DIRE:
“A LI MORATTI TUA!”

..e, per citare lui stesso,con quanto disse alla Iervolino e alla Bresso
“Io capisco che stamattina era arrabbiato, perché, quando va a pettinarsi davanti allo specchio, si vede e si è già rovinato la giornata”

http://www.youtube.com/watch?v=OfUmHahFejA

http://youtu.be/OfUmHahFejA

Alex
La Russa e Letta invecchiati di colpo di almeno dieci anni.
Cazzarola,Beppe, sono morti davvero!
..
Eppure, del tutto fuori da ogni idea di diritto, Berlusconi aveva protratto le distruzione delle case abusive a Napoli per accattare voti! Mentre Tremonti aveva promesso meno controlli fiscali agli imprenditori! Il Pdl si basa ormai solo sull’illecito e sull’offerta di allargare l’illecito premiandolo!
..
Geppi
Si profila una vittoria del centrosinistra che era dalle consolarie del 25 d. C. che non si vedeva

Sembra che Fassino passi al primo turno. Secondo te, è stato decisivo il fatto che D’Alema a Torino non si sia fatto vedere?
Il 98% ha risposto di sì.
..
Il Mandi
Allertata la protezione civile ad Arcore.
Sembra che a causa delle lacrime provenienti da una nota villa, ci sia il pericolo di inondazione.
lo si nota anche per il fuggi fuggi delle pantegane, chiamate anche arcorine, che come da tradizione quando sentono il pericolo di affondamento, scappano come conigli.
.
Viviana
..e le lacrime delle cricche dei palazzinari di Milano dove le metti?
pensare a uno dell’estrema sx che vince a Milano mi pare una cosa da fantascienza.
…e questi qua stanno ancora dalla parte di D’Alema a fare lo sgambetto a Vendola
…e quelli là stanno a far le conventicole dopo cena a farsi le pippe contro Grillo citando Marx e fanfalucando sull’unione delle sinistre che hanno già seppellito un’altra volta!!!!!!! Meschinelli! Morti viventi!
..
L’insulto di Lassini alle procure
e l’insulto della Moratti a Pisapia
e tuti gli insulti di Berlusconi
sono ripagati!

Sono contenta anche per Amelia Frascaroli, volontaria, presentata da Vendola col 10,4%
I candidati più belli li ha presentati lui
..
Ma avete anche voi l’impressione che Mentana di questo scacco di Berlusconi ci goda?
Bersani era triste, questo successo non se l’aspettava. Non stava preparato.
D’Alema non pervenuto. Le speranze lo danno disperso al largo di Lampedusa.
..
Addio 15 milioni di euro spesi dalla Moratti!!!
Mattia Calise ha speso a Milano 10.000 euro.
E non un euro dato dalla mafia o dall’imprenditoria corrotta o dalla P2

La Moratti ha protetto la ristrutturazione absuiva del residence del figlio, stile covo di Batman. E ha detto che lei e il figlio, la notte, frequentano le zone della mala di Milano, travestiti. Ma travestiti da che?

l covo del Bat-figlio
dalla botola segreta al ring per la boxe

E se le signore di Milano si fossero stancate del capo di un partito che ha così poco rispetto per le donne?
E se i leghisti si fossero stancati di sostenere sempre uno come Berlusconi?
Gentilini, il leader di Treviso ha già indicato l’esistenza di un dissenso interno alla Lega.
E se i veri moderati si stessero allontanando dal centrodestra?
I tempi della crisi potrebbero diventare molto rapidi.
Lo smottamento alla base potrebbe rimbalzare al vertice.
E lo stesso vale per il Pd dove è risultata chiara la sconfitta di certi strateghi obsoleti e dove la vittoria è andata a quegli alleati che questi stessi strateghi avevano disprezzato, come Vendola.
Gli italiani chiedono di essere mobilitati verso un progetto. Grillo presenta un progetto e anche molto innovativo. Berlusconi non sta trasmettendo nessun progetto, solo il culto della propria personalità e un attacco bieco contro gli avversari politici utilizzando l’insulto e la diffamazione. Ma insulto e diffamazione non sono una offerta politica e non creano mondo nuovo. Il partito dell’amore ha eccitato l’odio ma di odio non si vive, siamo passati dalla comunicazione all’egemonia. E questa alla fine non paga.

Il direttore della Luiss dice:
Nei suoi 14 comuni la Lega ha perso un quarto dei suoi elettori.
Il Pdl lo stesso.
C’è un fattore generalizzato che indica tutto l’arretramento del cdx.
Si è molto ridimensionato l’astensionismo, i dati tornano ai dati del 2006.
Possiamo pensare alla fine di un ciclo politico.

Secondo l’Annunziata, anche il terzo Polo è andato indietro e, lamgrado tutto lo spazio ricevuto dai media e tutti i ciorteggiamenti, ha raggiunto la quota dei grillini che non sono stati cacati da nesusno.
Abbiamo davanti due Poli fermi e non si potrà pensare di continuare ad andare avanti con giochetti numerici a livello del parlamento.

Ippolita Zecca

Con queste amministrative assistiamo al tramonto di Berlusconi e del Berlusconismo.
Ridurre tutto ad una sconfitta di Berlusconi è riduttivo. Esce sconfitto il blocco sociale che ha avuto nel berlusconismo la sua ideologia, esce sconfitta la Lega e Comunione e Liberazione. La crisi è tralignata al momento delle dimissioni dell’amministratore delegato alla preparazione dell’expo, La borghesia non trovò un suo punto di equilibrio e poi lo perdette del tutto.
Il berlusconismo è finito. Se vinciamo i referendum potremo liberarci di questa destra predona. La strada del paese potrebbe essere un’altra anche se a sinistra si stenta a vedere un progetto interessante e valido
..
Attorno a Pisapia 25.000 giovani alla stazione, 50.000 in piazza del Duomo. E dopo i concerti le piazze più pulite di prima. E aver intercettato categorie di persone che prima non erano mai state ascoltate: anziani, inquilini di case popolari ma anche di gente non abituata a votare csx, che ha avuto fiducia in Pisapia…Pisapia ha detto che ci sono state cose che gli hanno fatto male, come un giornale che ha diffamato un suo fratello morto, rivangando cose atroci. Ma è stato anche commosso dei nuovi modi di far politica, delle iniziative che partivano dal basso, come girare i vecchi teatri di Milano o i luoghi della mala… Dopo l’accusa gravissima della Moratti avrebbe dovuto andare a cercare gli atti di quel processo vecchio di 30 anni ma aveva un appuntamento col quartiere di Santa Giulia in cui migliaia di abitanti sono disperati per una mancata bonifica, e ha preferito privilegiare Santa Giulia ai suoi interessi personali perché quello è il suo stile.
..
Da 20 anni i sindaci di Milano sono di destra. Formigoni governa la Lombardia da 16 anni. Per ora andiamo al ballottaggio ma sarebbe ora di cambiare.
..
Bernardino
Sardegna.
98 % CONTRO il nucleare !

Berlusconi ! Vaffanculo !
Grande riabilitazione della Sardegna!
SARDI! Siete tutti noi!!!!!!
A su molenti sardu ‘ddu koddanta ‘na borta scetti
(L’asino sardo lo inchiappetti una volta sola)…

A iooo’ !!
….
VV
In segno di lutto Berlusconi ha chiesto alle escort di andare ad Arcore in nero lungo.
L’era di Berlusconi è finita
Ho sentito Vespa che voleva chiamare la sua trasmissione “Soccorso rosso”
Ma il colpo di grazia lo ha dato Capezzone che si è messo in fila per fare il portavoce a Vendola.

Berlusconi aveva detto “Qui mi gioco la legislatura,. Non sono amministrative ma è un referendum politico”. E allora che fa? Se ne va o no?
..
Pompieri a ‘casa di Silvio’ (il vento aveva scoperchiato un terrazzo)
I passanti: che fa, si butta?
..
Secondo Liana Milella “La scommessa sulla giustizia è persa. Dopo il voto di Milano, supposto che il governo regga, per B diventerà difficilissimo portare avanti la sua vendetta contro i giudici. : Milano era diventato l’emblema del Cavaliere “vittima” delle toghe. Lì, in aula per i suoi tre processi per poi fare comizi in strada, B ha chiesto ai cittadini un plebiscito. Voti per fare le sue leggi salva Silvio. Lui, in lista alle comunali. Lui, bocciato. Adesso la prescrizione breve, il processo lungo, la legge bavaglio sulle intercettazioni, la riforma costituzionale della giustizia devono andare in soffitta. Lo pretenderà la stessa Lega. I giudici, forse, possono cominciare a respirare tranquilli.
..
Repubblica
Dopo le prime proiezioni hanno già iniziato ad esultare. Perché, se i dati saranno confermati dallo spoglio, il M5S di Beppe Grillo sarà una delle rivelazioni di questa tornata elettorale. Il 10% a Bologna, 5% a Torino, quasi il 4 a Milano e l’1,5% a Napoli. Una forza cresciuta dal basso, che si professa differente e alternativa dagli schieramenti in campo. E che dopo l’attivismo sul web ha scelto la strada dell’impegno nelle istituzioni. Un movimento con cui i partiti tradizionali, soprattutto in vista dei ballottaggi, dovranno fare i conti.
Il dato più eclatante è di Bologna, dove il candidato dei grillini, Massimo Bugani, è dato al 10% dei consensi. Certo, già nelle regionali dell’anno scorso, i Cinque Stelle avevano conquistato 2 seggi al consiglio regionale dell’Emilia Romagna. Ma un simile risultano non era messo in cantiere neanche nelle più rosee previsioni. A Torino, Vincenzo Bertola viaggia intorno al 5% dei voti. Molto alta la valenza politica dei consensi raccolti a Milano dal giovanissimo Mattia Calise: un 3,8% proiezioni – che, nell’eventuale ballottaggio tra Letizia Moratti e Giuliano Pisapia, renderebbe importantissimo il peso elettorale della formazione politica di Grillo.
I grillini affidano le proprie impressioni alla pagina Facebook del M5S. Tanti i messaggi: “Per tutti coloro che hanno perso ogni speranza nella politica e nei politicanti e per tutti i giovani siete l’unica vera motivazione seria di voto”.
“Grazie Beppe: quando trovi persone che pensano al paese intero e non solo ai fatti personali è un segno positivo”.
Enrico Letta, Pd: “Il movimento di Grillo è una realtà con cui fare i conti”.
..
Dominijanni

5 STELLE… Alla fine è una realtà.
Snobbato, ignorato, evitato… ma alla fine il movimento che “non c’è” ha scosso tutti.
Ancora fanno finta di niente, non vorrebbero crederci… ma la realtà dei fatti è difficile da nascondere.

Il Mandi
poverino il nanetto….
perde anche ad Arcore!
..
.. ma una intervistino a Beppe Grillo questi stronzi di media non la potevano dare??!!

L’IGNOBILE SCALFARI

Vorrei vedere la faccia di Scalfar i(un altro che farebbe bene a guardarsi allo specchio per rovinarsi la giornata!)
uno che scriveva che Grillo era
“un capo-popolo,un germe che ha messo radici da secoli e che rimane una latenza costante nell'”humus” anarcoide e individualista della nostra gente”

“L’anarco-individualismo è un virus che corre sotto traccia ma spesso emerge ed esplode in superficie.I suoi avversari sono inevitabilmente sempre gli stessi:il potere costituito e il potere immaginato. L’anarco-sindacalismo è per definizione il nemico dell’autorità. Può rappresentare una necessaria valvola di sfogo quando provoca l’insorgenza contro regimi autoritari e dittatoriali (ma avviene di rado); ma diventa anacronistico in regimi di diffusa democrazia (sigh!)dove esistono forme di opposizione e di denuncia più efficaci e molto più civili (doppio sigh!)di quella di radunarsi o marciare dietro cartelli con su scritto “Vaffanculo”

“Chi inneggia al Vaffanculo partecipa consapevolmente a quelle invasioni barbariche che connotano gran parte della nostra mediocre e inselvaggita attualità. ”

“Grillo vuole il governo assembleare che è sempre stato l’anticamera delle dittature. Per cui, quando vedo prender corpo un movimento del tipo del “grillismo” mi viene la pelle d’oca; ci vedo dietro l’ombra del “law & order” nei suoi aspetti più ripugnanti; ci vedo dietro la dittatura.”

” Non inganni lo slogan “né di destra né di sinistra”. Si tratta infatti di uno slogan della peggiore dx, quella populista, demagogica, qualunquista che cerca un capo in grado di de-responsabilizzarla. ”

Scriveva queste parole dalle pagine di Repubblica, di quella Repubblica che pubblicava lenzuolate di Oriana Fallaci con tutta la sua xenofobia e il suo razzismo filoamericano,e che oggi scade nelle idiozie di un Bracconi qualunque, quotidiano ambiguo ieri come oggi.

Scalfari e Repubblica VAFFANCULO!
..
La Santanché non desiste: “Far vincere Pisapia è come portare a Palazzo Marino il Leoncavallo. Avremo la droga libera!” Ma i milanesi non si sono lasciati infinocchiare dagli insulti di Berlusconi e della Santanchè e hanno visto in Pisapia non un pericoloso terrorista ma un credibile riformista.
Dice Zucconi: “Forse non sappiamo chi ha vinto, ma sicuramente vediamo chi ha perso. La maggioranza non ha vinto in nessuna delle 4 principali città italiane”.
Zucconi dice chiaramente che negli Stati uniti si attacca lo stupro come la prostituzione di minore non per puritanesimo, ma perché si è convinti che la condotta privata è morale pubblica. C’è un senso di impunità che deve essere punita, l’orgia del potere che fa crede al potente di poter fare di tutto (Valentini).
Sechi de La Stampa: “Berlusconi ha voluto che si facesse un referendum su di lui. Ma ci pare che sia mancato proprio un forte numero di elettori leghisti. Insomma la base della Lega comincia a vacillare e a non seguire più quel Bossi che bacia la Moratti o abbraccia Berlusconi. Qualcosa si è rotto e potrebbe non sanarsi più.

Dopo le dieci piaghe d’Egitto, rane, zanzare, cavallette, mosconi….
è arrivata l’’undicesima: la risalita dei grillini.

Parola testuali di Ferrara a Radio Londra: “Berlusconi ha stufato!”
Dillo a noi!
..
Milano aveva tutte le sue mura imbrattate da manifesti illegali che inneggiavano a Berlusconi e a quella stessa Moratti che avrebbe dovuto vigilare sugli stessi manifesti. Addirittura la propaganda fatta con l’azienda dei trasporti, sempre contro la legge! Per non parlare, prima delle firme false per la lista Formigoni. Mille persone sono state convocate dalla procura e hanno confermato che quelle firme non erano la loro. E Formigoni va avanti come se nulla fosse. Addirittura ha avuto la faccia di dire che erano stati i radicali (i denuncianti) a falsificare le firme!
..
Il primo turno delle provinciali 2011 assegna 3 province al centrosinistra (Gorizia, Lucca, Ravenna) e 2 province al centrodestra (Treviso, Campobasso). Andranno al ballotaggio 6 province: Vercelli, Pavia, Trieste, Mantova, Macerata, Reggio Calabria. Nelle precedenti elezioni il centrosinistra conquisto’ 7 province; il centrodestra 4. Per ora Campobasso e’ l’unica provincia che passa di mano, dal centrosinistra al centrodestra. Ma la cifra politica generale delle amministrative e’ il ‘vento del nord’ che gela il governo, con il voto nelle grandi citta’ che penalizza il centrodestra.

Il risultato più clamoroso è però quello raggiunto dal grillino Massimo Bugani, che arriva quasi al 10%, superato ampiamente dalla lista di Amelia Frascaroli e Vendola, mentre quelle civiche di Stefano Aldrovandi e Daniele Corticelli restano indietro, rispettivamente ferme al 5% e al 3%. Lunghissimo lo spoglio, che ha tenuto con il fiato sospeso i cittadini ben oltre le due di notte.
..
I risultati del M5S (e la Lega col 10% la faceva così lunga sul radicamento al territorio!!!)

Risultati provvisori del M5S in alcuni Comuni alle 22,30 della vigilia

Adria 6,47%
Alpignano 8,05%
Arborio (Vercelli) 16,05 %
AREZZO 6%
BOLOGNA 9,7%
Bovolone (Vr) 8,45% 1 seggio!
Campolongo Maggiore 11,32%
Carmagnola (Torino) 8,35%
Castellarano(Reggio Emilia) 7,27% Un seggio
Cesenatico 14,17%
CHIOGGIA 7,35%
Chivasso 5,88
CIRIE’ 5,17
FERRARA TRA IL 10 E IL 15 %
GROSSETO 5,24%
Nardò 10,4%
Nogara (VR) 13,81%!!!!!!
NOVARA 7,84%
PIANEZZA 8,84% definitivo 1 SEGGIO
PINEROLO 9,05%
Pomezia 7,5%
RAVENNA 10%
RIMINI 11,06%
ROVIGO 7,2%
Salsomaggiore 6,48%
San Giuliano Milanese 5.96 %
S.Mauro torinese 10,30 %
SAVONA 9
TORINO 4,98
TRIESTE 6,12%…..più della Lega!!!!!
Trofarello (Piemonte) 14,35% 1 seggio
VARESE 3,14%
Vimercate 7.91%

Dopo la batosta la Moratti ha dichiarato:
“Ora andiamo al ballottaggio. E’ una cosa nuova. Dobbiamo finalmente parlare di cose concrete!” Perché fino a ora cos’hanno fatto? Hanno cazzeggiato?

ELLEKAPPA

Per il premier un voto dalla valenza nazionale.
Se perde la Milano da bere addio Italia da spolpare.

Doloroso per il premier il risultato di Milano
E’ l’effetto boomerang della politica del dito medio della Santanchè.
..
IL NUOVO INNO DEL Pdl
Per fortuna che Grillo c’è

..
Serena e pacata l’analisi del voto
BERLUSCONI HA PERSO HA PERSO HA PERSO
..
L’overdose di volgarità non ha giovato alla Moratti
Vivamente consigliato un lungo ritiro a San Patrignano.
..

Berlusconi ha preso lo stesso numero di preferenze di Salvini!
Avete presente Salvini???!!

Sergio
Stasera era molto nuvoloso … Ma 5 stelle splendenti le vedo chiaramente

Paolo Cicerone
Due ore fa mi chiama un mio conoscente Berlusconiano e mi dice: “ce l’avete fatta a regalare Milano ai comunisti eh?”
Mezz’ora fa un’altro passa sotto casa mia e mi urla: “se non fosse stato per voi, Pisapia avrebbe vinto al primo turno!!”.
Sono sceso e gli ho dato il numero di telefono di quell’altro, così almeno si mettono d’accordo… …così come del resto hanno sempre fatto in parlamento i loro beniamini inciucioni.
..
Gianni Selva
Dichiarazione di Silvio Berlusconi (capolista) sull’esito del voto e sull’aumento dell’affluenza a Milano, ieri pomeriggio.
” I toni che ho imposto a questa campagna hanno pagato, i nostri elettori hanno capito che in gioco c’è il governo, ci sono io, e aver trasformato le amministrative in un voto politico sta producendo i risultati che speravo”.
Per una volta sono d’accordo con Berlusconi, gli elettori hanno capito e lo hanno preso a calci nel sedere, lui, le sue escort, le sue clap prepagate, i suoi lacchè, le sue Santacchè, le sue leggi at personam, le sua lotta contro le leggi e la legalità, i suoi problemi con la giustizia, la sua avversione alle intercettazioni, la sua difesa a spada tratta per i fuorilegge mentre i giovani non hanno un lavoro. I milanesi hanno detto chiaramente una cosa sola: Silvio, vai a casa.
..
Elezioni a Milano: Praticamente, me lo hanno fatto ………………. l’avete presente l’entrata della Bat-caverna?

Legalizzato il voto di scambio
Rosario Amico Roxas

Barattare il voto con contro l’abolizione dell’abbattimento delle costruzioni abusive non perfeziona il reato di “voto di scambio” ?
I maggiori abusivi non sono poveracci costretti all’abusivismo per la burocrazia, ma camorristi che hanno costruito interi quartieri, quindi la promessa legge va a favore dei camorristi, sempre che non siano stati loro a farne richiesta.
Il ricatto camorrista è duplice:
-abolizione degli abbattimenti delle costruzioni abusive,
-monopolio degli appalti dell’expo 2015 di Milano da assegnare a camorra e ‘drangheta, entrambe piene di quattrini da investire, grazie allo scudo fiscale, generosamente elargito da Berlusconi.
in cambio viene garantito l’appoggio elettorale a Milano e la soluzione del problema della “munnezza” a Napoli tenuto in vita grazie agli interventi dei casalesi, pilotati dal clan Letizia.
Si evince che governo nazionale, amministrazione comunale di Napoli e amministrazione comunale di Milano, si avviano a diventare ostaggio della camorra e, a Milano, anche della ‘ndrangheta calabrese.
Attaccare violentemente la magistratura fa parte della strategia malavitosa, con la nuova legge ogni malavitoso denunciato potrà appellarsi alla persecuzione giudiziaria e trovare il mavalàGhedini di turno pronto alla difesa e all’inseguimento della prescrizione.
Il risultato elettorale di Milano e Napoli indicherà la dimensione del fenomeno mafioso e la forza di penetrazione in quella Padania ormai farcita di malavitosi, favoriti dal federalismo che minimizzerà i controlli, favorendo gli intrallazzi e le speculazioni.
..
Chi perde e chi vince ?
Rosario Amico Roxas

Chi sta perdendo a Milano appare molto chiaro; perdono insieme Berlusconi & Moratti; perdono insieme mafia & n’drangheta & camorra che ha loro volta perdono il monopolio degli appalti per l’expo, e questo apre un contenzioso che si riverserà su Napoli.
Non risulta chiaro chi ha vinto, anche perché nessuno si è peritato di farne cenno.
“Perché molti agiscono con ingiustizia, ma non vogliono che la giustizia giudichi le loro azioni? “ Così si espresse il cardinale Tettamanzi, decretando la sconfitta di chi esige di non essere giudicato dalle sue azioni, per questo ha vinto Tettamanzi, trascinandosi nella vittoria i PM di Milano che quella giustizia devono amministrare nel nome del popolo italiano.
Ora tocca al secondo turno e si rinnoveranno le alleanze, ma non più sul piano politico.
Le alleanze si formeranno sul piano economico; così metteranno sul piatto della bilancia il loro peso economico i vari Berlusconi e Moratti, in associazione con mafia & n’drangheta & camorra, per riconquistare il monopolio di quegli appalti.
Non si tratterà più di elezioni democratiche, ma di un mercato della compra-vendita, con i metodi ben noti e collaudati del cavaliere.

Lo stolido Marco Bracconi di Repubblica
Quei voti a Cinque Stelle

Nelle città le liste a Cinque stelle corrono. 10% a Bologna. 5% a Torino. 4% a Milano. Sono voti che vanno a una formazione politica che per programma non intende discutere con nessuno. Che è convinta, velleitariamente, di cambiare da sola la politica italiana.
Sono voti che pescano nell’area dell’astensione e in quella del csx. Con ogni probabilità, grazie al doppio turno, non peseranno nella scelta dei sindaci. Ma alle politiche, alle europee e alle regionali peseranno molto di più.
Forse stasera Bersani, Di Pietro e Vendola avranno di che festeggiare. Ma alzando i calici si spera che mettano tutti all’ordine del giorno il problema Beppe Grillo.
Perché se con Grillo non si può parlare, con i suoi elettori sì. Per farlo, il Pd, Sel e Idv devono capire il perché di quei voti. E dare una risposta alle esigenze e alle speranze che quei voti esprimono.
L’errore più grande che il csx può fare è abbassare la guardia contro il qualunquismo. Altrettanto grave, però, sarebbe liquidare il tutto con una alzata di spalle. C’è bisogno della politica, quella vera, per capire chi sono e cosa vogliono gli uomini e le donne che al qualunquismo affidano la loro rappresentanza.
Sono decine di migliaia di voti, e cresceranno. Ma non sono tutti uguali. Non tutti, e non per sempre, si accontenteranno di un vaffanculo.
.
Fabio scrive:

Premesso che alcune posizioni del movimento 5 stelle e di Beppe Grillo non mi piacciono. Ma è certo che nessun politico tocca e, quel che è peggio, vuole toccare alcuni argomenti di Grillo.
Sia a destra come a sinistra, nessuno vuole parlare degli alti costi della politica (che spesso sia Repubblica che il Corriere denunciano). Che piaccia o no dal 1994 ad oggi avremo avuto Berlusconi ed il suo partito, ma abbiamo avuto anche una sinistra che in più occasioni si è accordata con Berlusconi (vi è negli atti parlamentari un preciso intervento dell’On Violante) e si è mostrata assolutamente incurante degli interessi democratici del paese. Forse quello di Grillo è qualunquismo, ma quella mostrata da numerosi esponenti del PD è certamente bassa politica.
Nessuno nota come ai vertici del PD vi sono ancora nomi che erano dirigenti nel PCI e che lo sono ancora oggi nonostante i numerosi cambiamenti di nome.
Moretti anni fa ha detto in piazza “con questi nomi non vinceremo mai”. E’ qualunquista anche lui o non vi è stato alcun ricambio generazionale all’interno del PD (tranne poche eccezioni).
..
Matteo scrive:
Egregio Sig. Bracconi,
vorrei capire perché liquida il movimento a 5 stelle come qualunquismo.
ho trovato quasi sconcertante questa sua nota.
Ha mai letto le idee, i propositi, i programmi e le ambizioni dei candidati del movimento? Quello è qualunquismo? Chiedere il mandato al massimo di due legislature e stop è qualunquismo o buon senso? Chiedere di cacciare i pregiudicati dal parlamento è qualunquismo o buon senso? Chiedere la pianificazione finanziaria anticipata per qualunque opera pubblica è qualunquismo o buon senso? Considerandola una persona intelligente, queste poche righe sono state veramente una delusione. Il movimento a 5 stelle pesca i suoi voti tra chi vuole la legalità, la responsabilità civica e l’innovazione sociale come elementi fondanti di una nuova Italia. Il qualunquismo è altrove, guardi bene.
.
Crozza a Bocchino:”Ormai puoi venire alla festa dell’Unità a mangiare lo gnocco fritto! In confronto a D’Alema sei Lenin! E almeno tu con Berlusconi hai rotto!”

Geppi:”Grande il risultato della mia terra! Il 98 ha detto di No al Nucleare! Mai fare una domanda ai sardi. Che poi ti rispondono!”

Telese: “Il Pd vincerebbe solo con una coalizione! Ma finora coi suoi alleati non ha mai fatto una manifestazione insieme!”

A Bologna, città di Casini, il candidato di Casini ha preso meno del M5S!!!! La lega e l’M5S hanno la stessa percentuale di voti! Ora, provate a confrontare lo spazio televisivo dato a Casini o al M5S!!

Ma dopo i brogli delle primarie del Pd a Napoli e dopo la sconfitta del candidato imposto dal Pd, Bersani non ci pensa nemmeno ad andarsene?
..
Mary C Senigallia

“Basterà un soffio di vento
a ribaltar castelli di carte
E noi pronti saremo
a ricostruire mura di fiori
per ripararci dagli uomini malvagi
assassini di lupi
ormai quasi estinti
Anelare a una tempesta
che sconvolga tutto
per renderci capaci

di ricostruire tutto
meglio di prima,
senza falsi discorsi
senza avidità
senza prezzi attaccati
a giacche firmate
Nel buio si ritrova
una via nascosta
che redime l’anima

perché è santa
la voglia di cambiare”

..
Ippolita

«Sono tranquillo, ho fatto quello
che dovevo, ce l’ho messa tutta»

Beh, in effetti sì, in questa campagna elettorale ha fatto il massimo. E’ stato l’utilizzatore finale dei manifesti che paragonavano i magistrati di Milano ai terroristi delle Brigate Rosse. Ha descritto i Pubblici Ministeri come degli “eversori”, una “associazione a delinquere” che rappresenta il vero “cancro della democrazia”, una metastasi “da estirpare”, addossando loro persino la colpa della nuova crisi rifiuti a Napoli. Ha detto che la Iervolino si rovina la giornata guardandosi allo specchio e che quelli di sinistra si lavano poco. Ha cavalcato le infamie di Letizia Moratti sul candidato Pisapia. Ha minacciato di volere più poteri, e di volerne togliere al Presidente della Repubblica. Ha invaso le televisioni – dati alla mano – monopolizzando la scena catodica, prima pubblica, poi privata. Ha sguainato ancora una volta il proprio conflitto di interessi, un conflitto gigantesco, plurimo. Ha mischiato calcio e politica, utilizzando per fini elettorali la vittoria-scudetto del Milan. Ha mentito sui propri programmi e soprattutto sui programmi degli avversari. Ha raccontato storielle e barzellette, quasi sempre di pessimo gusto. Ha presentato candidati impresentabili, segnati da gravissime condanne penali, come peculato ed associazione mafiosa. Ha puntato tutto sull’illegalità, sull’istigazione a delinquere, confermando, tra le altre cose, lo stop agli abbattimenti delle case abusive nel napoletano.
E quando uno fa il proprio dovere, come non essere ottimisti?
..
1. Berlusconi: “Convincete i meno intelligenti a votarci.”
2. 2. Berlusconi: “Convincete i meno intelligenti a votarci di nuovo.” (Davide Rossi)

…e non abbiamo visto sventolare nemmeno una mutanda americana!

STRAUSS-KAHN

Super velocità americana. Il violentatore del Fondo Monetario Internazionale arrestato domenica sera, processato lunedì mattina, in cella e alé. Ha avuto anche la sfiga di un giudice donna. Negata la cauzione provvisoria che con la sua sconfinata ricchezza sarebbe stata per lui una bazzecola. E ora rischia 25 anni di carcere e sta lì dietro le sbarre insieme a prostitute e criminali.
Per disgrazia ci sono dei precedenti, una giornalista francese lo aveva accusato di averla aggredita sessualmente. Lo chiamavano ‘il coniglio arrapato’ o ‘la scimmia in calore’. Ci sono dei graffi sotto la sua schiena e sotto le unghie delle donna ci sono tracce del suo DNA. Insomma la tesi del complotto non regge. E poi in USA le toghe rosse non sono moneta corrente.
Chiede Lilli Gruber se a Milano Berlusconi non stia pagando anche due anni di scandali.
Valentini: “Non ci dimentichiamo che Berlusconi era CAPO LISTA!” La Moratti perde 10 punti ma Berlusconi perde LA FACCIA! Paga la sua spudorata campagna contro la Procura e contro Pisapia. Abbiamo un boomerang. Se vince Pisapia, Milano cessa di essere un feudo della destra. Potrebbe essere uno stop notevole agli affari di ‘ndrangheta e camorra, quelli che Maroni non riesce a vedere!
..
Giorgio
Ben gli sta, un pervertito in meno. Processassero anche Berlusconi negli USA ce lo toglieremmo dalle palle in un mese.
..
Interrogato dal giudice Strauss-Kahn , ha detto:”Pensavo di essere ad Arcore da Bunga Bunga”
Bloggher
..
“Strauss-Kahn accusato di stupro.” Prova con “L’ho stuprata perché non si facesse stuprare”. Da noi funziona. (Fabio Pugliese)

Fernando
Per i difensori di Strauss-Kahn…Ieri un collega mi diceva cheaveva lettto che da anni non lo lasciavano MAI da solo in presenza di una donna e che da ANNI aveva comportamenti seriamente deviati.Stavolta l’entourage non è stato sufficientemente accorto.Magari ai nani venisse fatto lo stesso trattamento! Innanzitutto ci sarebbero una cinquantina di mignotte in meno nei vari parlamenti.
..
Ora non ci resta che sperare che Berlusconi si faccia la cameriera in un albergo americano.

Ippolita Zecca segnala
Primo commento di contentezza al voto
Pietro Ancona

Alcuni pennivendoli della destra governativa attribuiscono la sconfitta eclatante di Berlusconi e del centro destra ad errori di comunicazione e di percezione di umori negativi della pubblica opinione. Insomma ad un difetto tecnico che non riguarda la sostanza del centro destra, le sue politiche, il modo come amministra e per chi amministra. Non è così. La condanna è radicale per le politiche praticate. Il centrodestra è noto per le sue cricche e per le sue politiche di parte dovunque sia arrivato al potere in Italia. Ha quasi azzerato il procedimento amministrativo controllato abusando di procedure di emergenza diventate la normalità dell’intervento con Bertolaso. Ha fatto della Protezione Civile un pericolo per la democrazia italiana. Bertolaso ha speso oltre dieci miliardi di euro senza alcun controllo godendo financo di regalie sessuali per la sua compiacenza alla solita cricca di amici. A Milano la petroliera Moratti e soci perdono anche perché il loro blocco sociale si è frantumato nella “sharia “furiosa per il controllo degli appalti di Expo e per la fruizione degli espropri di ettari di terreno edificabile in città. La figura di Ligresti si staglia dietro la testa della Moratti ed incombe sul destino di una città che ha conosciuto tempi migliori e che, se è stata la culla del fascismo e del berlusconismo, lo è stata anche del socialismo umanitario e delle amministrazioni pubbliche vocate al bene della popolazione specialmente della meno fortunata. Sono vent’anni che la destra spolpa lo Stato in tutte le sue articolazioni sulla base della teoria reaganiana di “uccidere la bestia” oppure ridurla in servitù. Una quantità enorme di risorse è volata dal pubblico verso il privato con le privatizzazioni che non hanno dato buoni servizi ma hanno peggiorato e reso esoso i servizi esistenti. Arricchendo i privati specialmente nella sanità. Comunione e Liberazione è diventata un impero economico enorme succhiando sangue dagli enti pubblici. Per giudicare una città basta guardarne le periferie. Le periferie di Milano sono “coree” inabitali, mostruose, flagellate da ratti enormi e da fognature a cielo aperto.
Il PD fruisce dell’ondata antiberlusconiana dell’elettorato italiano. Il PD non merita la strepitosa vittoria politica perchè a Torino si è schierato con Marchionne e dappertutto non è contrario alla privatizzazione dell’acqua. Non ha lottato con convinzione contro la smobilitazione del welfare ed adotta per sè taluni dei moduli più odiosi e asociali del liberismo. La sinistra non riesce a recuperare il suo vero spazio politica e si ferma a percentuali ancora molto basse ma sono significative le vittorie di De Magistris a Napoli e di Pisapia a Milano in segno discontinuo con il bassolinismo e con il destrismo dei pd milanesi. Se si fanno i referendum sull’acqua e sul nucleare e li vinciamo la sconfitta della destra italiana sarà fatale e dovrà abbandonare finalmente il potere al quale è aggrappata con tutte le sue forze. Ma l’elettorato ha usato gli strumenti che la opposizione gli ha fornito. La vittoria del PD non vuol dire molto di diverso da ciò che fa il partito di Berlusconi oggi tranne che sul piano morale se consideriamo Napoli ed il bassolinismo una esperienza a parte. La Lega, nonostante abbia avuto regalato dal PD il Piemonte con la sostanziale rinunzia a ricorsi fondatissimi, boccheggia. Il suo messaggio pieno di ignoranza e presunzione contro il Mezzogiorno è stato respinto. Anche Tremonti esce ridimensionato dal voto. Ma il PD fa male ad assecondare il federalismo facendo a gara con la Lega a chi è il più federalista. Il federalismo è una spada di Damocle terribile che pesa sui contribuenti italiani che saranno falcidiati e spremuti come limoni e finiranno con il ribellarsi alla novella schiavitù della oligarchia. La oligarchia superstipendiata dei politici resta un enorme problema etico e sociale da risolvere. Più di un milione di famiglie campano lautamente con il parassitismo della politica professionistica. Anche i partiti ed i giornali lucrano troppo da una Nazione stremata dalla crisi.
La vittoria diffusa in tutto il Paese dei partiti di opposizione indica un cambiamento di tendenza dell’Italia sull’orlo del baratro. Alla vigilia di sconvolgimenti traumatici della Costituzione l’Italia ha innestato la retromarcia ed ora Berlusconi ha perso tutta la magia del suo potere di investito dal popolo. Ha preso manciate di voti a Milano. Berlusconi dovrà rassegnarsi ad essere un cittadino come gli altri e fino a quando resta al Governo un Primo Ministro con poteri “normali”. Insomma dalla tornata elettorale è venuto molto di più di un raggio di sole. Si profila una splendida giornata a ricominciare dalla democrazia che riprende il suo spazio garantito dalla Costituzione e dalla volontà dei cittadini. Bisognerebbe avere anche tanta giustizia sociale ma questa l’avremo quando l’opposizione deciderà di affondare la legge Biagi ed il liberismo sindacale.

Ivo Serentha e il web

Il sistema del Web porta una grande rivoluzione nella nostra società, tutto questo vecchiume, fermo agli anni ottanta non ha più senso. Ormai i compromessi non valgono più, e temo che la transizione sarà sempre meno graduale. Ad esempio col web non esiste pensiero dominante, soprattutto se questo diventa non valido per affrontare la realtà perché è facilissimo smascherare bufale sul web. Poi ciascuno raccoglie le informazioni dal web, e le rielabora in un modo personalizzato e le rimette a disposizione, moltiplicando la capacità di comprensione della realtà e rendendo sempre più inutili e superflue queste caste e castine, che perderanno sempre più potere e facoltà: e già adesso è così. Faranno la fine delle aristocrazie europee, spazzate via dal vento della rivoluzione francese, perdendo in pochi decenni tutto l’enorme potere che detenevano per secoli.

TREMONTI

Tremonti è l’economista che ha portato l’Italia quasi alla bancarotta, talmente incapace che non c’è neanche riuscito. ” (Daniele Luttazzi)

Un euwo, un euwo, un misewabile denawo che neppuwe si può pwonunciawe cowwettamente… un euwo!!! (Giulio Tremonti sull’euro)

“Italia, un paese bagnato da tre mari e prosciugato da Tremonti ” (Insegnante di geografia)

Tremonti. Ha partecipato al convegno “crescere tra le righe”, equivocando con “crescere tra le cricche”.
Ha sdoganato i fondi neri all’estero, l’evasione fiscale, i ricchi protetti, il crac più grande del mondo e un record di battute tanto miserabili da far arrossire Padoa Schioppa.
Per far vincere Berlusconi ha promesso “meno controlli” a Confindustria e “più abusivismo” a Napoli (in Sicilia avrà promesso “più mafia” alla mafia?). Ha detto che più di così per la camorra al momento non gli riesce di fare ma in seguito si impegna.

Frasi storiche: “L’Italia è l’unico paese che si pone l’obiettivo della riforma fiscale” (ora bisogna vedere di che riforma si parla)
Poi ha sbaragliato tutti col lapalissiano concetto: “La crisi è alle spalle” (i filologi sono ancora lì a discutere di che cazzo parlava. Ma gli italiani lo sanno benissimo che la crisi è alle loro spalle e pigia)
Le sue battute più abbaglianti: “Con la cultura non si mangia” (si immagina che con la scuola nemmeno). Ma ora sembra che secondo lui non si mangi nemmeno col turismo.
(E’ ovvio che per uno come lui le mangiatoie sono altre)
Poi ha proseguito: “Di spiagge non me ne frega un tubo!” (di tutto il resto idem)
Aggiungiamoci che è il commercialista preferito dalla Lega e abbiamo capito di che finanze si tratta.
Che qualità! Che finezza di pensiero, signor Ministro!

Intanto Bossi bacia la Moratti. Ognuno ha il suo Gheddafi da baciare. Del resto il bacio di Giuda è sempre stato la moda del Pdl e dintorni..

Quando la Moratti era Ministro della scuola, Tremonti le disse:
«Mia cava, non puoi continuare a chiedeve soldi. Questo è il Governo, mica tuo mavito»

Tremonti alla Marcegaglia. “Basta opprimere le imprese! Troppi controlli continui, tempo perso e stress. I controlli e le ispezioni alle aziende sono eccessivi: ci sono costi per il tempo perso, oltre a stress e occasioni di corruzione. È un’oppressione fiscale che dobbiamo interrompere» Vuoi mettere una sporca e scorretta evasione fiscale. Libero fisco in libero Stato! Il Cavaliere insegna.
L’ITALIA È AL PRIMO POSTO IN EUROPA CON IL 50,5% DEL REDDITO NON DICHIARATO. Dal 2009 al 2010 l’evasione è aumentata del 49%.

Tremonti: “Le pensioni stanno in piedi”

Capezzone prima e dopo:
“Berlusconi è come Vanna Marchi e Tremonti è come il suo Mago do Nascimento.”
“Tremonti che scrive libri da no global, doveva fare la grande riforma della giustizia e si è fatto solo gli affari suoi. Ha trasformato la Casa delle libertà nella Casa delle libertà vigilate.”
“L’annuncio del ministro Tremonti è importante e positivo, ed è un ulteriore passo su una linea di saggezza tenuta dal Governo, che prima ha messo al sicuro i conti dello Stato con la finanziaria triennale, poi ha adottato misure concrete per le famiglie con la manovrina di dicembre (penso, in particolare, al bonus e alla social card), e ora potenzia le risorse per gli ammortizzatori sociali”. ALLELUIA!
..
NUOVO CASO DI PEDOFILIA IN PARROCCHIA

Altro che solo stupro di sedicenne! Il parroco pedofilo di Sestri Ponente era famoso per infilarsi in saune e discoteche ed era al centro di un traffico di droga! Bazzicava in un giro di prostituzione con ragazzini e cocaina ed è stato scoperto proprio grazie a intercettazioni (quelle che B vuole levare) dentro una vasta operazione antidroga dell’Arma milanese.
Il parroco era omosessuale e criminale, frequentava locali notturni e adescava minori.
«Sgomento, vergogna e totale disapprovazione”Ma lo scomunicano o no?
Per la cronaca, è la prima volta in Italia, che la Chiesa prende immediati provvedimenti contro un prete.
..
Sacerdote genovese di 50 anni accusato di abuso sessuale perpetrato su un sedicenne.
Ma com’è che la pedofilia è un reato e questi preti pedofili in carcere non ci finiscono mai?
Eppure Ratzinger aveva solennemente dichiarato: «.. i responsabili di questi mali devono essere portati davanti alla giustizia» Ma qui davanti alla giustizia non ne finisce nemmeno uno! Oppure quegli immondi patti tra Stato e Chiesa hanno sancito la depenalizzazine del reato di pedofilia se chi lo ha commesso porta un collarino?
Se questi mostri finissero in un carcere ordinario,dovrebbero essere tenuti isolati per paura di atti aggressivi da parte degli altri prigionieri,perché la violenza su minori è un atto intollerabile! Ma quale condizione di privilegio permette ai preti di delinquere in pace e di essere poi depenalizzati,in gravissima violazione di ogni parità davanti alla legge e violando anche le regole tradizionali vigenti tra Stati? Non sono forse puniti gli extracomunitari che commettano reati contro i beni o le persone? Perché questi mostri devono avere un trattamento di favore? Perché il Papa fa solo chiacchiere di circostanza e poi mantiene questo trattamento di copertura e di tutela? Quale deterrente di pena hanno costoro quando la Chiesa prevede solo per questi delitti abominevoli “l’ammonizione,il trasferimento,l’isolamento,la penitenza,la preghiera” ma mai la cacciata fuori dal seno della Chiesa o il carcere?
Di cosa ciancia il Papa quando dice che è ‘rattristato’, quando non esiste nemmeno un obbligo formale di denuncia da parte del Vescovo?
Ogni cittadino, e a maggior ragione ogni pubblico funzionario, che sia a conoscenza di un delitto ha il dovere di denunciarlo e può essere perseguito se non lo fa, ma il vescovo no, può tacere sui delitti di stupro di cui sa e può proteggerne l’autore, a differenza, ad es.,di un preside. Ma è giusto questo?
Bruxelles chiede di rafforzare la lotta contro la pedofilia, aumentando le pene previste. Il fenomeno è gravissimo e allarmante, ancora più pensando che il 20% degli abusi sessuali commessi ogni anno in Europa sono su bambini, 3 su 4 non vengono denunciati e il 20% dei pedofili condannati sono recidivi.
In Internet ci sono 3.000 siti contenenti abusi su bambini e attestano che è in costante aumento il numero di coloro che adescano bambini sul web. Bruxelles chiede che la pena per i pedofili sia almeno di 6 anni, 10 nel caso che a commetterlo siano stati familiari o recidivi e che si possano perseguire i pedofili anche all’estero (solo sul Vaticano questo non deve valere?)
Ma noi abbiamo zone protette di soggetti che possono violare impunemente la legge, scansando la pena e perseguendo nel reato: i preti, il Presidente del Consiglio…
..
Nadia
Pedofilia, Amnesty International critica duramente la Santa Sede
http://50.amnesty.it/sites/default/files/Santa%20Sede.pdf

Anche il Rapporto 2011 di Amnesty International non ha lesinato critiche alla Santa Sede. Nel documento la si accusa di non aver “adempiuto in modo sufficiente ai propri obblighi internazionali in materia di protezione dei minori”, e di non aver ancora presentato “il suo secondo rapporto periodico sulla Convenzione per l’infanzia, che doveva presentare nel 1997, né il rapporto iniziale sulla Convenzione contro la tortura, che doveva presentare nel 2003″. Il rapporto denuncia “il costante fallimento della Chiesa cattolica nell’affrontare correttamente il problema dei diffusi abusi sessuali su minori commessi da membri del clero negli ultimi decenni”, in particolare “la mancata rimozione dei presunti responsabili dai loro incarichi in attesa di indagini adeguate, la mancata cooperazione con le autorità giudiziarie per portarli dinanzi alla giustizia e il non aver garantito un’adeguata riparazione alle vittime”. Il documento, che raccoglie anche le intenzioni manifestate da Benedetto XVI di sanare il problema, ricorda infine che le modifiche al diritto canonico promulgate a maggio, che pure “hanno introdotto i “delitti” di pedopornografia e di abuso di persone con disabilità mentali”, non includono però “l’obbligo per le autorità ecclesiastiche di denunciare i casi alle autorità civili per le indagini penali”.

Il “cupolone” Vaticano è intoccabile e chi mette il naso tra i suoi affari fa una brutta fine. E’ così da 2000 anni.
..
PROTERVIA
Viviana Vivarelli

Davvero mi stupisce la protervia di alcuni.
E’ noto il razzismo dei leghisti. Ora il razzismo, in Italia, non è un reato solo perché la Lega è al potere e B ne ha bisogno perché da solo non stare in piedi e ora senza Fini meno che mai, ma il razzismo è un reato in molti paesi, dove addirittura vigono regole anche nella conversazione per cui si mette all’indice ciò che non è politicamente corretto, per es., non è corretto chiamare ‘negro’ un uomo di colore perché questo potrebbe indicare un atteggiamento razzista, cosa socialmente riprovevole.
Dobbiamo abituarci all’idea che il futuro dell’Europa sarà il meticciato, e che ben presto gli extracomunitari saranno il 20% del totale per cui è civile o anche giocoforza adattarci ad una società mista e provvedere affinché essa sia armoniosa più possibile. Ma i leghisti pongono gran parte del loro potere proprio sull’odio sociale e lo usano strumentalmente. Dunque i leghisti sono da combattere. Ma essi arrivano a dire che, poiché sono criticati e attaccati aspramente per la loro posizione impraticabile oltre che disumana, che “C’è del razzismo nei loro confronti!”, insomma rovesciano la loro posizione da carnefici in vittime.
In modo analogo, sappiamo di avere al Governo un uomo reo di molti reati che si libera dei suoi processi usando il potere in modo improprio, calpestando la democrazia. E’ diritto del cittadino onesto combattere un simile individuo e ostacolare i suoi proseliti, coloro che diffondono le sue menzogne e difendono il suo agire dissennato. Ma questi si sentono discriminati e rivendicano una presunta libertà. Ma libertà di che? Sarebbe come se il pedofilo si sentisse discriminato e rivendicasse la libertà di stupro. O il mafioso la libertà di delinquere. O il corruttore la libertà di corrompere. Queste non sono libertà. Sono vizi o reati. E per essi non c’è libertà che tenga.
..
VOTA ANTONIO LA TRIPPA
Lucio Galluzzi(sunto)

Almeno per qualche ora questi vergognosi pallisti di regime dovranno astenersi dal tediare il mondo civile con le loro porcate.…i verdognoli Visitors hanno superato ogni limite di decenza, scendendo nel basso più basso, frequentando quella volgarità totale di cui solo loro sono capaci.
Dopo i manifesti contro la Procura di Milano, gli insulti terribili alla Magistratura, gli attacchi alla scuola pubblica [come non l’avessero già distrutta]… eccoli che si prodigano nella diffamazione, così tanto cara al ventennio mussoliniano. L’offesa gratuita e di cattivo gusto alle donne, dal solito puttaniere pazzo, e il rimestare nel fango e nella merda, per tirar fuori la qualsiasi sporcizia inventata per sporcare l’avversario.
Scorretti, violenti, prepotenti, senza vergogna, buffoni impresentabili che dopo i comizi del terrore si mettono pure a ballare “Viva la Mamma”!
In queste condizioni da ricovero coatto, hanno il coraggio di chiedere voti, la faccia tosta di bronzo di permettersi altre promesse fatte a platee disertate…Perché il regime di questi cialtroni, che ha ridotto l’Italia al loro privatissimo bordello, usa la propaganda come facevano i registi di Hitler.
Per l’uscente sindaca di Milano, la Bat Mamma, dapprima si è mosso mezzo governo salendo nella piazza meneghina; le telecamere non hanno mai inquadrato “l’oceanico popolo in visibilio”, saranno state una cinquantina di tristissimi berluscones. Erano di più i ministri, sottosegretari e maggiordomi/servi che gli astanti.
Gnazio la Muffa è stato pure benedetto dall’alto da una merda di colombo, l’ha centrato sul dito indice della mano destra. Alla fine dell’intervento, che nessuno ha ascoltato, è sceso dal palco livido, non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Incredibile, diggiamolo!
La Bat Mamma, seduta dietro, salutava imitando in peggio Stanlio. Lei, l’algida imprenditrice che sta lontanissima dalla gente per non sporcarsi gli Chanel e mischiare i Bulgari con gli oggetti della plebe, si è calata nel patetico personaggio della “paladina dell’amore milanese per i reietti”. ..Vergognosa. Usando il metodo della Santadeché si è impegnata su Sky a insultare Pisapia dandogli del ladro e terrorista: ma siccome questi figuri non sono per nulla codardi, lo ha fatto allo scadere del tempo… e intanto si è beccata una denuncia per calunnia aggravata. Lei, la stessa, insieme alla sua Giunta, che ha 2 condanne dalla Corte dei Conti per le consulenze d’oro al Comune; ed è sempre la stessa che firmò impegni per illuminare le strade di Antigua, costruire una scuola di canottaggio, centri sportivi, implemento dei voli dall’Italia [pare mai mantenuti] ,sempre la stessa che ieri ha urlato “viva Bossi!”. La sua lista è piena di gente impresentabile, come ormai è d’uso nel PdL ma non si vergogna, non se ne va a casa. Anzi: il duce è contento e la complimenta perché ha tirato fuori le unghie, la prossima volta se tira fuori il mitra la proporranno per il Nobel per la Pace.
Poi viene la Santadeché, che ormai è la linea politica ufficiale di regime: l’estrema dx imbecille, la più pericolosa e nostalgica nera, in buona compagnia con La Russa e Gasparri. Tra dita medie offerte a tutti, “vaffanculo me ne vado”, scambia una bandiera disegnata da Vauro per la flottiglia di Arrigoni per quella di Hamas, insulta i pacifisti chiamandoli terroristi e quando, in diretta, la informano che si sta sbagliando, attaccata Vauro “lei allora ha sulla coscienza morti e sangue”!?
Sono veramente il governo dei fatti, ma fatti malissimo, di sostanze avariate e chissà quali altre schifezze, altrimenti non si spiegherete tanta follia conclamata.
Ma come fate ancora a votarli e non sentirvi colpevoli, coimputati e favoreggiatori di questa feccia illegale?
..
Beppe A
Clima teso tra gli elettori padani: la Radio che fa riferimento al movimento di Umberto Bossi chiude i battenti per motivi elettorali. «Il forum di Radio Padania è momentaneamente chiuso», è la scritta che campeggia sul sito della Radio leghista.
..
Sergio Silvestri
Santanchè: «Vince Pisapia? Allora vince la droga» … Appunto: Uno sballo.

La diretta minuto per minuto: 21:04 – Scajola: “Serve scossa” … I terremotati: “Andate a fanculo”.

Milano, Pisapia al 47. Moratti 41,7. Crollano le preferenze per Berlusconi … Era convinto che ci fossero più puttane.

Dopo il voto a Mirafiori. Fassino è sindaco di Torino … E’ proprio vero cazzo, le disgrazie non vengono mai sole.

Ricoverato D’urgenza Bersani … Pare sia svenuto dicendo “Ma che cazzo sta succedendo stiamo vincendo?”

Frontiere. Uno sforzo inutile
Rosario Amico Roxas

E’ in atto uno “sforzo inutile”, tanto da parte dei sostenitori delle immigrazioni, quanto dai rigorosi guardiani delle frontiere.
Sforzo inutile perché si tratta di un tentativo infantile di fermare la storia, con l’aggravante di ignorare quanto la stessa storia ha impartito come lezione, non capita da nessuna delle due parti.
I libri di storia descrivono le loro verità e le loro interpretazioni dei fatti, modellando gli eventi secondo una pretestuosa pedagogia che vorrebbe fornire l’interpretazione più utile per formare le coscienze secondo uno stampo preconfezionato.
L’esempio di Garibaldi indicato come eroe puro e immacolato, padre dell’unità d’Italia, è solo il più recente, perché dell’unità d’Italia l’eroe dei Due Mondi non è neanche un lontano parente.
Ma così rischiamo di andare fuori dal tema che mi sono proposto , per cui torniamo indietro nel tempo, quando, sempre i libri di storia, ci propinano due menzogne in un solo evento.
Intendo parlare di quelle che vengono identificate come “le invasioni barbariche”, che avrebbe posto fine all’impero romano.
Due menzogne su misura, due falsità sulle quali è stata costruita la favola-bella del mondo occidentale.
1°) Quelle invasioni non furono invasioni ma migrazioni di tribù che non conoscevano la tecnica dell’avvicendamento in agricoltura, per cui dopo avere sfruttato un territorio procedevano in avanti in cerca di terreni più fertili; la decadenza del “regime imperiale” di Roma facilitò l’ingresso anche in Italia e in tutti i territori dell’impero romano.
2°) E’ falso che l’impero romano sia finito con quelle invasioni, perché l’impero romano continuò ad esercitare il potere, e, quello che più si vuole far passare sotto silenzio, continua tutt’ora, modificando i mezzi per esercitare un potere che non ha mai perso peso, anzi ne ha acquistato sempre più.
Quando la centralità imperiale concentrata a Roma si ritrovò priva dei quadri dirigenti, specialmente in periferia dell’impero, fu la nuova struttura imperiale che surrogò le deficienze, potendo contare su di una capillare rete di funzionari imperiali, sia per imporre le leggi che per incassare i tributi; è la nascita della religione cattolico-cristiana, che si impadronisce della Fede dei credenti e se ne serve, malgrado la fervente attività pastorale del monachesimo.
Necessitando di un potere militare, il nuovo impero romano, inventò il Sacro Romano Impero, affidandone lo scettro al più forte, ma anche più fedele difensore degli interessi centrali ; infatti il nome SRI tardò ad essere riconosciuto, per attendere di essere il sacro Romano Impero germanico o Primo Reich , braccio armato di quell’impero che era la naturale prosecuzione dell’antico impero romano.
E’ ciò che è accaduto nel mondo arabo, dove l’esercizio del potere necessitava del supporto della religione per tenere a bada le grandi masse popolari e lasciare in pace le classi privilegiate: nobiltà e clero in Occidente e principi, capi tribù o dittatori e imam nei popoli arabi.
Infatti i vari capi di Stato, nonché i vari dittatori e dittatorelli si sono avvalsi della religione, facendosi leader religiosi di una delle tante devianze dell’Islam
Ed è anche ciò che sta accadendo nel mondo arabo con il venir meno della forza contrattuale della religione, svilita dai bisogni reali che i vari dittatorelli non hanno voluto mai riconosce e soddisfare.
Quel mondo, tanto vicino al pianeta Occidente-Europa, si sta muovendo alla ricerca di mezzi di sopravvivenza più decorosi, stante il fatto che non esistono piani di sviluppo credibili, in grado di programmare nella terra di origine i mezzi di sostentamento come lavoro, produzione, commercio, cioè un circuito virtuoso valido indistintamente per tutti e non solamente in grado di arricchire i pochi che vivono del potere.
Se vogliamo a tutti i costi credere alle speculazioni interessate di quanti esigono mantenere lo stato di bisogno dei popoli già poveri, allora possiamo identificare le attuali migrazioni come moderne “invasioni barbariche”, irrefrenabili per definizione, dalle quali si formerà una nuova tipologia umana che non possiamo chiamare(come fa il rag./filosofo Marcello Pera) meticciato, perché , allora, dobbiamo accettare e riconoscere che le popolazioni occidentali altro non sono che frutto di un meticciato durato oltre 1.500 anni.
Anche in Occidente sta venendo meno la forza contrattuale della religione, gestita dall’impero romano che ha trovato asilo nel piccolo, ma potentissimo, Stato città del Vaticano.
Il crollo di potere si accentua in questo primo scorcio di secolo e di millennio perché è prevalsa la pretesa di un reciproco sostentamento tra il potere politico e il potere religioso, associati per contenere le esigenze dei cittadini dentro un alveo progettato come un campo di concentramento, con una confusione di ruoli per cui il reato penalmente perseguibile dovrebbe diventare un peccato da assolvere nelle sacrestie, e il peccato diventare reato penalmente perseguibile, amministrato da politici che si servono della religione, come gerarchie della Chiesa si servono dei politici, in una ammucchiata di potere di cui la gente si è pesantemente stancata
..
VINTI DAI DEBITI

Marco d’Eramo nota che un tempo i principati si conquistavano con le armate, oggi bastano gli ultimatum dei creditori. Una volta, per privare un paese della sua sovranità bisognava invaderlo.
Oggi Grecia, Irlanda e Portogallo sono vinte con le cambiali. Perché qualunque governo gli elettori abbiano scelto, qualunque politica abbiano votato, devono sottostare alle condizioni della BCE, devono decurtarsi gli stipendi, dimezzare le pensioni, privarsi della sanità pubblica, chiudere scuole, biblioteche, ospedali. Gli stipendi degli impiegati pubblici in Grecia sono stati tagliati fino al 25%. E che possono fare i greci? Contro chi devono resistere? Contro uno sportello di banca? I banchieri che t’impongono l’austerità non sono stati eletti da nessuno, nessuno li può mandare a casa. Cosa può fare contro Trichet un greco o un portoghese o un irlandese? Non c’è nessun governo eletto da far cadere. Stiamo assistendo a una dittatura informale del capitalismo. In Europa la sovranità popolare non ha mai avuto grandi quotazioni, ma ora è proprio spazzatura.
Ogni volta che ci parlano del «popolo sovrano» ci sentiamo presi in giro. Mai come oggi si pone un problema di democrazia. Ci vorrebbe una «primavera europea», altro che «primavere arabe»!
I finanzieri non devono rispondere a nessuno, neanche agli azionisti: tanto, se mandano in rovina le banche, ci pensano i governi a salvarle. 2 anni fa le banche stavano peggio di Grecia o Portogallo, ma si disse che errano troppo grandi per lasciarli fallire, e così gli USA cacciarono più di 3.000 MLD di dollari per «confortarli». E la Germania fu altrettanto prodiga verso i propri istituti di credito. Tutte queste banche sono state salvate con i nostri soldi. Invece Portogallo e Grecia no.
Disoccupati, pensionati e pubblici dipendenti inglesi stanno pagando con lacrime e sangue le sovvenzioni elargite alla Royal Bank of Scotland e ai Lloyds.
Un tempo c’era sempre un esercito più potente del tuo. Oggi c’è sempre un capitalismo più forte del tuo. È quello delle agenzie di rating, Moody’s e Standard & Poor’s, che assegnano voti ai debitori: peggiore il voto, più alto è considerato il rischio, e più alti saranno gli interessi da pagare. Peccato che queste agenzie siano imprese private, possedute da privati, spesso proprietari di Hedge Funds: il 19,1% delle azioni di Moody’s appartiene all’«oracolo di Omaha», Warren Buffett, il 2° uomo più ricco d’America, che specula sui debiti cui la sua Moody’s assegna i voti (ratings). Anche qui, un 81enne miliardario del Nebraska determina se tua nonna perderà la pensione. Di nuovo un problema di democrazia.
Ma c’è anche un problema di sx europea. Colpisce l’indifferenza con cui le varie sx europee hanno accolto questo esercizio di dispotismo finanziario. Come se la faccenda non ci riguardasse
..
SONDAGGIO SULL’EUTANASIA IN SVIZZERA

Cari Amici,
alcune frange cattolico riformiste e calviniste rispeTtivamente dei cantoni di Zurigo e del Ticino avevano proposto, attraverso un referendum abrogativo, l’eliminazione della possibilità di assistenza e di accompagnamento al cosiddetto “suicidio assistito” a favore degli stranieri che desideravano ottenere i benefici e i servizi dei medici e delle associazioni, in questo caso DIGNITAS soprattutto ed EX INTERNATIONAL, e che ivi si recavano per morire dignitosamente.
Ma il referendum è stato letteralmente BOCCIATO!!! Il 96% degli svizzeri ha detto NO a tale proposta talebana e mistificatoria: la lunga mano del Vaticano non ha funzionato ed è stata dato uno schiaffo morale a coloro che volevano impedire agli stranieri di poter morire, sebbene in esilio e non a casa propria, con dignità terminando i loro giorni in modo sereno ed accompagnati ad una morte dolce come desideravano loro.
Su questo tema la maggioranza dei cittadini svizzeri è stata di una sensibilità grande e priva di discriminazioni.
Dobbiamo avere pietà per i proponenti questo referendum abrogativo e penalizzante ritenendoli privi della loro carità cristiana e di ogni forma di compassione per il prossimo!
Invece, un grande complimento alle nostre due associazioni che hanno lottato fino all’ultimo affinché tale proposta non venisse presa in considerazione ed a loro va il nostro più profondo e caloroso abbraccio per ciò che hanno fatto e faranno per tutti i nostri iscritti che si rivolgeranno a loro per finire la propria vita in modo dignitoso e come lo si desiderava.

EXIT-Italia
Il Presidente Dr. Emilio Coveri

http://t3.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTLt5eeBnE7lix1dOxbPVdnAqfX_h_jd7FaJHYr4ajDmpGOepfKEQ
..
Manuela Bellandi segnala
L’Italia promette soldi al Fondo per la lotta contro l’Aids. Poi non li dà ed è estromessa

Il nostro è l’unico paese a non aver versato la quota all’organizzazione che investe in progetti contro Hiv, malaria e tubercolosi. Non ha dato né i 160 milioni di dollari annunciati da Berlusconi per il 2009, né i 183 milioni per il 2010. E l’insolvenza è costata il posto nel consiglio di amministrazione
L’Italia lascia il suo posto nel consiglio di amministrazione del Fondo globale per la lotta contro Aids, malaria e tubercolosi. E’ stata esclusa perché indietro con i pagamenti di ben due anni. E su quella sedia ora siede la Francia.
L’organizzazione, con sede a Ginevra, è un partenariato internazionale che si occupa di raccogliere e distribuire risorse per prevenire queste tre malattie con oltre 600 progetti in 140 paesi del mondo. Dicono che sia un vero peccato per l’Italia, che è stato il paese promotore del Fondo al tempo del G8 di Genova.
Nel 2009 all’Aquila, sempre in occasione del G8, il presidente del Consiglio dichiarò durante la conferenza stampa del secondo giorno di lavori che era stato lui a volere fortissimamente l’organizzazione ginevrina. ”Il nostro Paese – disse – è in leggero ritardo nel versare i soldi al Global Fund, ma entro il prossimo mese verseremo 130 milioni di dollari a cui ne aggiungeremo altri 30″…
continua :
http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/05/14/litalia-promette-soldi-al-fondo-per-la-lotta-contro-laids-poi-non-li-da-ed-e-estromessa/109713/
..
Luigi Tenco Canzone

Quando la sera
tu ritorni a casa
non ho neanche voglia di parlare
tu non guardarmi
con quella tenerezza
come fossi un bambino
che rimane deluso
Si lo so
che questa
non è certo la vita
che hai sognato un giorno per noi

Vedrai vedrai
vedrai che cambierà
forse non sarà domani
ma un bel giorno cambierà
Vedrai vedrai
che non sei finito sai
non so dirti come e quando
ma vedrai che cambierà

Preferirei sapere che piangi
che mi rimproveri d’averti delusa
e non vederti sempre così dolce
accettare da me
tutto quello che viene
Mi fa disperare
il pensiero di te
e di me che non so darti di più
Vedrai vedrai
vedrai che cambierà
forse non sarà domani

ma un bel giorno cambierà
Vedrai vedrai
che non sei finito sai
non so dirti come e quando
ma vedrai che cambierà.

http://masadaweb.org

3 commenti »

  1. Messaggio: Auguri !! è un forte messaggio molto importante perchè devono capire che non tutti sono cretini anzi ora è il momento per i mal di pancia.
    Chiara

    Commento di MasadaAdmin — maggio 17, 2011 @ 10:47 am | Rispondi

  2. Riporto questa lettera
    Vi
    E’ stato umiliato nella sua Milano. E’ stato stracciato nella sua Olbia, in Sardegna. Che cacchio, è stato massacrato persino ad Arcore! Aveva detto che era “un test nazionale”, “un referendum sulla mia persona”, che voleva vincere “al primo turno”, “per rafforzare il Governo”, “per bloccare i Pm”, con minimo minimo “53 mila preferenze personali”. Lui ha trasformato un importante test locale, amministrativo, in un apocalittico evento nazionale, e politico.
    E quindi scusate, ma non ci sono cazzi. Qualsiasi altro leader del mondo (solita solfa, ma tocca), oggi, dopo questo tipo di fallimento, sarebbe costretto a farsi da parte. Hai lanciato la sfida? Sì. L’hai persa? Eccome. Dunque? Testa bassa, e tanti saluti. Berlusconi dice sempre che vogliono farlo fuori per via giudiziaria. Ora ha ottenuto quello che voleva: è stato fatto fuori per via politica.

    Ippolita

    Commento di MasadaAdmin — maggio 17, 2011 @ 4:07 pm | Rispondi

  3. Ho la febbre e mal di testa ma mi sento così bene!!

    Mai perdere la speranza che le cose possano migliorare.

    Ciao Viviana !

    Commento di Paola Lombardo — maggio 17, 2011 @ 10:10 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: