Nuovo Masada

settembre 30, 2014

MASADA n° 1576 30-9-2014 ROMANZO – UNA SECONDA POSSIBILITA’ -CAPITOLO 19

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 9:31 am

Viviana Vivarelli

Nostalgia dell’amore perduto – Guarire a distanza – Si può trovare lavoro con una progressione? – Vedere l’aura – Funghi allucinogeni – La ciclosporina e gli gnomi – Silenzio e meditazione – Percepire l’energia in forma allucinatoria – Sentire l’energia con le mani – Leggere i colori con i polpastrelli – Il guscio aurico – Le energia vampiriche

Batte l’orologio e si spengono le luci. Il sonno scende come rugiada sulle ciglia del cadetto navale Gioachino Orla. Dormendo, è entrato nella battaglia navale e una campana l’ha chiamato sulla torretta di comando. Ma tutto è buio, non c’è ammiraglio che dà ordini...”

Si solleva la nebbia e sulla nebbia passa il richiamo degli uccelli. La linfa sale per i tronchi, la rugiada scende dalle stelle. Sta scritto: “Il destino viene gettato in grembo, ma cade come vuole il Signore”. Tommaso rigirava lentamente il bicchiere fra le dita…
L’Angelo mi ha guardato e non esige da me che una vita semplice. Il mio compito di prima non l’ho adempiuto bene. Ma questo saprò assolverlo. Voglio arrivare alla serenità del cuore.

Ernst Wiechert

L’angelo disse: “Devi dare l’entusiasmo!”
E tutto quello che mi si chiedeva era una vita semplice e la serenità del cuore.

Viviana

In questi mesi in cui ho preso a scrivere queste pagine autobiografiche, sono nell’ultima parte della mia vita e anche nella riconfigurazione di questa dopo la morte di mio marito, che si pone come profondo discrimine tra la mia vita di un tempo in cui per 57 anni sono stata vicina allo stesso uomo e gli sono stata materialmente fedele e la rinascita di adesso, ma sono anche in un inizio nuovo e incerto, che vede la perdita dei miei poteri di sensitiva, durati 29 anni, e un tempo nuovo in cui sperimento cose a cui non ho mai pensato: la guarigione a distanza e le regressioni a vite precedenti.
Su mio marito, potrei ripetere le parole di Nazim Hikmet: “ Il più bello dei mari è quello che non navigammo./Il più bello dei nostri figli/non è ancora cresciuto./ I più belli dei nostri giorni/ non li abbiamo ancora vissuti./ E quello che vorrei dirti di più bello/non te l’ho ancora detto”.
(more…)

settembre 28, 2014

MASADA n° 1575 28-9-2014 ATTACCO ALL’ARTICOLO 18

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 4:40 pm

Il nemico allo specchio, di Ferruccio de Bortoli – Il padre di Renzi indagato per bancarotta fraudolenta – La legge con cui Renzino si è liberato dalle pendenze giudiziarie – Il referendum per l’indipendenza della Scozia – Multa alla Banca d’America per l’abuso dei subprime – Il terrorismo “utile” agli USA – Italia in guerra: 100 milioni al giorno in armi, Alex Zanotelli – Italia: un tragico bilancio

Il metodo più efficace per prendere il controllo dei popoli e dominarli del tutto
è quello di sottrarre un pezzettino della loro libertà ogni volta, così da
erodere i diritti attraverso migliaia di piccole e quasi impercettibili
riduzioni. In questo modo, la gente non si accorgerà che diritti e libertà sono
stati rimossi fino a quando sarà oltrepassato il punto in cui tali cambiamenti
non possono essere invertiti
.” (Adolf Hitler, Mein Kampf)
.
Adam Smith (1700): “Tutte le volte che il legislatore tenta di regolare le differenze fra gli imprenditori e i loro operai, i suoi consiglieri sono sempre gli imprenditori»”.
.
Viviana Vivarelli:
“Chi attacca l’articolo 18 dicendo che ormai non tutela più nulla e quindi è un ammenicolo inutile è irritante e scandaloso come chi, dopo che ogni bene e valore di un Paese fosse distrutto, attaccasse la sua bandiera dicendo che ‘ormai’ non significa più nulla.
Chi difende l’articolo 18 difende un simbolo che non si riduce al mero ripristino al lavoro di chi viene arbitrariamente licenziato, ma intende riportare in alto i valori e la difesa dei lavoratori come la pietra base su cui si fonda una vera democrazia, perché se finiamo col togliere al lavoro ogni valore e ogni diritto e dopo aver eliminato l’articolo 18 eliminiamo anche l’articolo 1 che sul lavoro fonda l’intera costituzione, non resta che la difesa del profitto e quella è così arida e sordida che non può che riportarci in un nuovo medioevo parificandoci a quei Paesi che sono solo preda dei potenti come avviene nel terzo mondo.
(more…)

settembre 21, 2014

MASADA n° 1574 21-9-2014 ROMANZO- UNA SECONDA POSSIBILITA’- CAPITOLO 18

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 7:21 am

MASADA n° 1574 21-9-2014 ROMANZO- UNA SECONDA POSSIBILITA’- CAPITOLO 18

Viviana Vivarelli

CAPITOLO 18

Regressioni e progressioni: tornare nel passato, vedere il futuro – John William Dunne e i sogni premonitori – I livelli della coscienza e i livelli del tempo – Le immagini ipnagogiche

Ci è stato dato il tempo e lo spazio
come cosa di cui godere
il tempo gioioso, quello triste
il tempo pieno e quello vuoto
Ogni cosa da provare
ogni cosa da assaporare
Non dobbiamo disprezzare ogni tempo
o credere al tempo della noia
o rifiutare quello del dolore
Ci saranno dimensioni in cui il tempo non esiste
dove la vita appare diversamente
e non avremo nostalgia di questa.

Noi siamo su questa Terra
non per godere o soffrire
ma per sperimentare.

Il saggio è colui che riesce a ricostruire la sua vita
alla luce di un disegno globale
in cui gli furono offerte delle occasioni
presentate delle difficoltà
ma tutto ebbe un fine
e un compito
che lo univa
all’Universo.

.
Tutto è sempre ora
Eliot
(more…)

settembre 17, 2014

MASADA n° 1573 13-9-2014 ITALIA DESTRIMANE

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 4:00 pm

Un ragazzo ucciso da un poliziotto – Roberto Saviano contro Renzi- Addio Province? Tranquilli, è la solita bufala di Renzi – Cannabis terapeutica – Renzi mette uno dei suoi a capo del CSM – Le mani sulla magistratura – Orfani bianchi, il costo drammatico delle badanti dell’est– I Mormoni a Roma- Minoranze religiose in Italia

Armando di Napoli

Nei tuoi occhi abbandonati
esplode la tempesta ricamata di follia
rinnegando la bella miseria nella soave esaltazione
attimi di tradimenti nel contrabbando d’illusioni in affitto
ancora il mondo sprofonda nella mortificazione perversa
mercificazione immemore che striscia silenziosa
sulla pelle dell’anima del destino…
.

Con decreto governativo l’onestà sarà presto un reato punibile con la prigione. Si avvera così la profezia di Collodi raccontato nel capitolo 19 di Pinocchio che denunzia al tribunale di essere stato derubato delle sue monete d’oro e per questo condannato a quattro mesi di carcere.
“Allora il giudice, indicando Pinocchio ai gendarmi, disse loro: “Quel povero diavolo è stato derubato di quattro monete d’oro: pigliatelo dunque e mettetelo subito in prigione”
. (Questo accade nel paese degli Acchiappacitrulli, il perfetto paese renziano. Padroni arroganti e impazienti non accettano più una legge uguale per tutti, la legge se la fabbricano ad personam coi loro parlamenti di yes-men).
.
Gozer
Sinistra?
Questi ormai sono diventati “destrogiri”…
(more…)

settembre 16, 2014

MASADA n° 1572 . 16-9-2914 ROMANZO – UNA SECONDA POSSIBILITA’ -CAPITOLO 17

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 7:38 pm

Viviana Vivarelli

La memoria delle cose: la psicometria – Psicometria ambientale – I cadaveri del Teatro Gorki – I prigionieri di Parco Talon – I rastrellati delle Caserme Rosse – Il deja vu – Memorie di vite precedenti

Il punto non è parlare dello spirito e neppure credere in esso, ma consentirgli oggi di operare in tutta la vita materiale, di riconoscere che la materia non può esistere mai senza lo spirito.”
R. Steiner

La realtà è una, non esistono materia e spirito. La realtà è una e si esprime in molte forme: in un livello come materiale, in un altro come spirituale.”
Osho

Ieri sera ho rivisto un film molto piacevole, “Le parole che non ti ho detto”, che parla di un grande amore che prosegue dopo la morte. L’attore principale è Kevin Kostner e mio marito gli somigliava moltissimo, per cui ho pensato per tutto il tempo a lui, con nostalgia e rimpianto. E di lui avevo parlato alla mia visitatrice del pomeriggio, chiedendogli anche, come ho preso ormai l’abitudine di fare, una frase per lei. In genere queste frasi che sento nella mia mente sono brevi. Per lei era molto semplice, quasi banale: “Devi cambiare, ma ci sono molte speranze che tu lo faccia”. Non una gran cosa, ma era adatta alla sua situazione.
Per tutta la durata del film, dunque, ho pensato intensamente a mio marito e mi sono dispiaciuta di non aver parlato abbastanza di lui in questo libro, dal momento che ha avuto una importanza così grande nella mia vita, al punto che credo che continui a proteggermi ed aiutarmi anche adesso.
Sul palmo della mia mano la mia vita a un certo punto diventa doppia, come se si svolgesse su un doppio binario e, in qualche misura è stato così.
(more…)

settembre 10, 2014

MASADA n° 1571 11-9-2014 ITALIA IN COLLASSO

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 5:38 pm

Deflazione – Blocco agli stipendi- Protesta dei poliziotti – Mini-job e salario minimo – Renzi contabilizza nel Pil anche droga e prostituzione – Sanzioni alla Russia e stop all’export italiano – Favole e balle – Sovranità democratica e cognitiva – Ma sapete voi cosa vuol dire veramente globalizzazione? – Crisi liberista in Francia – L’ipocrisia nella questione ucraina – Repubblica e Corriere megafoni delle sparate di Renzi

Blog di Viviana Vivarelli

«In capo a tutti c’è Dio, padrone del cielo. Questo ognuno lo sa. Poi viene il principe Torlonia, padrone della terra. Poi vengono le guardie del principe. Poi vengono i cani delle guardie del principe. Poi, nulla. Poi, ancora nulla. Poi, ancora nulla. Poi vengono i cafoni. E si può dire ch’è finito.» (Fontamara – Secondo Tranquilli)
.
Sara Ahmed, The Cultural Politics of Emotion
La solidarietà non presuppone che le nostre battaglie siano le stesse battaglie, o che le nostre sofferenze siano le stesse sofferenze, o che le nostre speranze siano rivolte verso lo stesso futuro. La solidarietà comporta impegno e lavoro, così come la consapevolezza che, anche se non viviamo le stesse sensazioni, o le stesse vite, o nelle stesse membra, non possiamo che vivere se non su basi comuni.”
.
Alvaro di Moliere
Non si fa in tempo a commentare un articolo che già Ronzinante, il somaro del cavaliere, se ne esce con un altro annuncio. E’ di poco fa: “Subito dopo la visita a Sua Santità, riformeremo la sanità. Prima di Natale torneremo al proporzionale, ma solo perché fa rima con Natale. Per rassicurare i mercati ci occuperemo degli esodati. Riformeremo i cattolici, gli alcolici, i machiavellici, i mefistofelici, i sonnambuli, i funambolici, i salicilici, i parabolici e pure i simbolici.
Intanto, le prime sirene della croce verde annunciano l’arrivo dei barellieri sotto la residenza del pdc. Guerini, il portannunci cerca di riportarlo alla ragione:
“Presidente, i vicini devono aver chiamato le autolettighe! Vogliamo prendere qualche goccetta di Nervoben?”
“Ma quali gocce! Silenzio! Riformeremo gli ospedali, gli annali e pure Bali. Si apriranno nuove prospettive per gli statali, per i laterali e per i pedali. E poi…e poi…”
“Presidente. Ci sarebbe la caposala al telefono”.
“Riformeremo le caposala e pure le multisala…e poi…e poi…”
..ma dove va l’Italia?.. e poi…e poi
(more…)

settembre 9, 2014

MASADA n° 1570 9-9-2014 ROMANZO- UNA SECONDA POSSIBILITA’ – CAPITOLO 16

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 5:35 pm

Viviana Vivarelli

Rituali – Sogni di premonizione – Telepatia – Ciò che è in alto si lega a ciò che in basso – Sogni lucidi – Le coppie kahrmiche – La vacuità

Devi evolvere verso livelli diversi di vacuità mediante lo svuotamento della mente dai contenuti propri dei livelli progressivamente superati. Al più alto livello di vacuità basato sulla meditazione di calma, il Buddha osserva che ciò che rimane è costituito dalla non-vacuità dei sei campi sensoriali che, condizionati dalla vita, sono basati sul corpo stesso“.

Là, nell’acqua stellata dei sogni, vivono gli ultimi regni, passano gli ultimi arcangeli. Il resto non è che noia ed ombre”.

Anna Maria Ortese

Ho fatto fare una regressione a Cristina. La mia amica Cristina è una persona strana e a volte inquietante e anche la sua regressione è stata insolita. Si è vista come ‘una statua’, in una foresta, una statua che stava in una nicchia, e quando le ho detto di guardarsi i piedi ha visto piedi simili a quelli dei monumenti orientali, con le dita lunghe uguali come nella statue buddiste, una statua con le mani appoggiate sul petto, che non parlava, non si muoveva, non faceva nulla, solo contemplava la foresta. Alberi leggeri stavano intorno all’uomo-statua, la natura cambiava, veniva la pioggia, il sole, veniva la neve… ma l’uomo-statua non cambiava l’immobile calma e il vuoto dei suoi pensieri. Era in questo mondo, ma era come se non vivesse più in questo mondo. Nella foresta venivano a volte passanti, turisti che lo riprendevano con le loro macchine fotografiche. Non era uomo né donna, non aveva un nome, una storia, non aveva più un corpo, semplicemente stava. Ho chiesto una frase in cui potesse riassumere la sua vita, il suo compito. Ha bisbigliato che non c’era nessuna differenza tra lui e gli altri, semplicemente gli altri non avevano coscienza di ciò che erano.
(more…)

settembre 5, 2014

MASADA n° 1569 ROMANZO- UNA SECONDA POSSIBILITA’ – CAPITOLO 15

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 10:00 am

Viviana Vivarelli

Una antologia di fatti paranormali – Il sogno premonitore – Un profumo dall’al di là – Il cane nero – La Bologna delle acque – Santa Caterina de Vigris – Bene e Male camminano vicini

Tu sei una stregona naturale”, mi disse Jimmy Jonatahn.

La chiaroveggenza è sopita nell’animo di ognuno
Sinesio vescovo di Cirene

E questo solo c’è dato saper del Destino
Che la vita nostra è una Coppa, e Qualcuno la beve.

Omar Khâyyam

Al pranzo di ieri ho scoperto qualcosa che mi ha molto meravigliato: il signore di 88 anni di cui Enrico mi ha dato la foto per curarlo a distanza, che aveva segni di demenza senile, una costola incrinata, un’anca dolorante e camminava col bastone, e che dopo un mese è meravigliosamente guarito, nulla sapeva di quello che facevo, per cui è escluso quell’effetto placebo su cui contavo molto. Questo è interessante e rende ancora più strana la sua guarigione. Comunque, due guarigioni sono troppo poche per essere qualcosa di serio. Questo doppio incredibile miglioramento dello stato di salute nel corso di una guarigione a distanza può attribuirsi al caso ed essere una coincidenza, per cui ora io aspetto altre foto e altri casi per esplorare questa possibilità ignota, che ancora mi sembra molto bizzarra.
(more…)

settembre 3, 2014

MASADA n° 1568 3-9-2014 TRAVAGLIANDO

Filed under: Masada — MasadaAdmin @ 5:21 pm

Continuano le balle di Renzi – Marco Travaglio: Cosa loro; Renzi con-gelato; Travaglio smonta Renzi; Sturmtruppen; La schiforma psichiatrica; Ma mi faccia il piacere; Sotto il secchio niente; Armiamoli e partite; Alla fiera dell’est – Islam – Fallito il piano sbloccaitalia di Renzi per mancanza di fondi – Intercettazioni – Grave responsabilità della Bce per la deflazione – Autunno caldo- Truffa delle armi ai Curdi – Islam

Riforma? È lo strapotere assoluto della maggioranza” (Silvia Truzzi).
.
Incongruenze Bce: Draghi offre un patto per lo sviluppo, sì agli investimenti ma la spesa va tagliata. E con che li facciamo gli investimenti? Con l’aria fresca?
.
Non vi può essere vera democrazia a meno che i cittadini di un Paese comprendano che essi sono i sovrani e i protagonisti principali,agendo di conseguenza con saggezza e responsabilità .La democrazia non adempirà la sua missione a meno che gli individui si alzino con maggiore informazione e coinvolgimento e,uniti,lottino in favore della giustizia controllando le attività dei potenti.
(D. Ikeda)
(more…)

settembre 2, 2014

MASADA n° 1567 2-9-2014 ROMANZO- UNA SECONDA POSSIBILITA’ -CAPITOLO 14

Filed under: Uncategorized — MasadaAdmin @ 5:43 pm

Viviana Vivarelli

Entrare in pensione – L’arte dell’ospitalità – La meraviglia del cucinare – Metti la passione in ogni cosa che fai e supera te stesso a la vita diventerà meravigliosa

In realtà nessun essere umano indifferente al cibo è degno di fiducia.“

Manuel Vázquez …

Le stelle sono venute più vicine.

Forse verranno più vicine ogni sera.”

Dopo vari anni, praticamente dall’inizio della malattia di mio marito, ho potuto fare di nuovo un pranzo con gli amici ed è il primo che faccio da quando sono rimasta sola.

E’ stata una grande gioia, come riprendere la vita normale. Mio marito era solito fare dei pranzi meravigliosi ed era lui il cuoco della portate principali, a cui dedicava gran tempo e una cura infinita sia nella ricerca delle materie prime migliori. (“Un buon piatto – diceva- nasce già nella cura di quello che compri per farlo”. I suoi pranzi erano magnifici, sia per la cottura e presentazione. Io curavo solo i particolari secondari, i contorni, la tavola, la sala, ma era lui l’artefice e l’incantatore.

Mio marito era un iperattivo e, ora che è vicino a me solo in spirito, me lo ha detto chiaramente: “Io mi sono ammalato di eccesso”. Aveva lavorato tutta la vita in IBM come dirigente alle vendite, grosse vendite, per miliardi, che hanno procurato forti guadagni all’Ibm, tanto da farle ignorare che lui non riusciva a imparare una parola di inglese, e quel lavoro, che lo portava sempre lontano in giro per il mondo, lo aveva assorbito con una totalità assoluta, quasi inaccettabile per una moglie e una figlia che lo vedevano solo nei fine settimana e sistematicamente sfinito e nevrotico. Ma nel suo campo era diventato uno dei cinque migliori d’Italia, era stato riempito di premi, molto apprezzato e molto amato e questo lo riempiva di soddisfazione.

(more…)

Pagina successiva »

The Rubric Theme. Blog su WordPress.com.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 161 follower