Nuovo Masada

maggio 4, 2008

MASADA n. 691. 2-5-2008. RADIOESTESIA. Lezione 7. LA PIRAMIDE

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 6:36 am

Viviana Vivarelli

L’energia delle forme. La forma piramidale.
Le forme orientano le energie in senso positivo o negativo. Le attraggono o le respingono. Pensiamo banalmente alla forma di un’antenna parabolica o di quelle antennine metalliche che mettevamo sopra i primi televisori girandoli per captare meglio le frequenze.
Una delle forme più positive esistenti è quella piramidale.
Nei corsi di radioestesia mi aveva meravigliato l’alto numero di allevatori di polli, conigli ed api, poi ho scoperto che essi erano molto attenti alle energie perché se un allevamento o un alveare erano posti sopra un punto geopatogeno c’erano effetti devastanti per gli animali. Così ho scoperto che molti usavano la forma piramidale per limitare le patologie.
Se una conigliera o un pollaio stanno sopra punti patogeni, si possono avere lesioni allo scheletro, al sistema cardiovascolare e ai gangli linfatici degli animali. Persino in un allevamento di polli con migliaia di polli, si possono riconoscere le zone patogene in cui i polli risultano spelacchiati e rachitici. Ma la forma piramidale è terapeutica e può combattere i danni. Ricordando che le formiche costruiscono i formicai proprio sui luoghi geopatogeni, si nota che, se si copre un formicaio con una struttura piramidale, l’intera colonia se ne va in pochi giorni, perché la piramide orienta diversamente l’energia del luogo; invece, se si mettono strutture piramidali sugli allevamenti di polli o conigli, gli animali si ammalano meno.

Uso terapeutico della piramide
In radioestesia ciò che si fa su un oggetto reale si può fare col suo rappresentante simbolico, una forma piramidale può essere usata per schermare dalle energie negative qualcuno usando una sua foto o sostituto simile (firma completa, capello o goccia di sangue). Occorre che la piramide sia formata da 8 bacchette unite tra loro (4 per i lati del quadrato di base e 4 per gli spigoli), la sua grandezza non importa, né importa il materiale purché non sia piena e di plastica.
La foto della persona che si vuole schermare viene posta dentro la piramide. La cosa importante è che si punti uno spigolo della piramide verso Nord; ciò facendo, se la foto è di una persona malata, le frequenze della malattia restano dentro la piramide. Se invece si mette a Nord una faccia laterale della piramide, le frequenze della malattia escono. Si dice dunque che con spigolo a Nord la piramide emette dentro, con lato a nord invece emette fuori. Si può vedere, avvicinando il biotensor, che in un modo chiama, nell’altro taglia. Dunque non è il caso di mettere nella piramide la foto di un malato di cancro se non si sa bene dove è il Nord. Ma se la piramide è posta sopra un ottagono, questo problema dell’orientamento si annulla.

In tutto il mondo appaiono costruzioni sacre a forma di piramide e molte sono orientate con uno spigolo vero il nord magnetico. Esse si somigliano e appare strano che siano state edificate allo stesso modo da culture lontane e che non si sono mai conosciute tra loro in tanti luoghi della Terra. Molte di queste piramidi sono state edificate con materiali presi da cave molto lontane, usati con principi architettonici per noi misteriosi e con mezzi tecnici in genere molto più avanzati dei popoli che le costruirono.
Lo scopo di queste piramidi non è molto chiaro, si dice che siano tombe, sacrari, templi o osservatori astronomici e ci sono ipotesi anche più avventurose e fantascientifiche. Gli archeologhi hanno la brutta abitudine di etichettare come tomba qualunque costruzione di cui non capiscono lo scopo, ma resta il fatto che in molte piramidi non ci sono tracce di sepolture.
In Egitto abbiamo un centinaio di piramidi, due anni fa ne hanno scoperte 57 che però sono solo tumuli anche molto alti, sovrastrutture sopra tombe, ma la piramide più famosa e misteriosa del mondo è indubbiamente quella di Cheope o KUFU, a Giza, sobborgo del Cairo.
Non sappiamo bene cosa la Piramide di Cheope contenga, al momento sono state trovate tre camere (la Camera del Re, quella della Regina e la stanza incompiuta detta La Grotta) e diversi cunicoli e passaggi. Si favoleggia di una fantomatica stanza segreta che non è mai stata ritrovata.

Nel 1968 il premio Nobel per la fisica Luis Alvarez si mise a cercare questa camera segreta analizzando col computer il bombardamento di raggi cosmici e il loro passaggio attraverso la costruzione, aveva usato un rilevatore di muoni per cercare sepolture segrete, non trovò nulla ma insegnò ad altri ad usare lo stesso metodo. Nella grande piramide Alvarez vide che gli strumenti registravano una fortissima ionizzazione dell’aria.

Vi sono piramidi in tutto il mondo e ne sono state fotografate dai piloti militari in zone impervie e inesplorate. Ne abbiamo in Cina, sull’Himalaya, in Cambogia, in Siberia, in Inghilterra (Silbury Hill) e anche minipiramidi nel Montana. Alcune sono tumuli di terra, altre sono sofisticate costruzioni di pietre di molte tonnellate, pietre in genere non presenti sul posto, spostate da cave lontanissime e lavorate con tecniche a noi ignote. Non tutte sono orientate con le stelle o hanno precise misure matematiche, ma molte sono straordinarie e superano sempre il livello delle civiltà ospitanti, tanto da far ipotizzare visitatori non terrestri o, nel caso della piramide di Cheope, superstiti di civiltà scomparse.
In Egitto la prima piramide è quella a gradini di ZOSER, a Menfi, costruita dal leggendario architetto IMOTHEP, un astrologo molto sapiente, leggendario padre della medicina e della matematica. Gli Egizi ne fecero un dio che chiamarono ASCLEPIO. La piramide di Zoser è molto simile alle sue consorelle peruviane e messicane, con lati di 155 m X 109, alta 60 m. E’ il primo edificio in pietra mai apparso in Egitto anche se a blocchi piccoli.

Dopo Zoser, altri faraoni costruirono piramidi. In quella di Sekhemkhet si ritrovò intatto il corridoio principale del pozzo come la cosiddetta camera funeraria col sarcofago di alabastro, dentro il quale non c’era niente.
In tutto il mondo per mille anni sono state costruite piramidi con complesse gallerie e sarcofagi ma in nessuna di esse fu ritrovata una mummia. C’è chi dice che fossero tombe fasulle per imbrogliare i ladri, ma c’è anche chi nega che fossero tombe dicendo che potrebbero essere di iniziazione o luoghi di trasformazione energetica.
Notiamo che nella Camera del re della piramide di Giza anche il sarcofago vuoto è orientato sull’asse Nord-Sud.

Piramide di Cheope
La piramide in assoluto più studiata del mondo è la PIRAMIDE DI CHEOPE, fatta costruire dal faraone Khufu (in greco Cheope) forse tra il 2686 e il 2181 a.C., essa in origine era alta 146 m e aveva un lato di base di m. 231.
Essa è perfettamente orientata con due facce Nord Sud, e due Est Ovest; con uno scarto di pochi primi. Ricordiamo che l’orientamento perfetto di un edificio è un problema difficile anche oggi e che gli Egizi non conoscevano la bussola, per cui già il suo orientamento appare stupefacente. Al tempo della sua costruzione (che peraltro non è ben definito) la stella indicante il Nord era VEGA. L’ingresso è nella faccia Nord a m 16,5 dal suolo.
Il sensitivo Edgar Cayce vide in una delle sue “letture” che la Piramide era stata costruita diecimila anni prima da un popolo non egizio (la fantomatica Atlantide?), che in essa scrisse con linguaggio matematico-geometrico la storia dell’umanità. Cayce parla anche di un diluvio che venne dopo la sua costruzione e realmente alla base della piramide di Cheope sono state trovate conchiglie marine.
Ricordiamo che in origine la piramide era anche più bella, tutta coperta di lastre lucenti che la rendevano scintillante e che poi nel tempo furono rubate.
Non conosciamo il significato della parola ‘piramide’, ma in un trattato matematico egizio per-em-us vuol dire “ciò che sale da…” oppure “fuoco in dieci forme” pyr=fuoco, met=dieci, dieci fuochi, il che riporta alle decadi dello zodiaco o ai dieci livelli di energia paragonabili agli 8 livelli degli induisti o ai 9 dei tibetani.
Per molto tempo gli archeologi hanno detto che le piramidi erano tombe ma sarebbe il caso di allargare questa ipotesi. Alcune piramidi non sembrano affatto tombe, in nessuna sono stati mai trovati resti umani. Altri dicono che fossero osservatori astronomici (ma come?) o templi astrologici o esoterici.
I radioestesisti ritengono che esse siano, per la loro forma, degli accumulatori di energie, sia cosmiche che telluriche ma soprattutto siderali, antenne di risonanza orientate con le stelle.

La Terra è attraversata da reticoli energetici, è percorsa da linee magnetiche ed emette frequenze. Anche Sole, Luna e costellazioni emettono frequenze magnetiche.
Se prendiamo un pianoforte, vediamo che ogni tasto ha la sua frequenza, ma se premiamo contemporaneamente due tasti otteniamo una terza frequenza. Così, unendo le frequenze del cielo e della Terra, si ottiene una terza frequenza di sintesi che è una radiazione particolare.
Forse la piramide di Cheope era un tempio iniziatico dove i privilegiati si sdraiavano nel sarcofago vuoto per trasformare le loro energie ed essere rigenerati, un trasformatore per l’immortalità o un attivatore di energie super-normali.
Il PAPIRO di ANI, conosciuto come Libro dei Morti o Libro del Grande Risveglio, descrive un fantomatico viaggio dell’anima, ma c’è chi lo legge come la descrizione di un rito iniziatici che avveniva dentro la piramide.

L’Egitto era una terra di antica civiltà; Mosè, Gesù e S. Paolo probabilmente la visitarono e potrebbero avervi acquisito conoscenze segrete tramite iniziazioni particolari che probabilmente coinvolsero grandi personaggi del mondo antico: Platone, Plotino, Cicerone, Pitagora, Sofocle… Non sappiamo nulla di queste conoscenze segrete ma alcune cerimonie minori forse furono ereditate dalla Massoneria e dai Rosacroce.
Una piramide compare nel grande sigillo della Massoneria, col triangolo superiore staccato recante l’occhio di Dio, che si ripete nel grande sigillo degli Stati Uniti, con un n° 13 ripetuto in ogni modo, 13 erano le prime colonie, 12 le stelle sulla testa dell’aquila, 13 foglie e 13 bacche, 13 frecce e 13 strisce, 13+13 le lettere dell’iscrizione, e 13 gli strati delle pietre. Lo stesso simbolo è sulla banconota da un dollaro.

La piramide è una forma capace di convogliare energia; una delle forme della geometria sacra nota ai sacerdoti dei popoli antichi, che le usavano nella costruzione dei templi.
La piramide, prima che una costruzione, è un catalizzatore che convoglia le energie aumentandole.

Se avete una particolare sensibilità nelle mani, ponete il palmo destro sopra una piccola forma piramidale per sentirne le vibrazioni.

Nella Piramide di Cheope, le energie del cielo sono convogliate in un punto interno che è detto “la Camera del Faraone”, e alcuni pensano che la struttura servisse da amplificatore per accelerare la mummificazione. La struttura piramidale funzionerebbe come una gigantesca pila. Notiamo due lunghissimi tunnel che mirano al sarcofago e sono orientati verso Sirio e Orione.

(Ho sognato un sogno buio dove una voce mi parlava. Mi ha parlato lungamente ma ho potuto ricordare solo l’ultima frase, come del resto mi accade sempre in sogni simili. La voce diceva: “E abbiamo mandato dalle 12 Pleiadi un messaggero, 5+7, uno da ogni stella, e dunque ogni di ogni razza, verso la Terra. Per questo il 12 è il vostro numero sacro”.
Ho cercato allora Pleiadi e ho trovato un mito greco che dice che le Pleiadi erano 7 sorelle figlie dei gigante Atlante, ma il gigante Orione col suo cane Sirio si invaghì di loro e volle conquistarle ed esse, per sfuggire al suo attacco si trasformarono in bianche colombe e volarono via nel cielo. Sembra quasi che il mito narri una guerra tra federazioni stellari.
Orione è una costellazione, Sirio una stella, le Pleiadi un’altra costellazione. Le bianche colombe sembrano le astronavi con cui i superstiti si diffusero nello spazio per sfuggire alla conquista. Per giunta in tutto il mondo abbiamo miti antichissimi che parlano di dei che vennero dalle Pleiadi su carri volanti o carri di fuoco. Le Pleiadi di questo mito sono 7 ma io ne ho sognate 12. C’è però un altro mito greco che parla di altre 5 sorelle, le Iadi, che vennero distrutte. Dunque originariamente le Pleiadi erano 12 come nel mio sogno. Per di più la prima delle Pleiadi si chiama MAIA e noi troviamo questo nome in uno dei più antichi popoli precolombiani dell’America, nel velo di Maia dell’antica religione induista, in una divinità greca… C’era un tempo una voce che mi parlava e una delle prime cose che mi disse fu: “Cerca Mercurio!”. Mercurio indica l’energia della comunicazione tra mondi, il mondo umano che comunica col mondo degli dei, l’energia transdimensionale. Ora Maia è secondo il mito la madre di Ermes o Mercurio.
Dal mio sogno appare anche un riferimento alla costellazione di Orione e l’astrologia esoterica fa di Orione il simbolo di una fascia vibrazionale a cui appartiene il Buddha, la stessa che guiderà i passi del mondo verso l’era dell’Acquario che dovrebbe aprire la spiritualità ed essere forse guidata da un nuovo Messia
.)

Quando si manda un raggio di luce su un prisma di cristallo pieno, si ha la sua diffrazione, le onde componenti si separano e si irradiano secondo un ventaglio di raggi che separano le varie frequenze. La piramide cava invece convoglia tutte le onde di energia in un punto centrale, è un concentratore di energia.

La grande piramide è quasi perfettamente allineata sull’asse Nord-Sud. Le sue dimensioni ripetono in scala il raggio terrestre, la distanza Terra-Luna, e è piena di misure stupefacenti come fosse un testo di astronomia in pietra, non diversamente da STONHENGE. Molti dati fanno pensare che la Piramide di Cheope non fosse una tomba ma piuttosto una struttura iniziatica. La famosa camera del re, punto centrale energetico, mostra un sarcofago troppo piccolo per contenere un corpo ed è raggiungibile con un cunicolo stretto e basso dove si deve camminare carponi. Forse essa era un grande ricettore di energia, un enorme magnete

Anche con le mani si può creare una piramide naturale che convoglia l’energia verso un punto e si può produrre la mummificazione di pezzetti di carne o arance, con la concentrazione delle energie dei chakra dei palmi, imponendo le mani sull’oggetto per 5 minuti ogni mattina. Allo stesso modo, con le mani a conca si possono alimentare energeticamente le nostre piante verdi di casa.

(Si possono fare piccoli esperimenti mettendo su due piattini due pezzetti si uno stesso pezzo di carne, o le due parti di un limone o due limoni simili, e mettere uno di essi sotto una piramide per alcuni giorni, sollevandola ogni tanto per verificare se ci sono differenze e si può vedere facilmente che ciò che sta sotto la piramide si disidrata, si secca e si mummifica.)

Tutte le energie dentro o attorno a noi assumono delle configurazioni, triangoli o quadrati, allo stesso modo fa la materia grossolana e lo possiamo vedere nelle configurazioni dei cristalli. Ogni forma corrisponde a un’onda.
Il fisico inglese MAXWELL provò che, creando forme simmetriche analoghe alle forme geometriche classiche, si producevano nello spazio delle onde in modo non prevedibile.
Una figura geometrica posta alla luce emette radiazioni di un certo tipo, la luce attiva le frequenze della sua energia.
Il mondo può essere visto come onda o come figura, i matematici hanno scoperto che elaborando col computer certe equazioni matematiche si ottengono figure. La teoria del caos studia queste forme. Ogni forma corrisponde a un certo tipo di onde, ed è un insieme di informazioni che possono essere viste nella loro manifestazione nel mondo sensibile, come cosa o evento o processo, secondo un aspetto matematico, o un aspetto geometrico, o un campo elettromagnetico. La teoria matematica ha un profondo significato fisico ma è visualizzabile come forma e il computer è stato di grande aiuto in questo. Oggi tutta la scienza è basata sulle frequenze d’onda hertziane e le onde hertziane devono molto a Maxwell, è tutto un mondo extradimensionale che può farci capire meglio il nostro.
Tutto è energia, tutto ha frequenza, anche la voce al telefono ha una frequenza, è una modalità nella trasmissione di energia.

La piramide è terapeutica. La cosa curiosa è che essa conserva tutte le sue proprietà anche se è solo delineata da fili o bacchette. Deve essere orientata con uno spigolo a Nord, in tal modo emette all’interno.
Essa emette anche per alcuni cm sotto la sua base, per cui la si può anche appoggiare su 4 sostegni; se invece una faccia è a Nord, essa emette all’esterno.
Ci sono 3 punti particolari di focalizzazione dell’energia: se si divide l’altezza della piramide per tre e si riporta sotto la sua base questo terzo, sollevandola da terra altrettanto sugli angoli si ha uno di questi punti, il 2° è sull’altezza a un terzo dalla base e il 3° a due terzi. I tre punti corrispondono, nella piramide di Giza alla grotta, alla camera della regina e a quella del re,
Le energie emesse sono di natura elettromagnetica.

Se sotto una forma piramidale, alla distanza dalla base di un terzo della sua altezza, metto la foto di una persona, o la sua fotocopia o un capello o un cerottino con una goccia di sangue, la piramide emette energie positive verso di essa che colpiscono i suoi primi chakra, la sessualità… A un terzo dell’altezza i raggi colpiscono il cuore, a due terzi il sistema nervoso e la mente. Il primo è terapeutico per le depressioni, lo sradicamento, la debolezza del vitale. Il secondo per il muscolo cardiaco e gli affetti, il terzo per la mente.
Curiosamente la piramide non emette di notte.

Se un malato è in fase terminale e si mette la sua foto sotto una piramide, sembra che si abbrevi la sua agonia e si renda dolce e senza sofferenza il suo distacco.

Il materiale di cui la piramide è fatta non ha importanza, può anche essere di cartone, e nemmeno le dimensioni hanno importanza, purché abbia certe proporzioni, mentre è molto importante la sua posizione.
Fare una piramide è facile disegnando 4 triangoli equilateri, piegandoli e attaccandoli con lo scotch. Per fare un triangolo equilatero basta disegnare col compasso un cerchio e riportare lo stesso raggio sulla circonferenza, ci sta sei volte, a questo punto si uniscono i punti segnati uno sì e uno no. Si ritaglia e lo si quadruplica, appoggiandolo via via a un lato, si ritaglia, si piega e si incolla.
Piramidi di cartone già fatte si trovano facilmente in cartoleria.

Si può usare la piramide per curare malattie, anche degenerative (come cancro, sclerosi, leucemie ecc.) e con la piramide si può curare anche l’energia negativa di un defunto, difendendo noi stessi dalle sue eventuali perturbazioni negative.

Nel mio periodo sciamanico, quando visualizzavo un defunto, qualche volta egli appariva in ottime condizioni, come più giovane e felice, ma a volte appariva com’era stato in punto di morte, divorato dalla malattia e sofferente, così possiamo fare l’ipotesi che un defunto sia portatore di energie negative anche dopo la morte e che esse continuino a irradiarsi anche in assenza di una forma fisica (energia che perdura), riversandosi sui viventi per alcune generazioni.
La malattia è un processo energetico negativo e può darsi che questo processo non si chiuda con la morte. Se, come i sensitivi pensano, il processo di variazione dell’informazione inizia prima della manifestazione fisica e fuori di essa, può darsi che tale processo continui ‘dopo’ la cessazione del corpo materiale. La malattia sarebbe la conseguenza di qualcosa che si configura fuori del piano materiale anche se noi ne vediamo solo le manifestazioni fisiche e può essere curato lì.

*Per curare energeticamente un defunto, si mette la sua foto sotto la piramide (va bene anche una piramide di cartone) con uno spigolo rivolto al Nord. Se la piramide non è orientata bene, emetterà verso l’esterno le energie negative, mentre qui essa è usata per schermare l’irradiazione del defunto, cioè per contenerla (si testi se è meglio mettere la foto verso l’alto o verso il basso).

*Dalle infestazioni di un defunto ci si può curare mettendo un rettangolo aureo orientato verso Nord e ponendo sulla faccia destra la nostra foto con viso in su, e nella parte sinistra una piastrina apposita magnetica. Un rettangolo aureo può essere cercato in internet o su un libro di geometria.

Per quanto la cosa possa apparire strana, posso confermare che questa struttura difensiva funziona. Io ho percepito per 25 anni vari fenomeni paranormali, come apparizioni di figure umane in punti fissi della casa, mobili che scricchiolano più violentemente del solito, addirittura colpi forti che sembrano battuti dalle nocche di un uomo robusto dentro la mia libreria grande, che è molto antica ed è stata costruita col legno di una vecchia sagrestia, profumi improvvisi molto delimitati, oggetti che si spostano o spariscono, globi di luce, stracci bianchi per aria, movimenti rapidissimi di sostanze gassose, lampade che si accendono o si spengono o palpitano, televisione o altri oggetti elettronici che si accendono da soli o anche fenomeni più eclatanti, come mani che toccano, voci o campanellini, ma da quando ho messo su la struttura di protezione (una piastrina con la frequenza delle infestazioni posta su un rettangolo aureo disposto verso nord, con la mia foto), nella mia casa non c’è stato più niente. Sono stata del tutto schermata dalle mie infestazioni personali, il che è anche un bene, perché molte di queste forme erano voraci di energia, depressive e malevole. Per quanto sia refrattaria all’uso di rituali e li racconti agli altri come curiosità senza usarli, devo dire che questo ha funzionato perfettamente perché dopo non sono stata più turbata dalla visione di forme e figure paranormali che mi spaventarono per 25 anni.

Uno dei primi studi degli effetti rigeneratori della piramide fu fatto per uno scopo curioso, rendere di nuovo affilato il filo di una lametta. A tale scopo è stata usata una piccola piramide di cartone e si è scoperto che riesce a rendere affilata una lametta e buona ancora dopo 100 rasature. Un ingegnere radiotecnico cecoslovacco, Karl Drbal, è riuscito, dopo dieci anni, addirittura a farsi rilasciare un brevetto, in cui si specifica che la piramide non è un affilatore di lamette ma un rigeneratore. Drbal cercò di spiegare tutte le possibili relazioni di microonde cosmiche e o telluriche che avvenivano in una forma piramidale. Condizione del test è che la lametta sia di buon acciaio e sia posta sull’asse di base Nord-Sud della piramide (componente orizzontale del campo magnetico terrestre). Drbal ipotizzò che il modellino facesse da cassa di risonanza per le microonde irraggiate dal sole con l’aiuto del campo magnetico terrestre. Il suo modellino aveva base 12,5 ed era alto cm 8.

Trovate il riferimento al brevetto e il progetto di costruzione della piramide qui:
http://www.menphis75.com/brevetto_piramide.htm

Sembra che la Piramide, proprio grazie alla sua forma, attivi un processo automatico di rigenerazione in quanto eccita campi elettromagnetici gravitazionali e corpuscolari per cui sembra che riproduca i legami della struttura microcristallina del filo d’acciaio, eliminando le perturbazioni prodotte dall’azione della rasatura. Ovviamente se la lama è rotta non si ricostituisce. La rasatura provoca una deformazione elastica, il risonatore la riassesta in 24 ore, per cui una volta fatta la prima rigenerazione, basta mettere la lametta sotto la piccola piramide di cartone fino al mattino successivo. La lametta si rovina anche per l’uso dell’acqua che non può essere tolta del tutto e riduce del 20% la saldezza dell’acciaio, ma la piramide agisce sugli spazi interstiziali dei cristalli d’acqua espellendola e disidratando bene il filo.

Altri scienziati provarono che nella piramide entrano microonde (lunghe cm) che provocano una rotazione accelerata delle molecole bipolari dell’acqua espellendola dalle cavità più piccole (disidratazione elettromagnetica).
La piramide deve essere in materiale dielettrico (a bassa conduttività elettrica, cioè isolante) affinché le microonde possano penetrare e alimentare la cassa di risonanza. Nella tecnica delle microonde il risonatore è formato da una piccola antenna e da un foro.
L’ingegnere militare H. Copin ipotizza che ogni cellula vivente sia una risonatore di microonde. Qui avremmo un tot di microonde che vengono dal Sole e sono riflesse dalla Terra, la piramide fa da cassa di risonanza e le onde agiscono sulla microstruttura della lametta.
Se si sospende il pendolino sulla piramide, si vede che sulle facce non si muove, ma se viene messo sulla punta comincia a girare e non è possibile tenerlo fisso. Alzando il pendolino è chiaro che il giro si allarga indicando il vortice di energia sottostante.

Altri usi.
Come abbiamo detto, i punti all’interno della piramide non sono tutti uguali, in particolare per energizzare o disidratare va bene un punto a un terzo dell’altezza partendo dalla base (I riferimenti alla stanza all’interno della piramide di Chiope sono interessanti, vedi fig.).
Una piccola piramide può servire ad energizzare per 24 ore semi da piantare, dai quali risulteranno piante più robuste e belle.
Per una piramide alta 9 cm, si osserva che piccoli parti di vegetali o carne messe su piattini non metallici sopra un rialzo di cartone o legno di 3 cm (circa a un terzo dalla base, camera del Re) si disidratano in un tempo maggiore al normale (le prove si fanno sempre con un campione doppio posto all’esterno come riferimento) e non marciscono né fanno parassiti. La piramide sterilizza cioè uccide i microrganismi.
Le prove vanno fatte in zone neutra non geopatogena, e lontano da televisori o aggeggi elettronici o da masse ferrose come armadi di ferro, auto o scaffali metallici.

Ottima è anche la Piramide inclinata con angoli a 65°, questo è in Europa l’angolo di inclinazione magnetica.

La Piramide a contro inclinazione ha invece un angolo a 25° ed è buona per mummificare come la Piramide di Cheope.
Ricordiamo che nella piramide di Cheope nella Camera del Re furono trovati mummificati piccoli animali che si erano introdotti nell’edificio.
Antoin BOVIS ha testato queste piramidi col pendolo e l’antenna da rabdomante.
Nelle piccole piramidi di cartone il pendolo rivela le stesse radiazioni della Camera del re della Grande Piramide e, con un po’ di tempo e pazienza, si possono mummificare piccole cose come uova, carne, insetti, piante, fiori, rane, lucertole…
Può darsi che la Camera del Re accelerasse la mummificazione, sterilizzando la salma dai germi della putrefazione e disidratandola. Nessuno è mai riuscito a ricostruire i processi della mummificazione egizia, inizialmente essa era riservata al faraone, poi ai dignitari più alti, infine ai più ricchi che mummificarono anche piccoli animali domestici, gatti o coccodrilli o scimmie.

Verso gli anni 30 BOVIS costruì vari strumenti radioestesici (un pendolo speciale, un radioscopio, un biometro, lastre magnetiche per mummificare ecc.).

Dal Sole arrivano raggi cosmici che ci bombardano 24 ore su 24, essi attraversano le pareti della piramide. Dalla Camera del Re partono due piccoli condotti che dirigono verso punti del cielo che al tempo della costruzione della piramide equivalevano a Orione e Sirio (ma sappiamo poi quando fu costruita la piramide?), gli archeologi hanno detto che questi condotti non servono a niente perché sono chiusi al loro termine, discorso senza senso visto che le radiazioni cosmiche oltrepassano molti tipi di superfici e oltrepassano le pareti chiuse della piramide. Sarebbe come dire che le onde televisive per entrare avrebbero bisogno che noi teniamo le finestre aperte. Ma perché tali condotti erano necessari?
Nel 68 un team di scienziati registrò milioni di traiettorie dei raggi cosmici per valutare se nella piramide ci fossero stanze segrete, ma i risultati furono bizzarri perché ogni volta che arrivavano a conclusioni uscivano risultati diversi come se ai raggi cosmici si sommasse un’energia non quantificabile che apparteneva alla piramide stessa ma era variabile.

Una piramide, comunque fatta, favorisce la meditazione; i sensitivi affermano che sotto di essa i sensitivi entrano molto prima in stato modificato di coscienza, hanno visioni ecc. Occorre stare seduti al centro di una piramide abbastanza grande da contenerci o sdraiarsi lungo l’asse centrale Nord-Sud. Si realizza subito un grande stato di serenità e sembra che si aprano prima i canali ricettivi interni. Ma potrebbe influire su questo anche la suggestione.

La Piramide funge anche da accumulatore di energia statica. Se nella Piramide di Cheope si alzano le mani sotto la punta allargandole dita, si sente un suono squillante, se si beve a una bottiglia si prova una scossa elettrica. A volte le guide provocano questi esperimenti per l’interesse dei turisti.
Siemans mise un giornale bagnato attorno alla bottiglia ed ebbe un accumulatore elettrico di energia statica da cui schizzavano scintille e, quando per caso, toccò con esso la guida, lo colpì con una forte scossa elettrica, spaventandolo.

La Piramide è un accumulatore di energie e un trasformatore di energie.
Se pensiamo a una lente che concentra in un sol punto i raggi solari, incendiando piccoli oggetti, ci rendiamo conto come funziona la Piramide, essa concentra insieme le energie cosmiche e quelle telluriche, come fosse una lente gigantesca che concentra energia sulle molecole di un corpo.

La Piramide non ha solo poteri positivi, ci sono solo alcuni punti laterali che danno mal di testa.

L’angolo d’inclinazione di 51° 51′ è uguale per le quattro pareti. Qualsiasi altra pendenza avrebbe prodotto un rapporto diverso.

La Piramide corrisponde all’emisfero settentrionale della Terra in scala 1:43200.
I prolungamenti delle diagonali dagli angoli di NO e NE racchiudono il delta del Nilo.
È posta al centro esatto della massa terrestre, all’incrocio tra il meridiano e il parallelo principale, a 1/3 esatto della distanza fra Equatore e Polo Nord, nella linea centrale che divide il globo e rappresenta lo “zero” naturale di Longitudine.
Il meridiano che passa per il suo vertice taglia la Terra in due parti quasi uguali, manca infatti di soli 5 km il polo. Di conseguenza Giza è la Greenwich naturale, cosa che evidenzia la profonda conoscenza astronomica di una civiltà perduta che eresse i suoi maggiori centri tenendo conto di dati matematici e geodetici, e incorporando nelle costruzioni le misure della precessione degli equinozi.
Le quattro facce e i lati sono allineati con i Punti Cardinali in modo da posizionare i lati obliqui di fronte a tali punti. È orientata con una precisione stupefacente, lo scarto è infatti di soli 3′ 6″.
Le quattro pareti sono leggermente curve e la loro curvatura corrisponde a quella terrestre.
Le ombre proiettate dalla piramide marcano con esattezza matematica le date degli Equinozi di primavera e autunno, i Solstizi d’inverno e d’estate.

Al suo interno vi sono alcune camere o vani. (vedi http://miforum.forumcommunity.net/?t=1589729)

I radioestesisti hanno misurato la sua energia dentro e fuori, provando che sopra la punta
si forma una spirale in aumento verso l’alto, un vortice a elica, che a m. 2,5 è ampio due metri.

A Los Angeles c’è un’organizzazione che fa ricerche di forme-pensiero usando la piramide, in quando si dice che essa amplifica la potenza della preghiera e rafforza le richieste spirituali.
La Piramide rilassa, ha proprietà terapeutiche, toglie le tensioni interne, intensifica l’energia, alleggerisce le emicranie, accelera la guarigione. Messa sul capo guarisce dal raffreddore in 1 o due ore (ma sarà poi vero?).

Se si mette dell’acqua sotto la Piramide, essa si energizza, facendo crescere meglio le piante e migliorando la nostra salute. Quest’acqua energizzata va bene per es. per innaffiare o bere o per metterla in un acquario (chi ha un acquario sa che non può metterci dentro direttamente acqua di rubinetto ma deve lasciarla riposare 4 o 5 giorni, così si fa prima e l’acqua rilascia cloro e altri additivi chimici), per berla invece occorrono 24 ore e il punto centrale del recipiente deve stare a un terzo dell’altezza. Se questa acqua è in bottiglia chiusa e poi viene messa in frigo dura moltissimo e è benefica per il pelame del cane o le piume dell’uccellino. Ottima anche per i capelli unita a un buono shampo o per sciacquare occhi stanchi o per pulire le lenti a contatto. Il caffè fatto con quest’acqua è più buono e le piante malaticce in dieci giorni di trattamento risanano o i fiori recisi durano di più.
Possiamo provare a migliorare l’insonnia mettendo una Piramide sopra il comodino o, meglio ancora, sotto il letto. Sono state costruite delle tende da campeggio a forma di Piramide con buchi di areazione, sospese da terra per pochi cm, dove si può meditare per un periodo da 1 minuto a un’ora.

Certo, i risultati buoni possono anche essere dipendere dall’autosuggestione e l’unica è provare.

Se si mette una mano sotto una piccola Piramide col palmo in alto e poi col palmo in basso, si sente un formicolio, dopo 7 minuti la mano tende a sollevarsi spontaneamente e allora si toglie.
Non sappiamo il perché di questi effetti
.
Ricordiamo che streghe e maghi portavano cappelli a cono, che creano effetti a spirale. Possiamo provare a vedere se un cappello piramidale ci fa passare il mal di testa.
Sotto la Piramide sembra ci sia un arresto nella crescita delle muffe, le uova si deformano e disseccano… si disidratano piante, fiori, la carne mummifica senza puzzare. Una rosa conserva profumo e colore ma si secca bene e non rimpicciolisce perché ha molta fibra e poca acqua (occorrono 3 settimane). Il tempo per avere questi risultati di solito è lungo, a volte ci vogliono molti giorni, ma si può sempre sollevare la Piramide e guardare a che punto siamo. Fette di funghi o mela su raggrinziscono ma conservano il sapore e l’odore che avevano da freschi (8 settimane). Prezzemolo, basilico e menta in 3 o 4 giorni si seccano conservando sapore e colore per anni. Se si sospende una Piramide legata per la punta su una pianta malaticcia la guarisce. Il miele in poche settimane si solidifica, e se lo si sposta fuori dell’asse Nord-Sud torna liquido.
In America la panna viene venduta in confezioni a forma di Piramide perché non inacidisca. Nella Russia zarista i militari tenevano la carne in recipienti piramidali. Se avessimo recipienti con questa forma forse conserveremmo meglio riso e biscotti, caramelle o frutta secca, senza avere parassiti. Il caffè migliora, i profumi forti diventano più sottili.
Ci vuole una settimana per energizzare l’acqua. Si può provare a tenerci talee e mettono radici prima.
Per forbici o coltelli occorrono 4 mesi..
Una Piramide sospesa sopra il letto, sopra il 4° chakra, specie se rossa, fa dormire benissimo. Una Piramide sotto il letto sotto il plesso solare energizza. Messa invece sotto la sedia rende più del Viagra! L’ideale sarebbe averne una alta m.1,80 e starci un quarto d’ora al giorno!
In Texas hanno costruito una chiesa a forma di Piramide col lato di 27 m rivestita di lastre di alluminio dorate che contiene 600 persone.

La Piramide ha i suoi chakra posizionati come quelli umani
Si prenda la sua altezza e la si divida in tre parti, si riporti la terza parte anche sotto la base. Partendo dal basso, il primo punto corrisponde al chakra della sessualità, il 2° al cuore, il 3° alla testa.
Nella Piramide di Cheope questi tre punti esistono e sono la camera incompiuta o Grotta, la Camera della Regina e la Camera del Re.
La Camera de Re emette energie favorevoli al sistema nervoso. (altezza due terzi dalla base)
La Camera della Regina emette energie favorevoli al cuore e agli affetti (altezza un terzo dalla base)
La Grotta emette energie favorevoli agli organi uro-genitali e al radicamento (sotto la base per un terzo, per usarla si solleva la piramide su 4 rialzi agli angoli).

Se costruiamo una Piramide abbastanza grande da starci, occorre che le pareti non siano in plastica per evitare accumulo di energia statica, in tal modo l’aria può ionizzarsi cioè si carica di ioni (cariche negative) benefiche per l’uomo, se invece le pareti sono di plastica aumentano le cariche negative e si ha malessere.

La Piramide contiene tutte le energie esistenti. Può essere usata per schermare, per es. mettendo sotto di essa la foto di un defunto da cui ci si crede infestati, oppure schermando un ambiente da disturbi geopatogeni.

*se mettiamo sotto una Piramide orientata a nord la pianta di un appartamento, neutralizza anche gli effetti negativi del Curry.

*Se non vogliamo orientare la Piramide basta mettere la sua base sopra un decagono, emetterà comunque e anche di notte.

..

RADIOESTESIA INDICE

LEZIONE 1 : https://masadaweb.org/2008/03/26/masada-n-660-27-3-2008-la-radioestesia-%E2%80%93-lezione-1/

LEZIONE 2: https://masadaweb.org/2008/04/05/masada-n-665-5-4-2008-radioestestesia-lezione-2/

LEZIONE 3: https://masadaweb.org/2008/04/17/masada-n-679-17-4-2008-radioestesia-lezione-3/

LEZIONE 4 : https://masadaweb.org/2008/04/21/masada-n-683-21-4-2008-radioestesia-lezione-4/

LEZIONE 5: https://masadaweb.org/2008/05/23/masada-n-703-23-5-2008-radioestesia-lezione-5/

LEZIONE 6: https://masadaweb.org/2008/05/23/masada-n-704-23-5-2008-radioestesia-lezione-6/

LEZIONE 7: https://www.google.it/?gws_rd=ssl#q=MASADA+RADIOESTESIA+LEZIONE+7

LEZIONE 8 : https://masadaweb.org/2008/05/14/masada-n-699-14-5-2008-radioestesia-lezione-8/

LEZIONE 9 : https://masadaweb.org/2008/05/25/masada-n-707-24-5-2008-radioestesia-lezione-9/

LEZIONE 10 : https://masadaweb.org/2013/01/22/masada-n-1437-2212013-il-pendolino-lezione-10-di-parapsicologia/

http://www.masadaweb.org

10 commenti »

  1. sono incuriosita,meglio,affascinata!mi piacerebbe avere informazioni più dettagliate per la costruzioni di varie piramidi,sulle misure e i materiali.eppoi…sperimentare,sperimemtare!avverto,sbaglio,che Voi non l’avete ancora fatto!Non siete curiosi?Grazie e cordiali saluti!

    Commento di plejda — giugno 15, 2008 @ 6:58 pm | Rispondi

  2. da tempo mi sono interessato molto all’argomento ma fino ad oggi non avevo trovato delle spiegazioni cosi’ esaustive.

    Commento di Francesco — aprile 2, 2009 @ 5:38 pm | Rispondi

  3. sarei interessata alla costruzione di una piramide “casalinga”, delle dimensioni adatte a poterci entrare per meditare, con quali materiali posso farla in modo da smontarla quando non la uso e di quali dimensioni?? grazie

    Commento di Roxanne — maggio 6, 2009 @ 4:04 pm | Rispondi

  4. Se vai su google e cerchi piramide terapeutica, puoi trovare indicazioni più esatte. Basta che essa abbia gli spigoli, non importa che le pareti siano piene. Se la chiedi già fatta nei negozi esoterici ti sanno dare indicazioni migliori. Per la grandezza, basta che tu possa stare disteso nella base. Ti dò un indirizzo a caso http://www.ilgiardinodeilibri.it/prodotti/__piramide_smontabile_100.php
    oppure http://www.kyborg-institut.de/03_energiepyramiden/Info_A3_04_I_Italia2.pdf

    viviana

    Commento di MasadaAdmin — maggio 6, 2009 @ 4:37 pm | Rispondi

  5. […] Curiosamente la piramide non emette di notte. [Queste note sono tratte da Masada] […]

    Pingback di evolvens | L’energia delle piramidi — marzo 5, 2010 @ 3:22 pm | Rispondi

  6. le piramidi sono una specie di antenne per conversare con gli ufo

    Commento di antonio — aprile 12, 2010 @ 2:37 pm | Rispondi

  7. Cara Viviana,
    ho letto questo articolo con grande stupore. Leggere che la piramide ha un valore terapeutico e che può “lavorare” a distanza su un organo malato di una persona, e trovare pure delle indicazioni precise come fare e ubicare la piramide, mi ha fatto venire palpito di cuore. Mio amico ha un tumore in fase molto avanzata (cancro alla vescica e al colon). Prende morfina per i dolori, da più di due mesi il nutrimento è solo via vena. Da più di tre mesi sta dentro casa sua, non esce dalla sua camera e, se non dorme, è seduto su una sedia – fisso. Credo di poter dire che non ha più molto tempo. Ogni giorno è un regalo per noi e molto doloroso per lui.
    Ho seguito le indicazioni che ho trovato sia in questo nel articolo sia nel articolo lezione 2: ho fatto una piccola piramide di cartone del tipo Cheope, l’ho messa sopra un cartone con la scrittura a cerchio senza mai staccare la matita, dentro il cerchio ho messo la foto della persona malata ed alcuni dei suoi capelli d’argento, ed usando la bussola ho orientato la piramide con uno spigolo a Nord.
    Da due giorni questa piramide si trova in camera mia, sopra un tappeto. Oggi ho saputo che mio amico, stamattina, dopo 3 mesi di totale fermo e senza mai uscire di casa, si è alzato e ha voluto uscire. Accompagnato in macchina è andato in posta. Ha fatto una gita sotto il sole!
    Cara Viviana, ho due domande: posso usare sia la sua foto sia qualche sua capello oppure devo scegliere una cosa sola? E poi: devo mettere la foto/capello dentro la piramide oppure invece sul foglio, cioè dentro il cerchio della scritta (vale a dire sotto la piramide)? Non voglio sbagliare. Sarei felice se potessi rispondermi. Grazie, preziosa Viviana!

    Commento di Marilyn — dicembre 6, 2016 @ 4:56 pm | Rispondi

    • Fai come ti detta il cuore, ma non crearti false speranze. Guarire malattie così gravi non è facile
      viviana

      Commento di MasadaAdmin — dicembre 6, 2016 @ 5:15 pm | Rispondi

      • Grazie di cuore Viviana,
        tua Marilyn

        Commento di Marilyn — dicembre 6, 2016 @ 6:31 pm


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: