Nuovo Masada

agosto 10, 2009

MASADA n° 966. 7-8-2009. Pork in black

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 7:41 am

L’isteria del potere – La sindrome di Caligola – Cassa del Mezzogiorno e gabbie salariali – Dati da terzo mondo – Anniversario di Hiroshima – I dittatori non muoiono mai

Una democrazia in cui la maggioranza esercita tutto il potere puo’ essere tirannica
quanto una dittatura

Bertrand Russell

Perche’ gli italiani accettano di essere governati da un potere molto piu’ simile all’impero romano in decadenza che ad una moderna democrazia?”
..
Il mastino
Guardatelo bene!
Un normale mastino si mostra piu’ umano.
Il suo sorriso meno rapace
Le sue zampe meno prensili.

L’ISTERIA DEL POTERE
Ezio Mauro

Un uomo politico che di cri¬minali se ne intende, come provano le condanne inflitte per reati molto gravi ad alcuni dei suoi piu’ stretti amici, ieri si e’ per¬messo di attaccare i cronisti politici di Repubblica, indicandoli cosi’: «Quelli sono dei delinquenti».
Bisogna risalire a Nixon nei nastri del Watergate per trovare un simile giudizio nei confronti di un giornale. Oppure bisogna pensare alla Russia dove impera a carissimo prezzo la verita’ ufficiale di Putin, non a caso amico e modello del nostro premier.
Questa isteria del potere rivela la disperazione di un leader braccato da se stesso, con uno scandalo inter¬nazionale che lo sovrasta mandan¬do a vuoto il tallone di ferro che schiaccia le tv e spaventa i giornali conformisti, incapaci persi¬no di reagire agli insulti contro la li¬berta’ di stampa.
Quest’uomo che danneggia ogni giorno di piu’ l’immagine del nostro Paese e toglie decoro e dignita’ alle istituzioni, fara’ ancora peggio, per¬che’ reagira’ con ogni mezzo, anche illecito, al potere che gli sta sfuggen¬do di mano, un potere che per lui e’ un fine e non un mezzo.
Noi continueremo a comportarci come se fossimo in un Paese norma¬le. In fondo, questo stesso personag¬gio ha gia’ cercato una volta di com¬perare il nostro giornale e il nostro gruppo editoriale, ed e’ stato sconfit¬to, dopo che – come prova una sen¬tenza – con i suoi soldi e’ stato cor¬rotto un magistrato: a proposito di delinquenti. Non tutto si puo’ com¬perare, con i soldi o con le minacce, persino nell’Italia berlusconiana.
..
I cari amici
Viviana Vivarelli

Due capi di Stato che l’America guarda come fumo negli occhi sono Gheddafi e Putin, proprio “i cari amici” che il Cavaliere tratta meglio e con cui arriva a disgustosi compromessi.
Bush ha fatto di tutto per isolare la Russia e ha continuamente chiesto all’UE di accogliere la Turchia affinche’ i gasdotti afgani che passano dalla Turchia non avessero a subire diversivi.
Ora il temuto connubio Turchia-Russia avviene e, con sgomento delle diplomazie internazionali, il nostro IDIOTA si precipita per godere delle briciole del banchetto come se lo avesse preparato lui, con grande derisione di Putin e Erdogan che si chiedono esterefatti: cosa vuole questo tamarro?
E a Obama cosa gli diciamo? Mister Berlusconiiiiiiiiiiii

Il Cavaliere e la sindrome di Caligola
Paolo De Gregorio

Nel suo delirio di onnipotenza l’imperatore romano Caligola faceva senatori i cavalli. Oggi, in demokrazia, diventano deputati e senatori le favorite del presidente del consiglio che, invece della busta (post coitum), preferiscono una carriera politica, che nella nostra Repubblica significa una principesca sistemazione economica a vita (pensione compresa).
Nel silenzio delle femministe e della Chiesa (che teme di perdere i soldi per le scuole cattoliche), non si sente una parola di etica che condanni senza appello (con manifesti per le strade) chi usa il proprio ruolo e potere politico per avere i favori delle belle fanciulle, ma, oltre il corruttore, vi e’ la impressionante facilita’ delle suddette fanciulle a farsi corrompere, praticando il vero meretricio, offrendosi in cambio di carriere politica, facendo persino apparire piu’ oneste quelle poverette che si vendono per la strada.
Non puo’ essere considerato un fatto privato promuovere in politica le proprie favorite e forse essere sottilmente ricattato da queste, l’intreccio tra attivita’ sessuali personali e livello politico riguarda tutti, e denuncia una cultura corruttiva che ha una vistosa continuita’ con le vicende giudiziarie dell’imprenditore Berlusconi, che non sta in galera solo perche’ da politico ha fatto approvare le famose leggi “ad personam” che lo hanno salvato.
Non e’ normale che il nostro personaggio abbia avuto il monopolio televisivo dal delinquente Craxi, che abbia fatto intrallazzi col delinquente Previti, e che abbia avuto, nel cuore economico della Fininvest la societa’ per la raccolta pubblicitaria “Pubblitalia”, il condannato per mafia Dell’Utri, che l’unico prete suo amico, Don Gelmini (della Comunita’ Incontro) sia stato in galera due anni per truffa e ora e’ inquisito per molestie sessuali.
Non e’ nemmeno normale che abbia portato in Parlamento l’intero collegio dei suoi avvocati difensori, che dalla stanza del potere suggeriscono quali norme far approvare o correggere per continuare a mantenere impunito il loro capo.
Non mi interessano i particolari scabrosi di cui parla l’ex esponente del PDL Paolo Guzzanti, perche’ ci portano sulla strada sbagliata. La strada maestra e’ quella di chiedere “l’impecheament” per indegnita’, in quanto in perenne conflitto di interesse, in quanto sodale di delinquenti, in quanto corruttore di donne attraverso il suo ruolo e peso politico, in quanto ispiratore del “Lodo Alfano” che ha infranto l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge.
PD e Di Pietro avrebbero il dovere di trovare un accordo per chiederne le dimissioni, anche perche’ sarebbe piacevole uscire dalla dittatura e tornare in democrazia, magari contentandosi di ricominciare a dare la preferenza.
..
RIALZARE IL SUD?!
Viviana Vivarelli

Fatemi capire: il GRANDE PIANO MARSHALL di ripresa del Sud di Berlusconi sarebbe:

-far rientrare con premio all’1 per cento i capitali sporchi di mafiosi e camorristi

-proteggere la criminalita’ organizzata con ogni sorta di legge iniqua

-preparare un nuovo indulto con la scusa delle carceri strapiene che ora raddoppieranno i detenuti col reato di clandestinita’

-cementificare il territorio col piano casa

-alzare le soglie di pericolosita’ delle zone inquinate

-lasciare nello schifo in cui sono la Salerno-Reggio Calabria, le strade della Sicilia e i treni del sud

-metterci discariche e centrali nucleari

-rifare la famigerata Cassa del Mezzogiorno che elargi’ in 40 anni 279.763 miliardi di lire, che arricchirono solo cosche e clan, conservando ben alta la miseria del sud

-scegliere un’opera inutile e sconsiderata come il ponte di Messina su cui gia’ si sono divisi i profitti ‘ndrangheta e mafia

-rubare 37 (!) miliardi di fondi destinati al Sud e ridargliene con forte grancassa solo 4 (il che sarebbe poi l’esatto contrario del piano Marshall)

-inserire i clandestini nel farraginoso sistema penale a tre gradi di giudizio

-e addirittura, fatemi capire bene…ABBASSARE salari e stipendi con la scusa delle gabbie salariali !!!!!!!!!

Se poi B continuera’ a seguire la Lega, saranno respinti dal nord ogni sorta di lavoratori: insegnanti, presidi, giudici e chi piu’ ne ha piu’ ne metta.

Vi immaginate una Germania dell’ovest che avesse applicato provvedimenti simili con la Germania dell’est, che bei risultati avrebbe ottenuto!!

Ma esiste davvero qualche sconsiderato che pensa che da simili provvedimenti il Sud ricevera’ qualche vantaggio?

Qualcuno mi faccia capire come puo’ un elettorato che viene trattato a pesci in faccia in questo modo a continuare a votare per Berlusconi e per la Lega?

E nel famoso sud a cui sono sottratti i fondi europei e si pensa di mettere le gabbie salariali ci sta anche la Sardegna?
..
Adriana (dal blog di de Magistris)

La tradizione, scrive la Arendt, e’ indispensabile per fondare la politica; senza di essa non c’e’ piu’ ne’ passato ne’ futuro, ma solo la sempiterna evoluzione del mondo esperita dai nostri peggiori venditori. Se si genera una frattura nella memoria – come vogliono i leghisti – e vengono meno senso e istituzioni, la politica rimane solo puro divenire: esattamente come il fascismo: crisi di ogni istituzione, di ogni tradizione democratica e occidentale. Arendt spiega che, per tradizione, intende proprio l’intero percorso della grande cultura europea occidentale: Grecia, Roma, la modernita’. Tutto il resto, fuori di tradizione, taglia ogni rapporto con la politica classica, pretendendo di crearla dal nulla, in modo che appaia all’improvviso e che scompaia in un miraggio. Questa frattura e’ irredimibile e pochi se ne rendono conto: diventa appunto un totalitarismo – per quanto televisivo – che, prima o dopo, ciascuno paga. E tutto avviene perche’, ad un certo punto, non funziona piu’ la cultura e, con essa, la scuola, tace la dialettica e, con essa, la ragione della mediazione che e’ l’unica a consentire la politica stessa, la giustizia e la convivenza civile.
Come in ogni caos cosi’ inverato, c’e’ pure una certa verita’ nel totalitarismo. Tale verita’ da’ conto del fatto che l’impossibile si possa realizzare, possa riscuotere consenso e durare.
E’ proprio vero che non bisogna mai fermarsi su quel poco di cultura di regime, pure con le sue contraddizioni e i suoi aspetti grotteschi. Vediamo di trasformare tale logica dell’irrazionale togliendo ad essa il suo male elementare: e’ proprio il consenso ad essa il problema vero. Come Salo’ perfeziono’ il fascismo, lo porto’ al compromesso con il liberismo, con la monarchia, con la Chiesa cattolica, cosi’ il rifiuto dell’Europa perfeziona questo pseudo leghismo e le sue ronde. Una storiografia a cui sfuggisse questa portata del problema, ossia la resistente centralita’ di questo tipo di guerra civile, non capirebbe il leghismo, la P2, la gioia di pensare ad un movimento armato che, ovviamente, in politca, assume senso negativo che corrisponde all’autonegazione della dialettica, lanciando le parole l’una contro l’altra, come ebbe a dire Sartre.
.
Se l’Europa va male, l’Italia va peggio

Questa e’ l’Italia che ci consegnano 60 anni di democrazia ‘all’italiana’ e 15 anni di perversione berlusconiana. Sono dati da terzo mondo per l’immoralita’ e la corruzione. Dati su cui c’e’ poco da sorridere e da gridare “Ottimismo” come vorrebbero B e i suoi cloni! Dati da Gomorra delle istituzioni!

Dal blog di De Magistris copio il bel post di Elisabetta Zenobi :

-Oltre il 40% della ricchezza nazionale e’ illegale (rapporto Alto Commissariato anti-Corruzione)
-Lavoro nero e sommerso: 27% del Pil (fonte Ocse)
-Evasione fiscale: 200 miliardi di euro (fonte Secit e Revue de droit fiscal)
-Grandi aziende con un fatturato superiore a 50 milioni di euro, che evadono il fisco: 98,40% (fonte Agenzia delle entrate fiscali)
-Esportazione illecita di capitali: 85-90 miliardi di euro (fonte Confcommercio, Eurispes, Procura Nazionale Antimafia, settimanale Economy)
-Beni consolidati delle mafie: 1.000 miliardi di euro (fonti Confcommercio, Economy, Procura Nazionale Antimafia)
-Affiliazioni alle mafie, esclusi i colletti bianchi che utilizzano il denaro riciclato: 1.800.000 persone (fonte Dia e relazione Commissione Parlamentare Antimafia 2003)
-Percentuali delle estorsioni per regione sul totale per Campania 14,9%, Sicilia 12,9% e Lombardia 10,4% (fonte Ministero dell’Interno)
Ecco perche’ in Italia il livello dei governanti, delle persone che occupano posizioni altissime in Istituzioni e amministrazione pubblica non riesce ad elevarsi al livello europeo: i dati parlano da soli!
E noi che apparteniamo alla parte sana della societa’, quelli che non si riconoscono in ‘nessun dato’ sopra elencati, come facciamo a tagliare la rete di malaffare creata in decenni e che ha radici culturali molto antiche?
Ci vorranno generazioni oppure un governo unico europeo dove gli italiani non sono presenti o, se presenti, solo italiani di provata e garantita etica morale (una specie di bollino, e’ brutto dirlo ma indispensabile.
..
Follia piu’ scemenza
Viviana Vivarelli

Sembra cosi’ strano constatare che ai primi posti nel mondo e nel programma di Obama e dell’UE ci siano la salvezza ecologica, l’aumento delle energie verdi, l’uscita dal nucleare con l’uranio ormai a fine, l’uscita dal petrolio che anch’esso e’ a fine, l’uscita da guerre assurde e logoranti, la riduzione dell’armamento atomico,
e questo Governo marcia in direzione totalmente opposta
B se ne sbatte di inquinamento ambientale, cancro e leucemie,
boccia sole ed eolico,
aumenta l’inquinamento con discariche e inceneritori mentre il riciclo, il risparmio e la differenziata giacciono abbandonati,
sceglie in totale follia un ritorno al nucleare,
approva il programma iniziato da Prodi (!?) di acquisto di 141 cacciabombardieri che sganceranno bombe atomiche, per cui si pensa che il nucleare italiano servira’ non solo a scopi civili ma anche militari (pero’ andiamo a sindacare il nucleare di Ahmadinejad!),
trasforma lo scopo dichiarato delle migliaia di soldati italiani in Medio Oriente da missione di pace a missione di guerra e ci impegna decine di miliardi mentre piange per la mancanza di soldi a scopi civili
Se ci aggiungiamo la militarizzazione del territorio con 4500 inutili soldati sparsi per il paese, l’incremento della caccia aperta anche ai sedicenni, la Lega che preme per armare i cittadini, i tagli alla polizia e agli organi di controllo, le spese per le inutili e ingombranti ronde.. ci rendiamo conto di quanto siano sciagurati quelli che ci comandano e di come cozzino contro ogni senso comune.

Di fronte questi scempi uno penserebbe che il 2° partito d’Italia fosse quello dei Verdi ( 3° in Germania) e invece costoro sono spariti e non ce n’e’ traccia ne’ nelle e mail ne’ sui blog ne’ sui media, dopo l’ingloriosa fine di Pecoraro Scanio, mentre l’opacita’ bolsa del Pd si disinteressa totalmente di pace, salute, ambiente e giustizia sociale e appoggia il Governo sulle missioni andando anche contro Bossi che, a parole almeno, ha chiesto la chiusura del fronte afgano.
Follia piu’ scemenza! E il peggio e’ che e’ politicamente indifferenziata, come l’immondizia.
..
L’anniversario di Hiroshima

Il 6 agosto era il 64° anniversario di Hiroshima, la meta verso cui tendiamo seguendo pazzi al potere come Berlusconi, Ahmadinejad o i capi delle grandi lobby delle armi mondiali.
Enola Gay si chiamava il bombardiere B-29 Superfortress che il 6 agosto 1945, sgancio’ sulla citta’ giapponese di Hiroshima la prima bomba atomica della storia. L’aereo era uno dei quindici B-29 con l’ultima modifica “Silverplate”, necessaria a sganciare ordigni atomici. Il pilota si chiama Tibbets e in una intervista confesso’ di sentirsi un po’ imbarazzato per aver associato il nome di sua madre alla missione.
Scrive Tommaso Moro: “In un colpo solo 64 anni fa ad Hiroshima furono uccise 200mila persone. Il 9 agosto 1945 un’altra bomba fu sganciata su Nagasaki, provocando la morte di 80mila persone. Molti morirono tra atroci sofferenze e decine di migliaia continuarono a morire negli anni successivi a seguito delle lesioni riportate per l’esposizione alle radiazioni. Le conseguenze della scelta degli Stati Uniti di effettuare il bombardamento atomico hanno pesato e peseranno su di noi e sulle generazioni future per molto tempo.”
Churchill nego’ la necessita’ inevitabile del lancio, dicendo che la sconfitta del Giappone era gia’ segnata dalla sconfitta della sua flotta marittima. E molti contestarono la tesi del risparmio di vite umane considerando Hiroshima e Nagasaki una inutile follia.
“La ragione del massacro fu solo la determinazione degli USA di affermare un nuovo ordine mondiale centrato su di loro come nuova potenza imperialista egemone”. L’egemonia fu l’unica causa del massacro. Poi sara’ proprio “l’unico Stato nella Storia che abbia usato la bomba atomica a pretendere di dettare l’etica agli altri Stati, continuando a portare guerra e distruzione travestite da democrazia”.
Quando si apri’ la societa’ delle Nazioni, si disse “Mai piu’ Hiroshima, mai piu’ Nagasaki”
Ma la follia del mondo continua e i folli continuano ad essere al potere.
Scrive sempre Tommaso Moro: “Potenza della manipolazione mediatica: il trucco e’ dimostrare che il male, la forza, e’ necessaria per scongiurare un male maggiore. Si tratta di un meccanismo che gli Usa hanno sfruttato molte volte, per giustificare uno sproporzionato uso della forza. L’ultimo esempio e’ quello dell’Iraq, un paese allo stremo delle forze, dopo un decennio di guerre e di embargo, e descritto pur tuttavia come una nuova Germania hitleriana in possesso, per di piu’, di pericolose armi di distruzione di massa, in effetti mai trovate.
Oggi, mentre sulla testa dei civili afgani piovono bombe democratiche, e’ la volta dell’Iran essere messo sotto torchio perche’ starebbe preparando la bomba. Intanto gli Usa stipulano un accordo di assistenza nucleare con l’India, un paese che, oltre ad aver sviluppato un proprio arsenale atomico, non ha mai firmato il trattato di non proliferazione nucleare ed e’ perennemente in conflitto con il Pakistan, che, particolare non trascurabile, e’ un’altra potenza nucleare. Anche in questo caso quello che predomina nella strategia dei “portatori di democrazia” e’ la politica di potenza, visto che un’India piu’ potente controbilancia la vera nuova bestia nera degli Usa, la Cina.”

Mentre il pianeta muore, i Governi proseguono la loro follia distruttiva e di guerra. Le speranze su un Obama portatore di pace si sono rapidamente infrante. E i popoli continuano, nella loro cecita’ involutiva, ad acclamare gli indegni, a ignorare le vie di salvezza, a dimenticare la vita, ad occuparsi di piccoli traffici e piccoli interessi, con la testa infilata nel sacco cieco della propaganda e della disinformazione, mentre i loro passi colpevoli e incoscienti marciano verso il baratro.
L’incoscienza permette la manipolazione ma non ci sara’ salvezza per chi vende se stesso e il mondo per far trionfare il Male.
Piu’ grave ancora e’ la condizione di chi sa e capisce ma se ne frega totalmente per proseguire la sua strada di supporto a un potere malvagio.
..
Ai ricchi i soldi, ai poveri i manganelli
Monica c

A Venezia hanno schierato l’esercito contro i venditori ambulanti stranieri.
Una task-force, altro che i vigili urbani ai quali eravamo abituati.
138 uomini per “sgominare” l’inarrestabile banda dei poveri morti di fame che provano a campare vendendo qualcosa invece che rubare.
La domanda e’: chi paga questi uomini?
Noi?
Perche’ i soldi pubblici devono essere impiegati in queste ridicole prove rambesche, in questa caccia all’uomo (ne restera’ uno solo? come highlander?), in questa allucinante prova di forza dell’uomo ricco, bianco e borghese contro il senegalese povero, fuggito dalla sua terra, che vende oggetti per sopravvivere?
Si sentira’ forse un eroe colui che riuscira’ ad acchiappare il suo trofeo umano?
Mentecatti.
Poveri omuncoli falliti.
Solo gente cosi’ puo’ architettare prove di cosi’ tanta meschinita’.
Tanto per precisare: i militari li ha mandati la provincia (lega-pdl) in disaccordo con il comune (centro-sinistra).
A Milano invece la polizia sta dando il meglio di se’.
Prima hanno sgomberato l’Innse, la fabbrica in autogestione produttiva occupata dagli operai contro le decisioni di smantellamento dei proprietari.
Dopo lo sgombero hanno picchiato la gente che ha protestato.
Picchiati, come tanti anni fa, mentre l’attuale governo varava lo scudo fiscale per tutelare i bilanci dei ricchi.
Picchiati mentre il governo offriva garanzie agli imprenditori che saranno tutelati sempre anche se i loro dipendenti muoiono a centinaia per assenza di sicurezza sul lavoro.
Picchiati, mentre il governo taglia i fondi per le ammortizzazioni sociali e lascia nella merda tanta gente.
Ai ricchi i soldi dei contribuenti e ai poveri i manganelli.
Questa si che si chiama equita’.
Ancora a proposito di nord vs sud c’e’ la ulteriore provocazione della lega.
Secondo calderoli al sud la vita costerebbe meno e dunque propone le gabbie salariali ovvero stipendi piu’ bassi a sud e piu’ alti a nord.
..
da FEMMINISMO A SUD
Monica c

In una tarda serata del 1976, una televisione locale italiana trasmette un quiz dove i telespettatori da casa devono rispondere alle domande.
Per ogni risposta corretta, una casalinga si toglie un indumento accennando una breve danza. Il format e’ semplicissimo e riscuote molto successo.
Gli ignari telespettatori non sapevano che quello spettacolo sarebbe stato l’inizio di un totale cambiamento della televisione.
Una rivoluzione che avrebbe per sempre alterato l’intero sistema politico italiano,
cambiando i valori e divenendo un potente strumento di governo per la nazione.
I movimenti della casalinga che si spoglia sono le prime immagini di VIDEOCRACY, il film documentario di Erik GANDINI, che sara’ presentato il 3 settembre all’interno della Mostra del cinema di Venezia.
Cosi’ il pubblico potra’ gustarsi ottanta minuti di reportage sull’Italia berlusconiana e soprattutto sui cambiamenti antropologici e culturali raccontati da questo regista quarantenne che ha vissuto a Bergamo fino a 18 anni ed e’ poi emigrato in Svezia. L’occhio che racconta e’, quindi, ancora piu’ spietato perche’ e’ quello di un italiano che guarda perplesso che cosa e’ diventata oggi l’Italia.
Dopo trent’anni chi gestiva tutto e’ riuscito nella sua impresa: dare alla televisione il posto della democrazia.
E’ questa la chiave del film.
«In una videocrazia la chiave del potere e’ l’immagine – sostiene il cineasta – .
In Italia solo un uomo ha dominato le immagini per tre decenni.
Prima magnate della tv, poi Presidente, Silvio Berlusconi ha creato un binomio perfetto, caratterizzato da politica e intrattenimento televisivo, influenzando come nessun altro il contenuto della tv commerciale nel Paese.
I suoi canali televisivi, noti per l’eccessiva esposizione di ragazze seminude, sono considerati da molti uno specchio dei suoi gusti e della sua personalita’».

Nanni Moretti nel suo film Il Caimano sosteneva: “Berlusconi ha gia’ vinto, ci ha cambiato la testa trent’anni fa”.
..
I lavori indispensabili
Mariapia
Ciao Vi’,

le attivita’ sociali sono belle quando riguardano l’amicizia e l’amore, ma nessuno ha mai affermato che siano belle tutte le altre.
Tranne le due attivita’ belle, tutte le altre sono attivita’ doverose, sono parte delle umane responsabilita’ della vita.
Ci sono momenti e tempi in cui quelle attivita’ sono insostenibili o mortali.
Nel lavoro – che e’ un compito sociale – ma serve per il pane quotidiano, molti ci lasciano le penne, nella politica, che serve all’evoluzione umana, molti ci lasciano le penne….
Sono lavori indispensabili, spesso duri, cosi’ a una certa eta’ si va in pensione proprio perche’ sono duri, in particolare lo sono per quanti sono dei sottoposti.
Per le vecchie donne non c’e’ dispensa e si continua per sempre; per quelle piu’ giovani sara’ molto diverso, pero’ per ottenere i propri diritti ne muoiono
molte, troppe.
La politica e’ un lavoro gravoso quando viene fatto alla base della piramide, e’ un grande impegno morale, MA CHE NON DEVE AMMAZZARE.
Non si scalano le montagne a una certa eta’, e se paragoniamo la politica italiana a una montagna, ci troviamo davanti alla piu’ alta montagna della Terra che e’ il Monte Everest.
Pensa te che mi trovo – a settantadue anni – per la prima volta nella vita a fare molta fatica ad occuparmi della mia casa.
Si dice che per fare una vera conoscenza della Vita nella propria vita occorra provare tutto almeno una volta. E’ la prima volta che sono vecchia e stanca, e chissa’ come sara’ il dopo e quale altra meravigliosa esperienza mi sta aspettando!
Non mi fido del vecchio ingegnere capo, assomiglia a un orologiaio cieco che fa straordinari ingranaggi senza manuali d’uso e con scopi sconosciuti
Lavora lentamente e non rispondere a nessuno, sti’ congiunti fanno diecimila domande a noi mucche appena ci vedono sveglie!
Come dico a tutte le amiche: non dire ai congiunti che vai a trovare un’amica, mai, trova un motivo che vada bene ai nostri cari parenti schiavisti.
Mi ha fatto molto ridere Jared Diamond che sostiene che i maschi umani sono stati troppo bravi e hanno addomesticato anche le femmine umane, proprio, come le utili mucche e i nostri amici cani.
Le hanno chiuse in casa senza cibo….. vedi te se non impari a sottometterti!
Capisco come si e’ svolta la nostra evoluzione, ma a volte mi viene prurito alle mani.
Finalmente almeno si puo’ ridere!
Prenditi un po’ di benefits e silenzio!
baci.
mariapia
..
Giorgia Vezzoli

Essere femmina

La mia piu’ grossa difficolta’ e’ scegliere chi sono
nell’infinita possibilita’ dei me,
ove basta un tratto, un agire certo
per definire un limite
che io non distinguo,
ma per mia natura accolgo
.
..
ETA’ VENERABILI

Peron muore a 84 anni, Franco a 83 anni, Amin a 80 anni, Suharto a 86, Kim II Sung a 82,
Videla, 83 anni, e’ ancora vivo, e cosi’ Priebke il boia delle Ardeatine, 96 anni…

Ciao Vi’,
si cerca di dimostrare che i dominanti vivano piu’ a lungo dei dominati. Non ci sto al fatto che “i cattivi non muoiono mai”; e’ una semplificazione, e pertanto un fatto umano molto importante, che riguarda la lunga vita di alcuni e non supportato da seri studi, non e’ per me.
Conosco nonnine tutte oltre i novanta anni, donne di vita semplice, molto laboriosa e per niente in “primo piano” che vivono i loro lunghi anni, molto attaccate alla vita, che non hanno nessuna voglia di andarsene, alcune depresse e alcune molto vispe.
Pero’ il detto “l’erba cattiva non muore mai” consola noi gente minuta che possiamo cosi’ pensarci migliori dei potenti.
E’ una balla e una grossa ignoranza antropologica: occorre diffondere un trattatello di Gandhi sulla vera natura umana, che non e’ un’accusa per nessuno e ci mette nella realta’ e nella responsabilita’, cose che le creature umane ancora preferiscono tenere sotto il tappeto, molto comodamente e molto antropologicamente naturale, ma l’essere umano tira in alto o tira in basso?
Storia amletica! Sono fuori dal giro e son contenta.
In Emilia Romagna la vita media femminile ha raggiunto gli 84,4 anni e quella maschile i 78,9 anni.
Roba da capogiro!!!
Possibile legame tra pugno di ferro e salute altrettanto robusta.
Il potere conserva una lunga vita a chi ce l’ha.

Comando, crudelta’ e follia: come tiranni e dittatori vincono il logorio del tempo
Matteo Clerici

Possibile legame tra pugno di ferro e salute altrettanto robusta
Il potere conserva una lunga vita a chi ce l’ha
Comando, crudelta’ e follia: come tiranni e dittatori vincono il logorio del tempo

Suharto, il presidente di ferro dell’ Indonesia, morto ad 84 anni.
Mao Tse-Tung, scomparso ad 86 anni.
Il colonnello Pinochet, vissuto 91 anni.
Il Caudillo di Spagna, Francisco Franco, arrivato a festeggiare 83 candeline.
Stessa eta’ di Fidel Castro che, nonostante non sia piu’ in grado di governare, gode di relativa buona salute (almeno secondo la stampa ufficiale).
Gli esempi possono essere molti, ma la regola e’ una sola: se non muoiono di morte violenta, i politici di ferro sembrano aver trovato il segreto della longevita’.
Essi riescono infatti ad arrivare avanti con gli anni ed a mantenere il cervello in salute.
A trovare credibile tale tesi e’ il dottor Stefano Pallantini, neuropsichiatra dell’ Universita’ di Firenze, che osserva come “Pare che la cattiveria metta al riparo da numerose malattie.
Soprattutto in personalita’, come quelle dei tiranni o piu’ in generale dei leader autoritari, che sfiorano o tendono alla paranoia, intesa come percezione di grandiosita’ e senso di persecuzione: la necessita’ di guardarsi sempre alle spalle rende piu’ attivo il cervello, con ripercussioni positive sul sistema immunitario.”
In altre parole, dover essere sempre vigili per difendere la propria vita e la propria autorita’ rende altrettanto vigile e protetto il proprio corpo, aiutando nella lotta a numerose malattie.
I dittatori ed i tiranni, ad esempio, sono meno inclini ad ammalarsi di cancro ed “Maggiormente a riparo da malattie che colpiscono le difese dell’organismo”.
Il cervello di tali personaggi, inoltre, e’ meno incline a sviluppare disturbi come stress o senso di colpa, riuscendo a funzionare a lungo e con altri standard di qualita’.
Tale legame e’ talmente forte che “Le persone con un carattere psicopatico, dunque manipolatrici, prepotenti, tendenti a sedurre ma in modo subdolo, tendono ad ammalarsi proprio quando riusciamo a guarirle e finalmente cambiarle.
E’ come se le loro difese ne risentissero, rendendole piu’ fragili fisicamente” spiega Antonio Lo Iacono, presidente della Societa’ italiana di psicologia (Sips).
Le persone piu’ sensibili invece “Tendono ad ammalarsi di piu’, mostrandosi maggiormente cagionevoli” afferma Alberto Albanese, docente di psichiatria all’universita’ Cattolica di Milano.
Unica controindicazione, maggiori rischi sul fronte delle malattie neurodegenerative.
Per gli esperti, questo e’ collegata all’ elevata secrezione di dopamina associata alla determinazione con cui i potenti “estremi” perseguono i loro obiettivi: ad esempio “E’ noto che Hitler soffrisse del morbo di Parkinson” specifica il dottor Pallanti (e B di che soffrira’? Rimbambimento precoce? Satiriasi unita ad impotenza?)

www.newsfood.com/q/3458e24/i/
..
Gennaro Esposito

Mi spancero’ dalle risate quando il provvedimento leghista-piduista comportera’ la confisca – per legge! – della casa ad una povera ottantenne che non ha messo “a norma” la sua badante!
Come guardero’ negli occhi il medico, ch’e’ un pubblico ufficiale, spergiuro di Ippocrate, che denucera’ un clanestino che doveva curare.
Staro’ a sentire i tiggi’ sulle epidemie cagionate da extracomunitari che non si sono avventurati sino ad un pronto soccorso temendo d’esere denunciati,.
Acoltero’ le storie di chi aveva diritto allo status di rifugiato ed invece e’ stato rispedito indietro a morire schiavo nel deserto libico.
“Pofetizzo” un ennesimo prossimo missile libico a Pntelleria quando gli americani cercheanno di far la pelle nuovamente a Geddafi facendolo apparire un incidente.
Apetto il primo morto nei prevedibili scontri fra ronde al nord e le indagini della magistratura sulle ronde al sud in odore di crimine organizzato.
Accetto scommesse su Mancino: sara’ coinvolto nelle nuove indagini sul caso Borsellino-Falcone o fara’ in tempo a morire prima di vecchiaia?
Dilemmaa amletico: perche’ Napolitano e’ sempre accomodante col pedonano, ci si chiede se sia organico al piano rinascita di gelliana memoria, se e’ solo perche’ pure lui c’abbia famiglia, se s’e’ identificato con Ponzio Pilato, oppure sappia cose che farebbero “saltare” le istituzioni compresa la sua…
Per i razzisti invece di impostare i ragionamenti inserendovi attributi antisemiti, domandatevi sempre chi ci guadagna, farete prima a decrittare l’universomondo…
..
Rene’ Guenon

Il parere della maggioranza non puo’ essere che l’espressione dell’incompetenza.

Un ‘potere occulto’ di ordine politico e finanziario non dovra’ essere confuso con un ‘potere occulto’ di ordine puramente iniziatico ed e’ facile comprendere che i capi di quest’ultimo non si interessino affatto alle questioni politiche sociali in quanto tali: essi potranno addirittura avere una assai mediocre considerazione di coloro che si consacrano a questo genere di attivita’.
Un altro punto da tenere presente e’ che i Superiori Incogniti, di qualunque ordine siano e qualunque sia il campo in cui vogliono agire, non cercano mai di creare dei ‘movimenti’
.

Essi creano solo degli stati d’animo (etat d’esprit), cio’ che e’ molto piu’ efficace, ma, forse, un poco meno alla portata di chiunque.
E’ incontestabile che la mentalita’ degli individui e delle collettivita’ puo’ essere modificata da un insieme sistematico di suggestioni appropriate; in fondo, l’educazione stessa non e’ altro che questo, e non c’e’ qui nessun ‘occultismo’ […].
Uno stato d’animo determinato richiede, per stabilirsi, condizioni favorevoli, e occorre o approfittare di queste condizioni se esistono, o provocarne la realizzazion
e.

(R. Guenon, Riflessioni a proposito del Potere Occulto)
..
Ezra Pound

Oggi il nome “democrazia” e’ rimasto alle usurocrazie, o alle daneistocrazie, se preferite una parola accademicamente corretta, ma forse meno comprensibile, che significa: dominio dei prestatori di denaro.

Non puoi fare una buona economia con una cattiva etica.

Bisogna capire che tutta la moda letteraria e tutto il sistema giornalistico controllato dall’usurocrazia mondiale e’ indirizzato a mantenere l’ignoranza pubblica del sistema usurocratico e dei suoi meccanismi.

Il vero guaio della guerra moderna e’ che non da a nessuno l’opportunita’ di uccidere la gente giusta.

Nel nostro tempo la sventura consiste nell’analfabetismo economico, cosi’ come l’incapacita’ di leggere la semplice stampa era la sventura dei secoli precedenti.

I politici sono i camerieri dei banchieri.

(Tutti questi personaggi, di destra, scrivono bellissime citazioni, ognuna delle quali e’ in se’ interessante e giusta. Ma e’ la proposizione di un nuovo insieme che zoppica. E’ facile attaccare il fascismo o il nazismo partendo dai loro risultati diumani.
Gli storici o fattuali riportano tutto alle aberrazioni storiche, ma ciio’ spiega una scelta ideologica solo fino a un certo punto. Non si puo’ ignorare che ci siano state aberrazioni conseguenti ad ogni sistema politico. La guerra in Medio Oriente, per es., le sue stragi, torture e degradazioni non possono da sole giustificare un attacco alla democrazia, solo perche’ la democrazia di Bush ha commesso questi orrori. Lo stesso si puo’ dire di qualunque sistema comunista. Una monarchia non e’ pessima a prescindere, ci sono stati sovrani illuminati e una democrazia non puo’ essere definita il miglior sistema che esista. Ci sono state democrazia disumane. Per i governi teologici o confessionali, si va anche peggio, ma le loro aberrazioni non possono consentire da sole il rifiuto della religione. Insomma ogni sistema può essere causa di spregevoli effetti, ma cosa spinge una persona a scegliere un sistema al posto di un altro?
Credo che Paolo Rivera abbia centrato il punto con la domanda: meglio la peggiore delle democrazie o la migliore delle tirannidi?
Ho sempre cercato di capire le ideologie, prescindendo dai rappresentanti o dagli esiti storici ma affondando nei bisogni psicologici, staccando dunque le idee da quello che poi gli uomini compiono partendo da esse
Cio’ che unisce le persone della dx e’ una unanime sfiducia nella democrazia, come governo che parta dal popolo, tanto che molte delle loro valutazioni possono anche attagliarsi a pessime democrazie come quella berlusconiana, che ormai lo e’ solo formalmente, ma viene sempre più svuotata di ogni sostanza, ma cos’e’ che fa loro credere che, eliminare la democrazia nel disprezzo unanime verso il popolo, e rimettendo ogni potere in un superuomo, sia il meglio?
La teoria del superuomo l’ho già sofferta in famiglia, per cui sono contro ogni tirannide, accentramento e abuso di potere. Ma per un fascista cosa c’e’ che lo attrae nel Potente assoluto?)
..
Da Mariapia
FISICA SEMPLICE

Ciao Vi, da anni, ogni volta che accendo il gas per cucinare, penso che la maggior parte del calore se ne va e solo una frazione molto piccola del calore prodotto dal gas del fornello e’ utilizzata per cucinare.
Ma purtroppo non si trova un modo di cucinare senza tanto spreco.

In India hanno inaugurato una cucina solare, la piu’ grande “cucina solare” al mondo, basata su un gigantesco sistema a vapore alimentato da parabole a concentrazione che sara’ utilizzato per cucinare e sostenere i devoti del culto locale.

(Le parabole a concentrazione sono anche quello che Rubbia aveva cominciato a sperimentare in Calabria, prima che la Lega decidesse che era meglio cacciarlo dall’Italia sostituendolo con un elettricista padano, e fu poi quello che ha sperimentato in Spagna e in Cina, per la serie: cacciamo i ricercatori precari e non solo…)

RIDIAMARO : – )

La sagra del Pork
Viviana

Ormai in Italia la ricerca scientifica va cosi’ male che ci sono dei ricercatori precari che si offrono come cavie
.
Un tempo si scriveva a mano e ho sempre pensato che ci fossero cose, come la poesia, che vengono meglio se non sono composte a macchina.
Lo scrivere a mano, come dice Eco, implica “un rallentamento difensivo”.
In tempi in cui il Capo del Governo velocizza tutto, impone per 24 volte leggi-carrozzone forzate alla fiducia, e vorrebbe leggi votate dai capi gruppo, saltando il dibattito parlamentare, qualche “rallentamento difensivo” su questa frana di sconcezze senza limite non sarebbe solo auspicabile ma indispensabile.
.
Porkiade

Quando i genitori di B hanno capito di cosa era capace, hanno cercato di fargli una sorpresa con un’auto, per i suoi 18 anni.
Ma lo hanno mancato.
.
B e’ cosi’ ottimista che si veste di nero per anticiparci la gioia del suo lutto.
.
Immagino che B, come tutti, usi solo il 10% del suo cervello
Pensate che cosa sarebbe capace di fare
se usasse l’altro 60%.
.
A B non piacciono i dati, Instat, Ue, Organismi Finanziari, Bankitalia..
E’ un uomo all’antica.
Dei tempi in cui non esistevano le statistiche.
Bastavano le menzogne.
.
Gli italiani ormai sono diventati dei cannibali
ognuno dei quali crede che il pasto
sia costituito da tutti gli altri.

.
Non e’ vero che B gli piaccia farsi fare i pompini..
E’ un uomo generoso.
E gli piace essere munto.
.
Completamento

Berlusconi ha detto: “Non sono un angelo. Ma scopo come un Dio”
E intanto pensava: “Ma Repubblica mi mette in croce. E il Papa pensa che non valgo un’ostia.”
.
B protesta che lui le donne non le paga
E infatti fa scambi in natura
Si fotte le donne, lui.
E gli promette qualche carica istituzionale, nostra.
.
Le veline di B arrivano tutte vergini al matrimonio
Magari non e’ il loro
Ma ci arrivano.
.
L’errore e’ stato che Scapagnini gli ha detto:
“Tu fotti finche’ campi”.
E lui ha capito:
“Tu campi finche’ fotti”
.
.
B e’ talmente falso
che persino la sua immagine allo specchio
non e’ la sua.

(scusate… ma oggi mi vengono cosi’
non so se e’ l’ispirazione
o la disperazione)
.
Parafrasando Roger Ebert

Berlusconi non raschia il fondo del barile
Berlusconi non e’ il fondo del barile
Berlusconi non e’ il pavimento sotto al fondo del barile
Berlusconi non merita di essere menzionato nella stessa frase con un barile
.
Dicono che i berlusconiani si stanno estinguendo
Stanno tutti tentando di fare 12 ore di sesso per notte
Come Berlusconi
.
Credi nella vita dopo la morte?
Da come sta andando questo paese, dubito persino della vita ‘prima’ della morte.

La frase non e’ mia ma e’ suscettibile di variazioni
tipo: credi in qualcosa dopo il Pd?
da come sta andando il Pd, dubito persino della sua vita ‘durante’ il Pd
.
Violante ha detto che il generale Mori “per tre volte” cerco’ di fargli avere un abboccamento con Provenzano.
Dal momento che cio’ avvenne quando Violante stava a capo della commissione antimafia, ci chiediamo a quanta gente ha venduto il culo costui?
..
Parafrasando Goya: Il sogno della ragione genera mostri
Il sogno della Regione genere Mestre
.
Per fare incazzare Berlusconi bambino bastava dirgli: “La mia mamma e’ mia”.
E subito aveva una crisi isterica: “No, la mia mamma e’ mia, e’ mia”
Poi la crisi e’ continuata…..
.
Il movimento di idee nel Pd e’ cosi’ scarso che a volte i suoi esponenti possono uscire dalla sede e prendersi un caffe’ lasciando la testa nella stanza.
.
Humor scarso
L’ultima volta che uno di estrema sinistra ha riso e’ stato quando Trotsky seppe che era morto Marx.
.
Ecocompatibilita’

L’unica cosa che volgerebbe Berlusconi verso le biomasse e’ dirgli che con quelle ci potrebbe bruciare la redazione di Repubblica.
.
Nel caso malaugurato di un Berlusconi Presidente della Repubblica, non ventagli ma bambole gonfiabili.
.
Prima di Berlusconi avevamo un sacco di problemi
Adesso ne abbiamo uno solo: Berlusconi
Berlusconi ha messo la nostra intera vita in prospettiva secondaria
Rivoglio i miei problemi di prima, ci tengo
Rivoglio la giusta prospettiva.
.
Credo che l’emblema della nostra societa’ sia la muta di cani feroci
Tu li allevi e lasci loro troppo spazio
Credendo che siano domestici e fedeli
E un giorno ti divorano il bambino.
.
Gino&Michele

Berlusconi e’ cosi’’ ricco perche’ ogni volta che qualcuno dei suoi dice una cazzata, la Siae gli paga i diritti di autore.
(Ora sta ricevendo un supplemento pure da quelli del Pd, il che rende idea della situazione.Vi)
.
Viviana

All’Aquila Berlusconi ha detto che i lavori procedevano a tempi di Oscar
Speriamo che i suoi lavori notturni siano da tempi di Cortomobile (il festival del cinema piu’ piccolo del mondo)
.
I nuovi volontari etici passino per le case all’ora di cena a spengere il tg
.
Una cosa da non credere e’ che il Premio Ischia Internazionale di Giornalismo, tradizionale appuntamento annuale promosso dalla Fondazione Giuseppe Valentino, che quest’anno giunge alla XXX edizione, ha voluto dare “una menzione speciale a Minzolini”, direttore ignobile del tg1 che ha fatto addirittura calare l’indice degli ascolti. Siccome insieme hanno premiato anche la D’Amico, proporrei il premio Manicomio d’oro da dare ex equo al Premio Ischia Internazionale di Giornalismo.
.
AAA: Berlusconi Silvio offresi come promoter di feste con escort e minorenni, mafiosi e camorristi, polvere bianca e nera. Non lasciare pagamenti tassabili ma inviare direttamente ad Antigua.
.
Parafrasando Mel Brooks:
Berlusconi: “Cosa puo’ essere successo? Sono stato cosi’ attento. Ho scritto il copione sbagliato. L’ho fatto recitare al partito sbagliato. Gli ho messo accanto i soci sbagliati. L’ho fatto difendere dagli avvocati sbagliati. E l’ho sorretto con le leggi sbagliate. Che cosa puo’ essere andato di traverso? Che cosa avro’ fatto di giusto?”
.
Molti berlusconiani sono comunisti falliti.
Ferrara, Bondi, Borghini, Ferlini, Festa, Guzzanti, Brandirali, Caparra, Frattini, Maiolo, Micciche’, Pecorella, Minzolini, Foa’, Cancellieri, Liguori, Mughini, Pace…
Ora ci manca che dicano che e’ stato comunista anche Berlusconi…
Ne ha fatti di danni questo comunismo!
.
Per rimediare alla figuraccia galattica Berlusconi si e’ dato da fare
Su e giu’ come uno stantuffo. Su e giu’
Ora sembra si sia fermato,
Si vede che finalmente “e’ venuto”.
.
Govern in progress

Siamo passati da forti quantitativi di coca per Arcore
a forti quantitativi di Viagra per Villa Certosa
.
L’animale preferito da Berlusconi e’ la topa
pero’, non per parlare di stile,
ma e’ arrivato alla pantegana…
.
La cosa piu’ bella della televisione italiana e’ che puo’ accadere qualunque cosa in Italia o nel mondo e tu puoi sempre non saperla.
.
Berlusconi dovrebbe comprare la squadra del Bologna, va cosi’ male ma cosi’ male che i proprietari non solo non la vogliono ma non trovano un’anima morta che se la compri.
Berlusconi dovrebbe comprare la squadra del Bologna e farla andare sotto la C.
Per farsi grasse risate dei tifosi del Bologna che non hanno fatto vincere Cazzol.a
Cosi’ un’altra volta imparano a tifare per la squadra giusta!
.
Quando Dio ha dato i comandamenti, Berlusconi li ha trasgrediti tutti dicendo:
“Sono sicuro che non era quello che intendeva”.

.
Berlusconi: “Io mi sono fatto da solo”
.. ora, non per parlare di irriconoscenza, ma la mafia, la camorra, la P2, Craxi, la finanza….??
.
Quando Bush voleva dire ‘nucleare’ diceva sempre, ma sempre, “nuculeare”. Litterman ci faceva fior di risate. Bush non aveva capito qualche concetto.
Lo stesso Berlusconi quando sente la parola ‘ecologia’. L’unica ecologia che Berlusconi conosce e’ la culologia.
Qualcuno dovrebbe spiegargli la differenza.
.
Non si puo’ stare dalla parte di un pagliaccio di cui ride il mondo intero e pretendere di difenderlo a suon di insulti.
Anche perche’ gli insulti non fanno ridere.
E sono perdenti sul piano dell’intelligenza.
..
Dicono che il pensiero e’ energia. E l’energia mossa a favore di una persona buona puo’ salvarla. Se cosi’ e’, vale anche il contrario. E l’energia mossa contro una persona cattiva puo’ perderla. Considero questi mantra una prece. Se vudu’ e’ meglio.
.
Parafrasando Joe Claro:

Dio e’ stato molto contento, sentendo B dire che si e’ fatto da se’. Questo certamente lo ha sollevato da una responsabilita’ tremenda.
(Ha subito sperato che anche Ghedini si fosse fatto da se’. Ma qui abbiamo ancora piu’ dubbi. Che Ghedini non sia fatto da Dio lo si vede dalla bocca, non solo quando e’ chiusa ma soprattutto quando e’ aperta. Vi).
.
Eppure, solo valutando una persona dai suoi amici…
Previti, Dell’Utri, Ghedini, Micciche’, Scaiola, Alfano, Ferrara, Mambro, Fioravanti, Brunetta, Gasparri, Sgarbi, Minzolini, Farina, Feltri, Belpietro.. ma cosa ci puo’ vedere uno di buono in costoro?
.
Questa la rubo a Pozzoli
Le donne chiamano Berlusconi ‘antitetanica’, perche’, se vuoi far strada, e’ obbligatorio farselo.
.
Tu gli racconti le barzellette cretine, gli rubi le liberta’, gli militarizzi il paese, gli rovini il bilancio, gli blocchi l’informazione, gli distruggi la costituzione, gli inquini l’opposizione, gli scopi le figlie, gli togli il lavoro, gli prendi la televisione gli dai la derisione di tutto il mondo… e cosa riceve lui in cambio? Una fortuna.
.
Berlusconi sta all’etica come Ferrara sta all’estetica.
.
Ma e’ vero che Brunetta si lucida le scarpe coi gomiti?
.
Fare il presidente del consiglio in questo modo e’ come essere becchino unico di un cimitero.
Scavi buche dove ti pare. E nessuno che abbia a dire mai niente.
.
Toto’ diceva: La circolazione ce l’ho nel sangue
Berlusconi, che ha scarso senso dell’umorismo, dice invece: “La depredazione ce l’ho nel furto”, il che pero’ porta a conseguenze alquanto diverse.
……………….
La JENA di oggi, vi offre….
Polli

Una notizia che fara’ piacere agli amici degli animali: dopo molto tempo di assenza e’ ricomparso in Sicilia il pollo sultano che si distingue dai suoi simili perche’ piu’ goffo e poligamo. Nei prossimi giorni e’ previsto il suo ritorno anche in Sardegna.
lastampa.

Di Pietro

Pdl=il Partito della Lingerie
.
Henry Ginsberg
Una Conferenza Internazionale e’ una riunione per decidere quando si terra’ un’altra Conferenza Internazionale.
……………

Sulla stampa tedesca, Berlusconi che si stupra la Repubblica italiana. Il fumettio dice: Non fare tanto chiasso, dopo tutto non e’ la prima volta.

http://masadaweb.org

3 commenti »

  1. sicuramente ,in italia e per certi italiani se non ci fosse Berlusconi da insultare e prendere in giro farebbero la fame, invece vivono da nababbi visti gli emolumenti che prendono vedi,santoro travaglio dandini “VAURO er MEJO” e il
    fagogitatore di milioni ON? di PIETRO detto lo squalo, E io PAGO —- fanculo
    è il caso di dirlo POVERA ITALIA

    Commento di jarod — ottobre 1, 2009 @ 12:09 am | Rispondi

  2. Ci sono due luoghi comuni che i cloni di Berlusconi ripetono a pappagallo per cui sono diventati proprio stucchevoli:
    il primo è che la gente parla male di Berlusconi perché è invidiosa di lui, il che è ridicolo perché una persona per bene non invidia certo un disonesto, e perché ci sono valori irrinunciabili come il rispetto di se stesso, l’amore per la propria famiglia e per il proprio paese, la sincerità dei propri amici, la pace della propria coscienza… che nessuno scambierebbe con una vita dissoluta, piena di cortigiani, a continuo rischio di morte o di crollo, e sotto sequesto di mafia e ordine di P2, come quella di Berlusconi.
    Il secondo luogo comune è che i nemici di Berlusconi parlino male di lui perché ciò permette loro di vendere libri o giornali, dunque perché sparlare di Berlusconi è un affare lucroso, tanto che, se Berlusconi sparisse, piangerebbero e resterebbero disoccupati.
    Ora io credo, e nel mio caso ciò vale al 100%, che parlare male di Berlusconi non sia né divertente né remunerativo, visto il numero di persone che hanno perso il posto di lavoro, sono state emarginate, hanno avuto querele milionarie, sono state minacciate o diffamate (vedi Boffo) in vario modo. Se uno davvero perseguisse il proprio utile si aggiogherebbe al carro dI Berlusconi perché, a livello di lurco, è più conveniente e sicuro, insieme ai vari Monzolini, Fede, Vespa, Masi, Capezzone ecc.
    Il Pdl è pieno di persone che hanno lasciato altri partiti proprio per venalità, desiderio di guadagno o di potere: Ferrara, Bondi, Borghini, Ferlini, Festa, Guzzanti, Brandirali, Caparra, Frattini, Maiolo, Micciché, Pecorella, Minzolini, Foà, Cancellieri, Liguori, Mughini, Pac, Taradash, Capezzone…
    Se poi intendi che, se non ci fosse Berlusconi, tanti suoi critici resterebbero disoccupati, prova a pensare che questi signori difendono la Costituzione e attaccano il cattivo potere e questo, da che mondo è mondo, non è nato con Berlusconi e non morirà con lui, tant’è che molti di questi signori il cattivo potere lo hanno criticato anche in Prodi e massimamente in D’Alema o in Violante. Io sono molto più vecchia di te, probabilmente e ho memoria storica, ma posso dirti che di critici del cattivo potere ne ho visti parecchi quando di Berlusconi non si conosceva nemmeno il nome e molti sono stati uccisi per le loro critiche o hanno patito l’esilio o il carcere: Matteotti, prima di tutti.
    Il Tribunale Speciale del fascismo contro i nemici politici emise 5.619 sentenze di condanna, delle quali 4 596 eseguite. Furono mandati al confino 15.000 persone, fra cui Antonio Gramsci, Cesare Pavese, Altiero Spinelli, Ferruccio Parri e Giuseppe Di Vittorio. Pensi che anche loro agissero per invidia contro Mussolini o per lucro? Pensi che queste fossero le motivazioni di Pasolini? O del giornalista Pecorella? O di Falcone? Borsellino? Il giudice Livatino? O di tutti coloro che si misero contro la mafia e i politici che essa sostiene?
    Visto che ho sentito queste cose centinaia di volte, immagino che siano state scritte su qualche giornale di Berlusconi e i somari le ripetono non sapendo pensare in proprio.
    Posso dire che non ho mai sentito frasi più idiote che mostrano solo il basso livello di criticità di tanti italiani
    viviana

    Commento di MasadaAdmin — ottobre 1, 2009 @ 4:31 am | Rispondi

  3. Caro iarod12@hotmail.it
    ti ho mandato questa risposta anche privatamente ma l’indirizzo, come è ovvio, è risultato falso, il che dice tutto che razza di persona tu sia, proprio degna di Berlusconi

    viviana

    Commento di MasadaAdmin — ottobre 1, 2009 @ 5:40 am | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: