Nuovo Masada

maggio 1, 2011

MASADA n° 1288. 1-5-2011. Il sistema implode

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 5:22 pm

L’assalto dei topi – Migranti – Rivoluzioni senza leader – Primato europeo col 51,1% del reddito imponibile e non dichiarato! – La crisi non è uguale per tutti – E si aumentano gli stipendi! – Dichiarato illegittimo dall’UE il reato di clandestinità – Le mazzette del nucleare

Il cerchio si stringe e la Rete si allarga e con essa i confini mentali...”
Franco Antonio Perrone
,,
Dire l’incredibile e fare l’improbabile: è giusto il tipo di vita che vorrei per me”
Oscar Wilde
..
La storia insegna solo a ripeterla in peggio
Viviana

Giancarla Codrignani
Dall’altra parte del Mediterraneo il 70% della popolazione ha meno di 30 anni: si è liberata dalla sofferenza dovuta alla complicità dei Paesi “civili” e adesso presenta quel conto che “minaccia la nostra civiltà”. È sempre andata così, ma nel passato l’ipocrisia giocava almeno su due corde: traffici con le dittature di Pinochet e Saddam Hussein e amicizie segrete con le opposizioni democratiche. Difficile, adesso, dopo i baciamano a Gheddafi
Prigioni in cambio di petrolio e adesso che le dittature svaniscono noi primo mondo piangiamo sul latte versato
..
I TOPI
Viviana

Ho fatto un sogno orribile. Stavo in una casa in cima alla collina a preparare una festa per i giovani, erano pronti i vestiti, le luci, le musiche…Mi accorgevo di colpo che in fondo al grande prato in discesa c’erano migliaia di topi, non sembravano neanche topi, erano pieni di pelliccia e più grossi dei gatti e si agitavano mormorando minacciosamente. Bisognava fare un cordone di topicida attorno alla casa ma il padrone rifiutava e si occupava di sciocchezze. Ero terrorizzata e dicevo: “La loro fame sta aumentando. Come apparecchieremo le tavole, la festa sarà finita”. A quel punto mi sono svegliata

Il primo mondo ha affamato il 3° mondo. Gli ha portato via le miniere, ha sostenuto i dittatori, ha esportato armi, ha rifiutato i suoi prodotti di esportazione, lo ha impestato di OGM e di scorie tossiche, ha contaminato le sue acque e i suoi territori, lo ha cacciato con le dighe, gli ha prestato soldi con la BM e in cambio ha preteso sudditanza economica e servizi sociali, gli ha impedito di curarsi coi suoi brevetti, ha sostenuto 50 guerre sciagurate, ha trasformato i suoi figli in pezzenti o mercenari e ha rifiutato di pagargli aiuti economici, con stupidi e dispendiosi G8 dove consolidava la sua miseria. Ora il 3° mondo è in subbuglio, miliardi di affamati stanno in fondo al nostro prato. Non sono solo tunisini, c’è tutta l’Africa, l’Asia, il Sudamerica… Sono tanti, sono giovani e hanno fame. Come avranno abbastanza fame, non ci sarà nessuno che potrà fermarli. Ma i due pupazzi si incontrano per parlare di nucleare e di rimettere i confini. Quali sono i confini che potranno salvarci? Maroni regala 26.000 permessi di soggiorno. Quanti ne vorrà regalare? La dx si risolleva e parla di morte. Non ci sarà dx che potrà salvarci. E il padrone di casa parla di testamento biologico!? A chi vuole morire sarà impedito di morire, ma a chi vuole vivere non sarà permesso di vivere. Siamo in un incubo. Governati da pazzi.
..
MIGRANTI
Viviana

Di fronte alle migliaia di maghrebini che sbarcano a Lampedusa, il Governo della Lega sta andando fuori di testa. Maroni ha smesso di parlare di respingimenti o di Bossi-Fini e non sa più cosa fare, salvo piatire con l’UE, e ormai pensa solo a spargerli in tutte le regioni italiane, offrendo loro un alloggio o una tenda. Non offre cibo o sopravvivenza. E non basterebbero gli assurdi lager CPT. Per cui Maroni non sa far altro che spargerli in giro con effetti che possiamo ben immaginare. E’ chiaro che oggi i poveretti razziano gli alberi da frutto, domani ruberanno o peggio. Al momento i cosiddetti governanti sanno solo rimpallarsi le responsabilità nel senso che uno propone di rimpatriarli con dei soldi, il socio nega, e così, tra un rimpallo e l’altro, il Governo si avvia ad altri 2 anni di inutilità totale dove le uniche cose fatte sono tagli vergognosi ai servizi e leggi vergognose per proteggere B.
Intanto quel Governo che promette oggi migliaia di euro ai migranti rimpatriati è lo stesso che ha promesso già per due volte aiuti all’Africa, dimenticandosene. E’ lo stesso che ha mandato migliaia di persone alle carceri delle torture libiche o a morire di sete nel deserto. E’ lo stesso che ha messo su dittatori come Ben Ali o che ha sostenuto, armato e pagato criminali come Gheddafi, lo stesso che pensava di smaltire le scorie tossiche nel Maghreb o di farci lauti business televisivi. E’ lo stesso infine che, nello sfascio totale del paese, vota in Parlamento per l’apertura di un secondo fronte bellico, o per le centrali nucleari, per la paralisi della giustizia, per la privatizzazione dell’acqua pubblica, per altri mafiosi o camorristi al potere, per la salvezza a oltranza di Berlusconi.
Di fronte a tante e tali nefandezze, pensare che c’è ancora chi vota Lega o Pdl sembra talmente aberrante da non essere nemmeno verosimile.
Di qualunque cosa abbia bisogno un paese occidentale, Berlusconi e Bossi sono sulla strada contraria e ci portano alla rovina.
..
Viviana

Ci dicono
“Non è una guerra
È un intervento dell’Onu”
Come se una bomba
fosse diversa
Come se un morto
fosse meno morto
Un caccia è un caccia
Una bomba non diventa
meno bomba

perché ci scrivi sopra
“Little boy”
Una depredazione
resta depredazione
un morto resta morto
Un orfano orfano
Una vedova vedova
Un paese distrutto resta distrutto
Il dolore di chi resta
non conosce

le parole di prammatica
delle cancellerie
internazionali
Le lacrime sono sorde e cieche
all’ipocrisia
e il diritto resta storto
la vita infranta
il mondo distrutto.
sotto una sopravveste di parole
E il potere resta sempre potere

sui senza potere.
..
RIVOLUZIONI SENZA LEADER
Riccardo Rita – IFQ

Negli ultimi mesi i tg ci hanno mostrato manifestazioni, disordini e sommosse nell’area del Mediterraneo, senza mai presentarci un capo della rivolta. L’unico leader che veniva menzionato era quello da abbattere: Ben Ali, Mubarak, Gheddafi, Bashar al-Asad e così via.
Abbiamo assistito a delle vere e proprie rivoluzioni in Tunisia, in Egitto, in Libia e adesso in Siria. Eppure nessun commentatore si è preso la briga di spiegarci chi, in quei paesi, si è messo a capo dell’opposizione,chi ha guidato o ispirato gli uomini e donne che scendevano in piazza a pretendere, libertà e democrazia… È solo che, quelle rivoluzioni, un leader non ce l’hanno proprio avuto. Sono nate dal basso, coordinate attraverso il passaparola e Internet. Si sono costituiti microgruppi di attivisti connessi tra di loro attraverso vari livelli “a rete”, chi intorno a un blog, chi su skype, twitter o facebook.
I cyber-attivisti non sono gli organizzatori ma aiutano i comitati a condividere le informazioni e passano le giornate a confermare i dati su arresti, morti, proteste aggirando (e insegnando ad aggirare) la censura.
L’unica leaderhip presente è quella da abbattere.
Più che leadership si tratta di LEADERSHIT.
Che non va sostituita con un’altra leadership, ma rimossa, perché i nuovi protagonisti non sembrano sentirne il bisogno e appaiono perfettamente in grado di muoversi e organizzarsi in modo autonomo e partecipativo.
Ci troviamo di fronte a un cambiamento epocale su larga scala ,i cui effetti diventano sempre più evidenti e significativi in tutti i contesti economici, sociali e politici del pianeta

E’ giunta l’ora di fare spazio a una logica non più verticistica,ma orizzontale,“di rete”, incarnata dalla leadershit: il dilagare del web e dei social network parla chiaro.
Esercitare la leadershit significa condividere e integrare il potere, le informazioni, le scelte, rifiutare le certezze calate dall’alto e accettare la complessità, cogliendone la ricchezza. In una parola,“pensare insieme”.

Anche in Siria le rivolte mostrano un livello di coordinamento su scala nazionale, a cominciare dal manifesto diffuso su Internet firmato da 14 comitati che portano i nomi delle città e dei villaggi dove si sono tenute le proteste
Il leader è la RETE.
Il 1° livello è quello dei comitati,gruppi di attivisti che mobilitano i manifestanti localmente,città per città.
Il 2° livello è formato dalla schiera dei cyber-attivisti che aiutano i comitati a condividere le informazioni. Si parlano via Skype. Moltissimi sono giovani o giovanissimi, dicono tutti di non avere un leader ma questo non li preoccupa.
Stiamo passando alla rivoluzione veramente popolare.
Il governo punta sulle divisioni etniche e religiose per metterli gli uni contro gli altri, ma loro hanno superato questa barriera in nome degli scopi comuni di liberazione nazionale. Agiscono denunciano on line le efferatezze del regime e superando perciò le bugie di una stampa asservita. Agiscono attraverso campagne e mail. Evitano la censura usando i proxy, programmi che si interpongono tra un client ed un server, inoltrando le richieste e le risposte dall’uno all’altro. Usano Twitter, come i rivoltosi iraniani. E Facebook dove diffondono notizie e decine di filmati e arruolano sempre nuovi ribelli.
Dicono di mirare ad un sistema democratico di governo. Come tutti. Ma quale democrazia, de tutte le democrazie fin qui hanno fallito?
.. e qui c’è ancora chi sta ad aspettare il capopolo???
Ma allora non avete capito nulla?

Dario Fo

Rivolta in Algeria, altri morti, altri feriti, poi a catena l’Egitto, Iran, Libia, Bahrain e Yemen e anche l’Albania. C’è un fatto da sottolineare: tutti i presidenti, in verità dittatori, che uno dietro l’altro si son trovati scacciati dal potere o costretti a fuggire con tutta la famiglia, affaticati nei loro gesti dal peso di lingotti d’oro rubati negli anni, risultano amici carissimi quasi fraterni di B. Tutti costoro sono stati per anni pubblicamente sostenuti e difesi, abbracciati, baciati davanti alle telecamere dal nostro Presidente del Consiglio e nel momento stesso in cui la popolazione urlava “vattene” egli, B, ha dichiarato che quei tiranni erano da ritenersi saggi e onesti governanti. Nello stesso istante masse di cittadini venivano falciati e trucidati dalla polizia organizzata dai sommi rais in questione. Queste rivolte a valanga sono, nella cultura islamica, segni di una tragica profezia che si va immancabilmente realizzando per tutti coloro che hanno fatto parte di questa corvé di sostegno reciproco.

LUTTWAK SPREGIA BERLUSCONI
Raffaele Tregua

Avete sentito la dichiarazione di Edward Luttwak ieri sera a Ballarò? Strano, ma oggi non ho trovato una riga di commento in merito sui giornali online. Il Luttwak, di cui non condivido alcuna idea, è un consulente politico di antichissimo corso che misura le parole, pur esprimendosi apparentemente come un cowboy, ha affermato che nessun capo di governo o di stato vuole avere a che fare con Berlusconi, perché,oltre a essere considerato totalmente inaffidabile, è anche considerato un problema internazionale. Ogni capo di stato, secondo Luttwak, preferisce avere i minori contatti possibile con i suoi parigrado, perché sono sempre fonte di guai interni: deve confrontarsi con la maggioranza che lo sostiene, stare attento con le dichiarazioni e gli impegni che assume ad ogni vertice, ecc…quindi che tali riunioni avvengono solo quando non se ne può fare a meno, ci si deve dire qualcosa di specialmente importante e il profitto politico che scaturisce dal vertice è superiore ai guai interni puntualmente conseguenti. Tutto ciò fra comuni capi di stato o di governo: non quando di mezzo c’è B, perché nessuno vuole avere a che fare con lui! Ecco dove siamo arrivati,il baratro nel quale siamo già caduti, anche per quanto concerne le relazioni internazionali. Ed ecco, a mio avviso, perché questo maledetto pagliaccio che dobbiamo ancora sopportarci sul groppone, è “costretto”, pur di avere una qualche visibilità internazionale, a dire a tutti di sì, ad accettare qualsiasi vessazione , a non far avere, insomma, all’Italia, più alcuna dignità politica all’estero.
Una dichiarazione come quella di Luttwak è di una gravità immensa e stupisce che non vi sia stata alcuna reazione, neanche da parte dell’opposizione. Per quante generazioni a venire dovremo essere disprezzati all’estero? E Napolitano non interviene? Ma allora siamo indegni di essere una Nazione!
..
IL BALLISTA
Vittorio M

Probabilmente sono l’unico che cha sentito B dire che le centrali francesi sono costruite “a prova di attacco atomico”, visto che nessuno si e` premurato di non dico confutare questa bugia, ma almeno di riportarla nei resoconti.
Mentre il nostro miglior ballista degli ultimi 150 anni stava raccontando questa indifendibile menzogna allucinatoria, il suo compagno di mega affari nucleari Sarkozy mostrava tutti i segnali non verbali di chi avrebbe voluto (ma non poteva) nascondersi.
Siamo al delirio manifesto e documentabile. Una persona che sragiona a questo punto verrebbe estromessa da qualsiasi carica che comportasse la benché minima responsabilità su persone e beni. Siamo governati da un dittatore che crede ciecamente alle balle inverosimili che lui stesso confeziona.
Ci veniva da ridere quando vedevamo Gheddafi con le sue divise e foto appuntate al petto. Purtroppo quello più insano era il nostro!
Anche davanti a comportamenti così allucinati sembra che nessuno nemmeno si accorga di quanto deliranti siano le condizioni di chi potrebbe inviarci dritti verso un incubo nucleare.
Per la prima volta ho davvero paura. Non so come ne verremo fuori.
..
NUCLEARE: LA TRAPPOLA DEL REFERENDUM

E la tecnologia francese non è sicura ed è già stata bocciata negli Stati Uniti.
Ma il Governo italiano non ha abbandonato l’idea del nucleare.

Dice Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace Italia:
“Berlusconi è uscito allo scoperto. La moratoria sul nucleare è un bluff. Ma pensare che il nucleare sia il futuro può pensarlo solo una persona che ha la testa rivolta al passato. Se noi guardiamo l’andamento del nucleare negli ultimi 10 anni, vediamo che il suo nella produzione di elettricità (e l’elettricità è solo una parte dei consumi energetici) è sceso dal 17,5% del 1999 al 13 del 2009.
Nonostante tutta questa propaganda sul supposto rinascimento nucleare, la realtà è diversa. I reattori di terza generazione avanzata, in particolare l’Epr francese e l’Apmeal americano o nippo-americano, faticano non poco a vedere la luce e presentano problemi non risolti. In particolare l’Epr francese, per ammissione dei progettisti, è un prototipo neanche completo, che non ha ultimato neanche le procedure di sicurezza, e i cui costi viaggiano al doppio di quanto era promesso. Non si riesce a fare questi reattori ed è per questo che, dagli Stati Uniti alla Germania fino alla Russia, si cerca di allungare la vita utile dei reattori esistenti: ricordiamo che il reattore 1 di Fukushima aveva ottenuto l’estensione della licenza proprio a febbraio, quando aveva compiuto 40 anni.

E BASTA COL DEBITO DEI PASSATI GOVERNI!
Vv

E basta sentire lo slogan del debito dei passati governi! Aveva senso dopo lo sciagurato Craxi, che ha trattato l’Italia come un terreno da depredare, ma dopo 17 anni di sgoverni di B e scempi di Tremonti, l’ossessivo scaricabarile non è più accettabile!
Basta guardare la curva del debito in costante salita, per vedere che la sua crescita si è sempre ridotta sotto i 2 mezzi governi di Prodi, ma si è impennata sotto tutti i governi di B. E sappiamo quanto abbia sempre favorito le classi più abbienti con condoni, scudi fiscali, depenalizzazioni, prescrizioni, scarsi controlli e levità o assenza di pene, tanto che l’evasione fiscale di lavoratori autonomi o imprenditori ha raggiunto cifre enormi, con professioni autonome a dichiarazioni fiscali ridicole (gioiellieri o avvocati o dentisti che dichiarano 500 € al mese!).Nel contempo, le tasse sono cresciute fino a essere le più alte d’Europa, gravando quasi solo sui lavoratori dipendenti, sempre più poveri, indifesi e strozzati, con salari e stipendi che sono i più bassi nell’Europa dei 7,e una casta politica, manageriale e finanziaria elefantiaca, accentratrice di soldi e di potere, sempre meno tassata e meno responsabile dei suoi misfatti e sempre più esosa nei suoi vizi e privilegi.
E, a fronte di un debito di 1.879,9 MLD di €,Tremonti ha anche la faccia di rassicurare Marcegaglia dicendole che “diminuirà i controlli”!?
La percentuale di imposte evase è arrivata al 38,41 %, è altissima al Nord per entità e diffusissima al Sud per estensione. Il contribuente evade in media 17,87 € ogni 100 € di imposte, di più se si sottraggono i lavoratori dipendenti che non evadono affatto.
L’Italia ha il primato UE col 51,1% del reddito imponibile non dichiarato! Nel 2009, l’imponibile evaso è cresciuto del 11,4% fino a 366 MLD.
Nel 2010 ne sono stati recuperati solo 25, una miseria! E Tremonti riduce i controlli e taglia lo stato sociale!?
Ora l’UE ci chiede tagli per 25 o forse 36 MLD. Dove andrà a prenderli Tremonti? Tremo alla risposta.
Quando l’on Saltamartino a Ballarò ha detto che B avrebbe ridotto le tasse è esplosa una risata, perché sono 17 anni che B lo giura e le tasse le ha solo aumentate. Anzi il governo B di nuove tasse ne ha messe 22 ma Prodi non è stato da meno. Non hanno tagliato un solo spreco del carrozzone pubblico, non è diminuito il numero di parlamentari come avevano promesso, anzi hanno dilatato il numero di parassiti politici, la Lega non ha voluto tagliare le Province e col federalismo raddoppierà il carrozzone statale e non si è nemmeno degnata di dirci quanto ci costerà il suo falso federalismo che aumenta la manomorta politica ma lascia le decisioni fondamentali a Roma, la crisi non ha decurtato di un solo € gli alti redditi o gli emolumenti dei nostri amministratori che sono i più costosi d’Europa, mentre le Grandi Opere sono servite solo a quadruplicare gli sporchi interessi di una cricca imprenditoriale e mafiosa protetta dal Governo.
E chiaro anche a un asino che per riavviare questo paese occorre ridurre le tasse ai lavoratori dipendenti almeno di 5 punti, cambiare il trattamento degli evasori (non premiarli o depenalizzarli o dar loro facili prescrizioni o patteggiare all’1%), migliorare la qualità dei servizi pubblici, eliminare gli sprechi, tassare le rendite finanziarie e i grandi patrimoni, riformare il fisco e fare finalmente quella trasparenza fiscale facile da attuare (gli USA l’hanno pur fatta) mentre un premier che è il 1° evasore d’Italia premia anche i patrimoni in nero e in rosso sangue e ostacola le indagini sui conti esteri e le scatole cinesi, pagando mazzette alla GdF o ai giudici e rifiutandosi di pagare le multe col pretesto che le toghe lo perseguitano.
L’Italia è al 3° posto nel mondo per pressione fiscale. Dai dati della Banca Mondiale risulta che il carico fiscale è arrivato al 68,6%! Cosa vuoi competere a questo punto? E Marchionne sta a cassare la pipì degli operai o li forza a un ritmo di lavoro insostenibile!!
Se un Governo volesse avviare la ripresa farebbe un fisco sano ed equo che eviterebbe la delocalizzazione. Il salasso dei poveri e lo schiavismo!

Giorgio
“Berlusconi sembra il personaggio della barzelletta di uno che percorreva l’autostrada contromano e ascoltando la radio che parlava di un pazzo che procedeva contromano diceva: “Altro che un Pazzo, questi sono in 2000!”
Ecco lui è quello contromano, e noi siamo i 2000.
..
Bocchino, a Ballarò, è stato semplice e diretto

Dal 1994 B ha tradito tutte le sue promesse elettorali
-Meno tasse MAI FATTO
-100.000 case popolari MAI FATTE
-Liberalizzazioni MAI FATTE
-Dimezzare le cariche politiche MAI FATTO (anzi ora farà un decreto per sistemare pure i Responsabili, dilatando i Governo nella carica dei 201)
-Combattere la disoccupazione MAI FATTO
-Combattere l’evasione MAI FATTO
-Un piano per il Sud MAI FATTO
Il suo 1° provvedimento fu il Lodo Alfano, per se stesso. Poi tolse l’ICI alle seconde case, cioè ai più ricchi. Uno dei provvedimenti più odiosi fu lo scudo fiscale con cui protesse anche i fondi neri della mafia più quelli degli evasori con uno schiaffo cocente a chi le tasse le paga. Ora con le prescrizioni brevi e brevissime, altro schiaffo alle vittime e altro premio ai farabutti
Ad ogni elezione B rinnova le promesse che ha sempre tradito. Il Piano per il Sud lo ha ripresentato 5 volte. La riduzione delle tasse l’ha ripresentata 4 volte. Per non parlare delle riforme o del federalismo.
Intanto la disoccupazione è aumentata e i giovani sono alla canna del gas. E si profila l’incubo dei nuovi tagli imposti dell’Europa che ammazzeranno i soliti più poveri, lasciando inalterati i più ricchi. Ma di cosa stiamo parlando?
..
LA CRISI NON E’ UGUALE PER TUTTI

E’ il titolo di un libro in cui l’economista Tito Boeri ci spiega come perché l’Italia è entrata prima degli altri Paesi nella recessione e perché non ne esce. E come mai, nonostante non abbia subito il fallimento di grandi banche e l’esplosione della bolla immobiliare, stia vivendo la crisi peggio di altri Stati, così che ci dibattiamo da 17 anni nella stagnazione e, a differenza degli altri paesi europei, non diamo segno di uscirne
La politica economica sembra ormai scomparsa dall’agenda nazionale. Non compare neanche quando la Finanziaria dovrebbe dirci che iniziative intende prendere il Governo o cosa contrappone l’Opposizione. Abbiamo l’impressione che la parola ‘responsabilità’ sia scomparsa da entrambe. C’è solo un vuoto gigantesco riempito di chiacchiere e scandali. Amplificato da un’informazione sempre più vacua e sterile. E’stato fatto troppo poco e a favore dei soliti noti, ma enorme è la mole di ciò che non è stato fatto da questa oligarchia per fronteggiare la crisi.
Sono proliferate nuove tasse (dalla Robin tax alla Padania tax); il federalismo, oltre che non attuato, risulta zoppo e inconcludente; gli attacchi alla Costituzione e alla democrazia sono sistematici; la Giustizia è più che cieca, folle; si è deciso di disinvestire il scuola e ricerca e di ammazzare le rinnovabili. Un periodo nero segnato da tappe ingloriose: la nuova tangentopoli peggiore della prima, le cricche di Stato, il furto gigantesco delle Grandi Opere e della Protezione Civile, la truffa della Tav, del Ponte di Messina e, ora del nucleare, le depenalizzazioni e le prescrizioni, le intimidazioni alla stampa, i falsi dossier e le boffizzazioni, la compravendita dei parlamentari e il mercato dei voti, la politica fatta di ricatti e intimidazioni, l’attacco sordido alle procure, la distruzione delle istituzioni e dell’equilibrio dei poteri, la difesa della mafia, l’incredibile vicenda Telecom, lo schifo Alitalia, Calciopoli, puttanopoli, cocainopoli.. una classe dirigente spudorata e corrotta che ormai non si vergogna più di nulla ed è difesa da gruppi elettorali ancora più spudorati e corrotti. Il vizio fatto sistema.
Boeri: “Siamo l’unico paese dell’area OCSE dove i salari e gli stipendi non sono cresciuti (Ma sono cresciute le tasse. Ma sono cresciute le assoluzioni dei ladri. Ma sono cresciuti i privilegi e i vizi dei politici!).
La vera catastrofe è la partitocrazia. La vera catastrofe è questo governo, ma anche l’opposizione in quanto a scifo non scherza.
Sentiamo che B farà una legge per allargare il Governo con un rimpasto e metterci dentro i 36 “Responsabili” senza i quali è perduto, sentiamo che alle amministrative il Pd non esista a candidare pregiudicati, tangentisti e gente disonorevole. Sentiamo che il Pd esulta per la guerra alla Libia e che Napolitano dà alle bombe la sua personale benedizione considerandole ‘un naturale sviluppo” della direttiva dell’ONU. Mi raccomando: del peggio non facciamoci mancare niente!

Giannini
“L’azione di Governo è mirata solo alla sopravvivenza politica di B.. Al di fuori di quello non esiste nulla. Si parla di revisione della Costituzione che tecnicamente richiede per ogni modifica tre letture parlamentari a distanza di tre mesi una dall’altra, più un referendum confermativo, qualcosa che ci porta molto oltre nel tempo. E questa revisione non ha un piano di massima ma segue in modo abborracciato l’emergenza giudiziaria del presidente del consiglio. Ma che significa che l’Italia non è più fondata sul lavoro ma sul Parlamento? Serve solo a permettere che il presidente del consiglio, in quanto padrone del Parlamento, possa sfuggire alla legge penale. Da una parte si esalta il Parlamento come fosse formato da delegati del popolo e rappresentasse la volontà popolare, dall’altra si calpesta la stessa volontà popolare sabotando il referendum”.
Tutto nasce e muore sugli interessi di un uomo solo,
Ma è questa la democrazia?
..
Segnalato da Valter Conti:
“Scrivere, perché’ i fatti sono si sfumino,
perché’ la memoria non sia spazzata via dal vento.
Scrivere per registrare e dare un nome alle cose.
Scrivere quello che non si deve dimenticare.”

(Isabel Allende)

Maria Pia Caporuscio

Sono passati 25 anni del disastro di Chernobyl e un mese da quello ancora peggiore di Fukushima e sentir parlare di nucleare vengono i brividi. Continuare a tranquillizzare le popolazioni nascondendo il disastro umanitario, è qualcosa di così grave da qualificare coloro che si adoperano in questo senso, a dei veri e propri criminali, alla stregua se non peggiori di Hitler, che è il massimo della bestialità umana finora conosciuta. Così il nostro presidente del consiglio, che inganna apertamente gli italiani fulminando il referendum, che gli avrebbe impedito di costruire le centrali nucleari, come intende fare fra un paio di anni. Questa dichiarazione è di una gravità assoluta che dimostra chiaramente che quest’essere a cui è stato affidato il Paese, è il più grande malvivente della storia. Un essere bugiardo, inaffidabile, capace di qualsiasi crimine, un meschino burattinaio senza parola, non saprei davvero che nome dargli per definire esattamente quello che è. Un essere da far tremar le vene e i polsi, come diceva Dante. Chi sarà in grado di fermare questo lurido dittatore? Noi siamo un popolo di gente onesta, di lavoratori, anche se ci è stato tolto persino quello, siamo contro la violenza, condanniamo la guerra, non ci piacciono le rivolte, amiamo vivere in pace e non dare fastidio a nessuno, ma così indifesi e a mani nude come faremo a pretendere che i nostri diritti vengano rispettati e non calpestati? Costui si fa forte proprio della nostra bontà, della nostra civiltà per sottometterci, sapendo che con noi non rischia nulla. Ma dinanzi alla sua violenza, dinanzi al pericolo nucleare necessita trovare il coraggio di fare cose che non vorremmo mai fare. Necessita recarsi sulle tombe dei nostri martiri e disseppellire quel coraggio con il quale i nostri eroi della resistenza ci assicurarono la Libertà. Anche loro erano contro la violenza ma quando il nemico aveva invaso il proprio Paese, imbracciarono le armi e li cacciarono dall’Italia.

Le mazzette del nucleare
Da l’espresso
Che ci fossero delle tangenti su questa ossessione sul nucleare era un forte sospetto. Ora è divenuto certezza grazie alle rivelazioni di Wikielaks. In un cablo segreto spedito a Washington, l’ambasciatore americano rivela che persone del governo Berlusconi avrebbero preso tangenti per comprare tecnologie e centrali francesi. Insomma il glorioso “Risorgimento nucleare” è il solito gioco della mazzetta.
Lo dice nero su bianco un rapporto del 2009 per il ministro dell’Energia di Obama, Steven Chu. Sono le mazzette a decidere il destino energetico del Paese, per conquistare il mercato più ricco d’Europa. Per gli Usa si tratta di uno strumento per allontanare l’Italia dalla dipendenza del gas russo. Occorre convincere i politici a concretizzare il programma atomico e far entrare nella partita i colossi americani del settore. Complici il prezzo sempre più alto degli idrocarburi, i rincari delle bollette e le promesse di sicurezza dei reattori più avanzati e, ora, anche la guerra libica che fa buon gioco. B non mostra dubbi su questa scelta. Più difficile convincere il csx ma alla fine anche Bersani si mostra possibilista.
Si schierano aziende-Stato, che sono diretta emanazione dei governi e godono dell’appoggio di diplomazie e servizi segreti. In pole position i francesi di Areva, quasi monopolisti, hanno 58 mila dipendenti e 10 MLD di fatturato l’anno. Negli Usa ci sono Westinghouse e General Electric che “sono interessate a vendere tecnologia nucleare all’Italia”.
Inutile dire che in questo gioco sporco gli interessi o la salute dei cittadini italiani non fanno testo. Ora vaglielo a spiegare alla Margherita Hack!

Il massimo della soddisfazione da potere:
dire una menzogna per ingannare il popolo
confessare di aver detto una menzogna
E aspettarsi di essere votato lo stesso dimostrando che i propri elettori sono un branco di scemi

..
E SI AUMENTANO GLI STIPENDI
Beppe A

E mentre l’Italia arranca, il capitolo di spesa per i compensi del segretario generale e i suoi facenti funzioni dovrebbe crescere nel 2011 da 430.000 a 520.000 €. Come pure la voce che riguarda lo stipendio di B, dei ministri senza portafoglio e dei sottosegretari alla presidenza: da 1,6 a 2,1 milioni. 500.000 € in più. Un aumento 20 volte superiore all’inflazione!
E non è l’unica impennata. Nel preventivo 2009 le spese di rappresentanza erano fissate in 200.000 €. Sono quadruplicate: 800.000. Quelle per i convegni, i congressi, le visite ufficiali del premier erano stabilite in 900.000 €: hanno passato di slancio i 6 milioni, più quasi 4 non previsti per «spese relative a eventi istituzionali anche di rilevanza internazionale». Oltre il decuplo.
Dall’insediamento del Cavaliere l’8 maggio 2008 al 31 dicembre gli aereiblu volano 3.294 ore: 411 al mese. Nel 2009, 5.931 ore: 494 al mese. Nei primi dieci mesi del 2010, 5.076 ore: 507 al mese.
Un aumento del 23,3%. Alla faccia di tutti i bla bla sui costi della politica e le promesse di tagli. E i voliblu coi «servizi»? Segreti. I costi totali? Segretissimi. .

La Corte Europea ha dichiarato illegittimo il reato di clandestinità
VV

Tale reato, voluto dalla Lega, va contro lo spirito europeo, pertanto, essendo la Corte europea superiore alla legge italiana, qualunque giudice è tenuto a non applicare le pene previste dalla Lega,
Borghezio ha detto che la sentenza non sta né in cielo né in terra, e difatti esce dal cervello disumano dei padani.
Il reato fu introdotto dalla Lega nell’agosto del 2009.
Domando: come mai la Corte Europea ha aspettato quasi 2 anni per dichiararlo illegittimo, mentre la sua applicazione selvaggia ha riempito le carceri di disgraziati rei soltanto di non avere permesso di soggiorno?
Domando ancora: siamo il paese europeo che ha meno immigrati e fa più lamentazioni perché non sa gestirli, mentre il livello di sicurezza diventa sempre più precario. C’è ancora qualcuno che crede che questo problema dell’immigrazione sia stato gestito bene dalla Lega? La responsabilità ovviamente, qui è della sola Lega, in quanto a Berlusconi poco importa dei migranti. E se gli fosse importato qualcosa non avrebbe mandato avanti i suoi affari nel Maghreb, sostenendo dittatori del calibro di Ben Ali o di Gheddafi

Le candidature del Pd
Francois Marie Arouet

Che senso ha, per il Pd, sdegnarsi, criticare, fare campagne “puritane” per poi candidare due personaggi dal passato “oscuro” come Giusi La Ganga e Giancarlo Quagliotti?
E’ quello che vorrei chiedere ai vertici del PD, che per le prossime elezioni comunali di Torino ha candidato questi due personaggi:
Giusi La Ganga è un politico craxiano che negli anni ’90 ha patteggiato 20 mesi e 500 milioni di lire di multa confessando grosse tangenti per finanziamenti illeciti ai partiti. Oggi è dirigente del Pd e lo candidano alle elezioni comunali.
Giancarlo Quagliotti, dirigente del Pci riuscì a farsi coinvolgere nello scandalo tangenti sia nell’8tre che nel ’9tre quando fu condannato per le tangenti che la Fiat pagava al Pds. Oggi è “coordinatore politico” della campagna elettorale di Fassino. Bella scelta!
..
Silvanetta segnala
Niente pensione per i reduci di Chernobyl

Hanno sacrificato la loro salute per decontaminare la vasta area intorno al reattore esploso 25 anni fa. Ora il governo si è dimenticato di loro.
Il 26 aprile è 25 anniversario dell’incidente di Chernobyl, a seguito del quale una nube radioattiva attraversò i cieli dell’Europa.
2000 veterani di Chernobyl, che parteciparono alle operazioni di decontaminazione all’epoca del disastro nucleare, si sono riuniti a Kiev per protestare contro i tagli dei benefit e delle pensioni che hanno ricevuto come compensazione per l’esposizione alle radiazioni. I manifestanti hanno espresso la loro rabbia contro il governo che ha ridotto in modo drastico le loro pensioni, proprio ora che il costo della vita sta aumentando in modo esponenziale.
Nel 1991 l’Urss aveva offerto un generoso pacchetto di benefici per quelli che possiamo chiamare i reduci di Chernobyl. Ma con il passare degli anni tali benefici sono stati via via ritirati. Il governo attuale dice di essere stato costretto a questi tagli progressivi per via della crisi finanziaria globale, che ha colpito duramente l’Ucraina.

http://www.giornalettismo.com/archives/121904/niente-pensione-per-i-reduci-di-chernobyl/
..
LO STOP ALLE RINNOVABILI

Persino l’Europa si è accorta che lo stop dato dal Governo italiano alle rinnovabili trasgredisce quanto era stato richiesto a ogni paese europeo per ridurre la dipendenza dal petrolio (e con un uranio e plutonio anch’essi a fine corsa).
Il Commissario europeo all’energia ha avvisato il ministro Romani che non può ostacolare il processo economico, sociale e ambientale partito con lo sviluppo delle energie alternative. L’Europa dà ragione agli imprenditori e ai lavoratori del settore, che le dissennate scelte del Governo hanno messo in crisi con 150.000 posti di lavoro a rischio e il blocco dei crediti bancari. Oettinger scrive: “Bloccare i progetti esistenti sulle rinnovabili viola i principi generali di diritto nazionale e comunitario e compromette la stabilità degli investimenti nel settore, con ripercussioni sulla ripresa economica”.
Il Commissario Ue chiede all’Italia di attuare la direttiva europea per le rinnovabili “in maniera stabile e di essere molto cauto nel bloccare gli investimenti già effettuati” che invece il decreto Romani sta danneggiando. Non solo B ha tentato di spingere (per interessi innominabili) il nucleare, che gli italiani non vogliono, ma ha anche calpestato le direttive europee che vogliono aumentare le rinnovabili che ci darebbe autonomia e sicurezza. Bloccando le rinnovabili, come ha fatto questo sciagurato Governo, si blocca la ripresa economica, visto che 150mila persone sono occupate in questo settore.
“Le energie rinnovabili rappresentano il volano per il rilancio dell’economia e l’alternativa futura alle obsolete centrali nucleari e, per questo, non devono essere ignorate”.
Speriamo che l’Europa si accorga anche dei tagli sciagurati dati dalla Gelmini a scuola e ricerca, anche questo in totale controtendenza rispetto ai paesi occidentali, mentre il CNR è caduto sempre più in basso, da un elettricista della Lega a un creazionista dell’ultradx cattolica.
Ma in che mani siamo?
..
La quintessenza di “Roma Ladrona”

Privilegi e impunità, piazza evacuate e cortei di auto blu, doppi e tripli incarichi e carriere a vita. Violenta con i deboli e vile con i forti. Sul piano morale, oggi la Lega è la quintessenza di “Roma ladrona”. Rappresenta un grado di sfruttamento di rendite di potere ancor più cinico di quel che Bossi e compagnia andavano imputando vent’anni fa a socialisti e democristiani. Il continuo baratto personale e politico fra due padri-padroni di partiti-sette, senza democrazia interna ed estranei alla democrazia delle regole, è il vero collante di un governo eversivo, sostenuto da una minoranza del corpo elettorale e da una risicata (e comprata) maggioranza in parlamento.
Per chi non ha perso il gusto della riflessione sui fatti (e riesce a vincere il disgusto rispetto a una materia tanto greve) può essere utile la lettura di alcuni saggi usciti di recente sul partito secessionista di governo.”
(Ma come si può essere secessionisti e di governo? E’ come essere insieme la guardia e il ladro, il giudice e l’assassino. Un paradosso etico prima che politico e logico)
Dal libro “Svastica verde” di Walter Peruzzi e Gianluca Paciucci
“..un movimento eversivo, razzista, tendenzialmente totalitario con l’unico obiettivo della conquista e della gestione dispotica del potere, compreso il consistente tasso di accaparramenti, privilegi e corruzione che ciò normalmente si porta dietro”
..
Hanno tentato anche di diminuire le pene per il reato di collusione con la mafia. Attualmente esso è parificato all’associazione mafiosa e ha la pena minima di 7 anni. Vogliono abbassare il minimo a 1. Se approvato in tempi brevi, questo cancellerebbe la condanna di Dell’Utri prima della sentenza di Cassazione e agevolerebbe parecchio anche il buon vecchio Cosentino il cui processo inizia ora.
..
Una bloggher
Sarà la giornata, ma oggi avrei proprio voluto sbattere la radio contro il muro.
Ho da poco ascoltato la “Pubblicità Progresso” relativa alla violenza domestica, e ancora mi torcono le budella. E va bene che le studiano degli psicologi, notoriamente dementi e nazisti. E va bene (anzi malissimo) che siamo in un Paese più maschilista della Libia. Ma riuscire a dire basta alla violenza domestica concludendo con “gli uomini rispettino le donne e le donne rispettino gli uomini”, mi sembra, più che paradossale, una gran presa per il culo (delle donne, ovviamente). I maschi sono la prima causa di morte delle donne dai 15 ai 44 anni (dopo per fortuna che esiste il cancro, gli incidenti stradali e, dopo i 50 anni, le malattie cardiovascolari), 7 milioni di donne all’anno subiscono abusi sessuali. Per non parlare dei ricatti sui luoghi di lavoro, delle molesti e dello stalking. Questo modo di “fare pari”, di mettere i due sessi sullo stesso piano (come se fossimo nella stessa situazione), è una gran vigliaccata. Pari opportunità significa stare dalla parte della vittima, e non mettere vittima e carnefice sullo stesso piano. Già era vergognoso lo spot che incriminava i lavoratori per le loro morti sul lavoro, deresponsabilizzando le imprese. Ora mi pare si sia arrivati al cinismo estremo, visto che chi viene distrutto, all’interno delle quattro mura domestiche, sono le donne. Mi sono chiesta il perché e l’unica risposta che sono riuscita a darmi è che gli uomini non avrebbero mai accettato uno spot realistico, giusto e sincero che mettesse loro nettamente dalla parte degli abusatori. Come è. A forza di stare attente a non discriminare loro, a forza di essere costrette a tacere (vedi esiti nulli dei processi), ora ci tocca anche sopportare questo spot della vergogna
Io vorrei davvero non aver mai conosciuto questo paese di miserabili.
..
Mary C

Quanti angeli camminano tra noi?
Sono tantissimi…..
e i loro passi silenziosi
rimbombano fastidiosi
nei timpani dei tiranni…
Quanti angeli donano parole,
carezze e sorrisi senza chiedere nulla in cambio?
La loro generosità
fa schiattare d’invidia i potenti
Quanti angeli rischiano la propria vita ogni giorno?
Per poter scalfire mura di silenzi, di omertà e di indifferenza

Quanti angeli cadono poi al suolo ?
Uccisi da coloro che non potranno mai volare…

..
Tu l’hai notato il suo sguardo?
Tu hai letto tra le righe delle sue parole?
Tu l’hai mai visto veramente?
Non credo sai,
anch’io come te
nella fretta
della vita
convulsa e insulsa
a volte
non notiamo
nulla di piacevolmente

bello
che ci tolga il respiro
o che semplicemente
ci faccia sorridere
con il cuore!

..
L’AMORE PER LA VITA
La signora del bar
Aurora Campana

Stamattina sono partita prestissimo da casa. Avevo bisogno di aria con una
gran voglia di piangere. Ho camminato per il parco imbacuccata in un vecchio soprabito che tengo in macchina per le emergenze, ho preso il caffè in un bar Arci qua vicino dove sono diventata amica della barista.
E’ una donna di una umanità straordinaria ma se ne parli alle ragazze che
gestiscono i bar vicini sgranano tanto d’occhi e storcono il naso.
Sgranano gli occhi perché proprio è dall’altro capo del continente in rapporto a quello che sono ed anche quello che appaio io. Storcono il naso perché è’del tipo sui 55 o 50 non so neanche, grassoccia, provocante nel vestire, con i lobi delle orecchie penzoloni che dichiarano di aver sopportato troppo peso, mannaggia questi orecchini… convive con un uomo dai capelli lunghissimi che dice essere come un fratello, ama gli uomini e il sesso e non ne fa mistero, di giovedì, giorno di chiusura, la sua grandissima goduria è’ di andare al ristorante qui e là con dei tacchi altissimi (devi vedere i tipi di scarpe a trampolino che ha, le inquadrano a volte in televisione sembrano scherzi e sfida degli stilisti), minigonne mozzafiato, con un’amica che ha tre o 4 bimbetti e quindi ci sono tre o quattro papà in giro non si sa dove. E’ felice quando si innamora di qualcuno e ne diviene l’amante, il che succede abbastanza spesso. Ha due occhi verdi bellissimi. Avrebbe anche un bel viso ma è di quel colore sempre un po’ rossiccio di chi beve un po’ troppo ed io spero che non incorra nell’alcolismo.
Emana una umanità ed un amore verso la gente come ho visto in pochi. Un
bar Arci non è frequentato da gente sempre selezionatissima, ma si direbbe che per lei sono tutti figli di Agnelli e le vogliono tutti bene.
Le voglio bene anch’io per questo.
..
Maria Pia Caporuscio

Il fascismo, il nazismo e le dittature in genere sono la migliore forma di governo che la casta desidera e non sono bastate le guerre, non sono bastati i milioni di morti, né le distruzioni di tante città, a far loro cambiare idea. Il pericolo non è mai stato eliminato e la voglia di queste cosche non è mai venuta meno. Ogni governo porta in sé questa segreta aspirazione, benché si riempiano la bocca, che la democrazia è la migliore forma di governo. Dopo la fine della seconda guerra mondiale ci andavano cauti, la paura che il popolo ancora furioso per le sofferenze subite, li avrebbero scannati, li teneva a freno, ma col passare degli anni e con un costante martellamento, atto a svilire le coscienze sui concetti di onestà e di moralità in cui si riconoscevano, sono tornati all’attacco. Basta vedere il nostro capo di governo, che demonizza fino all’assurdo i comunisti. Sono tutti comunisti coloro che non si sottomettono ai suoi voleri. E’ comunista la magistratura colpevole di far rispettare le leggi. Comunista è l’opposizione che si permette di contrastare le sue leggi ad personam. Comunista è addirittura un ex fascista che ne contrasta l’abuso di potere. Comunisti sono tutti coloro che non lo votano. Mi piacerebbe chiedergli cosa gli hanno fatto di male i comunisti per odiarli a tal punto. Cosa hanno fatto di così terrificante i comunisti italiani da essere vilipesi a tal punto. Se penso all’ultimo comunista che ha onorato il mio Paese: ENRICO BERLINGUER mi si spacca il cuore dal dolore per la sua perdita. Volesse Dio potessero resuscitare e prendere nelle loro mani le macerie di quella che fu la loro Patria.
..
Beppe
L’UE innalza i limiti minimi di radioattività per poter importare merci dal Giappone. Ora dimmi a CHI serve un’Europa Unita come questa? Prodi, Goldman e soci saranno pur contenti, ma la gente NO. Per questo, idioti estremisti come Le Pen hanno poi vita facile.

RIDIAMARO :- )

I leghisti sono gente che beve.
Bevono di tutto.
Bevono grappa.
Bevono vino scadente.
Bevono le balle che raccontano i loro capi.
Bevono anche se non hanno sete.
Sono alcolizzati.
Gli alcolisti anonimi poco possono con fegati e cervelli infranti.
Continueranno a bere di tutto: sono tossici.

Charles Bukowski
..
Luca Popper
Berlusconi arriva in tribunale, a Milano, accolto tra due ali di ‘folli’.
..
Mandi
Un giorno il Bossi rientra a casa anticipatamente da una battuta di caccia al terun perché sorpreso da un forte temporale.
Sale le scale seguito dal figlio trota e arriva alla sua stanza.
Aprendo la porta, trova la moglie a letto con un amante terun, allora appoggia il fucile al muro e con un tono di voce pacato:
“Fedifraga! Concubina!
Fremo e tremo di sdegno!
Io che ti credevo come Cornelia madre dei Gracchi…
ti ritrovo una volgare Messalina!
E ciò che d’altro ho da dirti, mi rimane qui…
nella strozza.”
Il trota meravigliato dal comportamento del padre corre a casa dalla fidanzata per raccontargli l’accaduto.
Appena tornato a casa, spalanca la porta e la trova a letto con due arabi.
Imbraccia il fucile, lo punta, ma mentre sta per sparare gli tornano in mente le parole del padre e, volendolo imitare, urla:
“Fotografa! Contadina!
Fregno e treno de legno!
Io che te credevo come ‘na cornacchia,
madre de cric e croc…
te ritrovo ‘na vorgare da Messina!
E tutto l’altro che t’ho da dì me rimane qui…
stronza!”
..
Mandi
Definizioni: minchioning!
sballo da ignoranza acquisita geneticamente.
tipica della pianura padana, consta nel salto del vocabolario e nella più totale assenza di enciclopedie in casa.
i soggetti sono riconoscibili per lo sguardo perso nel vuoto e dalla parlata incomprensibile..
questa moda è sostenuta della presidenza del coniglio e sponsorizzata dal ministro della distruzione pubblica.
..
Ballusconi e i suoi servi sono pronti pure a bere tè al Polonio in conferenza stampa giurando sulla testa dei propri figli che “fa bene ed è sano, siate moderni, divertitevi e venite al Bunga Bunga!”
Tutti vissero felici e contenti.
Fluorescenti nella notte.
..
Marco della Sardegna
Riformata la giustizia.
Per allergia.
.
La riforma della giustizia sancisce la parità tra accusa e difesa.
Ma solo tra coloro che non hanno la fortuna di avere il parlamento
dalla loro parte.
.
Il Papa apparirà in tv.
La Madonna: Ora non esagerare!
.
“Habemus Papam”, Avvenire invita a boicottare il film di Moretti. Habemus inquisititionem
.
Riforma Meloni: deputati a 18 anni. In pericolo il posto da ministro della Carfagna.
.
Papa Ratzinger oggi compie gli anni per 84esima volta. Errare humanum est, perseverare diabolicum
.
B: “Siamo un governo amico delle donne”. Un trombamico.
.
Ricerca: in 20 anni dimezzato il numero degli spermatozoi italiani. Ad Arcore sono andati via a fiumi.
B è nel crollo dei consensi, riscuote appena il tre1% di fiducia: su 100 intervistati, meno di un terzo credono in lui
58% esprime “poca o nessuna” fiducia
..
Muore Bossi, leader della Lega Nord.
Il giorno dei funerali il trota si avvicina ad un alto dirigente leghista e gli mormora in un orecchio:
“Senti, dopotutto penso che spetti a me prendere il suo posto”.
“Sì, ma sbrigati, che stiamo per chiudere la bara”.
..
Bossi fa il discorso dal balcone alla gente in piazza….e comincia…
Bossi: Popolo Padano…
Popolo Padano: Bossi Bossi Bossi
Bossi: Vi sto per fare un annuncio importante
Popolo Padano: Bossi Bossi Bossi
Bossi: Purtroppo ho scoperto una cosa terribile
Popolo padano:Bossi Bossi Bossi
Bossi: Tra di noi c’è cazzone
Popolo Padano: Bossi Bossi Bossi
..
Questa invece è vecchia ma sempre attuale
Umberto Bossi si presenta al Papa e gli chiede:
– Lei mi deve autorizzare ad uccidere 67 meridionali ed un francese!!!
Il Papa incuriosito:
– Un francese? Perché un francese?
E Bossi:
– Ahh!! Lo vede che anche a lei non interessa nulla dei meridionali!!!
..
D’altronde anche Bossi ha del sangue meridionale.
Sì, ma sul paraurti dell’auto!
..
B e Bossi camminano nella villa di Arcore: E B dice: “Guarda, Umberto, un asino che vola!”. Bossi: “Ma no, Silvio, è impossibile”. Dopo un po’ B di nuovo: “Umberto, Umberto, guarda un altro asino che vola!” E Umberto:”Boh… vorrà dire che c’è un nido!!”
..
Lalla racconta
Papà cos’è la politica ? Il padre gli risponde: “Te lo spiego con un esempio: io che porto a casa i soldi sono il capitalista, tua madre che li amministra è il governo, la donna delle pulizie è la classe operaia, tu che hai qualche voce in capitolo sei il popolo, tua sorella che è appena nata è il futuro”.
Il bambino va a dormire, ma di notte la sorella inizia a piangere perché s’è fatta la cacca addosso. Il bambino va dal padre, ma non lo trova. Va dalla madre, ma dorme. Va dalla donna di pulizie e la trova a letto con il padre. Torna dalla sorella e dice: “Ho capito cos’è la politica… I capitalisti si fottono la classe operaia, il governo dorme, al popolo non lo ascolta nessuno e il futuro è nella merda!!
..
Al nano hanno regalato un gigantesco UOVO DI PASQUA da dove è uscita una violinista sexy (Charlotte Crona) mezza nuda, che ha cominciato a suonare il violino, mimando movenze SEXY. Per fargli prendere un MEZZO INFARTO, dall’uovo di Pasqua, avrei fatto uscire la BOCCASSINI con le manette in mano.
(BlacKouTotale su Facebook)
..
Berlusconi ha deciso di bombardare Gheddafy
Gli rimanda le frecce tricolori
Gli erano piaciute troppo
V
..
I doverosi sacrifici per la Fiat
Fiat, conti in profondo rosso.
Marchionne medita un nuovo piano: gli operai non potranno andare in pausa per la pipì nemmeno a casa.
..
JENA
BRAME
«Specchio, specchio delle mie brame, chi è il più degenerato del reame?».
.
Spinoza
Processo breve
Alfano minimizza: “A rischio solo una piccola parte dei processi”. La sentenza.
Incurante delle polemiche, la maggioranza guarda avanti. Allo studio il reato di onestà.
Gli scafisti gettano in mare i migranti. Nel nord Italia fa curriculum.
Processo Mediatrade, i sostenitori di B arrivano in pullman. “Un’iniziativa spontanea” ha assicurato Mastrota.
.
Io
Ma se i fan di B davanti alla procura sono spontanei, com’è che li paga il ragionier Spinelli?
.
Spinoza
Pare che Gesù fosse gay. Cose che succedono quando il bambino non cresce in una famiglia tradizionale.
(vedi Piersilvio..)
..
Dove lo stato latita, il latitante governa
Aniello
..
http://masadaweb.org

1 commento »

  1. L’UOMO DELLA PROVVIDENZA AD PERSONAM

    E come non parlare della piaggeria puttana di seguaci, cortigiani e accoliti ossequiosi che, come rapiti da incantamento, inebriante e vanesio, si sperticano, con sistematica quotidianità, in lodi e riverenze, offrendo riti propiziatori e offerte sacrificali, dono di immortalità e di sempiterna abbondanza, al Vitello d’oro! E come non vedere, nei tratti e nei gesti di Bondi, di Cicchitto, di Capezzone, di Lupi, Vespa, Belpietro, Feltri e Sallusti, la serie completa dell’immagine iconografica di checche isteriche e chiassose di un primitivo lupanare, al servizio di un pappone egocentrico e imbroglione! E come non guardare, senza avvertirne inquietudine e turbamento, alla vita di un uomo senza scrupoli e dal torbido passato piduista che, oggi, martirizza Vittorio Mangano, esalta la figura di Marcello Dell’Utri, fiducia Cosentino e delegittima le istituzioni! Lui, il “grande Silvio”, ometto attempato, che si trapianta e pittura i capelli di un nero corvino, anteponendo il trucco a una decorosa pelata – il Silvio con l’eterno cerone, le scarpe rialzanti e le pompette stimolanti – il Silvio dalle mille cravatte a pallini e gli eterni doppio petto blu. Un vero trattato ambulante di psicopatia, frustrazione e perverso e morboso narcisismo.
    Con quale dignità, un tale individuo, rappresenta in nostro paese? E’ dunque questo lo status symbol di virilità e machismo, autorità e potere nel quale si riconoscono tanti italiani e italiane, e che esibiscono come modello di moderna cultura e punto di riferimento socio-esistenziale? Visti i presupposti, è più verosimile pensare a un facoltoso transessuale al tramonto, osannato da una folla di pervertiti, squattrinati e senza futuro!
    E’ quindi questo, il salvatore della patria, l’uomo della provvidenza, il mito trascendente da sempre celebrato nell’immaginario degli italiani o, piuttosto, un millantatore da quattro soldi, un incantatore di serpenti e un traditore della patria? Uno scaltro piazzista che, nel mercimonio della dignità altrui, incarna l’archetipo della peggiore specie umana? Non sono forse gli italiani, le vittime predestinate di un masochismo perverso che, come Seneca affermava, “godono nell’affidare il potere al turpe?” Che significato assume oggi, il consenso popolare, quando una portata di fuoco mediatica (senza precedenti) si accanisce in un’opera diseducatrice e di omologazione delle coscienze, intervenendo sui lati peggiori dei cittadini e sdoganandoli come libertà e diritti
    L’antiberlusconismo, non è un movimento politico o ideologico, ma un’irrininciabile atto di ribellione sociale, etica e morale. Si dissocia, da ogni personalismo, rivendicazione o appartenenza culturale per elevarsi oltre la retorica e la bagarre. L’antiberlusconismo (come l’antifascismo) è una moderna forma di resistenza – un atto dovuto, un dovere civile dal quale, nessuno, si può (o si dovrebbe) sottrarre.

    Gianni Tirelli

    Commento di MasadaAdmin — maggio 9, 2011 @ 3:14 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: