Nuovo Masada

aprile 21, 2008

MASADA n. 683. 21-4-2008. RADIOESTESIA. Lezione 4

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 2:14 pm

Viviana Vivarelli

Pensiero e materia: Rol – Leggere l’energia con le mani –Comunicazione tra energie – I paradossi della meccanica quantistica – Uri Geller – La pranoterapia

Pensiero e materia sono solo due modi con cui l’energia si manifesta. Tra di essi ci sono delle relazioni. Il pensiero ha anche una modalita’ di essere in cui diventa materia o puo’ modificare la materia.
Questa relazione tra mente e materia apparve di colpo alla mente di un famoso sensitivo italiano, Gustavo Rol.
Rol intui’ un legame tra la nota ‘fa’ e il colore ‘verde’, questo fu la chiave di accesso ad una forma di conoscenza che modificava la realta’ col pensiero. Rol usava questa conoscenza come un gioco, modificava le carte da gioco o le parti di un quadro. Entrare nel mondo delle vibrazioni significava suonarle come i tasti di un pianoforte. C’erano vibrazioni che, una volta conosciute, trasformavano la materia.
Comincio’ a comunicare con l’energia che unisce materia e mente il giorno in cui vide in un negozio un mazzo di carte dal dorso verde, lo porto’ a casa e scopri’ che il dorso era nero. Possibile che non avesse riconosciuto questo colore? Continuo’ a sentire il verde che vibrava nella sua testa e intui’ di colpo che la sua vibrazione corrispondeva alla 4° nota musicale, una frequenza che poteva essere percepita come calore. Comincio’ a stabilire relazioni tra colori, suoni e gradazioni termiche, un concetto presente anche nei Veda.

Rol scrisse:
Ho scoperto la legge che lega le vibrazioni cromatiche del verde e quelle sonore della quarta nota musicale a certe vibrazioni termiche: il segreto della coscienza sublime, la quale abbraccia le squisite intuizioni che, attraverso l’ordine e l’armonia, conducono l’uomo alla percezione della propria identita’ spirituale“.
Una variazione nella percezione materiale che diventa analogica, chiave di connessione con le gradazioni dell’energia e, percio’ stesso, trasformante, si rivela chiave dello spirito, senza discontinuita’.
Il verde e’ il colore della crescita, la vibrazione della clorofilla, ma anche il fa e’ il suono della crescita, la nota che fa crescere i fiori. Colore-suono-calore sono la chiave per penetrare i segreti della vita e aprire un canale extrasensoriale, ma insieme aprono lo spirito e lo fanno evolvere dalla passivita’ all’attivita’.
Dopo quell’illuminazione, Rol fu capace di operare cambiamenti nella materia.
Ogni chakra corrisponde a un colore, a una nota musicale, a un pianeta, a una pietra, a una funzione…. tutto si lega nell’universo secondo legami analogici che la nostra scienza preferisce ignorare, la scienza e’ radicata del dettaglio, la saggezza e’ lo spirito come scoperta dell’Unita’ primaria che sta dietro i fenomeni apparenti.
Vibrazione (movimento), frequenza (altezza), suono\colore, aspetti dell’Essere, e intuire la loro unione e’ il gradino in piu’, che sorpassa il fenomeno.
Anche se Rol non esibi’ mai in un teatro e mantenne una vita sobria e ritirata, rimane uno dei sensitivi piu’ grandi del nostro tempo. Fu visitato e ammirato da persone molto famose, re, ministri, capi di stato….Churchill, De Gaulle, la regina d’Inghilterra, Einstein, Fermi, D’Annunzio, Mussolini, Reagan, Pio XII, Cocteau, Dali’, Agnelli, Einaudi, Kennedy…..e tutti restarono stupiti dalle sue capacita’ incredibili di modificare la materia e di conoscere l’inconoscibile.
Biagi scrisse: “Vive a Torino il dott. Gustavo Adolfo Rol, un sensitivo capace di imprese che non hanno nulla di normale e che e’ impossibile interpretare. E’ in grado perfino di fare viaggi nel tempo, di conversare con entita’ che hanno raggiunto l’oltretomba da secoli o di far piombare in un salotto col belato della capra anche il suo campanaccio. Un busto di marmo pesantissimo, senza che nessuno si muovesse, passo’ da un caminetto al centro di un desco“.

Le possibilita’ di Rol spaziavano dalla visione a distanza (lettura di libri chiusi, visione di cose che si trovano in un altro luogo o di cio’ che accade in un altro luogo) ai viaggi nel tempo (con escursioni nel passato e nel futuro) sperimentati da parte dei presenti all’esperimento, dalla veggenza selettiva (osservazione dell’aura energetica che circonda il corpo umano, utile all’identificazione di malattie) all’endoscopia (la visione dell’interno del corpo umano). Era in grado di agire dinamicamente sulla materia, cioe’ poteva spostare a distanza oggetti di qualsiasi genere (telecinesi ), o materializzarli e smaterializzarli (apporti/asporti ), sapeva prevedere gli eventi futuri (chiaroveggenza), leggeva nel pensiero (telepatia), era in grado di guarire persone ammalate anche molto distanti (tra i sistemi usati anche quello della pranoterapia) o trovarsi in due luoghi differenti nello stesso momento (bilocazione ), poteva attraversare superfici solide (ad es. pareti) o far attraversare superfici solide a qualsiasi oggetto, cosi’ come poteva estendere o ridurre il corpo fisico a piacimento. Durante i suoi esperimenti potevano verificarsi apparizioni di spiriti, che contribuivano alla dinamica degli esperimenti. Questi spiriti non erano pero’ quelli dei defunti, anzi Rol sosteneva fermamente che i defunti non fossero tra noi. Cio’ che gli uomini chiamano spiriti, non sono altro che i residui psichici lasciati dai defunti al momento della morte. Infatti, cosi’ come viene lasciato un residuo organico alla morte del corpo, viene anche lasciato un residuo psichico. Questo residuo e’ stato chiamato da Rol “spirito intelligente”… Per Rol ogni cosa ha uno spirito, pero’ quello dell’uomo e’ uno spirito intelligente, per le superiori possibilita’ che la sua natura gli ha conferito. Il rapporto tra Rol e gli spiriti non aveva nulla a che vedere con questioni medianiche, si trattava invece di qualcosa non molto diverso da alcune pratiche egizie e sumero-babilonesi. Infine, Rol produceva altri due tipi di fenomeni particolari, e cioe’ la proiezione a distanza di figure o scritte (soprattutto a grafite) su ogni genere di superfice e la pittura a distanza (che potremmo chiamare telepittura) – dove pennelli e spatole si libravano per aria da soli e dipingevano in pochi minuti quadri di pregevola fattura con l’aiuto dello “spirito intelligente” di un pittore scomparso (Ravier, Picasso, Goya, etc.)”

«E’ cosi’ che ho sperato che fosse proprio la Scienza ad aiutarmi a riconoscere e codificare queste mie sensazioni che sono certo ogni uomo possiede, e sara’ la Scienza stessa a rivelare queste facolta’ e promuoverle in tutti gli uomini…».

www.gustavorol.org/chiera.html

Le mani
Uno dei migliori sistemi di rilevazione naturale delle radiazioni emesse dalle cose sono i polpastrelli. Dovremmo esercitarne la percezione per sentire per es. la differenza di irradiazione di un organismo in crescita (una pianta) e un organismo non vivente (un sasso) o tra le parti diverse della pianta, come la foglia, il boccio, il fiore. Il boccio, in particolare, e’ la parte piu’ vibrante ed e’ possibile, con un po’ di allenamento, porre i polpastrelli a pochi mm da esso e avvertire un formicolio come formato da molle elettriche. Anche i palmi delle mani sono ottimi registratori sensoriali.
Con un po’ di pazienza e’ possibile distinguere anche le radiazioni cromatiche diverse irradiate da fogli colorati (meglio se in carta patinata) e i polpastrelli possono associarle ai diversi colori.
Quando un raggio di luce cade su una superficie, una parte delle sue componenti frequenziali viene assorbita e una parte viene rimbalzata, costituendo cio’ che noi vediamo come colori. Un colore e’ un’onda di energia un movimento, e’ anche un calore, e puo’ essere percepito in modo tattile, dinamico e termico.
Ad occhi chiusi e con i polpastrelli a un mm dalla superficie colorata possiamo sentire le differenze tra un colore e l’altro o la forma della superficie (triangolo, quadrato ecc.) fino a leggere con le dita lettere stampatello abbastanza grandi.

Le energie comunicano tra loro
La Russia e’ sempre stata aperta a considerare le energie. Dal 1920 sono state studiate le interazioni tra sistemi viventi. Un esperimento di Gurwitch scopri’ che, collegando con dei rilevatori punte di cipolla ad una radice i processi di moltiplicazione si acceleravano. Si noto’ una radiazione elettromagnetica con una debole luce ultravioletta e un debole flusso di fotoni.
A Milano con un fotomoltiplicatore si sono orientati degli elettroni con un cristallo radioluminescente capace di tradurre in impulso luminoso parte dell’energia che una particella nucleare cede alle strutture atomiche del cristallo. Cosi’ si sono evidenziati gli impulsi dei singoli fotoni cercando di dimostrare il test di Gurwitsch. Si e’ scoperto che i semi germinanti di alcuni cereali o leguminose, a inizio germinazione, emettevano una debole luce giallo-rossa, che aumentava col crescere delle piantine; quando pero’ queste erano esposte al sole ed appariva il verde dovuto alla clorofilla, i biofotoni non erano piu’ osservabili.
Il test e’ stato fatto su diversi semi di cereali: frumento, mais, riso, e leguminose: fagioli, lenticchie, ceci, e sempre con emissione di fotoni verde-rossi. Con succhi di piante a luce era piu’ intensa, e, se si rimescolavano, apparivano fiotti di luce.
Tra o ricercatori che studiano i biofotoni, citiamo il gruppo di Fritz-Albert Popp .
E’ accertato che gli organismi viventi, e anche le piante, emettono i bioenergia sotto forma di radiazioni, prevalentemente dalle estremita’, con una componente termica, e una elettrico-magnetica.
L’essere vivente ha un proprio campo magnetico in grado di perturbare e di essere perturbato. Ogni variazione del campo, indotta dalla relazione tra i due soggetti, si traduce in una redistribuzione di energia. Se ci sono differenze d’energia si ha emissione di biofotoni. Questi passaggi spiegherebbero, forse, anche la pranoterapia.
Il bioterapeuta emette energia a un livello superiore al normale e si comporta con l’energia del paziente secondo la teoria dei vasi comunicanti a diverso livello di liquido, per cui esso passa dal recipiente in cui e’ piu’ alto a quello in cui e’ piu’ basso. Ma due vasi comunicanti devono essere vicini per operare il passaggio, nel mondo della fisica sottile, invece, questa vicinanza non e’ obbligatoria.

Bruno Severi, in un articolo che tratta dei paradossi della meccanica quantistica, dice:
Due particelle provenienti da una stessa sorgente e che si allontanano, rimangono unite da un misterioso legame al di la’ di ogni barriera spazio-temporale che si interponga. Se agiamo in qualche modo su una delle due, anche l’altra ne risentira’ istantaneamente, nonostante la distanza. Recenti esperimenti hanno confermato la veridicita’ di questo fenomeno. Questa sorta di azione a distanza ha sconvolto le menti dei fisici ed in primo luogo di Einstein. Che cosa sia questa misteriosa connessione che tiene legate le due particelle non ci e’ ancora dato di sapere. Einstein definiva questo fenomeno, per lui impossibile, “azione fantasma a distanza”. Alcuni fisici di spicco ritengono che alla base di questo bizzarro comportamento ci sia il fatto che due particelle, che si siano incontrate ad un certo momento della loro esistenza o che abbiano avuto origine dallo stesso processo fisico, non possano avere due destini assolutamente distinti. Formerebbero, in definitiva, un unico sistema che le tiene unite e le comprende, anche se vanno su due galassie diverse nell’universo. Il misterioso legame che le unisce rappresenterebbe una sorta di “connessione telepatica” che, per l’istantaneita’ con la quale si verifica, abbatterebbe la famosa barriera della velocita’ della luce sostenuta dalla teoria della Relativita’ di Albert Einstein. A prima vista, questo superamento della velocita’ della luce potrebbe sembrare un fatto interessante ma senza eccessive conseguenze. Dal punto di vista teorico, tuttavia, ha un’importanza enorme perche’, se cosi’ fosse, il futuro potrebbe influenzare il passato ed il principio di causa-effetto sarebbe completamente ribaltato.
Fenomeni, a livello quantistico, che sembrano dar forza a questo incredibile paradosso si stanno pian piano accumulando.
Facendo un poderoso balzo a ritroso nel tempo, mi viene da pensare che se la teoria del Big Bang e’ valida, questa strana caratteristica della non localita’ dovrebbe riguardare tutta la materia e tutte le particelle che si sono originate da questo evento primordiale. La teoria del Big Bang prevede che l’universo sia nato circa 15-20 miliardi di anni fa da un unico oggetto di dimensioni molto ridotte e nel quale era concentrata tutta la materia del futuro universo. Un’esplosione di dimensioni inimmaginabili avrebbe diffuso radialmente questo concentrato di materia che, ancor oggi, si sta propagando verso i confini piu’ remoti dell’universo. Allora, se pensiamo che tutta la materia, e cosi’ pure le particelle atomiche e subatomiche, hanno tutte avuto origine da un unico corpo nel momento del Big Bang, ne conseguirebbe che, sin da allora, ogni particella dell’universo possa avere acquisito questi rapporti non locali, questa sorta di “destino e di comportamenti in un certo modo condivisi” che abbiamo descritto sopra. In definitiva, nulla in natura potrebbe essere completamente isolato e sottili e misteriosi rapporti unirebbero tutto il creato al di la’ di ogni separazione sia nello spazio che nel tempo
. “

L’ipotesi di una comunanza cognitiva viene dalla fisica piu’ moderna e ne potremmo trarre la conclusione che noi siamo connessi a tutto cio’ che esiste e ne partecipiamo.
La radioestesia ci dice che possiamo verificare in pratica la possibilita’ di venire a sapere cose ignote o lontane o nascoste.
Sembra che lo strumento attivi una chiaroveggenza presente in tutti, come conoscenza diretta di cose lontane o invisibili, come se il nostro sistema nervoso fosse in contatto continuo con tutto l’esistente.
Ognuno di noi ha in teoria la possibilita’ di accedere alla conoscenza totale, in cui sarebbe immerso, come una cellula e’ immersa in tutto l’organismo che la contiene. Questa conoscenza simbiotica e’ inconscia, non arriva alla mente pensante. Ma il pendolo o il biotensor possono tradurre le informazioni a livello di consapevolezza. Per attuare questo passaggio, la mente deve restare vacua, vuota, senza predisporre delle risposte, perche’ altrimenti, riceverebbe solo quello che lei stessa pensa.
Occorre non avere idee precostituite e usare lo strumento in modo neutro e tranquillo, spersonalizzato, mai con agitazione e spinte emozionali o inducendo la risposta, quasi con noncuranza, con una forma di disattenzione che ponga la nostra mente in stato alfa, lo stato sognante
La radioestesia puo’ essere mentale (si fanno domande) o parafisica ma, se non si e’ capaci di addormentare la nostra mente cosciente, e’ meglio evitare la radioestesia mentale, perche’ potremmo cadere in autosuggestioni, o influenzare in modo arbitrario lo strumento. Solo se saremo impersonali, lo strumento ci aiutera’ a tirar fuori quello che sappiamo oltre il razionale.
La radioestesia dice che siamo campi di energia immersi in campi di energia piu’ ampi entro cui esistono interferenze. L’universo in fondo e’ solo pensiero che si pensa. E nessuna cosa e’ una parte separata, ma tutto e’ in un intero, una totalita’.
La coscienza razionale percepisce le cose come separate, l’inconscio conosce solo l’Unita’.
Quando usiamo il biotensor bene, uscendo da noi stessi, il nostro livello di energie sale. E cosi’ avviene mentre si prega, la nostra vibrazione diventa piu’ alta.
Quando invece uno e’ agitato da cattivi pensieri o sentimenti, se bestemmia in cuor suo o ha emozioni negative o pensa all’odio verso qualcuno, lo strumento taglia e puo’ addirittura fermarsi. Per cui e’ bene usare ogni strumento che abbiamo, interno o esterno, con animo buono e a fin di bene.
Naturalmente lo strumento non basta, occorre una ricettivita’ personale.
Leggere libri non basta, occorre molto esercizio. In italiano non ci sono buoni testi di radioestesia, i migliori sono in tedesco perche’ in Germania questa indagine e’ stata presa seriamente a differenza dell’Italia e lo stesso governo se n’e’ interessato, promuovendo ricerche interessanti. A Monaco nell’89 il Ministero della Ricerca e della Tecnologia coinvolse 18 docenti universitari di varie facolta’ per capire quanto la Radioestesia fosse scientifica. L’operatore era tenuto con occhi e orecchi tappati (il 50% delle nostre informazioni ci arrivano dagli occhi) e spostato su una pedana a rotelle per trovare vene d’acqua o faglie ecc.. Sono stati esaminati 500 radioestesisti, di cui solo il 10% fu ritenuto valido, la ricerca duro’ due anni. Molti risultati furono attribuiti al caso.

Hartmann e’ lo studioso di questo campo piu’ noto in Italia, un medico che ha limitato la sua ricerca alle zone geopatogene (vene d’acqua, rete di energie ecc.). In realta’ sembra ci siano anche frequenze d’onda di senso e provenienza ignoti, molte vengono dallo spazio, da altre galassie, di cui non sappiamo niente.

Anche Curry e’ molto noto, si fece aiutare da un sensitivo, non scrisse libri e fu un suo collega a riportare le sue conferenze. Fece una ricerca profonda nelle case dove erano morte persone di tumore, faceva spostare tutti i mobili e cercava le frequenze d’onda patogene. Faceva anche diagnosi, non era un medico ma era in grado di determinare il tipo di cancro in tempi in cui non esisteva TAC.

Schneider e’ un fisico tedesco che realizza l’antenna Lecher che serve a determinare le zone geopatogene ed e’ poi stata usata anche per fare diagnosi.
La vera antenna di Lecher ha un rettangolo graduato con due manici alla base in oro puro e sul rettangolo un filo d’argento (vedi http://www.alinet.it/andromeda/ComA82.pdf)
L’operatore puo’ fare ricerche con la sua antenna solo se e’ sano (lo dicono anche gli operatori del sistema VEGA o MORA), altrimenti nascono alcuni problemi. Anche per Hartmann non conta solo la presenza di una zona geopatogena, conta anche la persona dell’operatore, il suo carattere, la sua tipologia, la sua salute…
La percezione dipende da capacita’ individuali. Essere sensitivi aiuta molto. Ci sono persone piu’ ricettive e sensibili a cui lo strumento reagisce vivacemente, altri non lo fanno nemmeno muovere e hanno bisogno di piu’ tempo. Lo strumento non funziona allo stesso modo con tutti.

Il sensitivo americano Ted Serios impressionava una lastra fotografica a distanza, una volta produsse la foto di un feto nel grembo materno a 90 km di distanza dall’oggetto.

Uno degli studiosi piu’ noti e’ Lakhowsky, un fisico e biologo russo, che ha applicato molte sue invenzioni alle ferrovie francesi e ha scritto ‘Il segreto della vita’. Lavorava con un accademico di Francia e faceva test sulle piante, era capace di far cadere la parte tumorale della pianta, creava spirali protettive aperte, circuiti oscillanti, per le piante. Ha prodotto moltissime prove scientifiche sulle degenerazioni cellulari prodotte dall’irraggiamento geopatico. E i suoi circuiti oscillanti avevano il compito di ripristinare l’equilibrio cellulare perduto. Considerava la cellula come un circuito oscillante come un solenoide il cui avvolgimento erano i filamenti del DNA. In caso di salute cellule, tessuti e organi oscillerebbero in relazione armonica, in caso di malattia si provocherebbe uno squilibrio oscillatorio.

Ma anche senza strumenti complessi e con due semplici bacchette a elle si possono individuare facilmente in casa le zone geopatogene, confrontando il loro movimento su luoghi che sappiamo essere positivi per noi con altri che sappiamo essere negativi. Con facilita’ vediamo che le bacchette ad elle (meglio se non le tocchiamo e impugniamo dei cilindretti che contengono le aste corte) divergono nettamente in certi luoghi e si incrociano rapidamente su altri. Sta a noi decodificare il messaggio.
Le bacchette a elle dovrebbero essere di rame. Sono molto usate in Germania. Basta prendere dal ferramenta due bacchette di rame al cadmio con un lato di 15 cm e uno lungo a piacere (60 o 65), va bene qualsiasi misura. Piu’ le aste lunghe sono lunghe, piu’ sono sensibili. Se le avviciniamo a una persona con problemi, si incrociano subito. Se le passiamo sopra il corpo di un soggetto sdraiato si incrociano sopra i chakra principali.

Gli strumenti che si possono usare sono tanti, il biotensor francese ha ad un’estremita’ una pallina di lapislazzuli o quarzo ed e’ molto sensibile. Alcuni di questi strumenti sono molto costosi ma non per questo migliori.
Nei fatti lo strumento ha poca importanza, non ha alcun valore se e’ d’oro o di alluminio, o se usiamo un tappo di sughero in cui e’ infilato un filo di PVC con all’estremo una pallina di legno. Non vale la pena spendere soldi. Lo strumento di per se’ non serve a niente, il vero strumento siamo noi.

In radioestesia cerchiamo gli oggetti che sono compatibili o no con la nostra energia. Possiamo spiegare questa compatibilita’ con un esempio della fisica.
Col laser vediamo cosa accade quando due vibrazioni si sintonizzano o si dissociano, quello che avviene puo’ avere una potenza incredibile. La bomba atomica, la forza nucleare stanno su questo piano. Una potenza enorme puo’ originarsi quando forze sottili sottostanti alla materia confliggono o si armonizzano.
Le energie possono essere in sintonia o in dissintonia.
Prendiamo un esempio dall’ottica, l’esperimento di Young.
Una fonte luminosa manda luce su un cartoncino, in cui ci sono due fori. La luce passa dai fori e arriva a un secondo cartoncino formando due cerchi luminosi. Se chiudo con la mano un foro, ho un cerchio; se chiudo l’altro, ho un altro cerchio. Se li lascio aperti entrambi ho due cerchi che si sovrappongono in parte. Ma la zona di sovrapposizione e’ a righe, una riga di luce, una riga scura. Perche’? La luce e’ formata da fotoni, informazioni luminose che si muovono in modo ondulatorio. Ognuna ha la sua ondulazione; se 2 onde sono in fase, producono piu’ luce della loro somma, aumentano la loro informazione luminosa e ho una riga luminosa. Se non sono in fase, il risultato e’ la differenza delle loro intensita’ e puo’ arrivare a zero e ho una riga nera.
Cosi’ viene fuori un insieme di righe nere o luminose.

Vedi l’esperimento con un raggio laser.

www.mi.infn.it/~phys2000/schroedinger/two-slit2.html

Per le onde mentali e’ lo stesso. Anche noi emaniamo fotoni mentali, cioe’ informazioni e quello che esce dalla mia mente interagisce con quello che esce dalla tua, puo’ potenziarla o disturbarla. Menti diverse possano incentivarsi (se sono in fase) o annullarsi (se sono in controfase). Lo stesso accade quando la nostra energia incontra quella di un oggetto.
La metafora elettrica mi permette di capire cosa accade quando abbiamo l’inferenza tra due diversi campi.
Cos’e’ il campo? Quando tiro un sasso nell’acqua, il campo e’ l’ampiezza di stagno in cui si ripercuotono le vibrazioni dell’impatto, anelli concentrici.
Se passa corrente in un cavo, il campo e’ la parte dello spazio in cui si attivano delle forze magnetiche attorno a quel cavo. Il campo e’ l’ampiezza di risonanza dell’informazione. Quando penso o vivo, io creo un campo di forze con cui perturbo in bene o in male altri campi di forze o sono perturbati da essi.
Se uso la metafora elettrica, devo tener conto anche della qualita’ delle perturbazioni. Se voglio trasmettere corrente, devo avere due poli a segno contrario, un piu’ e un meno. La corrente elettrica e’ un flusso di elettroni che va dal polo positivo a quello negativo. Se ho due poli positivi le linee di forza divergono.
Allo stesso modo ci sono energie mentali che si incontrano e incentivano e altre che divergono e si distruggono reciprocamente. Ecco perche’ ci sono persone che non sopportiamo a livello energetico.
Deie onde si attraggono quando sono complementari. Cariche uguali danno opposizione, cariche diverse danno attrazione, come in un magnete.
Nel rapporto sociale accade cosi’ che, prima ancora di conoscere qualcuno, per il solo fatto che il suo campo di energia contatta il nostro, possiamo avvertire subito se le nostre energie si potenziano o si scontrano.

Torniamo alla rabdomanzia, che si muove su un terreno piu’ attendibile: la ricerca dell’acqua o di minerali non visibili. Il rabdomante cammina in una zona prefissata impugnando i due bracci brevi di un ramo a Y, di nocciolo o legno simile. Quando arriva sul punto cercato la pinta del ramo si alza o si abbassa o si storce. La stessa cosa puo’ essere fatta con un biotensor che si muovera’ verticalmente o con un pendolino che girera’ con ampiezza verso destra. Si puo’ cercare una determinata cosa (acqua, minerali, persone…) anche su una mappa.
Negli anni 87-88, in Germania, piu’ di 500 rabdomanti parteciparono a 10.000 test in doppio cieco presso Monaco di Baviera per confermare la validita’ della rabdomanzia. Ma altri conclusero che i risultati rientravano nella percentuale del caso. Gli scettici non mancheranno mai.
In Germania il Governo ha sponsorizzato molte ricerche, per esempio su rabdomanti che cercavano l’acqua. Ma non e’ mai stato dimostrato se la percentuale di successi fosse casuale o maggiore.

Uri Geller e’ uno di questi rabdomanti, che e’ diventato ricchissimo proprio grazie alla sua abilita’ di fare ritrovamenti per grandi societa’ minerarie.
Si tratta di un personaggio molto controverso, che forse e’ un ciarlatano forse no. Molti hanno cercato di smascherarlo ma molti ne sono stati anche conquistati.
Geller e’ un sensitivo israeliano che divenne famoso negli anni ’70, conseguendo una grande ricchezza, e che ora vive in Inghilterra.
Egli racconta di se’ che a 4 anni scopri’ di poter piegare le posate di metallo con la forza del pensiero. In seguito, divenne famoso per i suoi spettacoli mirabolanti. Presentato in tv, sembra che attivasse poteri analoghi in alcuni spettatori che furono anche loro in grado di piegare chiavi o cucchiaini. Addirittura una signora lo cito’ in giudizio per una gravidanza indesiderata, perche’ un suo esercizio avrebbe deformato la sua spirale. A un certo punto venne dichiarato un imbroglione e un illusionista ma resta il fatto che e’ stato consulente per i giocatori della Premier League (la serie A britannica), per industriali, manager e piloti di Formula Uno. Ha pubblicato articoli per quotidiani e riviste di tutto il mondo. E’ vice-presidente onorario del Royal Hospital for Children a Bristol e del Royal Berkshire Hospital di Londra. Dicono che anche la CIA e l’FBI abbiano chiesto la sua collaborazione e che societa’ minerarie abbiano trovato, grazie a lui, filoni di metalli pregiati. Sicuramente e’ diventato uno degli uomini piu’ ricchi del mondo (con un suo aereo personale ecc.) e se fosse stato solo un illusionista il mondo non lo avrebbe pagato tanto. Ma non si puo’ dire nulla con sicurezza.

Malgrado tanti riscontri pratici obiettivi, in Italia la radioestesia non e’ mai stata ufficializzata, non e’ materia universitaria e viene considerata una sciocchezza esoterica, come del resto l’omeopatia, che invece ha avuto riconoscimenti ufficiali in altri paesi europei, mentre da noi e’ stata respinta dalla commissione di bioetica.
In Germania la si insegna nelle Universita’ e ci sono corsi speciali, aperti a tutti, per diventare radioestesisti e trovare l’acqua. Per esempio gli allievi si esercitano a cercarla in un terreno mentre scorre in un tracciato di tubi sotterranei che essi non conoscono, o imparano a sintonizzarsi su minerali nascosti.

In Francia l’Accademia delle scienze ha cominciato a occuparsi della radioestesia piu’ di 150 anni fa, e, dopo molte prove e controlli, l’ha riconosciuta formalmente come un metodo pratico per cercare acqua o metalli. Ma la radioestesia puo’ essere utilizzata per cercare qualunque cosa, minerali, idrocarburi, falde d’acqua, resti archeologici e perfino persone. E proprio in questo senso e’ stata utilizzata soprattutto nel secondo dopoguerra per ritrovare soldati scomparsi.

In Russia la radioestesia e’ stata studiata a scopi militari, come del resto altre branche della parapsicologia.

Negli ultimi anni anche in Italia, hanno cominciato a diffondersi nuovi saperi al di fuori dei sistemi ufficiali, e ci si e’ anche avvicinati Fung Shei, che vuol dire “acqua e vento” o “arte del paesaggio”, che in Cina, domina incontrastato. L’antica arte geomantica in Cina gode di grande approvazione e contiene molti elementi di radioestesia.
Questi saperi alternativi alle discipline ufficiali hanno dato luogo a commistioni tecniche come la biogeologia o la bioarchitettura che si stanno diffondendo per una maggiore salute della vita e degli ambienti.
La biogeologia studia i campi elettromagnetici terrestri (vedi Hartmann) e i loro effetti su animali e persone. La bioarchitettura e’ la costruzione di edifici sani e in armonia con l’ambiente.
Al posto della bacchetta del rabdomante, possiamo usare dispositivi di rilevazione (geiger, rivelatori di dispersioni elettriche, voltmetri ecc.). Un generatore di onde a bassa frequenza ha una manopola che va da zero a 99, e un’altra che scandisce i LIVELLI; i quali sono come le ottave in musica. L’energia viene misurata in Hetz. Da uno a un milione di Hertz, poi passiamo ai Mega o ai Giga sono ancora piu’ alti, li troviamo in alcuni strumenti in dotazione all’esercito o in certe universita’.
In radioestesia si possono anche usare i magneti: due placchette magnetizzate con un lato bianco e uno nero, detectori tattili. Il bianco della piastrina viene detto minus (polo negativo), il nero maius (polo positivo).
La magnetoterapia e’ una disciplina che usa appunto questo tipo di strumenti. La carica magnetica del corpo umano e’ di 2500 Gauss.

Oggi possiamo chiamare uno specialista in casa, un bioarchitetto, per es., e farci testare la camera da letto, il locale dove lavoriamo o farci individuare le zone geopatogene. Possiamo anche farci costruire una casa biocompatibile, studiando la posizione ottimale, l’orientamento, i materiali, le forme ecc. che piu’ corrispondono alla nostra salute e alle caratteristiche del luogo.
Il bioarchitetto o il biogeologo usano strumentazioni costose ma anche antenne semplici come il biotensor, e ovviamente integrano con le conoscenze tecnico-scientifiche dei materiali e dei luoghi.
Ci sono anche medici alternativi che integrano le diagnosi normali con valutazioni energetiche e che usano biotensor o altri strumenti finalizzati all’energia.

Ogni oggetto emette radiazioni.
Se entriamo in contatto con queste radiazioni, possiamo gradirle oppure no.
Ci sono radiazioni benefiche e altre nocive. Se restiamo a lungo a contatto con radiazioni nocive riceviamo una perturbazione nell’organizzazione delle nostre cellule, che possono perdere i comandi originari, dando luogo a patologie sia fisiche che psichiche. Se l’incidenza delle perturbazioni e’ molto alta si puo’ arrivare a malattie degenerative delle cellule, cancro o leucemia, e anche alla morte.

Uno degli scopi della radioestesia e’ individuare cio’ che ci fa male. Per cui in gran parte essa analizza cio’ che riguarda la nostra salute e il nostro benessere. La reazione che possiamo avere con un oggetto va dalla tolleranza, alla leggera incompatibilita’ alla intolleranza forte, fino all’allergia grave, la patologia o la morte.
Questo puo’ riguardare praticamente tutto cio’ con cui possiamo venire a contatto.
Con la radioestesia si puo’ testare di tutto, il cibo, le medicine, il latte, l’acqua… ogni oggetto che indossiamo, i profumi, i gioielli, le foto, gli arredi, i colori, le forme, i luoghi, le persone…
..
Le altre lezioni sono state pubblicate
Lezione 1 in Masada 660
Lezione 2 in Masada 665
Lezione 3 in Masada 679

http://www.masadaweb.org

5 commenti »

  1. In riferimento all’articolo di Viviana Vivarelli dove parla anche di Gustavo Rol (URL: https://masadaweb.org/2008/04/21/masada-n-683-21-4-2008-radioestesia-lezione-4/), vorrei segnalare che l’autrice è incorsa in un errore abbastanza importante, dal momento che nel citare la “legge” scoperta da Rol parla di «nota “fa”» e «quarta musicale», mentre non si tratta né dell’una né dell’altra, ma della QUINTA MUSICALE, ovvero di un accordo di due note come ad esempio DO-SOL. Sarebbe quindi auspicabile una rettifica. Cordiali saluti. Franco Rol

    Commento di MasadaAdmin — maggio 22, 2008 @ 11:51 am | Rispondi

  2. io quando leggo un qualcosa di rol, la mia pelle si informicola su tutto il mio corpo e come qualcosa mi entra dentro di me, e pure succede solo quando leggo un qualcosa di rol, e una cosa che non riesco a capire . un giorno ero in libreria a fare un giro, io non conoscevo niente di rol, quel giorno ero come guidato ,verso un suo libro eppure io ero andato solo x fare un giro. michele 18/06/ 2008

    Commento di michele — giugno 18, 2008 @ 12:20 pm | Rispondi

  3. Ma sì, Michele, i segni ci guidano e i legami tra viventi e non viventi sono
    molto di più di quanto immaginiamo.
    Viviamo in un universo solo apparentemente visibile, ma la sostanza di
    quanto accade sta oltre la visibilità.
    In ognuno di noi è inscritto un disegno. Possiamo realizzarlo oppure no.
    Spesso non sappiamo nemmeno quale disegno sia, ma quando inconsciamente
    siamo “chiamati” da qualcuno o da qualcosa, può esserci un significato in
    questo che deve essere esplicato.
    Spero che Rol faccia parte del tuo disegno, che è un cammino nel cuore
    dell’energia
    auguri di cuore

    viviana

    Commento di MasadaAdmin — giugno 18, 2008 @ 1:25 pm | Rispondi

  4. Sig. Masada, ho letto qui su questa pagina….. ( La luce e’ formata da fotoni, informazioni luminose che si muovono in modo ondulatorio. Ognuna ha la sua ondulazione; se 2 onde sono in fase, producono piu’ luce della loro somma, aumentano la loro informazione luminosa e ho una riga luminosa. Se non sono in fase, il risultato e’ la differenza delle loro intensita’ e puo’ arrivare a zero e ho una riga nera.
    Cosi’ viene fuori un insieme di righe nere o luminose )
    Vorrei chiederle se esiste uno strumento per allineare le onde luminose o che cosa si può fare per metterle in fase con altre. C’è un metodo, da qualche anno seguo con forte interesse l’energia, stò leggendo di Rol ed ho anche letto di Ighina, e alcuni aspetti e conoscenze dei due si intersecano, anche Ighina ha detto che aveva scoperto come la trasmissione del pensiero era per lui possibile, e stava molto attento a non pensar male di alcuno, perchè gli sarebbe subito arrivato.
    Ho avuto delle esperienze personali in una gara di motociclismo su pista, dove dopo 3 giri dalla partenza sono caduto in trance, non ricordo assolutamente nulla, escluso il rinvenire a tre giri dalla fine e nel passare sotto il tabellone del traguardo mi chiedevo; quanti giri mancano…. tutto ciò per ben due gare.
    Il Meccanico mi diede conferma, si è arrabbiato perchè non avevo mai guardato durante il passaggio davanti ai box la tabella che lui mi esponeva e poi guardando i tempi sul giro ne avevo un’ulteriore confema,
    i tempi erano perfetti, un giro dopo l’altro la differenza era solo di un decimo di secondo.
    Ho abbassato il tempo sul giro di un solo decimo alla volta e così per 16 giri… troppo perfetto… incredibile cosa possiamo fare, ancora oggi dopo 35 anni non sono riuscito a capire dove sono andato, dove ero.

    Commento di Fabio — ottobre 6, 2012 @ 2:53 pm | Rispondi

  5. Prova a leggere questo:
    http://web.inge.unige.it/DidRes/Fisica/Polar.pdf

    Commento di MasadaAdmin — ottobre 6, 2012 @ 3:26 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: