Nuovo Masada

marzo 27, 2010

MASADA n° 1112. 27-3-2010. Pedofilia. Una Chiesa spaventosa

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 4:43 pm

Si allargano le denunce dei preti pedofili, ma l’atteggiamento della Chiesa resta ambiguo e poco credibile – Pesante e inopportuno intervento di Bagnasco contro l’aborto – Un prete speciale: don Paolo Farinella e il disfacimento della Chiesa – Potere materiale e potere confessionale – Chi difende ancora i preti pedofili? – Ma le Chiese sono sempre due – Numeri stratosferici di RaiPerUna Notte – Un evento che inizia un’era – Appello agli elettori dei beati Costruttori di Pace

Continuano a ripetizione le denunce di preti cattolici pedofili in tutto l’Occidente.
Il Papa ha detto che, essendo in procinto di una tornata elettorale, questi attacchi sono “a orologeria”
Non fatemi ridere che ci ho le labbra screpolate
Viviana

A MO’ di Berlusconi
I preti pedofili si difendono
“Non hanno pagato nessuno dei ragazzini”
(Questa è pessima, lo so. Non si dovrebbe fare alcun umorismo su cose così orribili. Ma il cinismo della Chiesa che continua a negare l’evidenza e a parlare di pregiudizio e di complotto è rivoltante)
Viviana
..
Jena
TELEFONATE
Pronto, telefono azzurro?
Sì, chi parla?
Sono Dio.
..
ETA’
Viviana

La Santanché ha tuonato contro gli islamici e ha chiamato Maometto pedofilo perché sposò una bambina di 9 anni.
Tanto per parlare di età…
Giuseppe era probabilmente molto anziano quando prese in moglie Maria, la quale era dodicenne. Lo Spirito Santo fece visita a Maria quando aveva quindici anni, e Gesù Cristo nacque quando ella ne aveva sedici.
Possiamo dire che Giuseppe era pedofilo?
Ma lo sa la Santanché?

Guardate questo bellissimo video di un prete proprio speciale che parla di queste elezioni ed auspica uno scisma nella Chiesa cattolica

Don Paolo Farinella

www.youtube.com/watch?v=Z3dunTiiawg&fmt=8

..
ABUSI E VIOLENZE. LA CHIESA UN PO’ SI PENTE UN PO’ NEGA MA RESTA NON CREDIBILE

I vertici del Vaticano, tra cui l’attuale Papa Ratzinger, occultarono gli abusi di un prete americano, sospettato di aver violentato circa 200 bambini sordi di una scuola del Wisconsin. Lo scrive il New York Times, sulla base di alcuni documenti ecclesiastici di cui è venuto in possesso. La corrispondenza interna tra vescovi del Wisconsin e l’allora cardinale Joseph Ratzinger mostra che la priorità era, a quel tempo, quella di proteggere la Chiesa dallo scandalo. E questa è sempre stata.
La notizia arriva all’indomani delle dimissioni del vescovo irlandese John Magee, che ha lasciato l’incarico perché travolto da un’inchiesta su presunti casi di pedofilia. E in mattinata, a Roma, due cittadini americani vittime di preti pedofili, insieme ad attivisti dell’associazione statunitense Snap, che raccoglie coloro che denunciano abusi sessuali commessi da sacerdoti, hanno distribuito questa mattina volantini contro Papa Ratzinger proprio al confine tra l’Italia e la Città del Vaticano, cioè al limite tra piazza Pio XII e piazza San Pietro. Sui volantini, la vicenda del prete del Wisconsin del quale parla oggi il New York Times.
La vicenda in questione riguarda il reverendo Lawrence C. Murphy, che aveva lavorato nella scuola dal 1950 al 1974. Nel 1996, l’allora cardinale Joseph Ratzinger non fornì alcuna risposta a due lettere che gli furono inviate dall’arcivescovo di Milwaukee, Rembert G. Weakland, mentre solo 8 mesi più tardi il cardinale Tarcisio Bertone diede istruzioni, ai vescovi del Wisconsin, di avviare un processo canonico segreto che avrebbe potuto portare all’allontanamento di padre Murphy.
Secondo la documentazione del New York Times, gli unici a preoccuparsi di Murphy sono stati i vertici della diocesi americana e la Congregazione per la Dottrina della Fede, mentre le autorità civili avevano archiviato il caso. In particolare la Congregazione della Dottrina della Fede che si occupò del caso solo tra il 1996 e il 1997, ha dato indicazione di procedere nei confronti di padre Murphy malgrado la lontananza temporale dei fatti costituisse un impedimento a norma di diritto canonico.
Bertone fermò questo processo dopo che lo stesso padre Murphy scrisse al cardinale Ratzinger ricordando che il caso era sostanzialmente caduto in prescrizione. “Voglio solo vivere il tempo che mi resta nella dignità del mio sacerdozio. Chiedo il vostro aiuto in questa vicenda”. Nei documenti, ottenuti dal quotidiano dai legali di 5 uomini che hanno fatto causa alla diocesi di Milwaukee, non c’è traccia della risposta di Ratzinger a questa lettera. Ma padre Murphy non ricevette mai alcuna punizione o sanzione e fu trasferito in segreto in alcune parrocchie e scuole cattoliche, prima di morire nel 1998.
L’Avvenire sostiene invece che dopo la prima denuncia di un ex studente della St. Johns School per i sordi sugli abusi compiuti su lui e altri ragazzi da padre Murphy tra il 1964 e il 1970, un’indagine ci fu. Ma il giudice incaricato archiviò il caso. La diocesi di Milwaukee allontanò subito padre Murphy, con un permesso temporaneo per motivi sanitari che poidiviene definitivo. Nel frattempo però le denunce presso la diocesi di Milwaukee si moltiplicarono e tra il luglio e il dicembre del 1993 padre Murphy fu sottoposto a 4 lunghi interrogatori dai responsabili dell’arcidiocesi assistiti da psicologi esperti di pedofilia.
Il quadro che ne emerse fu quello di un ‘pedofilo tipico’. Il trattamento raccomandato fu quello psicologico per maniaci sessuali oltre a un accompagnamento pastorale/spirituale e una restrizione nell’attività ministeriale. Ci furono 29 denunce di ragazzi. L’arcidiocesi di Milwaukee proseguì nelle indagini, il vescovo Rembert Weakland scrisse al prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede, cardinale Joseph Ratzinger, chiedendo lumi sul caso di padre Murphy e su quello di un altro prete, accusato di crimini sessuali e finanziari. Non arrivò mai risposta né da Ratzinger né da mons. Bertone, segretario della Congregazione per la Dottrina della Fede. Il portavoce del Vaticano, padre Federico Lombardi, con un comunicato citato dal New York Times spiega che elementi determinanti nella decisione di non punire padre Murphy furono la sua salute precaria e l’assenza di nuove accuse nei suoi confronti. Il sacerdote ha certamente abusato di bambini “particolarmente vulnerabili” e violato la legge e si tratta di “un caso tragico”, ma che il Vaticano ne fu a conoscenza solo nel 1996, anni dopo la fine delle indagini. Sui motivi per i quali padre Murphy non sia mai stato punito riducendolo allo stato laicale, il portavoce ha risposto che “il diritto canonico non prevede punizioni automatiche”.
L’Osservatore Romano insiste che non vu fu alcun insabbiamento e considera il tutto come un “evidente e ignobile intento di arrivare a colpire a ogni costo Benedetto XVI e i suoi più stretti collaboratori”.

Non se ne può più
Non se ne può più
Premier dittatori
Preti stupratori
Partiti spartitori
Politici corruttori
Vescovi prevaricatori
Papi inquisitori
Non se ne può più
Non se ne può più
O questa baracca

abusata che chiamiamo mondo
si deciderà a cambiare strada
o periremo insieme a tutti gli oppressori.

Viviana
..
Don Paolo Farinella

Lo scandalo dei preti pedofili è sbarcato in Europa e dopo l’Irlanda ora tocca alla Germania, poi toccherà all’Italia, alla Spagna, alla Svizzera, alla Polonia, ecc. L’attuale Papa che è così rigoroso nel pretendere tolleranza zero è lo stesso prefetto della Congregazione della fede che aveva avocato a sé il problema e imposto il segreto papale; è lo stesso che sta spalancando le porte ai lefebvriani che educano preti instabili, deboli e maniaci sessuali pericolosi per loro e per gli altri. Avete fatto caso che la maggior parte di coloro che sono implicati sono tutti per la santa tradizione, per la talare e per la difesa del celibato? Finché il Papa non affronterà la questione della formazione dei preti, dei seminari e finché non abolirà il celibato, oggi anacronistico, i preti pedofili saranno sempre più numerosi
I preti sono educati all’isolamento, all’individualismo, all’autoritarismo per cui sono incapaci di relazioni umani libere e serene, liberanti e autentiche. Hanno tanto paura di se stessi da vedere gli altri come controparte e pericolo. Immaturi psicologicamente, non sanno vivere una vita di comunità, ma devono sempre imporre il loro punto di vista. Ancora oggi a quasi 50 dal concilio, i consigli pastorali ed economici sono solo consultivi perché i laici nella chiesa devono solo ubbidire ed ossequiare
Questa chiesa di potere, questa chiesa antievangelica è alla fine della sua corsa e noi l’aiutiamo a finire la corsa staccando la spina Ci accuseranno di eutanasia, ma una più una meno, non fa differenza. Noi vogliamo una Chiesa amante dell’umanità, specialmente dei poveri e di coloro che in qualsiasi modo soffrono, una chiesa del perdono e della riconciliazione, della misericordia e della risurrezione. Noi vogliamo la Chiesa di Gesù Cristo che non uccide con le imposizioni, ma dona la sua vita per amore
Come può reggere ancora una chiesa i cui cardinali e papi vanno vestiti come sono vestiti? Come si può credere ad un vescovo che tutto questo sia per la gloria di Dio. Se Dio c’è, credetemi, se n’è andato da un pezzo in vacanza nel deserto di Giuda perché la compagnia del demonio è più gradevole di quelli che si credono seri.
..
Viviana Vivarelli
Potere materiale e potere confessionale

Potere, potere
Truffano, mentono, imbrogliano, corrompono, uccidono
Uno si allea alla mafia, l’altro alla banda della Magliana
Uno usa le televisioni per abbacinare le menti, l’altro usa le antenne per far morire bambini di leucemia
Il Primo ricicla capitali di narcotrafficanti, il Secondo prende i soldi dei poveri per sostenere i ricchi
Il primo crede di fondare un impero in Terra, l’altro si è appropriato pure del Cielo

Entrambi elogiano una famiglia che non hanno, rendono succube la donna, assolvono i propri criminali, li sottraggono alla giusta pena, credono di uscire puliti da ogni cosa, trovano sporchi compromessi, trattano il sesso in modo distorto
Entrambi usano la parola come il serpente usa la lingua biforcuta
E non praticano mai quello che predicano
Sono maestri dell’inganno
Nero con nero
Ricco con ricco
Potente con potente
Malvagio con malvagio

Banca con banca
Capitale con capitale
Sono mercanti nel tempio e lo contaminano coi loro affari
Fanno del mondo un immane mercato
dove bestemmiano ogni giorno le parole del Bene
Vanno d’accordo sulla guerra, sugli OGM, sull’aborto, sugli embrioni, sulla politica contro i poveri, sulle protezioni ai potenti
Vanno d’accordo da millenni
sulle stesse forme di seduzione
e di prevaricazione
per riempirsi i forzieri

e forzare i cervelli
Sotto una veste candida, un sorriso sdolcinato, occhi che lampeggiano morti nel fondo come occhi di caimano
Nemici della democrazia, nemici della legge civile, nemici dei diritti umani, nemici dell’uomo, nemici della libertà, nemici della verità, inimicissimi della donna, distruttori di bambini
Proprietari di capitali, di imperi, di media, di carne umana, di anime
I paesi che calpestano sono paesi senza luce dove domina il fanatismo e ciò che è fatto di buono avviene malgrado loro.
Se pure avessero tutte le ricchezze del mondo

se pure avessero tutto il potere del mondo
se pure uscissero indenni dai loro peccati
poiché non hanno la carità non hanno niente
poiché non conoscono la carità non dicono niente
poiché non praticano la carità non sono niente

A quelli che fanno di ogni erba un fascio
Viviana Vivarelli

Mio caro integralista anticlericale, non puoi dire che siccome i preti pedofili sono molti, allora tutti i preti sono pedofili. Se si esagera la denuncia diventa ridicola. Denunciare non è generalizzare.
Sicuramente nella chiesa cattolica c’è una percentuale altissima di pedofilia, molto più alta di quanto si veda nella società civile e di quanto viene denunciato da altre religioni, e di questo la Chiesa porta una colpa che dura da duemila anni e abbiamo ragione di temere che il pianto manno del Papa di questi giorni non scalfirà di molto la situazione perché chi è abituato a nascondere e proteggere il reato da così tanto tempo e lo ha nascosto lui stesso non è credibile quando dice che ora lo denuncerà alle autorità civili.
C’è una sola cosa che il Papa dovrebbe fare: espellere immediatamente dalla Chiesa chiunque si macchi di un delitto tanto infame, ma anzi Ratzinger ha astutamente distinto il peccato dal peccatore, e ciò fa temere che i suoi peccatori continueranno a ricevere la protezione a cui sono abituati, mentre il Papa si limiterà a esecrare pubblicamente il loro peccato.
Questa dissociazione è oltremodo iniqua e sospetta e fa cadere ancora più in basso ogni sua attendibilità morale.
Se il Papa voleva essere nel Cristo, avrebbe citato il passo in cui Cristo bollava a morte i pedofili e diceva che chiunque avesse scandalizzato uno di quei fanciulli avrebbe dovuto legarsi una macina da mulino al collo e buttarsi in mare.
Ma il Papa, accortamente, non ha scelto questa citazione e ha continuato sulla linea di protezione e accoglienza del reo, e questo lo rende dubbio e non credibile.
Certo è difficile quantificare con precisione, dal momento che non conosciamo il sommerso, ma qualche stima si può fare.
In USA dove le denunce sono numerose, secondo le statistiche, si calcola una percentuale di preti pedofili da 1,5 a 5%, ovvero – stando alle stime più basse – 15 preti su mille sarebbero pedofili.
E’ un numero altissimo e vergognoso, ma nessuno autorizza a generalizzare.
Sarebbe come a dire che, siccome in Italia ci sono stati nel 2008 611 omicidi, gli italiani sono tutti assassini.
Non si tratta di essere nel giusto o no, ma di separare il grano dall’oglio.
O siamo come i leghisti che dicono: gli extracomunitari sono tutti criminali, gli islamici sono tutti delinquenti, o come i nazisti che dicevano: gli ebrei sono esseri inferiori.
Si rischia di essere faziosi e di parlare solo col pregiudizio. Il pregiudizio è il contrario della ragione. L’uomo dominato dal pregiudizio non è più libero e, anche quando incontra il Bene, può disconoscerlo perché il pregiudizio gli copre gli occhi.
Per quale motivo un uomo è un extracomunitario, un islamico, un prete io non lo so. Non so la sua storia, non ho camminato nelle sue scarpe. Non posso valutare male qualcuno perché è ebreo, o donna o arabo o prete o comunista o anarchico o gay.Questo è già successo nella storia e ha portato agli orrori che sappiamo.
Ma posso giudicare uno dalle opere che fa, dalla persona che è, da quanto corrisponde ai miei valori sociali e lo vedo utile o dannoso agli altri.
Ho conosciuto preti buoni e preti pessimi.
Sono nata in un paese poverissimo dell’Appennino dove dei partigiani si erano nascosti in un forno e il prete lo disse ai tedeschi che li impiccarono in piazza, poi quel prete scappò coi soldi della parrocchia. Mio nonno fu perseguitato per essere comunista ed educò i figli all’ateismo, morì povero, suicidandosi per la miseria. In casa non avevano da mangiare ma avevano una bandiera rossa alta così. Ma io nella mia vita sono stata privilegiata, mi è stato dato di incontrare l’invisibile e in questo non c’è entrata né l’educazione famigliare, né quella scolastica né clericale. E’ capitato. E so che le sorti umane sono strane e misteriose, molto più di quello che crediamo
I preti pessimi mi hanno tenuto lontana dalla Chiesa, che come regno di potere, mi fa orrore e mi pare abbia deviato dal Cristo quanto più si poteva, ma se incontro un prete buono non lo giudico con pregiudizio, lo guardo come persona.
Questa chiesa sta morendo. Il Bene non morirà.
..
Chi difende ancora i preti pedofili?
blog.panorama.it/italia/2009/11/20/preti-pedofili-quando-ce-il-diavolo-sotto-la-tonaca/

Negli USA le vittime dei preti pedofili hanno messo la Chiesa in ginocchio. In Italia, i fedeli scendono in piazza per difendere gli orchi. È successo a Firenze con Roberto Berti, condannato dalla Congregazione per la dottrina della fede per molestie sessuali.
Molti amici dell’ex parroco non hanno creduto alle accuse e si sono schierati dalla sua parte Finché l’arcivescovo Betori, ha fatto affiggere la sentenza di condanna nella bacheca parrocchiale, mettendo a tacere quanti sostenevano che don Berti fosse stato addirittura assolto.
Manifestazioni di solidarietà anche a Roma per Ruggero Conti, il parroco di Selva Candida accusato di pedofilia, atti sessuali con minorenni e prostituzione aggravata. Al processo si sono presentati decine di giovani indossando magliette con la scritta “don Ruggero, ti vogliamo bene”, mentre le presunte vittime venivano dileggiate.
In Vaticano c’è sconcerto: Benedetto XVI ha scelto la linea dura contro i preti pedofili. Ma sempre più spesso deve fare i conti con i fedeli che difendono i sacerdoti accusati di abusi e manifestano per loro con cartelli e striscioni Su Berti l’ex Sant’Uffizio non ha avuto dubbi: accusato di molestie sessuali nei confronti di 5 minori, è stato condannato a 8 anni di domicilio coatto a Trento, in una casa per il recupero di preti con problemi psichici, col divieto assoluto di svolgere attività pastorale
Il processo canonico a carico di Berti è stato affidato all’ex Sant’Uffizio. Per più di un anno non si è saputo ufficialmente nulla. Ciò ha consentito un partito di innocentisti.
Dopo l’affissione della condanna, essi hanno ribadito che era l’affissione a creare scandalo!!!
Fanno come Berlusconi: lo scandalo non che si faccia il male, ma che se ne parli!!!

Radicali liberi
MARCO CAPPATO
Non si può che condividere l’importanza della questione posta nel suo intervento di campagna elettorale dal Presidente della CEI Bagnasco in materia di aborto, anche se i metodi da seguire sono l’opposto di quelli che il Vaticano da decenni indica. Per ridurre il numero di aborti c’è infatti un solo modo: proseguire nella strada intrapresa in Italia da oltre trent’anni grazie ai Radicali, la strada della legalizzazione e del controllo, contro l’aborto selvaggio e clandestino. E’ così che sono stati dimezzati in trent’anni gli aborti nel nostro Paese. E molto di più si potrebbe fare investendo nell’informazione sessuale, liberalizzando l’accesso agli anticoncezionali, abolendo l’obbligo di ricetta medica per la pillola del giorno dopo. L’unico voto contro l’aborto, sia per ridurre il numero di aborti legali sia per combattere la piaga dell’aborto clandestino che ancora colpisce in particolare le giovanissime e le donne immigrate, è quello alla Lista Bonino-Pannella.
.
DUE CHIESE, DUE CHIESE…
Viviana Vivarelli

Duemila anni di soprusi e prevaricazioni
duemila anni con due Chiese nettamente separate
Una degli umili, serva del mondo, e aiuto dei deboli, messa in disparte, umiliata, spesso emarginata…
L’altra, la Chiesa delle banche, del potere materiale, della politica sporca, dell’aiuto al fascismo, dell’antidemocrazia, dello strapotere sull’uomo…
che intende fare violenza alle donne, ai fanciulli, ai diversi sessuali, alle menti, alla verità, alle leggi, ai diritti umani…
Don Farinella appartiene alla chiesa del cuore e io la amo
Con lui Don Milani, Don Gallo, Padre Zanotelli, Don Aldo Antonelli, don Ciotti,
Davide Maria Turoldo, padre Massimiliano della Sala, don Enzo Mazzi…
Di contro la chiesa di pietra dei Ratzinger, Voitila, Ruini, dei Biffi, dei Bagnasco, dei vescovi Re, dei Legionari di Cristo, delle Binetti, dell’Opus dei, dei banchieri dello Ior, dei Marcinkus, dei torturatori alla Pio Laghi…
Ai margini una chiesa obbrobriosa che non sta né nell’una né nell’altra, che la Chiesa del potere ha sospeso ma non condannato agli occhi del mondo: i Verzé, i Gelmini, i Baget Bozzo, i Fioravanti, i lefevbriani.. una Chiesa ammanicata con la politica di destra, vicina a personaggi biechi come Berlusconi, una Chiesa coi suoi preti servi del potere autarchico o del capitale, i suoi Vangeli fascisti, i preti pedofili, gli amici della banda della Magliana, i complottatori di
Stato, con le sue occlusioni di verità, i suoi segreti diabolici, le sue trame vischiose…

A nessuno, dico: a nessuno, è lecito confondere e mescolare le due Chiese
Distinguerle è un compito civile, oltre che dell’anima

Esse sono come il grano e l’oglio mescolati nel campo

« Il regno dei cieli si può paragonare a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma mentre tutti dormivano venne il suo nemico, seminò zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi la messe fiorì e fece frutto, ecco apparve anche la zizzania. Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: Padrone, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene dunque la zizzania? Ed egli rispose loro: Un nemico ha fatto questo. E i servi gli dissero: Vuoi dunque che andiamo a raccoglierla? No, rispose, perché non succeda che, cogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Cogliete prima la zizzania e legatela in fastelli per bruciarla; il grano invece riponetelo nel mio granaio. » (Matteo 13,24-30)

Nella sessualità umana poco è natura, tutto è cultura
Viviana Vivarelli

Ci sono religioni più intelligenti e naturali di quella cattolica che impone stili di vita e scelte spesso maniacali e contro natura.
Nel Buddhismo, per es., uno può dedicare un periodo della propria vita alla castità: una settimana, un mese, un anno.. poi è sciolto dal vincolo e riprende la sua naturalità.
Gandhi, che era profondamente innamorato di sua moglie e aveva forti pulsioni sessuali, scelse tuttavia di vivere in castità per aumentare l’impegno delle sue energie dirette a un compito sociale e soffrirono ambedue molto per questo rigore liberamente scelto da lui che la moglie sopportò malvolentieri.
Nell’Induismo, al contrario, l’amore dell’uomo con la donna è addirittura una delle vie che si possono intraprendere per arrivare a Dio. Lo yoga tantrico considera l’orgasmo, prolungato e trattenuto senza emissione di seme, col partner che si ama come un modo per arrivare all’estasi divina, e i templi indiani riportano tutti i possibili abbracci del dio con la dea, un vero kamasutra dell’amore sacralizzato, indicanti l’unione del maschile divino col femminile divino, come rappresentazioni mistiche del sacro. Da noi questa visione è stata estirpata, per quanto le estasi delle sante (vd per es. Santa Caterina) siano descritte come veri orgasmi sessuali. Che l’orgasmo d’amore sia molto vicino a un’estasi è del resto perfettamente comprensibile a chi è profondamente innamorato.
Le scelte della Chiesa di Roma furono diverse.
Per 3 secoli uomo e donna furono in rapporto di parità, avevano stessi poteri, stessa posizione riguardo i sacramenti e i riti, stesso ruolo famigliare…
Poi, quando la Chiesa di Roma entrò nei patti di Costantino e si ufficializzò come religione di Stato ereditando il maschilismo romano, cominciò a caratterizzarsi distinguendosi dal mondo pagano ed espulse da sé una serie di pratiche che erano normali in tutte le religioni antiche, come la centralità delle sacerdotesse, la medianità femminile come ponte con l’invisibile, gli angeli come mediatori divini..In particolare la chiesa di Stato espulse il genere femminile demonizzando la femmina come emissario del diavolo, di qui….
..
«Se posso permettermi il lusso del termine, da un punto di vista ideologico sono sicuramente anarchico. Sono uno che pensa di essere abbastanza civile da riuscire a governarsi per conto proprio»
(Fabrizio De André)

Il tempo non ha mai costituito una sinecura per nessuno.
La Chiesa si riteneva impunibile grazie a 2000 anni di primazia.
Il premier si credeva impunito dopo 16 anni di strazio della giustizia.
Ma la vendetta è un piatto che si serve freddo e ammazza a distanza, arriva tardi ma prima o poi arriva.
Una profezia ha detto che tutto si sarebbe saputo e sarebbe venuto a galla
Ma a quel punto sarebbe caduta la baldraccata dei “Beati perché non sanno”
e beati sarebbero stati quelli che si informarono e agirono di conseguenza
e smisero di dare fede all’infedele e rispetto allo svergognato e dettero a entrambi la pena che meritavano.
Viviana
..
Nel massimo dell’ipocrisia.. il mercato dei bambini
Tutto fa ciccia in campagna elettorale
E il disgusto continua
..
Forma mentis
Sulla pelle dei bambini

Bagnasco: “Il voto sia contro l’aborto!” E lì per lì non avevo capito, non avevo capito che si riferiva alla Bonino. E’ una campagna sporca che si gioca sulla pelle dei bambini, molestati dai cattolici, uccisi dai radicali nella pancia, è un’ecatombe. La vita è dura per le persone in potenza: scampate per un caso alle forche caudine dei radicali che le vogliono morte oppure destinate agli esperimenti scientifici, crescono terrorizzate e passano di mano in mano finché un bel giorno se le ritrovano appoggiate dove non si può dire per lenire lo spleen pomeridiano di un pedoaffettivo, finito l’apprendistato rimangono in casa a fare i bamboccioni… il mondo non si aggiusta più.
(Io credo che Bagnasco abbia un suo posto all’inferno, con tanto di targhetta sulla spalliera come ai registi primari. Ovviamente anche Benedetto che all’inferno avrà un altro nome molto meno rispettabile. L’intollerabile non cessa se ti metti una tiara o ti baciano l’anello.
E col potere nessuna violenza è diventata più dolce e nessun coccodrillo ha reso la vita a quelli che ha mangiato per aver sparso qualche lacrimetta tardiva).
.. ..
“Abbiamo un grave problema nella nostra democrazia”, ha dichiarato il grave problema nella nostra democrazia. (davide rossi)
..
I numeri contro la RAI

Rai per una notte ha raggiunto il picco di 6.597.000 spettatori ( SkySport1 si impenna fin oltre un milione Current 130 con oltre 600 mila telespettatori, Sky Tg24 con circa 600 mila spettatori, e infine Rainews24 con circa 200 mila spettatori).
Anche i contatti sul web hanno registrato un grande successo (in testa il sito del Tg3 con 700 mila contatti, 350 mila su Repubblica.it con Repubblica Tv, 80 mila utenti unici sul sito di Current Tv, 30 mila per Youdem, quasi 6000 messaggi dedicati – in media due al secondo – su Twitter. Repubblica.it ha segnato un picco di quasi un milione e ottocentocinquantamila lettori)
Santoro è molto soddisfatto: “E’ sisma mediatico, un terremoto di proporzioni stratosferiche“, dice.
Certo se dobbiamo confrontarlo con lo speciale di Berlusconi a Porta a porta che ebbe solo 3.219.000 spettatori e con gli 80.000 che erano in Piazza san Giovanni è un trionfo.
Santoro batte Berlusconi 2 a zero.
E Berlusconi non andava nemmeno in onda durante la partita!
Che soddisfazione!

Per vedere la trasmissione integrale vai a
tv.repubblica.it/copertina/raiperunanotte/44564?video
..
A questi numeri è razionale aggiungere anche tutti i contatti non in real-time, ovvero tutti quelli che si guardano RaiPerUnaNotte in differita, quando hanno tempo.
Per esempio io giovedì sera ero ad una cena di lavoro ma tra ieri pomeriggio e ieri sera mi sono guardato gli oltre 40 filmati scaricabili da TG24.Sky.com
Se proprio si deve fare una valutazione anche di questi dati allora Santoro arriva a stracciare Berlusconi.
Bloggher
..
Kasap Aia
«Il governo – osserva Angelo Bonelli, presidente dei Verdi – non ha avuto il coraggio di rivelare prima delle elezioni regionali i luoghi in cui verranno costruite le centrali» e in cui dovrebbero verranno «sprecati almeno 30 miliardi di euro dei contribuenti italiani». Ecco allora la cartina delle sedi che produrranno energia atomica, secondo le indicazioni dei Verdi: Caorso (Pc), Trino Vercellese (Vc), Monfalcone (Go), Chioggia (Ve), San Benedetto del Tronto (Ap), Scarlino (Gr), Montalto di Castro (Vt), Borgo Sabotino (Lt), Garigliano (Lt-Ce), Termoli (Cb), Mola di Bari (Ba), Scansano Jonico (Mt), Oristano, Palma di Montechiaro (Ag).
Sembra attendibile !
..
Non prevalebunt!
Viviana Vivarelli

La trasmissione di Santoro è stata molto di più di un intelligente e organizzato connubio tra televisione satellitare, web, stampa, sindacato, cittadini e volontari, è stata un esperimento mediatico di democrazia diretta, unico nel suo genere e destinato a ripetersi e a trionfare, è stata una sconfitta della televisione ufficiale lottizzata e berlusconizzata, censurata o escurata, del regno autarchico di partiti ormai obsoleti e soprattutto una botta nello stomaco a un autarca che pretende di imporre la sua manipolazione mediatica e la sua contraffazione informativa a un intero paese, arretrandolo alla preistoria della democrazia.
L’evento di Santoro costituisce qualcosa di cui si parlerà negli annali della comunicazione come del primo passo sulla Luna, qualcosa che ha dimostrato che le imposizioni totalitarie di un piccolo gerarca non possono prevaricare in un mondo aperto e moderno, dove i diritti umani sono troppo forti per essere soffocati e riusciranno ad emergere e a vincere anche contro pretese assassine.
A tutti coloro che si associano a tale disegno autarchico diciamo che il loro tempo è finito. I loro maneggi e le loro collusioni indecenti non prevarranno. Saranno ricacciati fuori dal mondo civile, come essi meritano. E se i partiti attuali non riescono a imporsi e a farsi legittimi e degni rappresentanti dei diritti dei cittadini, i cittadini troveranno altri modi per far trionfare i loro diritti e le loro richieste, eliminando anche quei partiti.
Siamo a un momento cruciale della storia italiana.
Da martedì o saremo ancora in democrazia o la democrazia italiana sarà finita.
..
Franco manda
APPELLO AGLI ELETTORI dei Beati Costruttori di Pace

E’ la prima volta che come associazione “Beati i costruttori di pace” rivolgiamo un “appello agli elettori” chiamati alle urne domenica prossima. Siamo coscienti della nostra pochezza, ma sentiamo comunque nostro dovere morale comunicare con quante più persone possibile. La nostra non è una dichiarazione di voto a favore di qualcuno. Vuole essere principalmente la condivisione di una forte preoccupazione e di una grande sofferenza per le sorti della democrazia nel nostro Paese.
Queste elezioni regionali sono state caricate di un significato che mai avremmo pensato, pur nella dialettica politica aspra di ogni tornata elettorale.
A repentaglio questa volta è il delicato equilibrio dei vari poteri dello Stato, così come previsto dalla Costituzione.
In questi giorni il Presidente del Consiglio afferma apertamente di voler scardinare l’attuale impianto democratico della Repubblica. Ci troviamo dentro a uno scontro istituzionale continuo, senza esclusione di colpi e a tutto campo. C’è chi ha responsabilità dirette in questa devastazione delle istituzioni e chi apparentemente si defila, ma sta al gioco, pensando di trarne un vantaggio politico. A complicare la situazione c’è anche qualche benedizione di troppo da parte di autorevoli rappresentanti ecclesiastici. Il tutto condito da una corruzione diffusa dai vertici alla base, con continui colpi di scena, in un degrado morale e civile di cui non si vede mai la fine. Non ci sono leggi o regole che valgano.
Tutti, specialmente i più giovani, siamo frastornati e nauseati, a volte increduli e impotenti. Per questo vogliamo
condividere con tutti una forte preoccupazione per questa bufera istituzionale. qualcuno schifato pensa di non votare. Questa volta c’è qualcosa che è al di sopra e viene prima del partito da scegliere. In gioco è la stessa democrazia.
Sono tante le scelte importanti e urgenti su cui orientare le nostre preferenze, in particolare quelle che riguardano i servizi essenziali, dalla sanità alla scuola, all’informazione…
Ci preme sottolineare due urgenze per noi determinanti e qualificanti:
1. Da un po’ di tempo vanno di moda vari provvedimenti che manifestano un accanimento contro i più poveri.
Spesso gli immigrati vengono usati a pretesto e ne sono le prime vittime. Nel momento del bisogno quello che ciascuno di noi più desidera per sé e per le persone a lui care è trovare aiuto e solidarietà.
Questa dovrebbe essere la nostra “legge sicurezza”: riconoscerci con i nostri bisogni e aiutarci nell’affrontare le difficoltà insieme, prima di tutto un posto di lavoro dignitoso. Riconoscere i diritti di cittadinanza a quanti vivono nei nostri territori significa fare una scelta di legalità e di tranquillità sociale. Ognuno si trova alla pari con tutti gli altri davanti alla stessa legge senza paura di perdere i diritti e concorrendo con gli altri a costruire la società.
2. Acqua, aria e terra sono tre beni primari necessari alla vita e alla sopravvivenza dell’umanità. Il comportamento quotidiano di ciascuno diventa determinante per il quotidiano di tutti gli altri. Anche il nostro territorio dovrebbe essere a misura di donna e di uomo. Invece è sotto stress. L’acqua viene privatizzata, per l’energia si punta sul nucleare, l’energia pesante, mentre il processo di cementificazione avanza inesorabile. Il nostro territorio è stato snaturato nella sua bellezza e nella sua funzione di servizio alla comunità che ci vive. È diventato città diffusa, praticamente tutto area fabbricabile a uso privato o pubblico. Nonostante lo sforzo dei tanti comitati competenti e propositivi per frenare questa distruzione ed erosione di terra si continua con la filosofia delle “grandi opere”. Sono gli interessi di alcuni gruppi, economico finanziari, sempre gli stessi e non il servizio alle comunità a vedere spesso, troppo spesso, i politici che scelgono contro la volontà della popolazione, in dispregio al bene comune e alla democrazia.
Il nostro è un appello accorato.
Siamo cresciuti abbastanza per distinguere la propaganda dai fatti, le promesse dalle scelte reali, il machiavellismo
di potere ad ogni costo dalla responsabilità istituzionale, la manomissione della legalità dalla sovranità e dall’uguaglianza di ogni cittadino davanti alla legge uguale per tutti. Votare significa condividere la volontà e la decisione di una difesa dello Stato democratico, il rispetto dei diritti di ogni persona e un cambiamento immediato riguardo alle scelte ambientali.

Beati i costruttori di pace (Padova 26 marzo 2010)
..
Cesare Beccaria
Fini se ne andrà. La Lega potrebbe facilmente superarlo. La sua stagione è finita. Bisogna fare molta attenzione: è nella coda il veleno, certe code di dinosauro sono lunghissime. Bisogna anche pensare presto il dopo, che non è detto che sia migliore di questo: non basterà che Berlusconi tramonti perché il paese abbia indietro quello che in vent’anni ha perduto. Ce ne vorranno altrettanti, ci vorrà molto lavoro da fare insieme, con le teste con il cuore e con le mani. Bisogna cominciare subito. Dai cancelli delle fabbriche al primo turno: quello è un bel simbolo. Dal lavoro. Dalla scuola. Dalla cultura. Dall’esempio. Da una cosa semplice come dare il buon esempio: è rivoluzionario.
..

RIDIAMARO : – )

Forma mentis
Qui si muore di una inerzia senza fine
..
Parafrasi da Forma mentis

Con tutti quei bambini violentati, è impossibile che Dio non si rivolti in quella tomba in San Pietro in cui l’hanno messo i successori.. magari Dio aspetta il Papa a fine corsa perché la vendetta è un piatto che va servito freddo, magari Dio fa retrocedere il Chievo… Ma secondo voi, Dio dovrebbe prima punire il Papa, o sconfiggere il Chievo o la fame nel mondo?
Per me Dio è il massimo che fa è rigirarsi nella tomba.
..
Certe volte mi assenzio. Certo volte mi presenzio. E allora dico: certe volte ne ho proprio piene le tasche di padri-padroni, di premier-duci, di vescovi-papi, di pirlotti qualsiasi che perché camminano sui trampoli o girano con la pap-mobile si credono padreterni. Certe volte mi dico che se anche Dio mi dovesse venire tra i piedi in doppiopetto di Caraceni con la doppia mascella da Mussolini o col falso sorriso di un ipocrita stupratore di bambini o protettore di stupratori, e mi imponesse questo o quello, contro natura, contro valori, contro democrazia, contro legge, contro buon senso, contro testa e cuore, e pretendesse pure l’impunità eterna, ne avrei piene le tasche anche di lui.
Vi
..
L’umorismo è l’ultima cosa che mi salva dalla bancarotta del pessimismo e dai fallimenti delle ragione.
Forse per questo ci ritroviamo sui maroni un premier che l’umorismo crede sia regalare delle farfalline a della farfallotte o un papa che crede che la fede sia imporre delle mannaie sul sesso dei genitori mentre gli violentano i figli.
Vi

Andrea
La rai, di peggio, di più!!!
..
Per strano che possa sembrare
il Pdl non è un partitismo
è un feticismo.
Vi
..
Gli adoratori di Berlusconi lo amano tanto
che non vedono l’ora che lo crocifiggano
per fare i pellegrinaggi
(speriamo sia a Bardolino che è pure un bel posto)
..
Berlusconi si è talmente unto
che si crede il Signore
Votami
E non avrai altro olio
che me
Vi
..
Non c’è delirio napoleonico
che non si porti dietro una truppa
..
Un altro politico del Pdl sorpreso in flagranza di tangente
Certe malattie sono epidemiche
Il berlusconismo pure
Occorre essere vaccinati da piccini
o si diventa portatori attivi
Di che? Ma di corruzione, è ovvio
Vi

B dice che lui le escort non le paga
Gli dà solo mille euro a testa
Per presenza elettorale attiva
..
VIADOS
Da nonciclopedia

Questo luogo mitologico è stato inventato da Guglielmo Cancelli in onore del proprio (heh) sistema operativo, il DOS. Tale luogo era molto difficile da raggiungere a causa della complicata comprensibilità della riga di comando, dunque divenne rifugio per tutti i transessuali in fuga dalla società, troppo ottusa per comprendere i loro gusti e la riga di comando, e in particolare dal Brasile. Fu così che nell’899,069,069 A.C. i primi nerd iniziarono a bazzicare per quelle zone scure e malfamate (dove tutto non era in nero su bianco ma viceversa) dando così l’opportunità ai transessuali quipresenti di trarre guadagno dagli sfigati che per curiosità raggiungevano via Dos. Col tempo, il modo di dire “Stasera vado a via Dos” divenne di pubblico dominio, finché un giorno non spuntarono due palle e “via Dos” divenne sinonimo di “Uomo tutto nudo e senza cacchio”. Lo spazio in mezzo decadde perché il panda non è mai esistito, dunque era inutile far finta che ci fosse. Gli abitanti di questo luogo mitologico sono spesso esseri dotati di cazzo anche se sono vestiti da donna. I clienti di questi ultimi sono di solito famosi calciatori brasiliani.
..
Dalla palestra di Luttazzi

Manifestazione del Pdl a Roma, Berlusconi promette la cura del cancro. Ma solo per le quattro più alte cariche dello stato. (Andrea Miele)

Oggi è il primo giorno di primavera; la natura si risveglia, il Pd si è girato dall’altra parte e ha detto: “Ancora 5 minuti…” (Davide Passaia)
..
Berlusconi a Bruxelles
Vi
A Bruxelles i maggiori premier europei parlavano di temi fondamentali: energie alternative, crisi economica, salvataggio della Grecia…
Lui no, andava per negozi.
Per non perdere l’abitudine di occuparsi di burattini ne ha comprati alcuni antichi per i nipotini.
E’ un monito per la stimata Ditta-Dinasty B & figli su come trattare gli italiani anche in futuro.
..
Ognuno ha la sua campagna elettorale
Per tutto il giorno Bersani ha parlato con i lavoratori…
delle fabbriche.
Per tutto il giorno e la notte Berlusconi ha parlato con le lavoratrici…
del sesso.
Vi
..
Un falò indescrivibile
Viviana

Il fascismo si celebrava col salto nel cerchio di fuoco e l’oro alla Patria, Calderoli non è da meno.
Stanco di sentirsi dire che non fa un tubo da un anno dal Ministro dell’Efficienza fascista Brunetta, il più piccolo gerarca del regime, che gli azzanna continuamente i polpacci, il corpulento Ministro Calderoli ha messo su una bella sceMeggiata.
Fatte copiare 375.000 leggi a caso considerate inutili (opera notevole, visto che le leggi italiane sono 95.000 !) ha allestito un rito del fuoco che dopo il rito all’acqua del dio Po proprio ci voleva, e in una caserma dei vigili del fuoco delle Capannelle ha bruciato i fogliacci di leggi inutili.
I soldati hanno gridato: “Eia eia alalà!”, meno un polentone padano che ha urlato “Viva Luisa Corna!” che non c’entrava nulla e non era nemmeno da bruciare.
Sostanzialmente il rito è stato inefficace, visto che le leggi le fa e le disfa il Parlamento e non un Ministro qualsiasi. In ogni caso il fumo nero si è visto da Roma che ha temuto un’invasione di barbari o una nuova perdita dell’incineritore. Ma era solo Calderoli che sul fuoco ci ha anche cotto due luganeghe, per la serie: “Noi non facciamo sprechi di Stato!”
..
La maledizione dei B maledetti:
Benedetto, Bertone, Bertolaso, Berlusconi, Bossi, Bersani, Brunetta..
Possiamo passare alla D, per favore?.
..
Jena
SAN
Oggi si festeggia San Pedofilo
..
MENO MALE
Non vedo l’ora di sentirli cantare
meno male che Silvio c’era…
..
ODDIO
Magistrati, sinistra, giornali, televisioni, magistr…
Oddio, mi si è incantato il premier.
..
PURTROPPO
La libertà di opinione vale per tutti, purtroppo anche per i vescovi.
….
Ellekappa
Specializzazioni
Se Vendola non sapeva allora ‘e’ uno sprovveduto’: cosi’ il premier riguardo le vicende giudiziarie sulla gestione della sanita’ in Puglia. E’ un passo dell’intervista trasmessa dalla emittente Telenorba.
Il presidente uscente della Regione Puglia risponde di non aver saputo che Frisullo usava le stesse escort del premier.
‘Dichiaro si’ di essere uno sprovveduto e un ingenuo -dice – perche’ non ho competenza in questo settore in cui il presidente del Consiglio e’ uno specialista”.
.
Sacre Famiglie
Segno come promemoria.

DIVORZIATI:
Silvio Berlusconi (Presidente del Consiglio) (due volte),
Daniela Santanchè (Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio),
Andrea Augello (Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio),
Elio Vito (Ministro dei Rapporti con il Parlamento),
Umberto Bossi (Ministro delle Riforme per il Federalismo),
Roberto Calderoli (Ministro della Semplificazione Normativa),
Franco Frattini (Ministro degli Affari Esteri),
Ignazio La Russa (Ministro della Difesa),
Altero Matteoli (Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti),
Roberto Castelli (Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti),

SEPARATO:
Sandro Bondi (Ministro dei Beni e delle Attività Culturali),

FIGLI E QUINDI SESSO FUORI DAL MATRIMONIO:
Mariastella Gelmini (Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca),
Vittoria Michela Brambilla (Ministro del Turismo),

SPOSATA CON UN DIVORZIATO:
Stefania Prestigiacomo (Ministro dell’Ambiente)

Bagnasco vogliamo dire qualcosa anche a loro?
Pubblicato da ellekappa

Cavaliere gentiluomo?
.. avrei una domanda per le donne, alcuni milioni, che votano convintamene per Silvio Berlusconi. Ma se vostro marito a settant’anni suonati ragionasse così, quante di voi penserebbero di aver sposato un troglodita?
(Marco Bracconi – La Repubblica)
..
In Italia abbiamo le toghe rosse
Gli operai rossi
I giornalisti rossi
I presentatori televisivi rossi
I costituzionalisti rossi
I preti di base rossi
Pure certi cardinali, mi dicono, sono rossi
Ormai nella bandiera italiana c’è rimasto solo il rosso
L’azzurro poi non c’è mai stato


Forma mentis
Love Parade
Me l’ero persa quella stronzata dell’amore che vince sull’odio, quella roba scritta sullo striscione, ma non me la danno a bere, le love parade sono più allegre, sono più colorate, che pena la Polverini con le tepa. E fanno pure questione di numeri quando lo sanno tutti che le manifestazioni, tutte le manifestazioni, sono organizzate a tavolino, fanno il casting, ci sono almeno 100.000 comparse di cinecittà che sono le stesse di quelle del PD e dell’Italia dei Valori, gli cambiano solo il cappellino… se ci fai caso c’era sempre Rutelli con l’aria del pensionato che si ferma a vedere quelli che lavorano con le mani incrociate dietro la schiena.

Allora Berlusconi zero
Benedetto zero
Bagnasco zero
Bersani zero
Cota zero
Vendola uno
Bonino uno
De Luca ics
Galan uno
Formigoni uno
Bresso uno
Errani uno
Brunetta zero
.. comunque vada non vinco niente
Per vincere bisogna comprare la partita
E io non ho comprato manco la schedina
Vi

Visto il feroce attacco della Santanchè a Maometto pedofilo, aspettiamo l’ancora più feroce attacco della Santanchè sulla pedofilia del clero cattolico
…attualmente non pervenuta
..
Osservazione curiosa:
visto che le ragioni dell’agnello erano troppe
e il lupo non sapeva come ribatterle
attaccò l’agnello dicendo
che le sue ragioni
gli ammorbavano la vista
Vi
… ..
http://masadaweb.org

11 commenti »

  1. Copio dal blog di Grillo

    Quando fu eletto Ratzinger, le notizie che lo legavano agli insabbiamenti dei casi di pedofilia criminale all’interno della Chiesa Usa erano già di dominio pubblico. Questa storia è rimasta quiescente per un pò di anni e i nuovi casi in Irlanda, in Usa e in Germania, stanno scuotendo questa istituzione politica, finanziaria ed autoreferenziae chiamata Chiesa dalle fondamenta; i denti del pettine hanno finalmente incontrato i nodi del passato.
    Premetto che io credo in Dio, parlo da credente di un Dio di tutti gli esseri viventi, un Dio visibile e tangibile in ogni cosa è intorno a noi. Un Dio che parla, che è giusto e che non ha per forza la forma di un essere umano biondo con gli occhi azzurri o con la lunga barba bianca.
    Sono nato in Italia ed ho ricevuto ua educazione cristiana, elementari dalle suore, scout, ecc… finchè ho incontrato uno di quei rari preti illuminati che ti spingono ad una ricerca della spiritualità, ad un viaggio.
    Allora avevo tredici anni e il viaggio continua felicemente oggi e so che continuerà in futuro.
    Ma se invece di incontrare un prete illuminato avessi incontrato un prete pedofilo? Dove sarei adesso? Dove sarebbe la mia spiritualità, la mia dignità, la mia sessualità?…
    http://www.senzazione.blogspot.com

    Davide

    Commento di MasadaAdmin — marzo 27, 2010 @ 4:54 pm | Rispondi

  2. Copio:
    Juan Miranda

    IL GESUITA AL SEGUITO DEI SOLDATI SPAGNOLI NEL NUOVO MONDO RISPOSE AL CAPITANO CHE GLI CHIEDEVA CHE FARE DI UN VILLAGGIO DI DONNE E BAMBINI : “UCCIDETELI TUTTI DIO DIVIDERA’ I BUONI DAI CATTIVI ” !!!

    IL SECOLO CHE HA VISTO PIU’ MORTI AMMAZZATI E’ STAO QUELLO DELLA SCOPERTA DELLE AMERICHE !! PIENA INQUISIZIONE FURONO TORTURATE ED AMMAZZATE OLTRE 60MILIONI DI PERSONE !! UN TERZO DELLA POPOLAZIONE EUROPEA ED “AMERICANA’ DI ALLORA !!

    E PREDICANO LA MORALE A VOI !!!

    ..

    LA PEDOFILIA NON E’ SOLO UN CRIMINE, MA VA OLTRE, MINA L’ESSENZA STESSA DELLA CONSERVAZIONE DELLA SPECIE !! L’ISTINTO AL FUTURO !!

    IL CUCCIOLO DEVE ISPIRARE SIMPATIA E PROTEZIONE NON ESSERE UN OGGETTO SESSUALE

    ..

    X VIVIANA

    LE PERCENTUALI NON LE CONOSCI TU PERCHE’NONOSTANTE LO SCEMPIO SONO TENUTE NASCOSTE, MA QUEL GRANDE GIORNALISTA DI HUTCHINS, COLUI CHE HA SMASCHERATO E MANDATO A FAN CULO MADRE TERESA E HENRY KISSINGER LE PERCENTUALI LE SA !!

    PERCHE’ LA CHIESA NON TI DENUNCIA GLI HANNO CHIESTO: “PERCHE’ DOVREBBERO VENIRE IN UN TRIBUNALE AMERICANO E DIMOSTRARE L’INFONDATEZZA DELLE MIE ACCUSE” ….IN POCHE PAROLE DOVREBBERO TIRAR FUORI LA MERDA !!

    VIVIANA ….CIAO !!
    ..

    Commento di MasadaAdmin — marzo 27, 2010 @ 5:02 pm | Rispondi

  3. “Gesù cominciò a dire: «Guardatevi dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia. Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Pertanto ciò che avrete detto nelle tenebre, sarà udito in piena luce; e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne, sarà annunziato sui tetti>>.”Luca 12-1/2

    Cara Viviana, penso che il monarca assoluto fuori tempo e fuori luogo non durerà molto,( è in una condizione di estremo degrado, e non è sorretto da valori morali e costituzionali , oltre a non essere stato mai all’altezza del compito lui affidato.

    A 150 anni dal regno d’Italia lui ha diviso la nazione ed i cittadini, con la faccia tosta del tiranno che cura con attenzione e scaltrezza l’interesse personale (confliggendo in modo indegno per una democrazia), a danno dell’interesse economico, politico, sociale ed etico di tutta l’Italia. Abbasso i tiranni, viva’Italia .

    Saverio De Pinto

    Commento di MasadaAdmin — marzo 27, 2010 @ 5:04 pm | Rispondi

  4. Pulizia immediata della Magistratura

    Luigi De Magistris ha ragione: PULIZIA IMMEDIATA di MAGISTRATURA e CSM e TOGHE LUCANE mai più ! Elisa Claps è l’esempio della sporcizia della magistratura . Carlo VULPIO ci insegna: ci faccia sapere

    Graziella Iaccarino

    Commento di MasadaAdmin — marzo 27, 2010 @ 7:37 pm | Rispondi

  5. Perfetta distinzione.

    La chiesa “obbrobriosa”, ” i Verzé, i Gelmini, i Baget Bozzo, i Fioravanti, i lefevbriani.. una Chiesa ammanicata con la politica di destra”…

    è proprio quella che ha maggiore visibilità nei media e, proprio grazie a lei la generalizzazione
    coinvolge la vera Chiesa di Cristo rappresentata dai preti che vivono a contatto dei poveri e dei diseredati ed in cuor loro pensano proprio quello che pensiamo noi della loro gerarchia, cui sono tenuti ad obbedire.

    Un episodio:
    Mi diceva – molti anni fa – il cappellano di un carcere in cui erano – tra gli altri – alcuni delle BR, che a Natale, il cardinale X aveva avvertito che avrebbe celebrato la messa nel carcere. Poiché non v’era stato il tempo di provvedere proprio a tutto, mancava l’ostia grande, ed il cardinale X (a suo tempo era considerato uno dei pochi papabili italiani) fu costretto ad usare l’ostia piccola.
    Bene.
    Dopo la messa il cappellano ricevette una solennissima ramanzina dal cardinale – fortissimamente alterato, per un fatto così grave.
    Inaudito!
    Far celebrare la messa al Cardinale senza l’ostia grande!

    Fulgido esempio dei valori (!!!) della gerarchia ecclesiastica che comanda!

    Tra l’altro, mi diceva il cappellano, che i BR in quel carcere erano dentro per collaborazione …
    non avevano ucciso nessuno…ma erano condannati a pene severissime. Si assumevano la responsabilità delle loro azioni e ne stavano pagando il prezzo con dignità. Erano persone da rispettare.

    Giuseppe Flavio

    Commento di MasadaAdmin — marzo 28, 2010 @ 7:57 am | Rispondi

  6. Ovviamente non conosciamo ancora l’esito delle elezioni regionali. Anche se tutto lascia pensare che Berlusconi non ne uscirà bene. Altrettanto ovviamente non siamo in grado ora di prevedere gli sviluppi della situazione, a partire dalla possibile rottura di una serie di precari equilibri interni al centrodestra, dal ruolo di Fini a quello di Bossi, soprattutto se la Lega dovesse sorpassare al Nord il PdL. Certamente però, come già era avvenuto alle europee ( anche se , pure qua sopra, quasi nessuno se ne era accorto), la situazione dimostra che l’onnipotenza mediatica del Berlusca non basta a tenere insieme il suo blocco sociale, comunque anche questo dilaniato dalla crisi economica. Ed allora sarebbe il caso di smetterla una volta per tutte di risolvere, in modo consolatorio, ogni cosa dando la colpa sempre alla suddetta onnipotenza mediatica. E guardare oltre ….

    Raf

    Commento di MasadaAdmin — marzo 29, 2010 @ 10:14 pm | Rispondi

  7. Caro Raf, OK sul guardare oltre , ma dove ??

    L’errore è stato proprio quello di avere sottovalutato “l’onnipotenza mediatica del Beluska” credendo che fosse un problema tra i problemi, mentre invece era “il problema” !!

    Non dimentichiamoci che il Berluska quel “blocco sociale” lo ha creato dal nulla, pescando nelle disperse schiere degli ex elettori DC e PSI e ricompattandole su obiettivi politici che favcevano comodo a lui e solo a lui !!

    Ribaltare questa situazione credo anch’io che sia possibile, ma come ???

    MaxVinella

    Commento di MasadaAdmin — marzo 29, 2010 @ 10:14 pm | Rispondi

  8. Cara Viviana, chi guarda la TV non sa neppure che esistono molti altri problemi !!

    Mi pare comunque che tu abbia centrato il problema !!

    La televisione, appunto !!

    Oggi in Italia , considerato che la lettura dei giornali è un’attività ristretta ad una risicata elite, il consenso e la sua manipolazione la ottieni con la TV !!

    La sinistra si è suicidata nel momento che non ha capito che il principale ed alla fine unico strumento del far politica sarebbe diventata la televisione !!

    La televisione è diventato lo strumento principe della globalizzazione ,quello che riduce l’umano ad un unico modello culturale, che crea omologazione all’interno del nostro mondo e destruttura tutti gli altri .

    Il nucleo profondo della globalizzazione non è infatti economico, ma spirituale.

    E’ una specie di appropriazione del modo di pensare, di fantasticare , di autorappresentarsi di milioni di esseri umani.

    Si tratta di un’immensa colonizzazione dell’immaginario collettivo, che si realizza attraverso gli strumenti ed i gesti della vita quotidiana : dal cellulare alla televisione, dal supermercato all’automobile , dal giubbotto che si indossa alla musica che si ascolta.

    Ed è un processo di cui non si ha coscienza, perchè rende naturale il mondo assolutamente artificiale e virtuale in cui siamo immersi.

    Tutto questo Berluskoni lo ha capito benissimo !!

    MaxVinella

    Commento di MasadaAdmin — marzo 29, 2010 @ 10:15 pm | Rispondi

  9. Si, Berlusconi lo ha capito per primo, almeno in Italia.

    Ma sono anche passati svariati annetti e quel meccanismo, da solo, non funziona più.

    Con le tv e con il consumismo ( come ben diceva, inascoltato, Pasolini ) si può facilmente ricoglionire la gente ma poi, per portarla a votare o in piazza, bisogna pure saperla motivare.

    E questo mi sembra che Berlusconi non sia più in grado di farlo come una volta.

    Assurdo ad esempio pensare di oscurare la pesantezza della crisi negandola nei Tg o più semplicemente evitando di parlarne.

    Senza poi contare gli altri meccanismi comunicativi, a cominciare da Internet, che sono nel frattempo esplosi fino a diventare fenomeni di massa.

    Raf

    Commento di MasadaAdmin — marzo 29, 2010 @ 10:15 pm | Rispondi

  10. Ha vinto l’astensionismo! Che se ne vadano tutti!
    comunista

    Commento di MasadaAdmin — marzo 29, 2010 @ 10:15 pm | Rispondi

  11. per dirla tutta… se all’astensionismo non si lega l’impegno e la lotta in prima persona non è molto significativo. Nelgi usa non vota la stragrande maggioranza degli elettori ma non è che vi sai molto comunismo in giro… Fanno ridere quelli che esultano a dx, a xs ed anche quelli che si esaltano per (questo!) astensionismo
    (A)

    Commento di MasadaAdmin — marzo 29, 2010 @ 10:16 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: