Nuovo Masada

ottobre 1, 2009

MASADA n° 1000. 1-10-2009. SCUDO FISCALE

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 1:52 pm

Questo e’ un paese fondato sulla mafia.
..
14/03/2008
Tremonti. Intervista a Repubblica: “Non farò mai più condoni”.
Ne pubblica Repubblica di cazzate!
..
Confucio diceva “Se non riesci a convincerli, confondili”.
..
Per combattere qualunque battaglia la condizione minima e’ essere sul campo.
Questo e’ il punto: il PDL vince da anni per abbandono dell’avversario.

..
Il debito pubblico dell’Italia e’ di 1.741,275 €.
Si dice che soldi portati dolosamente all’estero ammontino a 500 miliardi, una bella fetta di quello che un Governo onesto avrebbe cercato di recuperare “in Italia” e non di premiare “riportandolo in Italia”.
.
Berlusconi decide quello che conviene a lui o ai suoi alleati corrotti, in primis la mafia.
Fa un decreto. Lo presenta alla fiducia. E’ la 25° volta in un anno e mezzo. I suoi passivamente la votano. Non esiste dibattito parlamentare. L’opposizione viene lasciata sola a parlarsi addosso in un aula che a destra è totalmente deserta.
Echeggia nel vuoto l’eco di un discorso: “Farò di questa aula sorda e grigia un bivacco di manipoli”. Era il 16 novembre 1922. Ora come allora, 87 anni fa.

Dibattito alla Camera.
L’orrore per il premio alla mafia è gia’ stato accantonato.
Sono tutti li’ che si spartiscono i piccioli.

La mafia era gia’ forte
Diamogli anche uno scudo!

..
Il premio e il pizzo

Lo scudo fiscale «non e’ una cosa bella, etica o morale, ma di fatto e’ utile al Paese. Non possiamo che dare un giudizio positivo». Lo ha affermato il vicepresidente di Confindustria, Alberto Bombassei.
Utile a chi?
Ma non era Confindustria che appena ieri si scagliava contro chi pagava il pizzo alla mafia e minacciava di cacciarlo? Si caccia chi premia il pizzo e si premia chi glielo fa pagare?
..
1-910-2009.
Sullo scudo fiscale: due votazioni. La prima doveva giudicare se la legge era o no costituzionale. La seconda si deve tenere oggi. Il Pd dov’era?
Copio da Il fatto quotidiano:
Luca Telese:
Presenti 485, votanti 482
Maggioranza 242
A favore dello scudo fiscale 267
Contro lo scudo fiscale 215.
Ci sarebbero dovute essere altre 70 persone nell’opposizione. Se fossero state presenti, ci sarebbero stati 285 deputati contrari allo scudo fiscale ed esso sarebbe stato bocciato.
Quasi un deputato su 4 del Pd era assente.
Non ci sono parole.
Se c’e’ un giorno in cui ci sentiamo completamente abbandonati, e’ questo.
Al diavolo le primarie!
..
Provvedimento unico al mondo!
Leghisti vergogna!
La criminalita’ organizzata aderira’ con entusiasmo alla legge che voi avete votato e con cui Berlusconi soddisfa 3 necessita’ infami: si mette al riparo nei suoi processi, pulisce quei soldi sporchi, rubati al fisco italiano, e che aveva esportato nei suoi 63 paradisi fiscali e che, dai quei paradisi, come da indagini sui processi su Previti o su Mills o sulla Guardia di Finanza traditrice ecc, gli servivano per comprare magistrati, pagare giornalisti, dare bustarelle elettorali, costituire dossier ricattatori, comprare a peso d’oro deputati e senatori.
Infine Berlusconi paga la sua eterna cambiale con la mafia, trasformando il nostro paese da paese democratico e costituzionale a paese corrotto e mafioso.
Se Falcone e Borsellino vedessero questa legge, si rivolterebbero nella tomba.
Se tutte le vittime della mafia, se le vittime viventi che ora si trovano la mafia sul collo e non possono nemmeno respirare o sognare un futuro civile per i loro figli, si unissero, vivi e morti, farebbero una armata che spazzerebbe via questi criminali al potere che nutrono e servono il crimine.
Berlusconi rende legge la mafiosita’.
E quei leghisti che nelle piazza tuonavano contro Roma mafiosa ora la servono.
Berlusconi ha iniziato la sua carriera come riciclatore dei soldi sanguinosi della mafia con la banca Rasini in cui era funzionario suo padre e ha sempre nascosto le origini turpi della sua ricchezza. Oggi, nel suo strapotere, il suo aiuto alla mafia non e’ piu’ nascosto, diventa palese: il riciclaggio dei soldi neri della mafia e’ imposto per legge, e l’appoggio schifoso della Lega glielo permette. Soldi che grondano sangue e ora saranno ripuliti e liberati e gireranno legalmente per il paese.
..
A questo punto possiamo anche sciogliere la Guardia di Finanza come organo inutile

A che scopo dovrebbe aggirarsi per il paese fingendo di cercare piccole evasioni fiscali, scontrini da bar non rilasciati, passi carrai senza pagamento, pacchi portati in auto senza certificazione, piccole dichiarazioni finanziarie false e dolose, quando il premier in persona si premura di comandare dall’alto la sanatoria, la depenalizzazione di fatto e la premiazione dei maggiori criminali finanziari e massimamente i crimini delle organizzazioni mafiose?
Che senso ha piu’, quando e’ Berlusconi in persona a comandare che i rei possano portare o reimportare dall’estero o dall’Italia i frutti del malaffare, peggio ancora del crimine piu’ efferato della mafia e di ripulirli e farli girare in chiaro indisturbati, senza timore di indagine o pena?
Negli altri paesi il riciclaggio di denaro sporco viene punito con 20 o 30 anni di carcere, da noi tale crimine e’ depenalizzato e premiato.
In America Al Capone fu arrestato per una indagine fiscale. Se l’America avesse avuto le condizioni italiane, Al Capone sarebbe diventato presidente degli Stati uniti.
..
Il 49% viene richiesto agli evasori che rientrano capitali sporchi negli Stati uniti.
Il 51% e’ la quota richiesta in Inghilterra.
Il 5% chiede Berlusconi che in realta’ diverra’ l’1%.
Negli altri paesi gli evasori dovranno rendere il mal tolto e saranno costretti ad una totale trasparenza, saranno obbligati a denunziarsi, a dire il loro nome e il modo con cui hanno perpetrato l’evasione. In Italia saranno coperti, resteranno anonimi, faranno rientrare i fondi neri nascostamente, se li vedranno ripuliti, non pagheranno le tasse che non avevano pagato rubando denari ai cittadini italiani, non saranno inquisiti, avranno la garanzia di non essere processati per i reati che hanno portato a quel patrimonio nero. L’Italia diventera’ il ripulitore del denaro sporco d’Europa. Peggio ancora di un paradiso fiscale!
E Cicchitto ha anche la faccia di venire in televisione a fare paragoni tra l’Italia e gli altri paesi! E Bocchino e Cota gli fanno sinistramente eco!
E ora quando vi troverete tasse a carico che vanno dal 21 al 43%, e quando vedrete le vostre liquidazioni, dopo una vita di lavoro, tassate del 26% e quando vedrete persino le pensioni minime tassate, pensate a quei criminali che sono stati premiati con un 5% che poi diventa dell’1%, chiedetevi quale ingiustizia vi e’ stata fatta e che futuro si prospetta in questo paese, dove i reati finanziari non sono piu’ perseguibili e su una fetta larghissima di popolazione povera viene posto il peso di una infame criminalita’ al potere.
Berlusconi aveva detto che avrebbe abbassato le tasse. Sicuramente a furfanti e criminali le ha abbassate!
..
L’OCSE ha tre liste: nera, grigia e bianca, circa la collaborazione tra paesi (scambio di informazioni, di mezzi ecc.) per la lotta contro la criminalita’, l’evasione fiscale e il terrorismo.
Dopo che il G20 ha dichiarato guerra ai paradisi fiscali, e soprattutto dopo che Obama ha sferrato una battaglia con la maggiore banca svizzera per avere l’elenco dei contribuenti americani disonesti che hanno rimpiattato soldi in Svizzera, molti paesi che erano nella lista nera hanno cominciato a stipulare accordi bilaterali per mettersi in pari con questi trattati di collaborazione e tentare, in tal modo, di passare almeno alla lista grigia, in quanto il G20 ha minacciato contro i paesi inadempienti delle ritorsioni e delle penalita’.
Per entrare in una lista bianca occorre avere stipulato almeno 12 di questo protocolli bilaterali.
L’Ocse pubblica costantemente lo stato di avanzamento delle posizioni dei vari paesi.
Ora: nessun paese europeo ha voluto stipulare un solo protocollo con l’Italia!!
E ovviamente, per la legge della reciprocita’, nessuno di questi paesi dara’ aiuto all’Italia quando questa dovesse averne bisogno per lottare contro terrorismo o criminalita’.
Si sta parlando vagamente di un accordo con san Marino!!! Il che, essendo San Marino un paradiso fiscale, fa semplicemente sghignazzare. Ovviamente abbiamo un Ministro degli Esteri che era troppo intento a selezionare la bellezze nostrane dai book per i falsi corsi da eurodeputate per B, per pensare a queste quisquiglie!
Questa e’ l’ennesima vergogna italiana! Aiutare in chiaro mafiosi e criminali!

La cosa piu’ turpe che sto ascoltando nella seduta della Camera e’ che meta’ di quelli che parlano lo fanno per chiedere che i soldi che verranno nelle casse dello Stato dallo scudo fiscale siano devoluti a opere pie: la fame nel mondo, il ripristino del territorio, e altre buone cose..
L’ipocrisia di chiedere opere buone da soldi che grondano sangue mi fa rivoltare lo stomaco.

Passa la fiducia alla Camera sulla costituzionalita’ delloo scudo fiscale. Erano assenti 59 deputati del Pd, 8 dell’UDC e 2 dell’IDV. Soprattutto erano assenti Franceschini, Bersani e D’Alema. senza quelle assenze il pdl avrebbe perso!
Qelle assenze pesano come macigni e rendono questa gente inaffidabile.
Il fatto e’ che troppe iniquita’ sono passate per l’assenteismo di chi avrebbe dovuto esserci e combattere sul campo. E parlo soprattutto della sx o pseudo sx, che troppe volte ha assolto un Andreotti mafioso o ha impedito il processo di un parlamentare inquisito o addirittura ha appoggiato indulti, condoni, false missioni militari, spese abnormi in armi, precariati, sconci sulla Costituzione, restrizioni di liberta’, personali, censure, aumenti di stipendi, personali protezioni penali, privilegi, emolumenti, attacchi alla Costituzione o alla democrazia, privatizzazioni dei beni fondamentali…
Ma ormai in Italia se una sx c’e’ e’ fuori del Parlamento, e lo stesso una opposizione, per cui questo aggregato indistinto che si chiama Pd non saprei piu’ cosa rappresenta e, a parte Di Pietro, che di sx non e’, non si vede come costituisca qualcosa di definibile o utilizzabile.
Ma essere deputato o senatore ormai e’ un onore e un abuso (e un incasso), non piu’ un onere e un dovere.
Guardate quanto lavoro e quanta responsabilita’ si assume una persona sola come Di Pietro!
Quanto lavoro e rischio personale si impongono Travaglio, Padellaro, de Magistris…
Singoli che si danno da fare, aprono blog, protestano, scrivono libri o articoli, intervengono, sono sulle piazze, stanno al fronte, combattono, riferiscono di quello che fanno in Parlamento, fanno sentire il calor bianco delle loro armi, ce la mettono tutta.
Per non parlare di Grillo..!
Poi ci sono i lavativi, la grande massa degli assenteisti cronici, gli opportunisti, i politici per mestiere, i lacche’ del potere..
E infine quelli che dovrebbero dare l’esempio agli altri, i rinomati, che si fanno nominare solo per essere da un’altra parte.
..
COSTITUZIONE

Secondo l’articolo 73 della Costituzione, Napolitano ha facolta’ di trattenere la legge per un mese, senza firmarla subito, purtroppo finora ha firmato ogni munnezza in modo immediato, avrebbe anche la facolta’ di rimandarla alle Camere se vi ravvede termini di incostituzionalita’.
Per questo Berlusconi ha voluto una previa votazione di costituzionalita’ da parte del Parlamento, a cui questo non competerebbe, per far vedere a Napolitano come la pensa la maggioranza.
L’opposizione aveva i numeri per vincere ma le sue assenze hanno rovinato l’occasione, sono talmente alte queste assenze da produrre un senso di schifo e di desolazione, come per cialtronaggine o, peggio, per una collusione programmata.
Se pure Napolitano rimandasse la legge alle Camere, dovrebbe farlo con messaggio motivato e se le Camere dovesero votare una successiva approvazione alla legge, non potrebbe far altro che firmarla, ma il suo dissenso sarebbe un atto forte con cui si scioglierebbe una volta per tutte il sospetto di una sua collusione con i misfatti di Berlusconi, e avrebbe finalmente detto quella parola forte che non ha mai detto di fronte a tanti ignomini della Costituzione e che hanno sollevato tanto malumore nei suoi confronti.
Gli estremi ci sarebbero, non fosse altro il fatto che si compie, con questa legge, un indulto dei reati finanziari, e un indulto, per legge costituzionale non si puo’ fare con una maggioranza semplice, ma occorrerebbero i 3/4 e non ci sarebbero.
Ma arrivati a questo punto, possiamo solo pensare che anche Napolitano stia nella mano di Berlusconi, il perche’ lo sapra’ lui. Noi possiamo solo allibire.

Ma ci rendiamo conto che la possibile crisi di Berlusconi sta nelle mani di persone come la Noemi, Tarantini o la D’Addario, mentre i grandi soloni dello Stato, come D’Alema, Bersani, Napolitano, Bertinotti, per non parlare dell’estrema sx nella sua palese inutilita’, o se ne fregano o sono fuori campo?
60 anni di democrazia post fascista dovevano portare a questo punto?
Arrivati a tale massacro della legalita’ e della giustizia, altro che revocare il pagamento del canone televisivo! Dovremmo rifiutare il pagamento obbligato di qualsiasi tassa, e avere anche noi, lavoratori dipendenti, il pieno e sacrosanto diritto di denunciare i profitti che vogliamo, di rimandarne il pagamento, di evadere a piacer nostro, e di usufruire di eventuali e ripetuti condoni, pagando, al massimo, il 5 o l’1 per cento, come viene dato diritto ai peggiori lestofanti di questo stato. L’operaio, l’impiegato, il lavoratore subalterno.. cosa hanno fatto di male per essere penalizzati rispetto a chi ruba, sequestra, uccide, traffica droga, evade, compie reati finanziari?
..
E si fa tutto questo per far cassa!

Si calpesta un paese, ogni senso di moralita’ e giustizia per far cassa!
Nemmeno fossimo alla bancarotta!
E quando gli abusi e gli sprechi dello Stato vanno avanti a rotta di collo, senza nessuna remora!
Per 4 miliardi presunti (che poi saranno come quelli che dovevano uscire dalla sanatoria delle badanti!), per 4 miliardi (quando se ne sono promessi 14 per 131 cacciabombardieri).. 4 miliardi (quando l’abolizione delle Province ne porterebbe 16 ogni anno! Quando il mantenimento dell’illecita rete4 ci costa 300.000 euro al giorno di multa europea, per non parlare delle altre multe per inadempienza ai patti)… Quando il solo Quirinale ci costa 236 milioni ogni anno.
Per 4 miliardi si premia la criminalita’ organizzata, si distrugge lo Stato, si porta l’Italia nell’ennesima china di paese da Terzo Mondo. Per 4 miliardi!!

Questi gli onorevoli delinquenti che non si sono nemmeno data la pena di essere presenti:

Ben 50 del Pd
Argentin, BERSANI, Boccuzzi, Boffa, Bucchino, CALEARI (l’imprenditore voluto dal caro Veltroni) Ciman, Calgaro, Capodicasa, Enzo Carra (capofila dei teodem),Ceccuzzi, Codurelli, D’ALEMA (dv’era? a navigare?), DAMIANO (ex sindacalsta CGIL), il caro D’ANTONI,De Micheli Esposito, Fiano, il caro FIORONI, il carissimo FRANCESCHINI (che poi ha anche la faccia di presentarsi come segreteriio), Gaglione, Garofani, Giacomelli, Gozi, La Forgia, Levi, Lolli, Losacco, Maran, Marchignoli, Martino Pierdomenico, Meta, Mogherini, Rebesani, Mosella, Picierno, Pistelli, l’adorabile POLLASTRINI!, Pompili, Porta, Portas, REALACCI (pure lui!), Rosato, Sani, Servodio, Tenaglia, LIVIA TURCO (Bella figura!)Vaccaro, Vassallo, Vernetti, Villecco, Calipari, Zampa

6 esponenti dell’UDC
CESA, Ciccanti, Drago, Galletti, Mannino, Pisacane

2 esponenti del IDV
Barbato e Cimadoro

(Realacci ha protestato, era presente ma il suo sistema di votazione non ha funzionato!
I pulsanti di voto di D’Alema, Bersani e Franceschini hanno protestato, loro erano presenti ma non li ha pigiati nessuno )
..
Alle 15 si vota per la conversione finale del decreto in legge.
Gli assenti di ieri sono tornati?
O assisteremo alla ennesina squallida rappresentazione di un Pdl che vince per assenteismo dell’opposizione?
Franceschini, batti un colpo!
..
Banca Etica

Banca Etica dice che non accettera’ capitali rientrati con lo scudo fiscale, “sarebbe una violazione del nostro DNA e un tradimento dei clienti che ci scelgono in nome di un uso responsabile del denaro” Una posizione isolata nel panorama italiano, visto che tutte le banche si stanno attrezzando per intercettare quei miliardi che si prevede saranno rimpatriati sui 300 o 500 che sono nei paradisi fiscali. E’ una gara di velocita’ a offrire consulenti fiscali e immobiliari, piani d’investimento ecc

La legge e’ stata modificata da 2 emendamenti all’ultimo momento cosi’ da dare un colpo di spugna a diversi reati, cominciando dal falso in bilancio. Tutto il csx e molti analisti parlano di legge vergogna o di amnistia di fatto. Grazie alla copertura garantita alle dichiarazioni, presentate in forma anonima e “coperte per legge da un elevato grado di segretezza”, le grandi mafie avranno a buon prezzo “denaro pulito per le loro attivita’ economiche”, compresa “l’acquisizione delle imprese in difficolta’”.

Banca Etica dichiara: “Lo scudo non ci interessa”. Noi rispettiamo la normativa, pero’ diciamo no ai capitali sanati dallo scudo fiscale. Questa decisione si pone lungo il solco della posizione della banca; chi decide di diventare nostro cliente deve firmare un’autodichiarazione sulla provenienza lecita delle somme depositate. Per questo non abbiamo alcun rapporto al portatore, solo rapporti nominativi. Per noi e’ una scelta netta, anche nel 2002, per il precedente scudo fiscale, abbiamo fatto cosi’. Una scelta, che potrebbe portarci ad avere una raccolta inferiore, ma non vorremmo scalfire la reputazione del nostro istituto. Tutto quello che stride con il principio di legalita’ non sta nelle nostre corde. Soprattutto quando il provvedimento si e’ allargato anche a includere la sanatoria dei reati di falsa fatturazione, falso in bilancio, una serie di violazioni gravi rispetto all’evasione fiscale, che e’ gia’ grave. Risparmio e credito hanno una valenza sociale”.
..
Intervento di Di Pietro in Parlamento

Signor Presidente, signor Presidente del Consiglio che non c’e’ – che, come sempre, quando viene qui a proporre una legge ad personam, si nasconde, lasciando a qualcun altro il compito di portare avanti norme che servono a lei – noi, anche oggi, le neghiamo la fiducia, perche’ non ci fidiamo affatto di lei, ne’ sul piano politico ne’ sul piano personale.
Non ci fidiamo di lei sul piano politico, perche’ lei sta umiliando il Parlamento con questo continuo ricorso al voto di fiducia, nonostante abbia una maggioranza schiacciante in Parlamento, e con questa sua furbata dell’ultima ora, quella di presentare un emendamento all’ultimo minuto, senza poter dare poi la possibilita’ di un dibattito per sessanta giorni su quello che lei vuol fare davvero. All’ultimo minuto inserisce qui un emendamento, che serve soltanto per giustificare quel che dal primo momento voleva portare avanti.
Questa pure e’ un’azione criminale, come cio’ che egli si accinge a chiedere al Parlamento con questo voto di fiducia, cioe’ l’emanazione di una norma che trasforma quelli che finora erano due cardini della lotta alla criminalita’ organizzata: l’articolo 648-bis, recante il reato di riciclaggio, e l’articolo 648-ter, che prevede il reato di impiego di denaro di provenienza illecita.
Fino ad oggi, a norma di questi articoli, chiunque trasferisse denaro di provenienza illecita o lo impiegasse in attivita’ commerciale ed economica era punito con una pena sino a dodici anni, oggi, grazie alla sua norma, che diventa l’articolo 648, comma Silvio (Applausi dei deputati del gruppo Italia dei Valori), lei e chiunque altro detenga denaro di provenienza illecita, qualora abbia applicato lo scudo fiscale, alias abbia pagato una tangente del 4 per cento allo Stato, puo’ utilizzarlo, reinvestirlo e anche ritrasportarlo all’estero a suo piacimento, gradimento e godimento.
Questa e’ la norma che da domani varra’ nel nostro Paese. Non ci si venga a dire, come ha detto il Ministro Tremonti, che in questo modo si recuperano 300 miliardi. Chi li recupera? Gli evasori fiscali, i delinquenti!
Chi l’ha detto che li reinvestiranno in attivita’ lecite, chi l’ha detto che reinvestiranno questi soldi? Semplicemente li sbiancheranno, li faranno diventare utilizzabili e poi magari li ritrasferiranno anche all’estero. Lo possono fare benissimo, perche’ nessuna norma impone che questo denaro debba essere reinvestito in attivita’ che servono al nostro Paese. Servono soltanto a questi signori, per detenere lecitamente cio’ che fino ad oggi detenevano illecitamente.
Ecco perche’, signor Presidente del Consiglio che non c’e’, lei ha emanato una norma criminale e non e’ vero quel che diceva Tremonti, ancora in questi giorni, ossia che questa norma non favorisce la criminalita’. Infatti, se cosi’ fosse, non avreste inserito un’altra clausola, quella che elimina l’obbligo di denunciare i reati quando i fondi possano derivare da provenienza illecita.
Certo si dice che, quando il pubblico ufficiale sa che il denaro e’ di provenienza illecita, allora si’ che lo deve denunciare. Ma voi pensate che nelle mazzette da 500 euro ci sia scritto: questo proviene da rapina, questo proviene da spaccio di droga, questo proviene da traffico di stupefacenti e da compravendita di armi.
All’estero ci sono dei tesoretti, sui quali, quando vengono scoperti, bisogna fare delle indagini per sapere da dove provenga il denaro. Se voi impedite, in primo luogo, all’autorita’ giudiziaria di sapere chi sia il beneficiario di questo tesoretto e, in secondo luogo, come lo abbia acquisito, di fatto voi create un’impunita’.
Ecco perche’ noi riteniamo che questa norma sia anche incostituzionale, soprattutto nella parte in cui avete previsto di estendere lo scudo fiscale anche al reato di falso in bilancio.
Lei lo sa bene, signor Presidente del Consiglio, cos’e’ il falso in bilancio. Lei lo sa bene che il falso in bilancio e’ un reato-mezzo per un reato-fine, e’ un reato contabile che serve come serve la pistola al rapinatore, serve per fare la rapina.
Allora, perche’ avete eliminato il falso in bilancio, che non c’entra nulla con il rientro dei capitali dall’estero e con l’evasione fiscale? Il falso in bilancio e’ un reato-mezzo che serve per coprire altri reati: i soldi per avere la provvista necessaria per pagare le corruzioni, per pagare l’appropriazione indebita, per pagare, magari, un po’ di cocaina che serve alla bisogna e cosi’ via.
Noi riteniamo che questa norma sia una norma oltre modo criminale, fatta nell’interesse dei criminali e, per questa ragione, questo Parlamento si sta approntando ad approvare una norma che non e’ degna dei rappresentanti del popolo che vogliamo essere in questo Parlamento.
Questa norma e’ anche una norma che, ripeto, stabilisce un salvacondotto; un salvacondotto non solo per cio’ che e’ stato fatto fino ad ora, ma anche per i reati futuri, perche’ stiamo gia’ vedendo tutta una serie di persone che sono abituate a delinquere che si fanno il loro salvacondotto a futura memoria.
Ogni giorno che qualcuno verra’ trovato con un pacco, come si dice, una «paccata» di soldi in mano, non dovra’ dare piu’ giustificazione di dove li ha presi, perche’ dira’: guarda questo documento, ho fatto lo scudo fiscale cinque anni fa. Tanto sulla mazzette non vi sara’ mica scritto in quale giorno quella provvista e’ stata acquisita. Questa norma, quindi, servira’ come salvacondotto per il passato e per il futuro.
E’ una norma criminale per soggetti criminali e chi si presta a questa norma e’ l’autore o il coautore o il fiancheggiatore o il compartecipe o il connivente o, quanto meno, l’utilizzatore finale di questa norma.
E’ una norma che produce un’amnistia mascherata, perche’, di fatto, cancellando il falso in bilancio e rendendolo non penalmente rilevante, mette in condizione il Presidente della Repubblica di dover controfirmare un’amnistia, pur non essendovi in Parlamento la maggioranza per farla.
E’ una norma che, ancora una volta, torno a ripetere, mette in condizione le autorita’ giudiziarie di non poter contrastare la criminalita’. Forse non lo sapete, ma lo dico a chi ci ascolta anche fuori di qui: in questo momento, in queste ore, vi e’ un’enorme differenza tra il dire e il fare della maggioranza parlamentare che appoggia questo Governo che fa la norma criminale.
Proprio un’ora fa il presidente della Commissione antimafia, Pisanu, cosi’ concludeva la sua relazione: ogni anno le imprese criminali riversano sul paese fiumi di denaro sporco che inquinano l’economia, insidiano la vita pubblica, infangano la nostra reputazione nel mondo, e quindi questo mette in condizione di non essere economicamente rilevanti gli investimenti stranieri nel nostro Paese. La repressione di ogni attivita’ criminale e’ oggi il piu’ indispensabile atto per sanare quella che Aldo Moro chiamava la storica ingiustizia.
La storica ingiustizia e’ fra chi rispetta la legge e chi non la rispetta. Bene, preso atto di cosa ha detto l’Antimafia oggi, subito subito, un’ora dopo, fate una legge in cui lavorate a favore del crimine, a favore della criminalita’ organizzata (Applausi dei deputati del gruppo Italia dei Valori).
Allora non potete dire che avete sbagliato un domani; dovete dire che siete conniventi, se non correi, di questa norma che state approvando e che pretendete che questo Parlamento approvi con il ricatto del voto di fiducia, perche’ anche il voto di fiducia e’ un ricatto.
E’ per questa ragione che noi dell’Italia dei Valori ci appelliamo al Capo dello Stato. Lo facciamo con senso di deferenza e di rispetto, pero’ non crediamo piu’ che sia il tempo della letterina di accompagnamento e del buffetto sulla guancia, dopo che si firmano provvedimenti iniqui e ingiusti, che non hanno senso e spazio in una democrazia moderna ed evoluta.
Noi ci appelliamo al Capo dello Stato affinche’ non faccia una ramanzina, che non serve a niente, perche’ questo Governo non ha alcun interesse a portare avanti, ma, esercitando i suoi poteri, rimandi indietro questa norma incostituzionale, fatta per i criminali e fatta semplicemente per ridurre il nostro Paese all’oblio, se non all’odio, da parte della comunita’ internazionale.
Signor Presidente della Repubblica, non firmi questa legge, non si faccia anche lei connivente di questo modo criminale di gestire la cosa pubblica
..
Buttiglione: “L’imprenditore che paga le tasse e’ veramente un santo o un martire (o un minchione). Se ha buoni avvocati e tira per le lunghe, avra’ sicuramente un condono che lo sanera’.
E chi le tasse non le puo’ rimandare?”
..
LUOGHI COMUNI
Viviana Vivarelli

Ci sono due luoghi comuni che i cloni di Berlusconi ripetono a pappagallo per cui sono diventati proprio stucchevoli:
il primo e’ che la gente parla male di Berlusconi perche’ e’ invidiosa di lui, il che e’ ridicolo perche’ una persona per bene non invidia certo un disonesto, e perche’ ci sono valori irrinunciabili come il rispetto di se stesso, l’amore per la propria famiglia e per il proprio paese, la sincerita’ dei propri amici, la pace della propria coscienza… che nessuno scambierebbe con una vita dissoluta, piena di cortigiani, a continuo rischio di morte o di crollo, e sotto sequesto di mafia e ordine di P2, come quella di Berlusconi.
Il secondo luogo comune e’ che i nemici di Berlusconi parlino male di lui perche’ cio’ permette loro di vendere libri o giornali, dunque perche’ sparlare di Berlusconi e’ un affare lucroso, tanto che, se Berlusconi sparisse, piangerebbero e resterebbero disoccupati.
Ora io credo, e nel mio caso cio’ vale al 100%, che parlare male di Berlusconi non sia ne’ divertente ne’ remunerativo, visto il numero di persone che hanno perso il posto di lavoro, sono state emarginate, hanno avuto querele milionarie, sono state minacciate o diffamate (vedi Boffo) in vario modo. Se uno davvero perseguisse il proprio utile si aggiogherebbe al carro dI Berlusconi perche’, a livello di lucro, e’ piu’ conveniente e sicuro, insieme ai vari Minzolini, Fede, Vespa, Masi, Capezzone ecc.
Il Pdl e’ pieno di persone che hanno lasciato altri partiti proprio per venalita’, desiderio di guadagno o di potere: Ferrara, Bondi, Borghini, Ferlini, Festa, Guzzanti, Brandirali, Caparra, Frattini, Maiolo, Micciche’, Pecorella, Minzolini, Foa’, Cancellieri, Liguori, Mughini, Pac, Taradash, Capezzone…
Se poi intendi che, se non ci fosse Berlusconi, tanti suoi critici resterebbero disoccupati, prova a pensare che questi signori difendono la Costituzione e attaccano il cattivo potere e questo, da che mondo e’ mondo, non e’ nato con Berlusconi e non morira’ con lui, tant’e’ che molti di questi signori il cattivo potere lo hanno criticato anche in Prodi e massimamente in D’Alema o in Violante. Io sono molto piu’ vecchia di te, probabilmente e ho memoria storica, ma posso dirti che di critici del cattivo potere ne ho visti parecchi quando di Berlusconi non si conosceva nemmeno il nome e molti sono stati uccisi per le loro critiche o hanno patito l’esilio o il carcere: Matteotti, prima di tutti.
Il Tribunale Speciale del fascismo contro i nemici politici emise 5.619 sentenze di condanna, delle quali 4 596 eseguite. Furono mandati al confino 15.000 persone, fra cui Antonio Gramsci, Cesare Pavese, Altiero Spinelli, Ferruccio Parri e Giuseppe Di Vittorio. Pensi che anche loro agissero per invidia contro Mussolini o per lucro? Pensi che queste fossero le motivazioni di Pasolini? O del giornalista Pecorella? O di Falcone? Borsellino? Il giudice Livatino? O di tutti coloro che si misero contro la mafia e i politici che essa sostiene?
Visto che ho sentito queste cose centinaia di volte, immagino che siano state scritte su qualche giornale di Berlusconi e i somari le ripetono non sapendo pensare in proprio.
Posso dire che non ho mai sentito frasi piu’ idiote che mostrano solo il basso livello di criticita’ di tanti italiani
Viviana
..
RIMPATRIO ANCHE PER VILLE E GIOIELLI

Se si detengono attivita’ patrimoniali (immobili, gioielli, quadri di valore, yacht, per fare alcuni esempi) in Paesi non collaborativi da un punto di vista fiscale si aprono nuove possibilita’: si va infatti verso la possibilita’ di un «rimpatrio giuridico», per esempio attraverso il conferimento di un quadro di valore in una societa’ e conseguentemente il rimpatrio delle quote della stessa.
Ci aggiungiamo il divieto per gli intermediari di denunciare fatto sospetti e abbiamo:

Rubo un quadro di grande valore, mettiamo da un museo o da una chiesa o pure il sangue di San Gennaro…
lo rimpatrio tramite banca
la banca non deve segnalare niente di sospetti
su quel quadro rubato nesusno in futuro potra’ dirmi piu’ niente
e voila’ abbiamo condonato anche il furto di opere d’arte, scavi archeologici e simili
..
Di Pietro

Lo scudo fiscale e’ una carognata e dietro la ragion di stato di Tremonti si nasconde il rimpatrio di capitali sporchi proprieta’ di evasori, mafiosi, imprenditori senza scrupoli generati da un capitalismo malato, frodatori della pubblica amministrazione, spacciatori, sfruttatori della prostituzione, taglieggiatori, di tutto insomma. Ed in questo rientro sara’ garantito l’anonimato e l’impunibilita’ del delinquente.
Il condono fiscale, cosi’ come la legge sulle intercettazioni e tutte le leggi bavaglio o volte a favorire la violazione dei diritti del cittadino e della costituzione, ha interessi trasversali in un Parlamento che oramai ha la trasparenza e la credibilita’ di un reality show.
Quella di Italia dei Valori e’ destinata ad essere l’unica opposizione finche’ il Paese non avra’ modo di comprendere che siamo anche l’unica alternativa di governo, se non altro l’unica credibile, sempre.
..
Notizie flash
Paolo De Gregorio

-Misteri della fede. Negli USA, nazione molto devota, buoni cristiani repubblicani, in compagnia di molti democratici, manifestano contro la riforma sanitaria promessa da Obama in campagna elettorale, che vuole dare assistenza sanitaria a 46 milioni di americani che ne sono privi.
I principi cristiani della solidarieta’ e della difesa della vita, come per incanto, scompaiono quando non sono solo teorie, e non si sente la voce delle potenti chiese evangeliche, proprio quelle attivissime in politica, sostenitrici del criminale di guerra Bush, sempre presenti quando si tratta di difendere la vita di feti surgelati o di persone che vivono come vegetali in coma da anni.
Difendere la vita di milioni di persone lasciate a crepare senza aiuto non sembra interessare i cristiani americani.
Non sarebbe ora che qualcuno, magari il Papa, spiegasse agli americani che non sono cristiani e che il loro non e’ un paese democratico, ma guerrafondaio e razzista contro i poveri?

-Sondaggi. Come al solito, anche i sondaggi sono usati da chi e’ al potere quando fanno comodo e ignorati quando non sono funzionali.
Nell’orgia della retorica seguita all’attacco ai nostri soldati in Afghanistan, il mentitore professionale Berlusconi ha sostenuto, con la sicurezza di un piazzista capace di vendere il ghiaccio agli esquimesi, che il popolo italiano e’ a favore della continuazione della guerra all’Afghanistan.
Per poter affermare una cosa del genere, ignorando i sondaggi che danno il 58% degli italiani contrari all’intervento (proprio come gli inglesi), bisogna essere dei mascalzoni mentendo sapendo di mentire, fidandosi del proprio apparato mediatico che mette in onda sceneggiature patriottiche piene di retorica e di nostalgia fascista, sapendo bene che le bugie ripetute prima o poi diventano verita’.
..
Di Pietro

Se Annozero e Parla con me “portano voti” al governo allora il Presidente del Consiglio li lasci andare in onda e ritiri i suoi cani da guardia, e visto che c’e’ si riprenda il Cavallo di Troia che ha piazzato alla concorrenza delle aziende di famiglia con dentro Masi, Vespa e Minzolini.
Anzi lui che e’ al governo aggiunga: “via il canone Rai e via l’1% dei diritti delle concessioni per le frequenze di Stato a Mediaset che devono essere adeguate ad un congruo 30% del fatturato”.
Se e’ vero che la Rai, con questa dirigenza oscurantista non merita il canone dei cittadini e’ altrettanto vero che le reti Mediaset non possono saccheggiare l’erario retrocedendogli quattro spiccioli del fatturato di una societa’ minore dell’impero mediatico Berlusconi, RTI, facendo passare un fiume di miliardi di euro di Pubblitalia senza pagare un cent.
Lo abbiamo scritto nel nostro programma e senza questa “svista” dell’1% dei vecchi governi di sinistra oggi il Paese non sarebbe in mano alla parodia della parodia il Grande Dittatore.
Mi chiedo come si possa essere aver appaltato il 50% del sistema radiotelevisione nazionale in mano a uomini del calibro di Confalonieri e Berlusconi. Un comodato praticamente gratuito, stipulato dal sodale Craxi ma siglato dai governi per decenni, che ha consentito ad una sola famiglia di controllare una nazione e cumulare immense ricchezze alle spalle dei cittadini.
Poi con calma dovremo tornare ad occuparci anche dei contributi pubblici all’editoria, perche’ anche quelli, con un’informazione supina come quella della stampa attuale sono del tutto ingiustificati.
..
SENTENZA ABU OMAR

Tredici anni di reclusione per l’ex direttore del Sismi Nicolo’ Pollari, definito “il regista di un sistema criminale”: questa la condanna chiesta dal pubblico ministero Armando Spataro, al termine della sua lunga requisitoria del processo per il sequestro di Abu Omar. Il magistrato ha invocato la condanna anche per i 26 agenti della Cia coinvolti nel rapimento, con pene comprese tra i 10 anni e i 13 anni di reclusione. Per l’ex capo del controspionaggio militare italiano, Marco Mancini, l’accusa ha chiesto 10 anni di detenzione. Richiesta di proscioglimento, invece, per tre funzionari minori del Sismi, Raffaele Di Troia, Luciano Di Gregorio e Giuseppe Ciorra.
Intanto ‘chiesti’ non vuol dire dati
E poi il maggior responsabile e’ B che ha coperto questi fatti e qui nemmeno e’ nominato
Si ricordi che il capo del governo e’ il 1° superiore e direttore dei servizi segreti

Abu Omar fu sequestrato il 17 febbraio 2003 a Milano da 10 agenti della CIA e da un maresciallo dei carabinieri che fino a un anno e mezzo fa ha lavorato nella sezione antiterrorismo del Ros di Milano (!). Fu rapito a Milano mentre si recava alla moschea e dalla base USA di Aviano fu trasferito in Egitto dove fu carcerato, interrogato e torturato
L’operazione della CIA interruppe le indagini che la procura di Milano stava conducendo su Nasr in merito alla partecipazione ad organizzazioni fondamentaliste islamiche.
Abu Omar fu liberato dopo un anno, poi arrestato di nuovo perche’ chiamando la famiglia in Italia aveva raccontato le torture subite, violando la promessa fatta alle autorita’ egiziane per essere rilasciato.
E’ stato liberato nel febbraio 2007 ma gli hanno vietato l’espatrio, ha denunciato le violenze subite e espresso la volonta’ di tornare in Italia, dove comunque lo attenderebbe un’ordinanza di arresto per terrorismo.
Nel 2003 il capo del governo e capo dei servizi segreti era Berlusconi. Il ministro della Giustizia era il leghista Castelli. Questi rifiuto’ fino alla fine del suo mandato di inoltrare la richiesta di estradizione, entrando in conflitto con la procura di Milano. Ma anche col governo di csx non e’ andata meglio, il nuovo ministro Mastella non trasmise la stessa richiesta.
Alcuni dei protagonisti di questo caso sono coinvolti anche nello scandalo dell’archivio spionistico Telecom-Sismi, come l’ex funzionario del Sismi Pio Pompa. Ma anche qui i responsabili Telecom non rispondono di nulla.
Renato Farina, ex giornalista di Libero, fatto deputato da Berlusconi e approdato a Il Giornale, ha riconosciuto le accuse di favoreggiamento mosse a suo carico ed ha patteggiato la pena ottenendo una condanna a 6 mesi di reclusione poi commutata in multa.
..
Voltaire diceva “Anche se non condivido le tue idee, sono disposto a morire, perche’ tu le possa esprimere”.
Berlusconi dice “Anche se non condivido le tue idee, sono disposto a star qui per sempre, perche’ tu non le possa esprimere”

Tor quebrada
..
Vergogna, vergogna, vergogna!
Viviana Vivarelli

Ma di che stava delirando Berlusconi davanti a quella platea di folli che applaudiva e urlava in un delirio di mentecatti?
Sembrava di vedere le folle oceaniche e fanatizzate di MussolinI!
Ma dov’e’ questa opposizione che inneggia con sagome di cartone ai sei militari uccisi?
Ma se Franceschini si e’ perfino rivoltato a Bossi che chiedeva di ritirare le truppe dicendogli che dobbiamo restare in Afghanistan a portare la democrazia?!?
Che inquietudine impressionante vedere quella folla cieca e osannante che sovrastava quasi la voce di Berlusconi per manifestare il suo odio contro qualche cosa!
Ma non era contro il golpe odioso della P2, ne’ contro il giogo turpe della mafia, o contro la corruzione pubblica che si allarga come un idra, o contro lo sfascio della Costituzione e l’impoverimento del popolo italiano di diritti e valori.
No, quella folla sbraitava il proprio consenso a un triplice ‘vergogna’ gridato con tutte le forze dal premier contro una scritta apparsa su un muro di Milano e di Livorno e ne faceva lo slogan intero dell’opposizione, tradendo verita’ e fatti.
E quel ‘vergogna’ urlato cosi’ a sproposito da una folla cieca e fanatizzata contro scritte murali, mentre incombono ben altre forze del male, risuonava cupo e malefico come le urla di Hitler contro gli ebrei.
E similmente il boato della folla gli corrispondeva.

B fa un convegno veemente in cui urla come un assatanato e accusa l’opposizione di aver gioito dei 6 militari morti in Afghanistan “sei in meno”, e urla paonazzo e col braccio alzato: “Vergogna, vergogna, vergogna!” in una grottesca imitazione di Borelli, scatenando la folla dei succubi. Vien quasi da pensare che la scritta sul muro di Milano sia stata messa apposta da uno del Sismi, se non fosse che nell’estrema sx extraparlamentare c’e’ gente che i danni se li fa da sola, come per 10,100, 1000 Nassirya..
Ma per B e’ della sx tutta intera che si tratta, anzi “dell’opposizione” e questo e’ un falso lampante visto che l’opposizione la guerra afgana la vota
Una platea di assanati pari a lui accompagna le sue urla con boati e applausi
In realta’ l’unica forza politica parlamentare che ha chiesto il ritiro delle truppe italiane dal fronte afgano e’ stata la Lega
Le urla scompisciate e dissennate di B sono un falso, una bomba preparata ad arte, non sapendo evidentemente su cosa attaccare l’opposizione e pendono a pretesto una scritta apparsa su un muro a Milano
Ora non e’ propriamente lecito attaccare partiti di opposizione partendo da delle scritte apparse su un muro, e quella platea di dementi che urla insieme a lui non da’ prova ne’ di intelligenza ne’ di liberta’ di pensiero ma e’ simile alle folle senza testa che applaudivano scompisciatamente Mussolini, Hitler o Stalin
Oggi B riceve una nota critica da Napolitano e fa il suo solito dietrofront, contrordine compagni: “Mi sono lasciato prendere la mano, dal clima del comizio. Posso aver commesso una leggerezza, avrei dovuto specificare che mi riferivo alla sx extraparlamentare. Pero’ quei fatti che ho denunciato erano veri, ero in assoluta buona fede. Ad ogni modo, vedete? Il Quirinale non me ne lascia passare una, pronto a intervenire alla prima occasione”
Dunque, ancora una volta, la furbata non e’ sia ma di qualcun altro
E c’e’ sempre qualcuno che nei suo trabocchetti ci casca con tutta la bocca aperta
..
Il Giornale alza una campagna per l’abolizione del canone tv come rivalsa contro Annozero
Viviana Vivarelli

Possiamo anche capire una campagna per non pagare il canone, che poi in Italia e’ una tassa sul possesso di un apparecchio televisivo e non sui suoi contenuti, ma che questa campagna sia istigata dal Presidente del Consiglio, capo di tre televsioni, che aizza a non pagare una tassa per vendetta politica contro Santoro e’ inqualificabile. Tanto piu’ che lo stesso e’ proprietario di Mediaset e ogni indebolimento della RAI si risolve in un suo arricchimento personale. Non bastava che avesse chiesto alle imprese di non mettere pubblicita’ sui giornali che parlavano della crisi?!

In Spagna non esiste un canone televisivo e Zapatero ha annunciato una riduzione della pubblicita’ sulla tv pubblica Tve, che ha due canali, Tve1 e Tve2, che hanno diritto a 10 minuti di interruzioni pubblicitarie all’ora, e ora il limite sara’ ridotto a 9 minuti.
Radiotelevisión Española (RTVE) e’ il piu’ importante gruppo radiotelevisivo in Spagna e uno dei piu’ rilevanti nel mondo. E’ finanziato da fondi pubblici (50%) e dalla pubblicita’ (40%), il canone e’ stato abolito poco dopo la fondazione (1956) a causa dell’elevata evasione.
Zapatero ha slegato la televisione pubblica dal controllo dei partiti politici, a partire dalla nomina del consiglio di amministrazione, fino alla ridefinizione di programmi tv e finanziamenti.
Nella fase transitoria e’ stato licenziato il presentatore come Alfredo Urdaci (condannato in sede giudiziaria per manipolazione dell’informazione durante uno sciopero generale del 2002; prima volta in Europa) ed e’ stato reintegrato il comico El Gran Wyoming, che era stato precedentemente cacciato su Telecinco a fine 2002 (per volere di Berlusconi)

In Francia Sarcozy ha voluto che il canone lo pagasse chiunque ha un pc o un cellulare, con una tassa dello 0,9% su internet e gli operatori telefonici, e una del 3% sui ricavi pubblicitari delle reti private. In cambio, ascoltando un sondaggio, ci sara’ l’abolizione graduale della pubblicita’ sui canali pubblici.

In Inghilterra il Governo non riesce a farsi pagare il canone malgrado le intimidazioni.
In 10 anni si e’ trovato 750 milioni di euro di evasione tanto che la BBC ha appaltato i lavori a una societa’ esterna, i cui dipendenti hanno facolta’ di pubblico ufficiale, con la possibilita’ di richiedere un mandato per un’ispezione in casa. I piu’ punzecchiati sono i ceti piu’ deboli, come gli studenti, e coloro che vivono nelle aree piu’ povere delle citta’. Ma gli inglesi pensano che cio’ sia una grossa violazione della privacy. Si tassa il segnale per cui bisogna pagare anche se si usa l’apparecchio solo per vedere un dvd o per giocare alla Playstation, pagano anche i non vedenti con prezzo differenziato per tv a colori o in bianco e nero. Un tempo chi non pagava finiva in carcere, nel 1995 ci sono finite 235 persone, trattate come criminali, ora si da’ una multa salata.

Cosa pensa del canone l’Europa?
Un vicentino e’ stato multato per non aver pagato il canone e ha protestato alla Corte Europe, la quale ha giudicato il suo ricorso “infondato”. Non ha alcuna importanza che guardi o no la tv, basta che possegga l’apparecchio televisivo, in quanto questo precostituisce “un servizio alla comunita”.
Anche da questo punto di vista la campagna de Il giornale e’ pretestuale e illecita.
Nell’UE ci sono altri 13 paesi col canone: Austria, Repubblica Ceca, Germania, Danimarca, Finlandia, Francia, Regno Unito, Irlanda, Malta, Polonia, Svezia, Slovenia e Slovacchia.

Con esposti alla Corte dei conti, raccolte di firme e petizioni, l’Aduc e altre associazioni di consumatori sono impegnate da tempo nella battaglia per abolire quella che considerano una tassa iniqua. Su Facebook, il gruppo “Aboliamo il canone Rai” in poche settimane ha raccolto migliaia di iscritti. Sono cittadini che navigano abitualmente su internet e sono abituati a fruire dei programmi tv attraverso il computer. Ma anche chi guarda la tv sul pc dovrebbe pagare il canone.
Nel 2007 le disdette degli abbonati Rai sono state 340mila. I morosi accertati hanno superato quota 700mila.
Secondo Aduc, vi e’ un totale caos legislativo sul Canone Rai, non si comprende se deve essere pagato anche per cellulari o computer sui quali si vede la televisione, vi sono lettere per le richieste del pagamento definite da molti commentatori intimidatorie cosi’ come dei comportamenti di alcuni addetti alla riscossione del canone.
Varie associazioni dei consumatori hanno chiesto delle interrogazione parlamentari sul canone Rai senza mai ricevere risposta.
L’agenzia delle Entrate stessa si e’ detta impossibilitata di definire quali apparecchi devono pagare il canone e quali no.
Queste campagne che chiedono una chiarificazione delle norme hanno un senso, come ha un senso chiedere per legge un tetto drastico sulla pubblicita’
Ma la battaglia di un capo di partito proprietario televisivo che usa il suo potere mediatico per aizzare la gente a evadere una tassa, sapendo di farci un doppio guadagno, di partito e di cassa, e’ infame.

Mentre in altri paesi le proteste dei teleutenti hanno spinto i governanti a mettere un tetto alla pubblicita’ sia sui canali privati che pubblici, o a privatizzare il servizio pubblico, da noi il conflitto di interessi, unico nel suo genere e accentrato su B, fa si’ che la pubblicita’ commerciale, l’autopromozione e le logorroiche televendite siano in costante aumento. E persino Sky, che dovrebbe sorreggersi su abbonamenti e aveva il pregio di essere esente da pubblicita’ esterna, non fa che aggravare il carico pubblicitario in modo nauseante, tanto piu’ che nello stesso spazio di tempo si danno in continuita’ anche spot identici o interminabili televendite che godono, non si sa perche’, di condizioni di favore.
La Comunita’ Europea ha messo il tetto tassativo di 12 minuti di pubblicita’ l’ora a protezione dei consumatori, la Spagna vuole scendere a 9 per i canali pubblici per poi eliminarli, aumentando le tasse sulle tv private. Ma e’ difficile che B ponga limiti alla sua fonte preferenziale di arricchimento, tanto piu’ che addirittura pubblicita’ commerciali e autopromozione dei programmi sono infilate surrettiziamente persino dentro i tg.
L’UE ha gia’ spiccato procedura di infrazione contro l’Italia, che oltre tutto e’ gia’ rea di mandare in onda un programma illegale come Rete4 per cui paghiamo una multa europea di 300.000 euro al giorno (retroattiva dal giugno 2006). E non dovremmo pagarla noi ma Berlusconi!
Nel 2008 Mediaset ha ricavato 2.640 milioni di euro, l’80% dei quali sono introiti pubblicitari.
In luogo di un adeguamento alle direttive europee e di una correzione drastica dell’orrenda riforma Gasparri, ecco che l’astuto premier fa una campagna contro il canone Rai, gravissimo atto di concorrenza sleale, ancor piu’ perche’ prende la forma di un attacco ideologico “campagna anti-Santoro”, antidemocratica, anticostituzionale, contro il pluralismo politico, un bavaglio che un potere sempre piu’ dispotico intende mettere alle liberta’ di questo paese per il lucro di se’ solo.
..
Giustamente Pietro Ancona mi scrive:

Cara Viviana,
la dx ha scippato alla sx l’iniziativa sul canone rai. Avremmo dovuto essere noi a chiedere il boicottaggio del canone (beh, l’Aduc lo ha fatto)
Non credo sia accettabile un’azienda che costa 5 miliardi di € ed ha i giornalisti ed il personale piu’ strapagato del mondo. Una situazione che si spiega con una oligarchia politica anch’essa strapagata. Basta con la politica delle lottizzazioni dei privilegi! Assai meglio una privatizzazione affidando la RaiTV ai suoi dipendenti. La dx fascista vuole imbavagliare la Rai. Ma ne ho le tasche piene dei contestatori di sx con contratti miliardari tali e quali a Vespa ed ad altri
.
Eccellente! Ma qualunque cosa dovessero essere, per storia, ideologia, missione e radici, gli scopi di una sx degna di questo nome, sembra ormai che siano stati traditi e rinnegati.
Se siamo a questo punto e’ grazie alla connivenza di persone come D’Alema o Violante che hanno sempre servito su un piatto d’argento al fascismo di B ogni facilitazione, disdegnando di usare le leggi a loro disposizione o di farne ogni qual volta hanno avuto in mano la possibilita’ di governo.
A questo tradimento, oltre che alle fatali divisioni interne si deve la progressiva caduta della sx (e ancora oggi Franceschini ha la faccia di ripetere che vuole riprendere il truce progetto di una bicamerale che delirava di sistema presidenziale forte a diretta elezione popolare!).
Oltre a cio’ la Rai e’ un vero insulto all’economia. Ha 1400 giornalisti, ognuno lavora per il tg 9 ore e mezzo l’anno!
La sua produzione di beni da vendere all’estero e’ scarsissima ed e’ in progressiva diminuzione la sua capacita’ di dare informazione.
Ricordo che La BBC e’ una delle istituzioni piu’ salde dell’UK, e’ la compagnia di broadcasting piu’ grande al mondo. Il numero di spettacoli, film, telefilm, serie e documentari prodotti e’ enorme, oltre ai vari canali, dalla tv tradizionale al digitale terrestre, passando per satellite, internet e stazioni radio..una macchina complessa che richiede migliaia di persone, per cui cerca sempre personale..
Da noi il personale Rai viene gentilmente suggerito dal padrone della concorrenza. Pietoso!

Sapevate che la RAI e’ una delle piu’ grandi aziende di comunicazione d’Europa? Il 5° gruppo televisivo del continente e’ una societa’ per azioni sotto partecipazione del Ministro delle Finanze che possiede il 99,56%. Il restante 0,44 e’ proprieta’ di SIAE.
Delle tv pubbliche europee, e’ quella con lo share maggiore (43%), mentre Mediaset raggiunge il 40% di ascolto.
Qualcuno si ricorda che ci fu un referendum nel 1995 che abrogo’ la legge che riservava esclusivamente alla mano pubblica il possesso delle azioni RAI, tuttavia questa privatizzazione non e’ mai stata fatta?
Altre cose che forse non sapete: La Rai e’ governata da 9 membri del Consiglio d’Amministrazione: 7 consiglieri vengono eletti dalla Commissione parlamentare di vigilanza, 2 sono indicati dal Ministro delle Finanze che e’ il maggiore azionista della RAI e indica anche il Presidente del Consiglio d’Amministrazione, che nomina poi i direttori delle reti e delle testate giornalistiche.
La RAI dovrebbe assicurare il pluralismo politico, in effetti e’ in massima parte sotto il controllo di Berlusconi che vuole affossarla e annientare la parte che non lo omaggia.
L’accusa fatta alla RAI dai radicali come da qualsiasi persona di buon senso e’ di mancare di pluralismo e di operare censura verso professionisti di indubbio valore e competenza ma sgraditi agli uomini politici (oggi sgraditi a B, vedi Biagi, Luttazzi, Santoro, Travaglio, Vauro, Guzzanti, Massimo Fini ecc. ).
In molti altri paesi europei sono in atto leggi che svincolano almeno parzialmente le tv pubbliche dal controllo dei politici. Anche in Italia si propone di lasciare la Rai totalmente in mano a professionisti del settore e fare le nomine attraverso concorsi pubblici, mezzo che anche la Costituzione vede come garanzia di indipendenza nel caso ad esempio della magistratura.
Il Bilancio 2008 Rai e’ questo:
2953.5 milioni di euro di ricavi di cui:
1619.2 milioni dal Canone (54.8%)
1095.7 milioni da Pubblicita’ (37.1%)
238.6 milioni da altri ricavi (8.1%)
Gli abbonati paganti sono 15.939.614 utenti, piu’ 738.965 morosi, da cui la riscossione coattiva del canone ha fruttato 16.2 milioni
..
Cara Viviana,
la soluzione corretta sarebbe quella di eliminare il canone e finanziare la TV pubblica aumentando le tasse alle TV private, ma e’ una proposta che ha le stesse possibilita’ di quella del tacchino di abolire il Natale !!
Berluskoni in realta’ vuole privatizzare e quindi mediasettizzare anche la RAI, aggiungendo altri tre canali a suoi !!!
Nella logica berluskoniana il concetto di “pubblico” non esiste, nel senso che ogni e qualsiasi interesse di natura pubblica deve essere sempre subordinato agli interessi suoi o al massimo a quelli di un’elite dominante che ogni caso faccia riferimento a lui !!
Ora probabilmente qualcuno nel centrodestra ed anche “oltretevere” sta cominciando a stancarsi di questo disegno egemonico, sia perche’ attuato in una forma troppo becera ed arrogante, che sta minando la coesione sociale, sia perche’ le battaglie della Chiesa sui temi etici, non possono avere per portabandiera governativo un tipo che se la spassa allegramente nei festini a base di sesso e droga e poco affezionato ai valori della famiglia.
I vecchi democristiani, che pure non si facevano mancare niente, erano molto piu’ discreti e piu’ sensibili al principio dei “vizi privati e pubbliche virtu’”, evitando accuratamente di farsi fotografare in situazioni imbarazzanti e soprattutto evitando di vantarsi pubblicamente del proprio fascino e della propria potenza virile !!
MaxVinella
..
Gentiloni
”Il 90% della Rai e’ sotto Berlusconi.”
Ma per quel 10%, molto moderato del resto, e che in 15 anni non ha detto una sola parola dei legami di Berlusconi con la mafia, la P2 e con ogni tipo di criminalita’ finanziaria, Berlusconi non ci dorme la notte. Il potere, lui, lo vuole tutto. E se non e’ una corsa folle verso la dittatura, questa, dovete dirmi quale!
..
Felice Belisario
Italia dei Valori

Le intimidazioni del governo a Santoro puzzano di regime.
Annozero ha avuto il merito, prima trasmissione in Italia, di parlare di cose che fanno il giro, da mesi, di tutte le televisioni del mondo. Ora arriva l’ennesima intimidazione di Berlusconi, palesemente illegittima, che ha incaricato Scajola di convocare i vertici della Rai.
Scajola si occupi piuttosto delle aziende in difficolta’ visto che non si ricorda un suo solo provvedimento per fronteggiare la crisi.
C’e’ una differenza sostanziale tra chi come noi rispetta l’autonomia dei giornalisti e chi vuole mettergli il bavaglio. Nonostante le aspre critiche e nonostante la minaccia di Vespa di non invitare piu’ esponenti dell’Idv, non abbiamo mai pensato di chiedere la chiusura di Porta a porta. E’ questa la differenza tra noi e Berlusconi.
La liberta’ di stampa e l’indipendenza dei giornalisti sono in pericolo.
..
Mariapia manda:

NEL DISINCANTO
INERTE ED INDOLENTE

Un’insonnia febbrile brucia le mie ore
per dare senso e colore
alle attese mai sopite.
Una matita impazzita
scivola per ricucire
spezzoni di vita
impigliati tra i rottami dell’effimero;
una matita impazzita
scorre per stampare sulla parete della memoria
i punti cardinali
in direzione delle virtu’ teologali.
E intanto armeggio e brigo
nella vana illusione di fermare
l’ineluttabile fuga dei giorni avvenire
e gia’ arranco impotente e dolente.
Ma non e’ mai troppo presto
e mai troppo tardi per agire
in un idem sentire
del mondo sofferente e innocente.
Non voglio illanguidire nella trama
del disincanto inerte ed indolente.

Alfonso Carotenuto
..
FRATELLI D’ITALIA
Mauro Maggiora

Finalmente il nostro caro presidente Napolitano, che da tempo auspica una distensione nei toni e l’unita’ del paese e che giustamente definisce canaglie anti-italiani come il sottoscritto “indegni e beceri contestatori di missioni di pace” e’ stato accontentato:
Sicilia: il presidente della squadra di calcio AKRAGAS dedica la vittoria ad un boss mafioso, un eroe postlitteram.
Lombardia: un sindaco leghista rimuove la targa dedicata a Peppino Impastato, un indegno e becero antelitteram.
Il paese unito, da nord a sud in un abbraccio mortale..
..
L’INFEDELE: Il corpo delle donne
Viviana Vivarelli

Spiace che tanti non vedano l’Infedele su la7, perche’ merita, ma sappiamo che la7 si vede solo in poche parti d’Italia.
Ieri Lerner ha ripreso il tema della volgare oggettivazione sessuale della donna perpetrata da 15 anni da Berlusconi per prostituire gran parte del mondo femminile italiano.
Mi sono parsi sbagliati gli inviti e, a parte un Vendola che c’entrava come il cavolo a merenda, Lerner avrebbe potuto dare ben altre frustate con persone come Lidia Ravera, Tana de Zulueta, Katia Belillo ..
Curiosi i tre a favore di Berlusconi, disarmonici, in contraddizione tra loro, ognuno relativo a uno spaccato del berlusconismo.
La Pascale, la fans giovane e poco profonda infatuata dall’ammirazione per B; Sallusti, codirettore del Giornale, vecchio cinico e bieco propugnatore di un B, ricco, potente e pieno di donne, sogno erotico di tutti i maschi italiani, che realizza tutti i loro piu’ nascosti desideri ed e’ degno di invidia.
Piu’ complessa l’onorevole Michaela Biancofiore del Pdl.
Per chi, come me, studia il CNV, comportamento non verbale o linguaggio del viso, la sua mimica rivelava una profonda schizofrenia irrisolta, di cui sembrava essere inconsapevole. C’era, in lei, un ideale femminista di dignita’ e orgoglio, e quando ne parlava distendeva il viso e sembrava piu’ bella. Ma quell’ideale mal si conciliava con la concreta volgarita’ di Berlusconi, e allora lei se n’era fissata a forza in testa un altro, idealistico anch’esso ma surreale, che faceva a pugni coi fatti e anche col cinismo di Sallusti, e quando difendeva questo suo fantasma mentale il viso si stringeva a corrucciava nello sforzo, cosi’ che il passaggio rapido da distensione a corruccio rivelava il dissidio interno, pietoso in quanto inconscio. Tanto piu’ inconsapevole in quanto si svelava solo a livello di volto, mentre il cuore faceva le sue scelte lontanissimo da una ragione che non voleva sapere e non voleva capire. Peccato!
Unica frase notevole di Vendola: “Berlusconi e’ la pancera che serra strettamente il ventre basso del paese”.
Molto basso.
..
Su Il corpo delle donne
vedi
www.youtube.com/watch?v=LmYhdj0wHs4

In questi giorni la stampa internazionale sta scrivendo molto su IL CORPO DELLE DONNE: ieri e’ uscito un bell’articolo su THE OBSERVER che racconta come intorno a questo documentario si sia creata una comunita’ di persone (donne e uomini) che rivendicano il rispetto della dignita’ delle donne nei media.
Altri articoli sono usciti su New York Times…
..
RIDIAMARO : -)
La Vignetta di Bertolotti e De Pirro

Ho evaso, ho trafficato, ho nascosto capitali. E adesso ho pure lo scudo”
“Wow, Un vero supereroe!

..
Cesare Beccaria
La D’Addario ad Annozero

Rivoluzione da palazzo Chigi
Le prostitute non possono essere intervistate in Rai perche’ e’ un servizio pubblico mentre puo’ andare a letto con Berlusconi perche’ e’ un servizio privato.
Una morale berlusconiana.
..
Agostino
Una forma di protesta che mi sembra efficace e abbastanza ovvia e’ questa: cominciamo a versare il 5% delle imposte dovute anche noi.
Perche’ chi e’ sempre stato corretto e regolare deve versare il 43% dei propri ricavi quando criminali, mafiosi ed evasori se la cavano con il 5%..??
cosi’ si che tremano….
..
Simone Esposito

Una considerazione semplice su un caso ipotetico:
io sono Carlos, noto narcotrafficante colombiano che viene a sapere dello scudo fiscale italiano, visto che ho 300 avvocati in tutto il mondo e 40 milioni di $ da ripulire.
In Italia faccio contattare Pasquale, noto “cap’ ‘e lignamm'” (testa di legno, prestanome) che realizza il rientro dei 40 milioni, sui quali pago il 5%, 2 milioni, + le spese e il compenso per Pasquale, che un mese dopo reinveste in un’azienda mia in australia i rimanenti 37 milioni e 500 mila.
Risultati:
1. Carlos ha pulito 40 milioni al modico costo di 2 milioni e mezzo;
2. Pasquale si e’ abbuscato (guadagnato) 500 mila $ in un mese di lavoro;
3. lo stato italiano guadagna 2 milioni per ogni Carlos che c’e’ sulla faccia della terra.
Complimenti a Tremorti, ma l’Iraq e’ stato bombardato per molto meno…
..
http://masadaweb.org

4 commenti »

  1. In alcuni articoli usciti ieri l’on Realacci viene erroneamente menzionato fra i deputati assenti alla votazione sullo scudo fiscale . Non è così, era presente e ha votato contro, ma non ha funzionato il sistema di votazione elettronico. Come accade in casi come questo, l’Onorevole ha segnalato la disfunzione al segretario d’Aula e il suo voto è stato correttamente registrato, come chiunque può verificare sul resoconto della seduta del 29 settembre visionabile sul sito della Camera dei Deputati. http://www.intra.camera.it/_dati/leg16/lavori/stenografici/sed222/SINTERO.pdf

    cordialmente Francesca Biffi Ufficio stampa on. Realacci

    Commento di MasadaAdmin — ottobre 1, 2009 @ 2:01 pm | Rispondi

  2. Aboliamo la Guardia di Finanza!
    Si potrebbe risparmiare molto, oltre i viaggi delle spigole in aereo – considerati leciti! – e così anche tagliando nelle Forze dell’Ordine che si perdono ad inseguire – ora correttamente – i ladruncoli e non i veri delinquenti.

    Dopo la mia provocazione eccone un’altra dell’inesauribile Viviana.

    Parliamone!

    E=mc2

    Commento di MasadaAdmin — ottobre 1, 2009 @ 2:02 pm | Rispondi

  3. Mi riferisco al messaggio della Sig.ra viviana vivarelli | 01.10.09 07:50

    Si. La vergogna dell’assenza nell’occasione citata di moltissimi deputati dell’Opposizione è fatto mortale per la nostra democrazia. Che poi fossero assenti i maggiorenti del PD è fatto che induce in vera e propria disperazione per le sorti del parlamentarismo. Quei signori, non meno degli altri dell’ Udc e dell’Idv, dovrebbero esser cacciati dai Partiti di riferimento, sempre che la loro assenza non sia stata determinata – e davvero – da cause di forza maggiore. Questa è una vergognosa vicenda che, unitamente all’entrata in vigore dell’infame “scudo fiscale”, segna i confini d’un Paese massimamente deprivato d’ogni legalità e giustizia sociale da un’irresponsabile classe dirigente, demolito nei cardini su cui girava – seppur con gran fatica – il suo Stato di Diritto. Vero è che In questo fine settimana si consumano gli ultimi fuochi della democrazia in Italia.

    Eugenio

    Commento di MasadaAdmin — ottobre 1, 2009 @ 2:11 pm | Rispondi

  4. Come dice giustamente Giorgio Bocca riferendosi agli italiani, quelli che tutti coloro che considerano la politica un vitalizio definiscono molto più intelligenti di quanto si possa pensare…..non lo sono affatto.
    Brutti, sporchi e cattivi, era il titolo di un film, e molto…molto mafiosi anche se non direttamente partecipanti alle cosche. Mafiosi a Milano come a Roma e Napoli e Torino e tanto anche in Europa e nel Mondo, mafiosi i lombardi come i piemontesi, i siciliani ed i calabresi ecc..
    Essere dipendenti ed ammirati dal pensiero mafioso in senso lato è molto normale per noi ed è uno degli aspetti che ci ha condotti sino alle soglie del baratro in cui stiamo per cadere definitivamente seguendo il piccolo pifferaio magico .
    Le deboli opposizioni ancora troppo contaminate dagli acquisti del cavaliere, come i sindacati, dove negli ultimi anni sono stati siglati accordi improponibili dai finti capipopolo con auto blu, non essendo supportate e supportati da una base concreta e partecipativa che cominciasse a prendere letteralmente a calci nel sedere i leader contaminati, poco riescono a concludere.
    Se qualcosa sta avvenendo per il momento e totalmente al di fuori dalle attività delle opposizioni e dei sindacati, più forti sono le spinte dell’estero che dall’interno del paese.
    Unico baluardo i Blog, una piccolissima fetta editoriale e le trasmissioni televisive che sono il salvagente di chi spera ancora in un paese migliore….Annozero, Report,Presa diretta, la Dandini.
    Perché ciò è avvenuto…… perché noi italiani siamo quelli che descrive Bocca, gente senza dignità.
    Se ciò che avviene da noi fosse accaduto in Francia, a pochi passi , sarebbe cascato l’universo, statene certi, nonostante anche loro abbiano avuto un degrado, mai si sarebbero lasciati calpestare senza proferire verbo. Riprendiamo il diritto di avere dignità, la dignità non è sicuramente ….baciare la mano.

    Commento di ugo arcaini — ottobre 1, 2009 @ 3:01 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: