Nuovo Masada

luglio 25, 2009

MASADA n° 958. 25-7-2009. L’avvelenata

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 10:44 am

Tombe fenicie a Villa Certosa – “Io non sono un santo” – Gorge Steiner – Democrazie senza democrazia – Siamo invasi dai rettiliani – Nozze stolte e incendi stoltissimi – Tagli agli ex senatori – 76° posto nella lista della liberta’ ma primi per corruzione – Il rientro di capitali sporchi premiato all’1%- B da’ i numeri – Il pacchetto anticrisi passa alla fiducia – La vilta’ di Napolitano – La truffa del piano casa – Hanno impedito a de Magistris di vigilare sui fondi europei in Calabria, ora l’UE gli da’ il potere di vigilare sui fondi europei in Europa

Guccini- L’avvelenata

Ascoltala qui :

www.youtube.com/watch?v=nzTtz_0dX0k
Ma s’ io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, le attuali conclusioni
credete che per questi quattro soldi, questa gloria da stronzi, avrei scritto canzoni;
va beh, lo ammetto che mi son sbagliato e accetto il “crucifige” e cosi’ sia,

chiedo tempo, son della razza mia, per quanto grande sia, il primo che ha studiato…
Mio padre in fondo aveva anche ragione a dir che la pensione e’ davvero importante,
mia madre non aveva poi sbagliato a dir che un laureato conta piu’ d’ un cantante:
giovane e ingenuo io ho perso la testa, sian stati i libri o il mio provincialismo,
e un cazzo in culo e accuse d’ arrivismo, dubbi di qualunquismo, son quello che mi resta

Voi critici, voi personaggi austeri, militanti severi, chiedo scusa a vossia,
pero’ non ho mai detto che a canzoni si fan rivoluzioni, si possa far poesia;
io canto quando posso, come posso, quando ne ho voglia senza applausi o fischi:
vendere o no non passa fra i miei rischi, non comprate i miei dischi e sputatemi addosso

Secondo voi ma a me cosa mi frega di assumermi la bega di star quassu’ a cantare,
godo molto di piu’ nell’ ubriacarmi oppure a masturbarmi o, al limite, a scopare…
se son d’ umore nero allora scrivo frugando dentro alle nostre miserie:
di solito ho da far cose piu’ serie, costruire su macerie o mantenermi vivo

Io tutto, io niente, io stronzo, io ubriacone, io poeta, io buffone, io anarchico, io fascista,
io ricco, io senza soldi, io radicale, io diverso ed io uguale, negro, ebreo, comunista!
Io frocio, io perche’ canto so imbarcare, io falso, io vero, io genio, io cretino,
io solo qui alle quattro del mattino, l’angoscia e un po’ di vino, voglia di bestemmiare!

Secondo voi ma chi me lo fa fare di stare ad ascoltare chiunque ha un tiramento?
Ovvio, il medico dice “sei depresso”, nemmeno dentro al cesso possiedo un mio momento.
Ed io che ho sempre detto che era un gioco sapere usare o no ad un certo metro:
compagni il gioco si fa peso e tetro, comprate il mio didietro, io lo vendo per poco!

Colleghi cantautori, eletta schiera, che si vende alla sera per un po’ di milioni,
voi che siete capaci fate bene a aver le tasche piene e non solo i coglioni…
Che cosa posso dirvi? Andate e fate, tanto ci sara’ sempre, lo sapete,
un musico fallito, un pio, un teorete, un Bertoncelli o un prete a sparare cazzate!

Ma s’ io avessi previsto tutto questo, dati causa e pretesto, forse farei lo stesso,
mi piace far canzoni e bere vino, mi piace far casino, poi sono nato fesso
e quindi tiro avanti e non mi svesto dei panni che son solito portare:
ho tante cose ancora da raccontare per chi vuole ascoltare e a culo tutto il resto!

..

Sorridete un po’ con Tony Troya. Cerco un centrosinistra

www.hyperbros.com/home/internet/474-tony-troja-cerco-un-centrosinistra

Relativita’

Viviana

Berlusconi si vanta con la D’Addario del ritrovamento di 30 tombe fenicie a Villa Certosa. Poiche’ i beni culturali vanno denunciati allo Stato, c’e’ una interrogazione in proposito al Ministro Bondi. Mavala’ Ghedini smentisce seccamente.
In ogni caso sembra che la definizione di cosa sia bene culturale sia demandata agli enti locali.
Credevo che in Italia fossero diventate relative la parola ‘reato’ e la parola ‘democrazia’ insieme alla parola ‘giustizia’ e alla parola ‘fisco’…
Cosi’ ora anche la parola ‘beni culturali’ e’ demandata alla definizione di chi comanda?
Visto che qui comanda Bertolaso stiamo freschi!
Il Ministro in pectore di reperti e macerie.
Siamo diventati un paese molto “relativo”, dopo che un “assoluto” ha avocato a se’ tutto.
Il teorema di Einstein e’ da rivedere.
Non piu’ E= mc2
Ma PA (potere assoluto)o P2 a scelta =SB2
Ma non finira’ mai questa agonia?
E il Pd rifiuta di candidare Grillo?!?
E intanto i giornali di Berlusconi urlano che Cofferati ha fatto 1200 consulenze, 4 al giorno, e che Marino e’ stato cacciato da una universita’ americana per aver gonfiato le note spese.
Ma il Pd sta attento a non nominare il nome di B invano e Napolitano si aggrega allo stuolo dei suoi lacche’ e ordina una ubbidienza pacata alle opposizioni.
Siamo in un paese dove uno stronzo sgoverna, il capo della mafia gli da’ ordini e il presidente della repubblica lo ossequia!
Le vere macerie sono queste!
..
Normalita’ anormale
Don Aldo: “Io non sono un santo”!

Il mentitore e’ costretto ad ammettere la verita’, ma, statene certi, la dira’ a rate, dopo averla ridotta in pillole digeribili. Per ora si accontenta di “costruire il paesaggio”, stabilire l'”ambiente” della verita’ da riconoscere: la NORMALITA’!

“Io non sono un santo”, ma una persona normale! E una persona normale non solo si sposa due volte, divorzia due volte,. ma va anche a puttane. Anzi, essendo questa persona normale Presidente del Consiglio, e’ giusto che le puttane vadano da lui e lui, persona normalissima che fa? L’utilizzatore finale, poverino… Non solo; essendo le puttane ospiti di onore per l’intrattenimento e il sollazzo di cotanta grandezza, e’ giusto ribattezzarle con un nome piu’ poetico, quasi angelico: Veline. Le puttane di alto bordo si chiamano veline, si’ che il luogo degli incontri non possa esser chiamato lupanare ma Palazzo di alto prestigio nel quale vengono ospitati anche “Grandi Capi di Stato”.
Ora io so che un semplice, ‘normale’ cittadino, in casi del genere verrebbe condannato per istigazione alla prostituzione! Per Lui invece vale il grande principio giuridico secondo il quale “io in casa mia faccio quello che voglio”.
E’ normale!
Abbiamo inoltre scoperto una nuova categoria del pensiero che ci aiuta a leggere e decifrare gli eventi: la NORMALITA’.
Quei pochi che rientrano in questa categoria avranno il privilegio di essere esentati da tutto: dalle inquisizioni, dalle condanne, dalle galere, ma anche dalla critica, dalla dialettica democratica, dalll’etica e dalla verita’; insomma sono LIBERI da tutto e a buon diritto posso anche fondare Case delle Liberta’.
Quei poveri cristi, e sono la maggioranza, che non rientrano in questa categoria devono stare al loro posto: senza lavoro se sono disoccupati, in Africa se sono neri, non insegnino al nord se sono del sud, non stiano per strada se sono puttane, non convivano se non formano famiglia e, se hanno la patente, non bevano nemmeno mezzo bicchiere di vino!
E’ normale!
..
Leggete il libro di Salvatori “Democrazie senza democrazia

Gia’ Jacques Maritain diceva: “La tragedia delle democrazie moderne e’ che non sono ancora riuscite a realizzare la Democrazia”!
Nel tempo sono state sperimentate vari tipi di democrazia e sono falliti.
Cosa puo’ evitare questo fallimento?
Il fatto che le autorita’ politiche non si facciano schiave delle varie corporazioni economiche, si veda Bush al servizio delle lobbyes del petrolio, delle armi, dei farmaci.. o oggi Obama che deve piegarsi davanti agli interessi delle grandi assicurazioni (gli USA sono l’unico paese del mondo occidentale che non abbia un piano di assistenza sanitaria per tutti e abbia 50 milioni di persone scoperte!). Peggio ancora se questi potenti economici sono mafia, camorra e ‘ndrangheta, come avviene per B, tenuto al guinzaglio dalla criminalita’ organizzata.
Il fatto che i potentati della finanza e dell’industria non controllino i media. Qua e’ anche peggio perche’ il politico di maggior potere ‘possiede’ o ‘controlla’ la maggior parte dei media e tutte le tv, scempio esistente solo in Italia per l’occidente (l’ultimo fu Milosevic, in Asia invece e’ prassi comune, vedi Ahmdinejad o Kim II).
Il fatto che sia possibile un’opinione pubblica informata del vero e realmente pluralistica (qui si danno premi a servi, Minzolini come Vespa) e le minoranze non siano messe a tacere e possano farsi sentire.
Un’energica azione contro le disuguaglianze economiche in nome della solidarieta’ coi diversi, i non tutelati, i poveri, gli emarginati. Qua si premia il ricco, meglio se ladro, per bastonare il povero, peggio se e’ onesto.

Scrive don Aldo:
Il peggio per la democrazia si ha quando il potere politico si identifica col potere economico. Allora si entra in un cortocircuito in cui si confondono controllore e controllato, contestatore e contestato, ladro e benefattore, aguzzino e samaritano.
Cosa c’e’ di democratico in questo paese nel quale la Voce del Padrone diventa Vox Populi, si autopropaganda come un detersivo, si fa eleggere da una massa a sua volta comperata e si legittima come sua espressione?
Lui non e’ la Voce del Popolo (ricordate? “La gente mi vuole cosi’”….) perche’ il popolo e’ stato ammutolito, anzi e’ stato da lui assassinato.
Di fronte a questo misfatto ci sarebbe bisogno di una nuova Norimberga, non essendo piu’ sufficienti i normali tribunali i quali si stanno popolando della stessa fauna che gia’ gremisce le aule del Parlamento: profittatori e arrampicatori sociali, ruffiani e prostitute, prosseneti e sensali.
Noi siamo sempre in attesa, ma non muti ne’ con le mani in mano.
.
Mi scrive Mariapia:

George Steiner, un ebreo errante, sostiene che “quando viene la barbarie, l’importante e’ partire. Si prenda la valigia“.
Si’, sono d’accordo; la barbarie finisce quando non c’e’ piu’ nessuno su cui sfogare la crudelta’, ma non tiene conto della fragilita’ umana, della paura, madre di vita, che salva l’uomo piegandolo fino a terra, vivo nella carne e morto nello spirito. Non tiene conto di chi, barbaro e potente, in mille modi chiude le porte d’uscita.
Basta anche soltanto un televisore per rendere prigioniero un uomo.

..
GEORGE STEINER

Critico letterario e saggista eclettico ha ricevuto la laurea honoris causa in Lettere e filosofia dall’Universita’ di Bologna. Nato in Francia nel 1929 da genitori viennesi, esiliato dall’invasione nazista, ha insegnato negli Usa, in Inghilterra e in Svizzera.
«Il mio credo e’ di vivere come ospite di altre vite e di altri mondi. Il significato di straniero, per me, e’ quello del greco antico xeno’s, che significa straniero ma anche amico».
Per spiegare meglio racconta di quando ando’ a insegnare a Pechino. «Entrai nella mia stanza da professore: c’ era un tavolo con tre gambe, una tastiera senza tasti, un odore insopportabile. Pensavo: qui non ci voglio stare, adesso vado e dico che me ne vado. Poi busso’ uno studente, mi chiese la lista dei testi per il seminario. A quel punto ero nella mia casa».
Steiner parlava della crisi degli studi umani: 70 milioni di morti in Europa dal 14 al 45, uomini donne bambini massacrati nelle battaglie, nei bombardamenti, azzerati nei lager, messi a morte da fame e deportazione. Il fascismo, l’apocalisse di Auschwitz non sorgono nel deserto di Gobi o nel Congo ma nel centro dell’alta cultura europea. Ci sono solo 200 m tra il giardino di Goethe e la porta di Buchenwald.
Piu’ inquietante ancora e’ pensare che l’umanesimo, il pensiero morale e metafisico, si e’ mostrato impotente davanti alla barbarie. Troppo frequente l’aiuto al totalitarismo dell’elite intellettuale. Il piu’ grande di tutti gli scrittori francesi, Celine, il piu’ grande del pensiero filosofico del 20° secolo, Heidegger; la poesia incomparabile di Ezra Pound, fanno parte di un’elite antiumanistica, antisemitica, un’elite della morte.
Ecco l’autentica TENDENZA VERSO L’INUMANO. La sopravvivenza dell’Europa di oggi e’ un miracolo pagato a un prezzo terribile.
La vera cultura umanistica non si trova nella specializzazione. Abbiamo bisogno di ritrovare la visione d’insieme. La frattura fra scienza e umanesimo e’ l’impedimento principale della nostra cultura. Occorre ritrovare una lingua comune.
Occorre partecipare con responsabilita’ etica e politica al dibattito sull’eutanasia, sulla sovrappopolazione del pianeta, sulla responsabilita’ legale dell’ individuo.
Due convinzioni ha dominato la mia vita: se la barbarie sopraggiunge non c’e’ nessun luogo, anche quello piu’ caro, che non si possa abbandonare. Quando viene la barbarie, l’importante e’ partire. Si prende la valigia. Rimanere vorrebbe dire essere complice, essere implicato nella barbarie.
La 2a convinzione e’ «La verita’ e’ sempre in esilio. Non sta propria nella maggioranza”.
..
Sembra che alcuni siano adatti a raccontar favole
Altri a crederle

Galileo Galilei
..
Le balle metropolitane di David Icke
Viviana

Tra i ballisti metropolitani piu’ famosi c’e’ indubbiamente David Icke, che in suo libro afferma che la Terra e’ controllata da una razza di umanoidi rettiliani che intende imporre un Nuovo Ordine Mondiale, manipolando le menti umane piu’ deboli e predendone il controllo con riti di magia nera e tecniche di controllo mentale attraverso i media (casa dei demoni o degli ‘antities’), insomma dei V-Visitors che si impadroniscono del pianeta camuffati da umani. Tra questi ci sarebbe la gelida Elisabetta, Bush, Blair, i Rothschild, i Rockfeller, molti capi di grandi lobbie ecc. I rettiliani sono essi stessi preda di una schiavitu’ che li costringe a una personalita’ multipla. Hitler stesso sarebbe stato un rettiliano.
Carina questa storiella, ma io ci farei un pensierino, non e’ poi cosi’ improbabile. Provate a pensare agli occhi morti di Previti o Ghedini. Berlusconi poi e’ un perfetto rettiliano (rettilianus ridens).
Si dice che il cervello rettile (di cui ognuno ha ancora traccia) conosca solo l’accoppiamento col numero maggiore possibile di femmine e un potere avido e crescente sul territorio. In B le due pulsioni rettiliane sono perfettamente visibili in modo smisurato.
Io insegno psicologia e spesso faccio CNV, comunicazione non verbale, cioe’ spiego come si possa trarre indicazioni di carattere da elementi visibili come lo sguardo, le rughe di espressione, il modo di camminare o di atteggiarsi ecc.
Spesso cammino guardando bene le persone e penso: depressivo, arrogante, fanciullesco, a rischio, parassita, presuntuoso, debole, materno ecc.
La prima volta che vidi Berlusconi pensai: “Bifido, ipnoide, sommamente pericoloso”.
Se volete trasformare il mondo in una palude, affidatelo a rettiliani. O sarete divorati o diventerete dei rettili come loro. In ogni caso cesserete di essere umani.
..
Io non sono un santo
pero’ ci sono tante belle ragazze pronte a farsi prendere

Io non sono un santo
pero’ ci sono tanti soldi pronti a farsi rubare

Io non sono un santo
pero’ ci sono tante istituzioni pronte a farsi comprare

Io non sono un santo
pero’ ci sono tanti allocchi pronti a votare

Io non sono un santo
pero’ c’e’ tanta bella polverina da fiutare
Vi
..
Siamo al 76° posto nella liberta’
Viviana Vivarelli

Avanti Berlusconi grande statista!!! Ridi, ridi, Formigoni beota! Ridi che mamma ha fatto i gnocchi!
Questi sono i frutti di quello che applaudi e per cui tanto sconciamente ridi:
Italia: “Liberta’ peggiore dell’Kirghistan e politici piu’ corrotti del Pakistan”
L’Italia e’ al 76° posto tra i paesi moderatamente liberi, nell’analisi di Heritage Foundation’s Index of Economic Freedom (Indice di patrimonio della liberta’ economica), che indica la liberta’ di lavorare, consumare e investire.
Un’Italia che sta dietro a paesi, come il Kirghizistan, Mongolia e Madagascar.
Transparency International’s corruption- (Indice della corruzione) colloca l’Italia al 55° posto del suo elenco di tutti i paesi del mondo meno corrotti.
I politici italiani sono considerati meno affidabili di quelli di Pakistan, Bielorussia, Azerbaigian, Senegal e Sierra Leone.
Leghisti!!! Grazie a voi stiamo sotto il Senegal !!!!
Forza Lega, forza! Oggi si vota per la 23a volta con la fiducia un pacchettone abnorme dove c’e’ dentro di tutto, perfino cose che non sono state nemmeno viste dalle commissioni. Ormai Berlusconi si fa votare le leggi a vagonate infilandoci dentro ogni immondezza a imponendola alla fiducia senza la dicussione del Parlamento. Non gli basta avere in parlamento una maggioranza agghiacciante, schifa anche quella, se ne frega dei suoi parlamentari, li considera monnezza. E la Lega sempre vota tutto, ‘sti stronzetti della Padania, ben attenti a mandare l’Italia ultima tra i paesi del mondo. Altro che baluba! Siamo noi i baluba con queste leggi da terzo mondo che questi fetenti approvano sempre e comunque senza il minimo ribrezzo.
Una parte del mondo va avanti, noi grazie a Bossi e a Berlusconi siamo in coda alla parte che va irrimediabilmente sotto.
..
Doriana Goracci

“Finalmente sposi: dopo mesi di attesa il matrimonio dell’anno. Flavio Briatore ed Elisabetta Gragoraci hanno detto ’si’ a Roma davanti a decine di invitati da tutto il mondo. A tirare il riso agli sposi c’erano Simona Ventura, Paola Perego, Lele Mora, Mara Venier, Daniela Santanche’, Silvio Berlusconi, Emilio Fede, Raffaella Zardo e Lilli Gruber”.
La suadente voce che invita ad entrare sul sito del Billionaire e da’ il benvenuto a Porto Cervo e Costa Smeralda… non e’ la stessa che ha dato il benvenuto a luglio, durante una delle frequenti retate della polizia a danno di prostitute immigrate nella zona di Predda Niedda, a Michele Cicogna, nota Drag Queen Toscana con il nome d’arte di Nikita Balli. Dal comunicato stampa: “e’ stato arrestato dalla polizia, schedato e trattenuto in carcere per piu’ di 18 ore senza poter bere, mangiare e nemmeno telefonare ad un avvocato. Al rilascio gli e’ stato consegnato un foglio di via con il divieto di ingresso nel comune di Sassari per i prossimi 3 anni.
(ma come? Nikita Balli si’ e la D’Addario no?)

L’evento attuale sono gli incendi. “Mezzi aerei della Protezione civile sono impegnati questa mattina in 7 roghi”. “Non si placa l’emergenza incendi in Sardegna. Impiegate tutte le squadre dei comandi provinciali dei vigili del fuoco: attivati ben 9 Canadair, 2/3 della flotta antincendio dello Stato per spegnere i numerosi roghi alimentati dal vento di scirocco. Nel Sassarese un pastore di 58 anni ha perso la vita e un anziano e’ stato stroncato da un infarto mentre tentava di mettersi in salvo dalle fiamme. Una situazione drammatica, che “non si era mai vista da 20 anni a questa parte”
(B si e’ mostrato preoccupato pero’ ha detto ai turisti. “Non andate via, allegria, allegria, spendete, spendete. Prima dell’autunno avro’ messo a posto tutto, battendo ogni record, ottimismo, ottimismo! Non sono un santo! Ma resto un Unto”)
(Sono stati fermati una ventina di sardi che volevano dargli fuoco. Vi)
..
Tagli agli ex senatori
Viviana

B vuol cancellare i viaggi gratis agli ex senatori. Da ora avranno viaggi gratis solo escort, veline e puttanone, con l’immancabile Apicella e i cuochi di fiducia di Silvio. I senatori per ovvie ragioni non le possono sostituire “nel letto grande” e in cucina non sanno girare due uova.
307 arzilli vecchietti sono in rivolta (si fa per dire) e, visto che B li scredita come spazzatura di stato si riciclano in “consulenti”. Guida il plotoncino compatto dei vetusti acciaccati la Tiziana Parenti, gia’ belva d’assalto della ex tangentopoli, Giorgio Benvenuti pronto a sindacalizzare i commessi parlamentari, l’uomo pesce Enzo Maiorca per eventuali acquari nel Transatlantico. Ogni anno i vetusti ci costano di soli viaggetti 1.726.000 euro. Loro protestano offrendo consulenze (?). Vogliono ancora contare nelle istituzioni, essere una risorsa per il paese. Fanno appelli esagitati ai senatori in ruolo, sullo stile di nonno Libero: “Ricordate che cio’ che noi siamo voi sarete”. Si sentono discriminati. Si’, come le badanti e i muratori rumeni!
Stendiamo pietosamente un velo.
..
La sfacciataggine di Tremonti e i regali ai corrotti
Viviana Vivarelli

Tremonti ha avuto la faccia di dire che l’osceno condono agli esportatori di capitali sporchi e’ di marca americana. Davvero una faccia da schiaffi! Piu’ falso di cosi’ non si puo’.
The disclosure e’ parecchio diversa da questa oscenita’ berlusconiana.
In USA il fisco e’ una cosa seria e non una buffonata pro ricchi e pro corrotti e nessun politico avrebbe la faccia di incitare all’evasione come ha fatto B, con la scusa che le tasse sono troppo alte, salvo poi non ridurle in ben 3 governi.
In USA il contribuente che esporta capitali senza dirlo al fisco ha 6 mesi di tempo per dichiararli e deve scoprirsi davanti al fisco. Paghera’ le tasse che non ha pagato piu’ una sanzione.
Nell’Italia berlusconiana la dichiarazione e’ anonima da evasore a banca, il fisco non viene a sapere quanti capitali sono stati esportati, come e da chi
In USA non c’e’ nessun condono, il contribuente pentito paga le tasse e in piu’ paga la sanzione perche’ l’esportazione di capitali e’ un reato.
In Italia l’evasore resta anonimo, non si dichiara al fisco ma alla banca, e se pure quella somma viene da narcotraffico o mafia il fisco non lo viene a sapere.
Inoltre con i primi due scudi si regolarizzavano capitali esportati in decenni in cui sarebbe stato difficile per il fisco scoprirli, oggi si chiede di dar conto di capitali esportati dopo il 2004, in tempi cioe’ in cui il fisco poteva fare dei controlli. E’ chiaro che B e Tremonti incentivano l’evasione e lo spostamento all’estero di capitali sporco, per es. di mafia o corruzione finanziaria. Insomma un incentivo al crimine, che non viene punito, anzi viene premiato perche’, mentre i redditi regolarmente denunciati pagano piu’ del 33%, questi pagheranno alla fine solo l’1%, con un bello schiaffo in faccia al contribuente onesto.
Ora pero’ la Corte Europea non e’ d’accordo.
Tali provvedimenti sarebbero infatti in contrasto con la sesta direttiva europea in materia di Iva. Speriamo bene.
Non sara’ cosi’ con queste furbizie pro corrotti, che usciremo dalla crisi.
..
Dare i numeri
E=mc2

Puntuali come le scadenze delle cambiali ci sono propinate le rilevazioni del gradimento di Mister Sorriso e del Governo che presiede tra i cittadini del Bel Paese.
Valori numerici che facciamo fatica a collocare se non nell’ambito del suo orticello e dubitiamo della bonta’ delle statistiche relative, riferite a percentuali di consenso cosi’ sostanziose; nonostante le verita’ sotto gli occhi di tutti.
Il “campione” di osservazione deve essere rappresentativo per numero e qualita’ di intervistati e siamo, quindi, perplessi di fronte a consensi quasi bulgari con tutto lo sfascio politico, morale, finanziario, economico, etico, ecc… che ci consegnano le cronache politiche e/o rosa – ma con risvolti pubblici queste ultime – dell’ ”utilizzatore finale”.
Se corrispondesse a verita’ quanto consegnato alle cronache ci sarebbe veramente da preoccuparsi perche’ saremmo irrimediabilmente irrecuperabili, se non come sudditi del Sultano. Riteniamo, perche’ abbiamo fiducia nel popolo italiano, che le cose stiano diversamente e che l’informazione di regime non la puo’ dare a bere alle persone che utilizzano il cervello per suscitare osanna ancor piu’ totalitari.

Trilussa aveva gia’ previsto tutto, gia’ ad inizio dello scorso secolo:
La Statistica

Sai ched’e’ la statistica? E’ ‘na cosa
che serve pe’ fa’ un conto in generale
de la gente che nasce, che sta male
che more, che va in carcere e che sposa.
Ma pe’ me la statistica curiosa
e’ dove c’entra la percentuale,
pe’ via che, li’, la media e’ sempre uguale
puro co’ la persona bisognosa.
Me spiego: da li conti che se fanno
secondo le statistiche d’adesso
risurta che te tocca un pollo all’anno;
e, se nun entra ne le spese tue
t’entra ne la statistica lo stesso
perche’ c’e’ un antro che ne magna due.
..
Fiducia sul pacchetto anticrisi
Di Pietro

Ci risiamo. Una nuova fiducia sul maxi emendamento per il pacchetto anti-crisi, un condono per mafia, camorra e famiglie straricche d’Italia che hanno evaso miliardi e miliardi depositandoli tra Svizzera, Kaiman e Lussemburgo. Il riciclaggio sara’ utilizzato dallo Stato per ricostruire L’Aquila e per finanziare con titoli societa’ filo-governative. I soldi saranno “prestati” allo Stato che paghera’ per averli, quindi non solo verranno condonati mafiosi ed evasori, ma verranno anche remunerati dagli interessi sul capitale. A remunerarli saranno i cittadini con il debito pubblico, non il governo. Il governo ha giustificato dicendo che imita una manovra compiuta da altri Paesi e per essere piu’ credibile, ha detto:“anche Obama lo ha fatto”. Falso. Obama non ha fatto un condono, e’ andato da UBS e gli ha chiesto la lista degli evasori. A chi fara’ rientrare capitali esteri fara’ pagare tasse e interessi arretrati, ed il rimpatrio delle somme non sara’ anonimo come in Italia, ma con tanto di nome e cognome dell’evasore per poterlo controllare negli anni futuri.
La manovra di Obama e’ un ultimatum, quella di B e’ la truffa di chi da una parte deve incassare qualche spicciolo perche’ le casse dello Stato sono vuote, dall’altra deve far rientrare soldi sporchi. Quando hai davanti professionisti della truffa e sei onesto non puoi sederti al tavolo da gioco perche’ sarai fregato. Mi sto rivolgendo a Napolitano perche’ questa maggioranza ha gia’ fatto capire che delle regole della democrazia e del Parlamento, se ne frega altamente.
Pensare di fermare un manipolo di incoscienti in un’aula parlamentare oggi significa mancare di senso politico e della realta’. Se la decisione dipendesse dalla maggioranza, il Parlamento sarebbe sciolto domani, sostituito da un collegio di servi al servizio del Re.
Appellarsi a Napolitano significa tentare l’ultima chance per fermare lo sciagurato operato di questo manipolo, nella speranza, ovviamente, che il Capo dello Stato non resti indifferente.
..
TV e la caduta degli dei
Paolo De Gregorio

-B invita gli industriali a non dare la pubblicita’ ai media ostili al suo governo
-il suo governo sta proponendo una norma che taglia gli spot pubblicitari sia a RAI che a SKY
-negli USA e’ gia’ cominciato il declino dei grandi network (ABC, NBC, CBS, FOX, CW) che subiscono un crollo delle entrate pubblicitarie dell’11,9%, mentre i profitti delle emittenti locali calano del 27,6%
-il fenomeno e’ probabilmente legato alla crisi finanziaria, ma e’ provocato maggiormente dal fatto che internet e i “social network” con il loro successo, hanno fatto abbandonare (per sempre) la visione dei programmi delle multinazionali del “pensiero unico”
-una fetta consistente della popolazione, anche in Italia, non sa piu’ che farsene della falsita’ spacciata per informazione, interviene direttamente criticando o dando informazioni, proponendo immagini, filmati e articoli, e gli piace tanto essere protagonista di un fenomeno che sta scavando la fossa a quelli che sono al potere solo perche’ avevano in mano tutta l’informazione
-la onnipotenza dei profitti pubblicitari puo’ essere fermata e distrutta solo se applichiamo il metodo berlusconiano: il boicottaggio
-visto che molti mi chiedono che cosa si puo’ fare contro B e il suo sistema di potere, ebbene la via esiste: non guardare le sue tv, boicottare i prodotti pubblicizzati dalle sue reti, non comprare libri e riviste della sua enorme industria editoriale. Cio’ significa farlo fallire, significa spegnere il ghigno impunito del perenne vincitore, significa far tornare l’Italia alla democrazia, al pluralismo, sgretolare il monopolio, e cio’ e’ possibile solo se coloro che pensano che B sia il prodotto del denaro e del potere delle Tv, si comporteranno di conseguenza colpendolo scientificamente al cuore.
Il “cuore” e’ la raccolta pubblicitaria. Ricordo ai soliti cacadubbi e minimizzatori l’importanza capitale della raccolta pubblicitaria, che fu affidata da parte del cavaliere all’agenzia Pubblitalia, con a capo il potente mafioso Dell’Utri, cosa che potrebbe spiegare anche la provenienza degli enormi capitali necessari per costruire Fininvest, di origine ancora oscura.
Se finisce la raccolta pubblicitaria finisce B. Lui al nostro posto non avrebbe dubbi.
..
Legambiente boccia il piano casa di B
Viviana Vivarelli

Nel 1984 lo Stato costruiva con meno grancassa 56.000 abitazioni a edilizia convenzionata.
Il trombone B realizzera’ appena 5.000 alloggi di edilizia residenziale.
Si noti che per questi alloggi non si e’ nemmeno aperto il credito bancario bloccato e siamo ancora in un paese dove chi e’ precario non apre un mutuo.
La montagna come al solito partorisce un topolino.
Per di piu’ quello che esce e’ un piano con regole diverse per regione dove solo poche si salveranno: Toscana, Puglia e zona di Bolzano. Gia’ si puo’ immaginare cosa ne sara’ dei soldi dello Stato in Sicilia o Calabria o Campania.
Abbiamo appena finito di straparlare sui criteri sismici e geologici per l’Aquila e subito si danno procedure semplificate e assenza di controlli.
B fa come fa Tremonti che va al G8 a parlare delle grandi 12 regole etiche dell’economia e il giorno dopo depenalizza la bancarotta fraudolenta e premia i capitali sporchi all’estero.
Dov’e’ finito il “vasto programma di riqualificazione energetica di case, quartieri e periferie”?
Dove sono finiti i discorsi sulla “riqualificazione energetica”?
B promette solo cantieri facili e procedure veloci, e questo e’ il solito regalo a palazzinari e mafiosi. Nulla che abbia a che vedere con la famosa “etica” di cui straparla Tremonti.
Questo piano casa e’ una truffa. E intanto sta passando alla fiducia un pacchetto di leggi obbrobriose con cui i delinquenti italiani fanno grassi affari. Tremonti ha appena detto: “Mai piu’ condoni e scudi fiscali, sono immorali!” ed ecco che manda alla fiducia un bel regalo agli evasori, il terzo!!! Una vergogna inaudita! Il contribuente fiscale normale paga il 43% al fisco. Berlusconi non abbassa affatto le tasse come aveva promesso in campagna elettorale. Il peso fiscale aumenta ma i controlli del fisco diventano ridicoli e chi ha evaso le tasse o ha portato soldi sporchi all’estero adesso viene premiato. Si premia la mafia, la camorra, la ‘ndrangheta, il narcotraffico, il commercio di donne e bambini!!! Si premiano i grandi evasori che hanno portato all’estero i soldi rubati agli italiani. Si premia Berlusconi che e’ il primo evasore d’Italia e il piu’ grande esportatore di danaro sporco. Si premia Fininvest che gode di ben 35 paradisi fiscali e Berlusconi che addirittura ha un paradiso fiscale di sua proprieta’. Chi ha portato all’estero capitali sporchi o non denunciati al fisco potra’ rimpatriarli in modo anonimo e pagando solo l’1%. E’ una vergogna cosi’ totale, cosi’ spudorata che vorrei sputare in faccia a questi criminali e vorrei sputare in faccia a chi li applaude e a chi li appoggia. Con queste leggi infami si favorisce spudoratamente ogni criminale d’Italia e in primo luogo Berlusconi, che prima truffa, imbroglia, evade, ruba soldi agli italiani, e poi si fa una bella legge per far rientrare il malloppo, anonimo, con un bel premio al crimine. Qua si pretende liberta’ di delinquere con premio dato dallo Stato al crimine! Ma si vergognino i fetenti del Pdl E si vergogni la Lega a tener bordone a questa indecenza!
..
De Magistris viene messo dall’Europa nella Commissione che vigila sui fondi europei

Ma vi rendete conto di quanto e’ grande e meritata questa vittoria??????!!!!
Un Pm indaga su 20 miliardi di fondi europei spariti inghiottiti dalle tante gole profonde della partitocrazia italiana. I compari fanno massa comune interpartitica per bloccare l’inchiesta e cacciare il Pm amante della giustizia. E ora: grande rivincita!!!! Quello stesso Pm viene messo dall’Europa nella Commissione che vigilera’ sui fondi europei!!! Grande!!!!
Non poteva esserci sentenza piu’ chiara contro il malaffare italiano. E di questo malaffare Napolitano e’ stato il difensore e il provvido aiutante mentre faceva il becchino alla sepoltura di giustizia e democrazia!
E qualcuno spera ancora che il pacchetto anticrisi e quello per l’ordine vengano respinti al mittente!?
E’ tutta una broda infame. E di questa broda Napolitano e’ il grande cuoco. Dannazione a lui e all’altra banda al potere per i secoli dei secoli!
..
La penisola e’ avvolta in un caldo infernale, a Bologna le temperature raggiungono i 4° gradi. La Sardegna brucia.
Mariapia manda:

Estiva
Vincenzo Cardarelli

Distesa estate,
stagione dei densi climi
dei grandi mattini
dell’albe senza rumore
— ci si risveglia come in un acquario —
dei giorni identici, astrali,
stagione la meno dolente
d’oscuramenti e di crisi,
felicita’ degli spazi,
nessuna promessa terrena
puo’ dare pace al mio cuore
quanto la certezza di sole
che dal tuo cielo trabocca,
stagione estrema, che cadi
prostrata in riposi enormi,
dai oro ai piu’ vasti sogni,
stagione che poni la luce
a distendere il tempo
di la’ dai confini del giorno,
e sembri mettere a volte
nell’ordine che procede
qualche cadenza
..
Un giro di amanti
Giuseppe D’Avanzo

Sono decine e decine le amanti senza amore, ricompensate, che si sono succedute nel serraglio. Festa dopo festino. Orgia dopo orgia. Nel taccuino del Pm almeno 19, un ruffiano ha favorito la prostituzione.
Si sa come B si scrolla di dosso la polvere: e’ vero, ho fatto sesso con la D’Addario, ma non sapevo che fosse una prostituta, ho invitato in casa un’ospite sbagliato, tutto qui. Resta la presenza di zambra’ccole nel “letto grande”. B sa che Patrizia e’ una prostituta (lo sa perche’ deve pagarla con una busta) e per i giochini multipli che le propone. Ghedini deve negare ragione, memoria e finanche l’udito.
In 3 mesi B ha attraversato, senza vergogna, tutta la fenomenologia della menzogna. Vladimir Janke’le’vitch distingue la menzogna in dissimulazione, quando ci si limita a nascondere la verita’ ( “Non ho mai voluto candidare veline, non frequento minorenni”; l’alterazione, quando si modifica la natura del vero (“Non sapevo che Patrizia fosse una prostituta”). La deformazione, quando se ne ingrandisce o rimpicciolisce il formato (“Ho visto tre, quattro volte Noemi e sempre con i genitori”). L’antegoria, quando si dice l’assoluto contrario (“Non ho mai pagato una prostituta”). La fabulazione, quando invece di mascherare la verita’, la si inventa di sana pianta (“C’e’ un progetto eversivo contro di me”).
Verita’ e menzogna. Etica pubblica. Fiducia tra eletto ed elettori. Tra i pifferi e le grancasse di un’Italia ingaglioffita o pavida, di questo ci parla uno scandalo, da cui B non riesce a venir fuori. Chi mente – non importa su che cosa – e’ un pericolo per la liberta’ e la democrazia.
A meno di non voler pensare, come il patriarca di Marquez: “Non importa che una cosa non sia vera, che cazzo, lo diventera’ col tempo”.
Pure B aveva detto all’alba della sua avventura politica. “La gente deve fidarsi solo di chi dice la verita’”. E dunque, presidente, adesso che e’ al suo autunno, come ci si puo’ fidare di lei?
..
Don Aldo

Il mentitore lavora al cesello per convertire le menzogne in verita’ e triturare le sue “promesse” dentro il calderone delle “cose fatte”.
Qualche giorno dopo il terremoto proclama a schermi riuniti che i 70.000 sfollati avranno una casa entro il 15 settembre!
Mano a mano che passano i giorni abbassa il numero delle persone che riavranno la casa e dilaziona il tempo per la consegna.
L’altro giorno ha promesso che massimo per la fine di novembre (non piu’ il 15 settembre) 19.000 sfollati (non piu’ 70.000) riavranno la casa.
Il popolo distratto e distrutto, colto da amnesi’a servile, plaude. Il bue ingrassa e il Paese crepa. Forza Italia!
..
PEPPE SINI: ANCORA UN ATTO DI VILTA’. E ANCORA UN APPELLO A INSORGERE IN DIFESA DELLA LEGALITA’ E DELL’UMANITA’

L’esternazione del Presidente della Repubblica oggi ampiamente diffusa dai mass-media costituisce un ennesimo triste atto di vilta’.
Il Presidente della Repubblica sa bene che poteva e doveva rifiutarsi di promulgare una legge illegale che reca misure razziste e squadriste, anomiche ed eversive, criminali e criminogene. Era suo dovere, e non era affatto arduo compierlo.
E sa bene il Presidente della Repubblica che la sua lettera del 15 luglio con la quale comunque segnalava allarmato la selvaggia irruzione dell’apartheid e delle camicie nere nel corpus giuridico e nell’amministrazione pubblica del nostro paese, ed a suo modo tentava di porre un sia pur fragile argine a questa infamia, a questo orrore, ebbene, quella lettera e’ in ampia misura vanificata da questo nuovo intervento che suona implicita fiducia ed avallo al governo golpista, e laido un invito alla resa rivolto a quella parte d’Italia che lotta per la legalita’, per la democrazia, per l’umanita’.
Noi che in queste settimane abbiamo tentato – e continueremo a farlo anche in futuro – di valorizzare ogni opportunita’ offerta dall’ordinamento per difendere la Costituzione e l’umanita’, la decenza e il diritto, l’onore e la dignita’ delle nostre stesse persone e del nostro paese e della gente che ci vive, prendiamo atto di questo ennesimo cedimento al male.
Ci addolora. Non ci sorprende. E’ infatti tragicamente coerente con la riapertura dei campi di concentramento nel ’98 stabilita dalla famigerata legge Turco-Napolitano, campi di concentramento contro i quali ci battemmo allora e non abbiamo giammai cessato di batterci; ed e’ coerente con la persistente violazione dell’art. 11 della Costituzione, violazione costituita dalla illegale e criminale partecipazione italiana alla guerra terrorista e stragista in Afghanistan: e del sangue degli assassinati in quella guerra sono colpevoli anche tutti coloro che potendo impegnarsi contro la guerra e salvare tante umane vite non lo hanno fatto, anzi: della guerra sono stati e sono tuttora complici pienamente irresponsabili – e il governo italiano, il parlamento italiano, il capo dello stato italiano in primo luogo, al pari degli altri decisori degli altri paesi che la guerra e le stragi di cui consiste fanno proseguire pur avendo il potere di farle cessare.
Ma detto questo, occorre persistere in cio’ che e’ giusto. Le umane miserie delle concrete persone che oggi occupano le piu’ rilevanti funzioni e cariche della Repubblica sono altra cosa dalla dignita’ delle medesime istituzioni, e non si deve affatto desistere dal chiedere ad esse istituzioni di tornare alla legalita’ che il razzismo e la guerra flagrantemente, oscenamente violano. Non solo non si deve desistere, ma occorre intensificare vieppiu’ l’impegno per riconquistare legalita’, civilta’, umanita’.
Ed allora, in guisa di sommario promemoria, a chi ci legge ancora una volta chiediamo:
1. di scrivere ai Presidenti di Camera e Senato, ed a tutti i parlamentari, affinche’ sulla base delle considerazioni svolte nella citata lettera del Capo dello Stato del 15 luglio 2009 – e sulla base dei molti autorevoli appelli di illustri magistrati e giuristi – riportino subito all’esame del Parlamento la legge del cosiddetto “pacchetto sicurezza” e il Parlamento cassi le misure razziste e squadriste, anomiche ed eversive, criminali e criminogene manifestamente incostituzionali ed antigiuridiche;
2. di predisporre gli esposti e le denunce (proporremo a suo tempo alcuni modelli utilizzabili) alle competenti magistrature affinche’ se e quando la legge entrasse in vigore, immediatamente in tutta Italia esposti e denunce siano presentati a tutte le Procure, attivando cosi’ anche la possibilita’ di tempestiva richiesta da parte dei magistrati di merito di un intervento della Corte costituzionale che abroghi le norme razziste e squadriste, anomiche ed eversive, criminali e criminogene per palese incostituzionalita’;
3. di esercitare una solidarieta’ attiva e operante, concreta e corale, con tutte le vittime del razzismo e dello squadrismo: mille esperienze esistono gia’, si puo’ sostenerle e se ne possono creare di nuove: e nelle prossime settimane formuleremo anche alcune semplici proposte ad hoc (ad esempio per favorire la persistenza del maggior numero di persone in condizioni di regolarita’ amministrativa e senza timori di ricatti);
4. di esercitare il diritto-dovere di resistenza al colpo di stato razzista; di predisporsi in scienza e coscienza a una vera e propria insurrezione nonviolenta delle persone di volonta’ buona, delle associazioni democratiche, delle istituzioni fedeli alla Costituzione in difesa della legalita’, in difesa della Costituzione, in difesa della civilta’, in difesa dell’umanita’;
5. di opporsi non solo alle misure razziste e squadriste contenute nel cosiddetto “pacchetto sicurezza”, ma anche ai campi di concentramento, alle deportazioni, allo schiavismo ed ai poteri criminali, ad ogni forma di violenza razzista, maschilista, squadrista, golpista, ad ogni violazione dei diritti umani nei confronti di ogni essere umano;
6. di impegnarsi affinche’ il governo golpista sia costretto alle dimissioni, il parlamento dominato da una maggioranza golpista sia sciolto e siano indette nuove elezioni, i golpisti siano tratti in giudizio nei tribunali della Repubblica e giudicati secondo le leggi vigenti: le leggi di uno stato di diritto, le leggi di una democrazia, le leggi di un paese civile, le leggi scritte col sangue dei martiri della Resistenza al nazifascismo.
Che viva la Repubblica.
Che viva la Costituzione.
Che sia respinto il colpo di stato.
Vi e’ una sola umanita’.
Nessuno si arrenda al razzismo.
Nessuno si rassegni all’apartheid.
La nonviolenza e’ in cammino.
..
La politica ha cessato di essere la cura dello Stato per diventare la sua malattia!
Viviana
..
Lampade alla finestra per allocchi
Viviana Vivarelli

Dio mio, come siamo bischeri!
Passa il tempo e siamo bischeri uguale!
Il Duce metteva una lampada alla finestra e diceva: “Italiani! Voi dormite ma il Duce veglia su di voi!”
Il criminale attuale dice che dorme 3 ore per notte. Ora si e’ visto perche’ dorme 3 ore per notte e cosa fa nel resto del tempo!
Ma il popolo e’ somaro uguale. Non cambia nulla. Non c’e’ evoluzione. Con tutte le maialate che B ha fatto, ha perso il 4%, poi ha subito recuperato!? Da non credere! Ha importato in Italia il razzismo, l’omofobia, la misoginia, il nazismo, la mafia, la P2, il reato legalizzato, ha ridotto la gioventu’ a desiderare di essere carne da bordello! E perde solo il 4%!? Ha depenalizzato la bancarotta fraudolenta, sta facendo rientrare per la 3a volta i capitali sporchi della mafia, della criminalita’ finanziaria, del narcotraffico, dell’evasione fiscale piu’ truce! E perde solo il 4%! A momenti il Papa lo riceve lo stesso e gli da’ la benedizione!! Dio persino gli spezza il polso della mano che deve benedire un simile animale! Ma il popolo gli cala appena il 4%!
Si dovrebbe guardare Napolitano la mano destra con cui ha firmato tante sconcezze! Che non s’abbia a incrinare anche quel polso, malsano, traditore, nemico della democrazia! E davvero la furia divina si espliciterebbe in modo chiarissimo. Benedire con la sinistra o firmare con la mano del diavolo sarebbe come mettere il crocefisso capovolto! Ma i demoni non indietreggiano! Avanzano!
Il Male s’allarga come una infezione putrescente e maligna e il Bene viene pure insultato E Il Potere si tiene stretto al Potere e inventa norme creative dell’ultima ora per tenere lontana la vita. Crepo ma non mi apro! Come il Pd. Oppure si apre al peggio del passato con inversioni a U che puzzano di zolfo, come Veltroni che elogia Craxi preferendolo a Berlinguer!?
Ma non sara’ mai finita?! Non finiremo mai di vedere sconcezze, maialate, troiate?
Cosa elogera’ domani quello scemo di Veltroni? Quali parole nefande usciranno dalla bocca di un Gasparri? Quali altri troiai di B saranno firmati di corsa da Napolitano? Non e’ mai finita. Non e’ mai finita…
..
Governo Napolitano-Berlusconi?
Pietro Ancona

Il Presidente della Repubblica fa sentire sempre piu’ pesantemente la sua presenza nella politica italiana. In atto e’ occupato in una intensa trattativa per ottenere un testo “condiviso” della legge cosidetta delle intercettazioni. Ha ricevuto il Ministro e lo ha convinto a rinviare la presentazione del suo testo a settembre ed intanto esercita una intensa moral persuasion per arrivare ad un voto plebiscitario del Parlamento. La stessa moral persuasion non l’ha esercitata per la legge 733 b del 2 luglio scorso detta di “sicurezza” in cui molti passaggi richiamano le leggi razziali del fascismo e sulla quale la UE chiede chiarimenti.Sapeva che non poteva contrastare la volonta’ della Lega senza mettere in pericolo la stabilita’ del governo B e si e’ limitato, dopo avere proclamato una delle piu’ infami leggi della storia d’Italia, ad inviare una lettera piena di dubbi e di perplessita’ al governo che come sappiamo non cambiera’ niente. Mi sono chiesto perche’ il Presidente e’ molto attivo sulla questione delle intercettazioni mentre non si e’ quasi mosso per la legge sulla sicurezza che introduce le ronde che possono diventare vere e proprie milizie private del governo ed il reato di clandestinita’ che peraltro scatta per le ragioni piu’ diverse come per esempio il non avere la disponibilita’ di un alloggio e mi sono dato una risposta. A fronte della 733 c’e’ stata una opposizione parlamentare assai soft che ha votato favorevolmente molti passaggi cruciali della legge come quello relativo all’incrudelimento del 41 bis, Inoltre la legge riguarda una platea di gente povera, poverissima che va dai migranti ai clochard che saranno schedati dalle questure in segno del loro potenziale criminogeno. Viceversa, la legge per le intercettazioni coinvolge due importanti “categorie”: la magistratura e la stampa come editori e giornalisti. Mentre con i migranti si possono ignorare principi del diritto internazionale e gli stessi diritti umani la stessa cosa non si puo’ fare con i magistrati e il mondo dell’informazione il cui peso e’ rilevante e non puo’ essere ignorato. Insomma, nei due casi, l’operato del Presidente ha tenuto ben presenti gli interessi del governo e gli equilibri delle forze in campo. Non risulta che ci sia un richiamo di Napolitano a Berlusconi per il suo comportamento nel privato certamente poco decoroso per la carica di Presidente del Consiglio e che espone l’Italia al ludibrio della stampa estera. Ma il buon risultato dell’organizzazione del G8 e’ stato ipervalorizzato da lodi esplicite che, in qualche modo, segnalavano all’Italia la stima e la fiducia del Presidente al Capo del Governo. Io credo che a fronte di quanto si e’ saputo sui dopocena di Villa Certosa e di Palazzo Grazioli il Presidente avrebbe dovuto chiedere le dimissioni del Capo del Governo. Certo non sono stati commessi reati, ma ci sono delle regole che impongono ai funzionari dello Stato un comportamento ineccepibile anche nella vita privata. Non e’ forse il Capo del Governo un funzionario dello Stato dal quale riceve uno stipendio e domani una pensione? Infine la cosa che per me e’ la piu’ grave e’ costituita dai continui appelli del Capo dello Stato alla “coesione”. Appelli che hanno una stringente valenza politica dal momento che la maggioranza di centro-destra e’ straripante e spesso esercita una sorta di dittatura democratica e l’opposizione e’ minoritaria e non puo’ arrecare alcun danno alla maggioranza che spesso si sottrae al confronto con voti di fiducia diventati abituali. L’appello alla coesione tra centro-destra e centro-sinistra non produce il bene del Paese che viceversa potrebbe aversi in una forte dialettica parlamentare capace di approfondire e sviscerare i problemi per trovare nel contrasto le soluzioni migliori. La coesione e’ complicita’ ed appiattimento, la dialettica e’ buona salute parlamentare e buone leggi. Non dimentichiamo infine che Napolitano e’ stato tutta la vita uomo della sinistra italiana, un comunista che ha combattuto tutte le battaglie dell’opposizione. La sua costante tutela quasi paterna del governo Berlusconi disorienta e frustra l’opinione pubblica civile e democratica del Paese e contribuisce a fare diventare la subcultura della destra “sentire comune” della opinione pubblica. Insomma, se l’Italia vedesse nella Presidenza un freno alla dittatura della maggioranza si avrebbero motivi di incoraggiamento per le battaglie democratiche per i diritti civili, il lavoro, il salario, l’avvenire dei giovani, il Mezzogiorno….. Invece tutta la produzione legislativa e politica della destra viene omologata senza alcuna discontinuita’ con la legislazione e la politica democratica che questo Paese ha avuto fino a non molti anni fa.
..
Mariapia sceglie per voi

Quando sei nato,
stavi piangendo
e tutti intorno a te sorridevano.
Vivi la tua vita
in modo che quando morirai,
tu sia l’unico che sorride
e ognuno intorno a te piange

Paulo Coehlo
..
A te che stai leggendo questa pagina:
regalo una rosa…
perche’ tu possa sentirne
il profumo dolce ed estivo,
per ammirarne il colore
unico e perfetto,
per capire che le spine ci sono
ma basta saperle maneggiare
per farle essere innocue,
per scoprirne il cuore prezioso,
perche’ i petali possano accarezzarti
e spingere via la tristezza ed il gelo,
qualunque cosa ti stia capitando…
per farti compagnia,
come fece il Piccolo Principe,
Ti regalo una rosa perche’
io stesso avrei bisogno di qualcuno
che mi lasci scoprire tutto questo.
Perche’ a volte mi capita di essere giu’,
e pensare che ho ancora la possibilita’
di ricevere la mia rosa mi da forza,
mi fa andare avanti,
mi permette di non arrendermi
perche’ io *non voglio* arrendermi mai;
La rosa, cos’e’ per me?
Un piccolo pensiero, nulla piu’,
ma a volte penso che e’ di questo
che abbiamo bisogno…
di un pensiero d’amore…..
… Un cuore semplice e sincero….
Il mondo va per il suo verso.
Sento ridere le cose,
i desideri fanno tutti centro,
vedo rose dovunque la strada e’ un giardino,
la giornata e’ un sogno,
il buon giorno del vicino,
il cielo si solleva..
piccoli piaceri uno dopo l’altro…
Perche’ questa e’ la nostra vita,
una vita semplice.

Jean Debruynne– religioso francese
..
Ho detto a Dio
Jean Debruynne

Ho detto a Dio
che la sua Pentecoste non valeva gran cosa
e che il suo Spirito Santo non era tanto efficace
con tutte queste guerre, queste divisioni,
questa gente che muore di fame,
questa droga e tutti questi omicidi.
Ma Dio mi ha risposto:
E’ a te che ho donato
Il mio Spirito.
Che cosa ne hai fatto?
Chi fara’ la giustizia
se tu non incominci ad essere giusto?
Chi fara’ la verita’
se tu stesso non sei vero?
Chi fara’ la pace
se tu non sei in pace con te stesso e con i tuoi fratelli?
Sei tu che io ho inviato
per portare
la buona notizia
..
Meriggio d’Estate

Silenzio! Hanno chiuso le verdi
persiane delle case.
Non vogliono essere invase.
Troppe le fiamme
della tua gloria,o sole!
Bisbigliano appena
gli uccelli,poi tacciono,vinti
dal sonno. Sembrano estinti
gli uomini,tanto e’ ora pace
e silenzio… Quand’ecco da tutti
gli alberi un suono s’accorda,
un sibilo lungo che assorda,
che solo e’ cosi’:le cicale.

U.Saba
..
Relazioni
Mariapia

Cisiamo tutte e tutti in questi due mondi distanti, ma intanto abbiamo cominciato a vedere, a studiare per cercare di capire quanto riguarda la relazione tra i due generi umani e le diversita’ delle loro menti generate dai loro cervelli.
Capire con molto dolore, stanchezza, voglia di andare via, a volte anche di piu’…..
E’ solo l’inizio… serviranno molte scarpe per percorrere la strada che porta ad un incontro tra questi due mondi, e che Dio ci mandi scarpe comode.
..
http://www.masadaweb.org

6 commenti »

  1. Cara Viviana

    E’ un po’ che non ci sentiamo per mia responsabilità, anche se leggo puntualmente i tuoi articoli che ricevo sempre e di cui Ti ringrazio.
    Leggo anche sovente i Tuoi interventi sul Blog di Beppe Grillo che condivido sia nei modi che nei contenuti.
    Ammirandoti per la tenacia che poni nel partecipare alla vita della comunità della rete volevo sottoporre alla Tua attenzione un argomento che sta alla base del mio temporaneo allontanamento.
    Mi ha spinto a scriverti la polemica che da un po’ di tempo sta inquinando proprio il Blog di Beppe Grillo.
    Un po’ di tempo fa anche a me capitò di contestare aspetti gestionali che penso facciano capo ai collaboratori del Blog stesso e mi trovai di fronte ad una sequela di improperie scrittemi da una gentile “scrittrice”o vestale grillina.
    Ciò che io avevo espresso con un breve scritto mi aveva trasformato in un nemico, un ostacolo da abbattere. La “scrittrice” ovviamente non sapeva con chi se la stava pigliando e la sua l’interpretazione era del tutto ipotetica.
    Mi domando se il suo attacco fosse avvenuto guardandomi negli occhi il suo furore sarebbe stato lo stesso o il mio viso le avrebbe consentito di affrontare l’argomento con altro spirito?
    Di questo Ti voglio parlare, della “maschera di ferro” che sovente la rete come strumento rappresenta e della debolezza che la non conoscenza reale consente all’umana paura.
    Vorrei che tutti coloro che partecipano alla vita della rete e del magnifico potenziale che contiene non dimenticassero la forza ed il piacere della fisicità di un rapporto.
    Non credo assolutamente sia necessario parlare di prevalenza ma di complementarietà.
    Le giornate di Roma e di Torino organizzate da Grillo, sono certo, hanno dato alla rete una dimensione che l’assenza della piazza sta piano piano frantumando, consentendo alla mediocrità di impossessarsi di quegli spazi di libertà indispensabili, per lo meno per me, per sopportare questo buio periodo.
    Sto ricominciando, proprio in questo periodo, a sentire il bisogno di fare politica dal vivo, come una volta.
    Sto ricominciando a incontrarmi tra persone che discutono a voce e con fervore le proprie idee, scontrandosi si, ma guardandosi negli occhi.
    Come le ultime elezioni americane hanno dimostrato la complementarietà è stata la carta vincente.
    Non a caso proprio Grillo per superare le carenze della virtualità ha dovuto rassegnarsi a entrare fisicamente nell’arena. Ciò non deve intendersi quale inefficacia dello strumento rete, ma esigenza ineluttabile di complementarietà.
    Anche se alcuni blogger sono molto attivi e partecipativi e sovente molto interessanti, la cosiddetta massa critica non muta, non si incrementa come ci si sarebbe aspettati.
    Non a caso Gramellini, si permette di evidenziare nella sua rubrica che Grillo è l’idolo di una piccola minoranza.
    Forse è vero, ma ciò che non compare è che Gramellini ha tutto l’interesse a non dire, è che ciò che Grillo dice è condiviso da una enorme quantità di persone che la rete da sola non riesce ad evidenziare ne a coagulare.
    La rete in sostanza da sola non riesce a catalizzare questa corrente di pensieri che darebbe alla massa critica la vera dimensione.
    Chi fa o ha fatto politica sa perfettamente che le riunioni di partito sono normalmente composte da quattro gatti ed il cameraman TV, quando c’è ha enormi difficoltà a riprendere stanze e sale sempre vuote dove c’è più gente al di qua che al di là del tavolo.
    Il rischio è che la rete faccia la stessa fine, se non implementata e non sono sicuramente i punti di incontro definiti “meet up” che possono contrapporsi all’attuale stupida arroganza delle strutture di partito.
    Il mio quesito è perché non facciamo in massa una iscrizione ad un partito, forse non è neppure importante quale purchè in un’area decente e purchè sia scelto di comune accordo?
    Solo entrandoci in massa potremmo modificare il sistema.
    Come potrebbero opporsi ad una iscrizione di massa e come dopo potrebbero opporsi ad una partecipazione fisicamente presente corroborata da una rete altrettanto efficiente?
    Un caro Saluto
    Ugo

    Commento di MasadaAdmin — luglio 25, 2009 @ 7:23 pm | Rispondi

  2. Caro Ugo
    ho letto tutto con attenzione. Sinceramente vedo tutte le potenzialità e tutti i limiti del blog di Grillo. La sua funzione è sempre stata quella informativa. Anche questa è azione politica.
    Altre attività sono pericolose e non ne vedo.
    Riguardo a chi ti ha attaccato e magari sono stata io, non ci fare caso. Il blog deve difendersi dai malintenzionati e volte confonde con essi anche i bene intenzionati. Sono cose che accadono. Non ti crucciare. Ci sono troppi nervi scoperti a causa di troppi attacchi maligni. Se sono stata io a dispiacerti, ti chiedo scusa. Non posso più tollerare i cloni di Berlusconi ed è facile che prenda lucciole per lanterne.
    Ti faccio i migliori auguri.
    In quanto a partecipare più attivamente alla politica, ci sono varie strade, o cerchi di entrare in una lista a 5 stelle e ti fai le ossa là, o cerchi di entrare in un partito esistente. Ricevo lettere da chi ha praticato varie vie ed è rimasto ugualmente deluso da ciò che ha trovato.
    La delusione fa parte dei contatti sociali, e molto di più dei contatti politici e bisogna metterla in conto.
    Io ho partecipato alla vita di Lilliput ma c’era troppo poca politica. Poi ho lavorato un anno per aiutare a preparare il programma di Cofferati per Bologna, ora se mi nomini Cofferati mi infurio.
    Mio marito si è appena affacciato sul mondo dell’IdV ed è rimasto sconvolto.
    Un’amica di Firenze ha lavorato per una lista a 5 stelle ed è arrabbiatissima.
    Forse non siamo fatti per la politica com’è. Ma ognuno ha pieno diritto di fare le sue esperienze.
    E anche tu. Qualunque esperienza farai, avrai qualche possibilità di fare qualcosa di buono, ma devi tenere duro perché non avrai vita facile.
    Ti mando molti cari saluti e i migliori auguri per le sue scelte future
    viviana

    Commento di MasadaAdmin — luglio 25, 2009 @ 7:25 pm | Rispondi

  3. Cara Viviana,
    prima di tutto grazie per avermi risposto.
    Le mie sono solo due righe colloquiali.
    Non eri Tu la persona che mi ha attaccato, mi pare si chiamasse Manuela
    Bellandi.
    Ma non era una polemica ne una ostilità nei confronti del Blog di Grillo di
    cui penso di poter condividere con Te potenzialità e debolezze.
    Pur se non direttamente ho lavorato tutta la mia vita a contatto con la
    politica, ho vissuto a Roma dal lunedi al venerdi per 35 anni.
    Il mio lavoro non mi consentiva di non occuparmi direttamente dei contatti
    con quel mondo.
    Il mio non è così sicuramente più il desiderio di fare un’esperienza
    politica
    nuova , il mio desiderio è quello di aiutare le nuove
    generazioni che ahimè devono convincersi che non hanno grandi possibilità
    senza ricominciare ad
    occuparsi direttamente di politica nonostante il mal di stomaco che può
    creare e ripeto non sono i circoli a 5 stelle che possono farlo.
    Oggi è il momento meno adatto per le persone per bene di inserirsi in
    politica , non c’è bisogno di Lombroso per capirlo.
    Il mio messaggio come la mia attuale attività politica sono solo in appoggio
    a chi ha enormi difficoltà nel crearsi un futuro, mi riferisco appunto ai
    giovani che invece di scendere in piazza creando nuovi movimenti e
    cambiando radicalmente la realtà sindacale che ha le stesse caratteristiche
    di quella politica, sperano, attraverso il loro PC in solitudine di creare
    una sufficiente massa critica, è questa speranza vana che mi preoccupa
    perchè condivido il fatto che i Blog abbiano funzioni meramente informative.
    Un caro Saluto
    Ugo

    Commento di MasadaAdmin — luglio 25, 2009 @ 7:25 pm | Rispondi

  4. ma se io avessi previsto tutto questo,dati causa e pretesto,col cazzo che starei in italia,adesso…. http://www.youtube.com/watch?v=avSZ5eIZzTw
    purtroppo penso che ci ritroviamo ormai in una situazione assolutamente compromessa…il ducetto di arcore sta’ riuscendo a renderci muti e impotenti…. la locomotiva rende più il senso di frustrazione di coloro ai quali rai e mediaset non sono in grado di effettuare il T.S.O. ,di coloro che si permettono di disertare i “trattamenti mentali” di minzolini e fede,di quei pochi che ancora se ne battono i marroni dell’isola dei famosi e del grande fratello,di quelli che del p.i.l. non gliene può fregar di meno,e di quelli che saprebbero bene in quale deretano infilare il decoder del digitale terrestre…uno a paolo,l’altro a silvio…

    Commento di frank. b. acqui t. — luglio 26, 2009 @ 10:45 am | Rispondi

  5. wow quanti commenti su questo blog!! E quante visite! Non sarà mica merito dei contenuti? eheheh ma fatemi il piacere
    Marco

    Commento di MasadaAdmin — luglio 26, 2009 @ 3:25 pm | Rispondi

  6. Non so perché il numero dei commenti dovrebbe meravigliare. In realtà i commenti sono molti di più ma parecchi restano a livello di posta personale e non vengono pubblicati ma ricevono risposta diretta personale. Tutti i blog ricevono posta e anche questo non fa eccezione. Anche gran parte degli articoli o delle poesie sono mandati dai lettori e o sono scritti direttamente da loro o arrivano come segnalazioni e citazioni e non c’è nulla di strano in questo, risponde ai desideri di Masada. In quanto ai contenuti, il mondo è bello perché vario e quel che a uno non piace può piacere moltissimo un altro. Nessuna meraviglia nemmeno in questo
    grazie

    viviana

    Commento di MasadaAdmin — luglio 27, 2009 @ 11:48 am | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: